Arte etrusca: innovazioni stilistiche nell’Italia antica

Gli stili d’arte etrusca sono relativamente poco familiari ai lettori moderni, rispetto all’arte greca e romana, per una serie di ragioni. Le forme d’arte etrusca sono classificate in generale come appartenenti al periodo arcaico nel Mediterraneo, le loro prime forme più o meno simili nel periodo al periodo geometrico in Grecia (900-700 aC). I pochi esempi sopravvissuti della lingua etrusca sono scritti in lettere greche, e la maggior parte di ciò che sappiamo di loro sono epitaffi; infatti, la maggior parte di ciò che sappiamo della civiltà etrusca proviene da contesti funerari piuttosto che da edifici domestici o religiosi.

Ma l’arte etrusca è vigorosa e vivace, e ben distinta da quella della Grecia arcaica, con i sapori delle sue origini.

Chi erano gli Etruschi?

Gli antenati degli Etruschi sbarcarono sulla costa occidentale della penisola italiana forse già nell’età del bronzo finale, XII-X secolo aEV (chiamata cultura proto-villanoviana), e probabilmente provenivano come commercianti dal Mediterraneo orientale. Ciò che gli studiosi identificano come cultura etrusca inizia durante l’età del ferro, intorno all’12 a.C.

Per tre generazioni nel VI secolo aEV, gli Etruschi governarono Roma attraverso i re Tarquinio; era l’apice del loro potere commerciale e militare. Nel V secolo aEV avevano colonizzato la maggior parte dell’Italia e da allora erano una federazione di 6 grandi città. I romani conquistarono la capitale etrusca di Veio nel 5 aEV e in seguito gli Etruschi persero il potere; nel 12 aEV Roma aveva conquistato o assorbito la maggior parte delle città etrusche, sebbene la loro religione, arte e lingua continuassero a influenzare Roma per molti anni.

Cronologia dell’arte etrusca

Museo Archeologico di Lattara.
Sabin Paul Croce

La cronologia della storia dell’arte degli Etruschi è leggermente diversa dalla cronologia economica e politica, descritta altrove.

  • Periodo proto-etrusco o villanoviano, 850-700 aC. Lo stile etrusco più caratteristico è nella forma umana, persone con spalle larghe, vita simile a una vespa e polpacci muscolosi. Hanno teste ovali, occhi spioventi, nasi affilati e angoli della bocca rivolti verso l’alto. Le loro braccia sono attaccate ai lati e i piedi sono mostrati paralleli l’uno all’altro, come fa l’arte egizia. I cavalli e gli uccelli acquatici erano motivi popolari; i soldati avevano elmi alti con creste di crine di cavallo, e spesso gli oggetti sono decorati con punti geometrici, zigzag e cerchi, spirali, tratteggi incrociati, motivi a uovo e meandri. Lo stile distintivo della ceramica del periodo è una ceramica nera grigiastra chiamata impasto italico.
  • Medio etrusco o “periodo orientalizzante”. 700–650 a.C. L’arte e la cultura di questo periodo furono “orientalizzate” dall’intensa influenza del Mediterraneo orientale. Il leone e il grifone sostituiscono i cavalli e gli uccelli acquatici come simboli dominanti e ci sono spesso animali a due teste. Gli esseri umani sono illustrati con un’articolazione dettagliata dei muscoli e i loro capelli sono spesso disposti in fasce. Lo stile ceramico primario è chiamato bucchero nero, argilla impasto grigiastra con un colore nero profondo.
  • Periodo tardo etrusco / classico, 650–330 aEV. Un afflusso di idee greche e forse di artigiani influenzò gli stili artistici etruschi nel tardo periodo etrusco, e alla fine di questo periodo, c’era stata una lenta perdita di stili etruschi sotto il dominio romano. La maggior parte degli specchi in bronzo furono realizzati durante questo periodo; più specchi in bronzo furono realizzati dagli Etruschi che dai Greci. Lo stile ceramico etrusco che definisce è idria ceretane, simile alla ceramica attica greca.
  • Periodo etrusco-ellenistico, 330-100 a.C. Il periodo della lenta decadenza degli Etruschi continua, con la conquista della penisola italiana da parte di Roma. La ceramica diventa dominata dalla ceramica prodotta in serie, in particolare dalla ceramica nera lucida nota come Malacena Ware, sebbene alcuni articoli utilitari siano ancora prodotti localmente. Alcuni impressionanti bronzi sotto forma di specchi incisi, candelabri e incensieri riflettono la crescente influenza romana.

Affreschi murali etruschi

Musicisti etruschi, riproduzione di un affresco del V secolo a.C. nella Tomba del Gattopardo a Tarquinia.
Getty Images / Collezione privata

La maggior parte delle informazioni che abbiamo sulla società etrusca proviene da affreschi dipinti brillantemente all’interno di tombe scavate nella roccia datate tra il VII e il II secolo aC. Finora sono state ritrovate seimila tombe etrusche; solo circa 7 hanno affreschi, quindi era chiaramente riservato alle persone d’élite. Alcuni degli esempi più belli sono a Tarquinia, Praeneste nel Lazio (tombe Barberini e Bernardini), Caere sulla costa etrusca (tomba Regolini-Galassi) e le ricche tombe circolari di Vetulonia.

Le pitture murali policrome erano talvolta realizzate su pannelli rettangolari di terracotta, che misuravano circa 21 pollici (50 centimetri) di larghezza e 3.3-4 piedi (1 metri) di altezza. Questi pannelli sono stati trovati in tombe d’élite presso la necropoli di Cerveteri (Caere), in stanze che si pensa siano imitazioni dell’abitazione del defunto.

Specchi incisi

Specchiera etrusca in bronzo raffigurante Meleagro seduto circondato da Menelao, Castore e Polluce. 330-320 a.C. 18 cm. Museo Archeologico, inv. 604, Firenze, Italia.
Getty Images / Leemage / Corbin

Un elemento importante dell’arte etrusca era lo specchio inciso: anche i greci avevano specchi ma erano molto meno e solo raramente incisi. Più di 3,500 specchi etruschi sono stati trovati in contesti funerari datati al IV secolo aC o più tardi; la maggior parte di loro sono incise con scene complicate di esseri umani e piante. L’argomento è spesso tratto dalla mitologia greca, ma il trattamento, l’iconografia e lo stile sono rigorosamente etruschi.

Il retro degli specchi era in bronzo, a forma di scatola rotonda o piatto con manico. Il lato riflettente era tipicamente costituito da una combinazione di stagno e rame, ma c’è una percentuale crescente di piombo nel tempo. Quelli realizzati o destinati ai funerali sono contrassegnati dalla parola etrusca su Θina, talvolta sul lato riflettente rendendolo inutile come specchio. Alcuni specchi furono anche intenzionalmente incrinati o rotti prima di essere collocati nelle tombe.

processioni

Anfora etrusca a collo in terracotta (vaso), ca. 575-550 a.C., a figure nere. Fregio superiore, processione di centauri; fregio inferiore, processione di leoni.
Fondo Met Mueum / Rogers, 1955

Una caratteristica iconica dell’arte etrusca è una processione: una fila di persone o animali che camminano nella stessa direzione. Questi si trovano dipinti su affreschi e scolpiti nelle basi dei sarcofagi. La processione è una cerimonia che significa solennità e serve a distinguere il rito dal mondano. L’ordine delle persone in processione rappresenta probabilmente individui a diversi livelli di importanza sociale e politica. Quelli davanti sono attendenti anonimi che trasportano oggetti rituali; quella alla fine è spesso una figura del magistrato. Nell’arte funeraria, le processioni rappresentano i preparativi per banchetti e giochi, la presentazione di offerte tombali per i defunti, i sacrifici agli spiriti dei morti o il viaggio del defunto negli inferi.

I motivi dei viaggi negli inferi appaiono come su stele, pitture tombali, sarcofagi e urne, e l’idea probabilmente ebbe origine nella pianura padana alla fine del VI secolo a.C., poi si diffuse verso l’esterno. Entro la fine del V-inizi del IV secolo a.C., il defunto viene ritratto come un magistrato. I primi viaggi della malavita si sono svolti a piedi, alcuni viaggi del periodo medio etrusco sono illustrati con i carri e l’ultimo è una processione quasi trionfale.

Lavorazione e gioielli in bronzo

Anello d’oro. Civiltà etrusca, VI secolo a.C.
DEA / G. NIMATALLAH / Getty Images

L’arte greca ha sicuramente avuto un forte impatto sull’arte etrusca, ma un’arte etrusca distintiva e completamente originale è quella di migliaia di oggetti in bronzo (morsi di cavallo, spade ed elmi, cinture e calderoni) che mostrano una notevole raffinatezza estetica e tecnica. I gioielli erano al centro degli etruschi, compresi gli scarabei di tipo egizio, coleotteri intagliati, usati come simbolo religioso e ornamento personale. Anelli e ciondoli riccamente dettagliati, così come ornamenti d’oro cuciti negli abiti, erano spesso decorati con disegni a intaglio. Alcuni dei gioielli erano d’oro granulare, minuscole gemme create saldando minuscoli punti d’oro su sfondi dorati.

Le fibule, l’antenato della moderna spilla da balia, erano spesso formate in bronzo e si presentavano in un’ampia varietà di forme e dimensioni. I più costosi di questi erano fondamentalmente gioielli, fatti di bronzo ma anche avorio, oro, argento e ferro e decorati con ambra, avorio o vetro.

Fonti selezionate

  • Bell, Sinclair e Alexandra A. Carpino (a cura di). “Un compagno degli Etruschi”. Chichester: John Wiley & Sons, 2016. 
  • Bordignon, F., et al. “Alla ricerca dei colori etruschi: uno studio spettroscopico di una lastra di terracotta dipinta di Ceri”. Archeometria 49.1 (2007): 87-100. Stampa. 
  • il Grummond, Nancy T. “Etruscan Mirror Now”. REV Il corpo di Speculorum Etruscorum. Italia. Vol. 4, Orvieto. Musco Claudius Fain Star Pacetti; Il corpo Speculorum Etruscorum. Italia. Vol. 5, Viterbo. Museo Nazionale Archeologico, Gabriella Barbieri. American Journal of Archaeology 106.2 (2002): 307-11. Stampa.
  • De Puma, Richard. “Arte Etrusca”. Art Institute of Chicago Museum Studies 20.1 (1994): 55-61. 
  • De Puma, Richard Daniel. Arte etrusca nel Metropolitan Museum of Art. New Haven: Yale University Press, 2013.
  • Holliday, Peter J. “Immagini processionali nell’arte funeraria tardo-etrusca”. American Journal of Archaeology 94.1 (1990): 73–93. Stampa.
  • Izzet, Vedia. “Winckelmann e l’arte etrusca”. Etruscan Studies 10.1 (2004): 223-237. 
  • Sodo, Armida, et al. “I colori della pittura etrusca: uno studio sulla Tomba Dell’orco nella Necropoli di Tarquinia”. Journal of Raman Spectroscopy 39.8 (2008): 1035–41. Stampa.