A proposito degli avvocati degli Stati Uniti

Gli avvocati degli Stati Uniti, sotto la direzione del procuratore generale degli Stati Uniti, fungono da avvocati principali del governo federale che lavorano per garantire “che le leggi siano fedelmente eseguite” nelle aule giudiziarie di tutta la nazione. All’interno di ciascuno dei 94 distretti giudiziari federali della nazione, il procuratore degli Stati Uniti nominato dal presidente funge da principale procuratore federale nei casi penali e partecipa anche alle controversie civili che coinvolgono gli Stati Uniti.

Attualmente ci sono 93 avvocati statunitensi con sede negli Stati Uniti, Porto Rico, Isole Vergini, Guam e Isole Marianne settentrionali. Nella creazione del sistema giudiziario federale, il Congresso ha diviso la nazione in 94 distretti giudiziari federali, tra cui almeno un distretto in ogni stato, il Distretto di Columbia e Porto Rico. I territori statunitensi delle Isole Vergini, Guam e Isole Marianne Settentrionali hanno tribunali distrettuali che trattano casi federali. Un procuratore degli Stati Uniti è assegnato a ciascuno dei distretti giudiziari, ad eccezione di Guam e delle Isole Marianne settentrionali, dove un unico procuratore degli Stati Uniti presta servizio in entrambi i distretti. Ogni procuratore degli Stati Uniti è il capo delle forze dell’ordine federali degli Stati Uniti nell’ambito della sua specifica giurisdizione locale.

I distretti giudiziari federali degli Stati Uniti.
Governo degli Stati Uniti / Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Tutti gli avvocati degli Stati Uniti sono tenuti a vivere nel distretto in cui sono nominati, tranne che nel distretto di Columbia e nei distretti meridionale e orientale di New York, possono vivere entro 20 miglia dal loro distretto.

Breve storia degli avvocati degli Stati Uniti

Il Judiciary Act del 1789 creò l’Ufficio del procuratore degli Stati Uniti, l’ufficio del procuratore generale e il servizio dei marescialli degli Stati Uniti. Sebbene siano stati presto riorganizzati dal controverso Judiciary Act del 1801, la struttura della Corte Suprema degli Stati Uniti, insieme all’equilibrio del sistema giudiziario federale degli Stati Uniti, furono definiti anche dal Judiciary Act del 1789. Così, la creazione dell’Ufficio di il procuratore degli Stati Uniti in realtà arrivò 81 anni prima della creazione del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti il ​​1 ° luglio 1870.

Il Judiciary Act del 1789, prevedeva la nomina di una “Persona istruita nella legge ad agire come avvocato per gli Stati Uniti … il cui dovere sarà quello di perseguire in ogni distretto tutti i delinquenti per crimini e reati conoscibili sotto l’autorità degli Stati Uniti. Stati, e tutte le azioni civili in cui saranno coinvolti gli Stati Uniti … “Fino alla creazione del Dipartimento di Giustizia e della carica di Procuratore Generale nel 1870, i procuratori degli Stati Uniti operavano in modo indipendente e in gran parte senza supervisione. 

Stipendi degli avvocati statunitensi 

Gli stipendi degli avvocati degli Stati Uniti sono attualmente fissati dal procuratore generale. A seconda della loro esperienza, gli avvocati statunitensi possono guadagnare fino a $ 150,000 all’anno. I dettagli sugli attuali stipendi e benefici degli avvocati statunitensi possono essere trovati sul sito Web dell’ufficio di reclutamento e gestione degli avvocati del Dipartimento di giustizia.

Fino al 1896, gli avvocati statunitensi venivano pagati con un sistema di commissioni basato sui casi perseguiti. Per gli avvocati che prestano servizio nei distretti costieri, dove i tribunali erano pieni di cause marittime che si occupavano di sequestri e confisca che coinvolgevano carichi di spedizione costosi, tali spese potevano ammontare a una somma piuttosto notevole. Secondo il Dipartimento di Giustizia, un procuratore degli Stati Uniti in un distretto costiero avrebbe ricevuto un reddito annuo di $ 100,000 già nel 1804.

Quando il Dipartimento di Giustizia iniziò a regolare gli stipendi degli avvocati degli Stati Uniti nel 1896, variavano da $ 2,500 a $ 5,000. Fino al 1953, gli avvocati degli Stati Uniti potevano integrare i loro redditi mantenendo la loro pratica privata mentre erano in carica. 

Cosa fanno gli avvocati degli Stati Uniti

Gli avvocati statunitensi rappresentano il governo federale, e quindi il popolo americano, in ogni processo in cui gli Stati Uniti sono parte. Ai sensi del titolo 28, sezione 547 del codice degli Stati Uniti, gli avvocati degli Stati Uniti hanno tre responsabilità principali:

  • perseguimento di cause penali promosse dal governo federale;
  • perseguimento e difesa di cause civili di cui gli Stati Uniti sono parte; e
  • raccolta di denaro dovuto al governo che non può essere riscosso amministrativamente.

L’azione penale condotta da avvocati statunitensi include casi che comportano violazioni delle leggi penali federali, inclusi criminalità organizzata, traffico di droga, corruzione politica, evasione fiscale, frode, rapina in banca e reati relativi ai diritti civili. Dal punto di vista civile, gli avvocati statunitensi trascorrono la maggior parte del loro tempo in tribunale difendendo le agenzie governative da reclami e applicando la legislazione sociale come la qualità ambientale e le leggi sull’edilizia equa.

Quando rappresentano gli Stati Uniti in tribunale, gli avvocati statunitensi dovrebbero rappresentare e attuare le politiche del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti.

Sebbene ricevano indicazioni e consigli politici dal procuratore generale e da altri funzionari del Dipartimento di giustizia, ai procuratori degli Stati Uniti è concesso un ampio grado di indipendenza e discrezione nella scelta dei casi da perseguire.

Prima della guerra civile, agli avvocati degli Stati Uniti era consentito perseguire quei crimini specificamente menzionati nella Costituzione, vale a dire pirateria, contraffazione, tradimento, crimini commessi in alto mare o casi derivanti da interferenze con la giustizia federale, estorsione da parte di ufficiali federali, furti da parte di dipendenti della United States Bank e incendio doloso di navi federali in mare

Come vengono nominati gli avvocati statunitensi

Gli avvocati degli Stati Uniti sono nominati dal Presidente degli Stati Uniti per un mandato di quattro anni. Le loro nomine devono essere confermate da un voto a maggioranza del Senato degli Stati Uniti.

Per legge, gli avvocati degli Stati Uniti sono soggetti alla rimozione dalle loro cariche da parte del Presidente degli Stati Uniti.

Mentre la maggior parte degli avvocati statunitensi serve un mandato quadriennale, di solito corrispondente ai termini del presidente che li ha nominati, si verificano posti vacanti a medio termine.

Ogni procuratore degli Stati Uniti può assumere – e licenziare – assistenti legali degli Stati Uniti secondo necessità per far fronte al carico di casi generato nelle loro giurisdizioni locali. Gli avvocati statunitensi hanno ampia autorità nel controllo della gestione del personale, della gestione finanziaria e delle funzioni di approvvigionamento dei loro uffici locali.

Prima della promulgazione del Patriot Act Reauthorization Bill del 2005, il 9 marzo 2006, i procuratori statunitensi sostitutivi a medio termine sono stati nominati dal Procuratore generale per 120 giorni, o fino a quando un sostituto permanente nominato dal presidente potrebbe essere confermato dal Senato.

Una disposizione del Patriot Act Reauthorization Bill ha rimosso il limite di 120 giorni sui termini degli avvocati statunitensi ad interim, estendendo effettivamente i loro termini alla fine del mandato del presidente e aggirando il processo di conferma del Senato degli Stati Uniti. Il cambiamento ha di fatto esteso al presidente il potere già controverso di fissare appuntamenti di sospensione nell’insediamento di procuratori statunitensi.