Biografia di Giordano Bruno, scienziato e filosofo

Giordano Bruno (1548-1600) era uno scienziato e filosofo italiano che sposò l’idea copernicana di un universo eliocentrico (centrato sul sole) in opposizione agli insegnamenti della chiesa di un universo centrato sulla Terra. Credeva anche in un universo infinito con numerosi mondi abitati. Chiesto dall’Inquisizione di ritrattare le sue convinzioni, Bruno rifiutò. È stato torturato e bruciato sul rogo per le sue convinzioni esplicite.

Primi anni di vita

Filippo (Giordano) Bruno è nato a Nola, Italia nel 1548; suo padre era Giovanni Bruno, un soldato, e sua madre era Fraulissa Savolino. Nel 1561 si iscrive alla scuola del Monastero di San Domenico, noto soprattutto per il suo celebre membro, Tommaso d’Aquino. In questo periodo prese il nome di Giordano Bruno e nel giro di pochi anni divenne sacerdote dell’Ordine Domenicano.

Vita nell’Ordine Domenicano

Giordano Bruno era un filosofo brillante, anche se eccentrico, le cui idee raramente coincidevano con quelle della Chiesa cattolica. Tuttavia nel 1565 entrò nel convento domenicano di San Domenico Maggiore a Napoli, dove assunse il nome di Giordano. Le sue convinzioni schiette ed eretiche furono notate dai suoi superiori, ma fu comunque ordinato sacerdote nel 1572 e rimandato a Napoli per continuare i suoi studi.

Mentre era a Napoli, Bruno discusse ad alta voce le sue opinioni eretiche, inclusa l’eresia ariana che affermava che Cristo non era divino. Queste azioni portarono a compiere passi verso un processo per eresia. Fuggì a Roma nel 1576 e fuggì di nuovo nel 1576 dopo che alcuni dei suoi scritti proibiti furono scoperti.

Lasciando l’ordine domenicano nel 1576, Bruno vagò per l’Europa come filosofo itinerante, tenendo lezioni in varie università. La sua principale pretesa di fama erano le tecniche di memoria dominicana che insegnava, portandolo all’attenzione del re Enrico III di Francia ed Elisabetta I d’Inghilterra. Le tecniche di potenziamento della memoria di Bruno, inclusi i mnemonici, sono descritte nel suo libro “The Art of Memory” e sono ancora utilizzate oggi.

Incrocio di spade con la Chiesa

Nel 1583, Bruno si trasferì a Londra e poi a Oxford, dove tenne conferenze discutendo la teoria copernicana di un universo centrato sul sole. Le sue idee furono accolte da un pubblico ostile e, di conseguenza, tornò a Londra dove prese familiarità con le principali figure della corte di Elisabetta I.

Mentre era a Londra, scrisse anche una serie di opere satiriche e il suo libro del 1584, “Dell Infinito, universo e mondi” (“Of Infinity, the Universe, and the World”). Il libro ha attaccato la visione aristotelica dell’universo e, basandosi sulle opere del filosofo musulmano Averroës, ha suggerito che la religione è “un mezzo per istruire e governare le persone ignoranti, la filosofia come disciplina degli eletti che sono in grado di comportarsi e governare gli altri “. Difese Copernico e la sua visione dell’universo centrata sul sole, e sostenne inoltre che “l’universo era infinito, che conteneva un numero infinito di mondi e che questi sono tutti abitati da esseri intelligenti”.

Bruno continuò i suoi viaggi, scrivendo e tenendo conferenze in Inghilterra e in Germania fino al 1591. Durante questo periodo, Bruno incuriosì e fece arrabbiare gli studiosi locali. Fu scomunicato a Helmstedt e gli fu chiesto di lasciare Francoforte sul Meno, stabilendosi infine in un monastero carmelitano dove fu descritto dal priore come “principalmente occupato nella scrittura e nell’immaginazione vana e chimerica delle novità”.

Anni finali

Nell’agosto del 1591, Bruno fu invitato a tornare in Italia e, nel 1592, fu denunciato all’Inquisizione da uno studente scontento. Bruno fu arrestato e subito consegnato all’Inquisizione per l’accusa di eresia.

Bruno trascorse gli otto anni successivi in ​​catene a Castel Sant’Angelo, non lontano dal Vaticano. Veniva regolarmente torturato e interrogato. Ciò è continuato fino al suo processo. Nonostante la sua difficile situazione, Bruno rimase fedele a ciò che credeva essere vero, affermando al suo giudice della Chiesa cattolica, il cardinale gesuita Robert Bellarmine, “Non dovrei ritrattare né lo farò”. Anche la condanna a morte che gli è stata inflitta non ha cambiato il suo atteggiamento mentre ha detto con aria di sfida ai suoi accusatori: “Nel pronunciare la mia sentenza, la tua paura è più grande della mia nel sentirla”.

Morte

Immediatamente dopo la sentenza di morte, Giordano Bruno è stato ulteriormente torturato. Il 19 febbraio 1600 fu portato per le strade di Roma, spogliato dei suoi vestiti e bruciato sul rogo. Oggi, una statua di Bruno si trova in piazza Campo de Fiori a Roma.

Eredità

L’eredità di Bruno di libertà di pensiero e le sue idee cosmologiche hanno avuto un impatto significativo sul pensiero filosofico e scientifico del XVII e XVIII secolo. D’altra parte, mentre alcune delle sue idee avevano valore e potevano essere considerate lungimiranti, altre erano basate in gran parte sulla magia e sull’occulto. Inoltre, il disprezzo di Bruno per la politica del giorno fu la causa diretta della sua morte.

Secondo il Progetto Galileo, “Si sostiene spesso che Bruno sia stato giustiziato a causa del suo copernicanesimo e della sua fede nell’infinità dei mondi abitati. Infatti, non conosciamo i motivi esatti su cui è stato dichiarato eretico perché il suo fascicolo è manca dai registri. Scienziati come Galileo e Johannes Kepler non erano in sintonia con Bruno nei loro scritti “.

fonti

  • Aquilecchia, Giovanni. “Giordano Bruno.” Encyclopædia Britannica.
  • Knox, Dilwyn. “Giordano Bruno.” Stanford Encyclopedia of Philosophy, Stanford University, 30 maggio 2018.
  • Il progetto Galileo. “Giordano Bruno.”