10 notevoli conquistatori spagnoli nel corso della storia

Invadendo e colonizzando il Nuovo Mondo, la Spagna ha costruito un impero. Ha accumulato una grande fortuna sui beni rubati agli indigeni ed è cresciuto fino a essere visto come una formidabile potenza globale in quanto ha ucciso e ridotto in schiavitù coloro che già abitavano la terra che desiderava. Coloro che si proponevano di colonizzare il Nuovo Mondo per la Spagna erano conosciuti come conquistadores. Scopri di più su dieci dei più famigerati conquistadores di seguito.

01 di 10

Hernan Cortes, conquistatore dell’Impero azteco

Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Nel 1519, Hernán Cortés partì da Cuba con 600 uomini in una spedizione verso la terraferma nell’attuale Messico. Presto entrò in contatto con il potente impero azteco, che ospita milioni di cittadini e migliaia di guerrieri. Per ottenere un vantaggio sugli ignari aztechi e raccogliere più combattenti per il suo esercito, Cortés sfruttò le faide tradizionali e le rivalità tra i gruppi che componevano l’impero. La violenta lotta che ne seguì diventa nota come la guerra ispano-azteca. Migliaia di spagnoli sciamarono nel Nuovo Mondo dopo la fine della guerra, l’Impero azteco distrutto.

02 di 10

Francisco Pizarro, signore del Perù

 Amable-Paul Coutan / Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Francisco Pizarro prese una pagina dal libro di Cortes, catturando Atahualpa, Imperatore dell’Inca, nel 1532. Atahualpa accettò un riscatto e presto tutto l’oro e l’argento del potente Impero furono dati a Pizarro. Sfidando le fazioni Inca esistenti mettendole l’una contro l’altra, Pizarro attaccò gli insediamenti indeboliti, catturando molti prigionieri e divenne padrone del Perù nel 1533. Gli indigeni si ribellarono in diverse occasioni, ma Pizarro ei suoi fratelli usarono la violenza per sedare queste insurrezioni. Pizarro fu ucciso dal figlio di un ex rivale nel 1541.

03 di 10

Pedro de Alvarado, Conquistatore dei Maya

Desiderio Hernández Xochitiotzin, municipio di Tlaxcala

Conosciuto come “Tonatiuh” o “Dio del sole” per i suoi capelli biondi, Alvarado era il luogotenente più fidato di Cortés e colui di cui Cortés si fidava per esplorare e colonizzare le terre a sud del Messico. Alvarado trovò i resti dell’Impero Maya e usando ciò che aveva appreso da Cortés, presto sfruttò la sfiducia reciproca dei gruppi etnici locali a proprio vantaggio.

04 di 10

Lope de Aguirre, pazzo di El Dorado

Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Lope de Aguirre aveva già la reputazione di essere violento e instabile nel 1559 quando si unì a una spedizione per cercare nelle giungle del Sud America il leggendario El Dorado. Mentre era nella giungla, Aguirre iniziò a uccidere i suoi compagni.

05 di 10

Panfilo de Narvaez, il conquistatore più sfortunato

Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Pánfilo de Narváez ha partecipato alla colonializzazione di Cuba. Successivamente, è stato inviato in Messico per tenere a freno l’ambizioso Hernán Cortés. Tuttavia, Cortés non solo lo ha battuto in battaglia, ma ha preso tutti i suoi uomini e ha continuato a distruggere l’Impero azteco. Quindi, si è diretto a nord, nell’odierna Florida. Solo quattro uomini su 300 sopravvissero a questa spedizione e lui non era tra loro. Fu visto per l’ultima volta galleggiare su una zattera nel 1528.

06 di 10

Diego de Almagro, esploratore del Cile

Immagine di pubblico dominio

Diego de Almagro era un partner di Francisco Pizarro quando Pizarro saccheggiò il ricco impero Inca, ma Almagro era a Panama in quel momento e perse il miglior tesoro (anche se si presentò in tempo per i combattimenti). Successivamente, i suoi litigi con Pizarro lo portarono a guidare una spedizione a sud, dove scoprì l’attuale Cile. Tornato in Perù, entrò in guerra con Pizarro, perse e fu giustiziato.

07 di 10

Vasco Nunez de Balboa, scopritore del Pacifico

Immagine di pubblico dominio

Vasco Nuñez de Balboa (1475-1519) è stato un conquistatore spagnolo ed esploratore della prima era coloniale. È accreditato di aver guidato la prima spedizione europea alla scoperta dell’Oceano Pacifico (che ha definito il “Mare del Sud”). Era un leader popolare tra la sua gente per il modo in cui manipolava le popolazioni indigene, coltivando forti legami con alcuni gruppi locali mentre ne distruggeva altri.

08 di 10

Francisco de Orellana

Diego Rivera

Francisco de Orellana è stato uno dei fortunati a entrare presto nella colonizzazione dell’Impero Inca da parte di Pizarro. Sebbene fosse stato ampiamente ricompensato, voleva ancora più bottino, così partì con Gonzalo Pizarro e più di 200 conquistatori spagnoli alla ricerca della leggendaria città di El Dorado nel 1541. Pizarro tornò a Quito, ma Orellana continuò a dirigersi verso est, scoprendo il Rio delle Amazzoni e in viaggio verso l’Oceano Atlantico: un viaggio epico di migliaia di miglia che ha richiesto mesi per essere completato.

09 di 10

Gonzalo de Sandoval, l’affidabile tenente

Desiderio Hernández Xochitiotzin / Dominio pubblico

Hernan Cortes aveva molti subordinati nella sua colonizzazione dell’Impero azteco. Non c’era nessuno di cui si fidava più di Gonzalo de Sandoval, che aveva appena 22 anni quando si unì alla spedizione. Di volta in volta, quando Cortes era in difficoltà, si rivolgeva a Sandoval. Dopo aver distrutto l’impero, Sandoval si prese terra e oro, ma morì giovane di una malattia.

10 di 10

Gonzalo Pizarro, Ribelle in montagna

Artista sconosciuto

Nel 1542 Gonzalo era l’ultimo dei fratelli Pizarro in Perù. Juan e Francisco erano morti e Hernando era in prigione in Spagna. Così, quando la corona spagnola approvò le famose impopolari “Nuove Leggi” che limitano i privilegi dei conquistatori, gli altri conquistadores si rivolsero a Gonzalo, che guidò una sanguinosa rivolta di due anni contro l’autorità spagnola prima di essere catturato e giustiziato.