Capire il contraccolpo contro il femminismo

Il contraccolpo è una reazione negativa e / o ostile a un’idea, soprattutto un’idea politica. Il termine è solitamente usato per riferirsi a una reazione che si verifica dopo un po ‘di tempo, al contrario di una reazione negativa istantanea quando viene presentata un’idea. Il contraccolpo si verifica spesso dopo che l’idea o l’evento ha avuto una certa popolarità.

Il termine è stato applicato al femminismo e ai diritti delle donne dal 1990 circa. Spesso si percepisce una reazione contro il femminismo nella politica e nei media pubblici statunitensi.

Politica

Dopo i grandi successi del movimento di liberazione delle donne, negli anni ‘1970 iniziò una reazione contro la “seconda ondata” del femminismo. Gli storici sociali e le teoriche femministe vedono l’inizio della reazione politica contro il femminismo in diversi eventi:

  • Il clima politico instabile che circonda lo sforzo di ratificare l’Emendamento sulla parità di diritti (SER): La proposta di ERA ha portato alla superficie un’altra scissione tra la femminista e gli altri ranghi. I sostenitori sostenevano l’umanità comune tra uomini e donne, mentre gli oppositori pensavano che l’ERA avrebbe cancellato le differenze naturali tra i sessi e quindi spogliato le donne da certe protezioni necessarie.
  • Una forte presenza antifemminista della Nuova Destra: L’attacco all’emendamento sulla parità di diritti da parte della nuova destra, in particolare da Phyllis Schlafly e la sua campagna STOP-ERA, è stato deludente.
  • I gruppi antifemministi che attaccano la decisione Roe v. Wade della Corte Suprema: Roe v. Wade è stata una decisione che ha permesso alle donne incinte di decidere da sole se andare con un aborto o meno. La decisione ha provocato un’enormità di risposte negative in tutto il paese e per molti anni a venire.
  • L’elezione di Ronald Reagan: Il presidente Reagan è stato uno dei forti e chiari oppositori di Roe e dei movimenti femministi in generale.
  • L’ascesa dell’organizzazione della maggioranza morale di Jerry Falwell: L’organizzazione promuoveva i valori familiari tradizionali ed era in forte opposizione a molte questioni femministe come ERA, Roe v. Wade o l’omosessualità.

Video

C’è stata anche una reazione contro il femminismo riscontrata nei media:

  • Nelle dichiarazioni che il femminismo è morto
  • Nella descrizione degli anni ‘1980 e oltre come “post-femminista”
  • Nella narrazione che trattava il femminismo come un movimento del passato piuttosto che come una forza ancora in evoluzione
  • Nell’uso accettato degli stereotipi delle donne femministe e delle donne in generale

Le femministe sottolineano che il contraccolpo degli anni ‘1980 non era una novità. Alla fine del 1800 e all’inizio del 1900, voci potenti cercarono anche di spazzare via il femminismo della “prima ondata” dalla consapevolezza del pubblico.

Tuttavia, la pubblicazione di “Backlash: The Undeclared War Against American Women” di Susan Faludi nel 1991 iniziò una significativa conversazione pubblica sul destino del femminismo negli anni ‘1980. Per coloro che hanno letto il suo best seller, altre tendenze antifemministe sono diventate più evidenti.

Femminismo e contraccolpo nel 21 ° secolo

Le donne rimangono sottorappresentate tra i responsabili delle decisioni dei media e molti hanno considerato le tendenze successive come parte di un continuo contraccolpo contro il femminismo, capro espiatorio della difesa dei diritti delle donne non solo per rendere le donne infelici ma “distruggere la mascolinità”.

Negli anni ‘1990, la legislazione sul welfare sembrava rendere le madri single povere responsabili dei problemi della famiglia americana. La continua opposizione ai diritti riproduttivi delle donne e all’autorità decisionale riguardo al controllo delle nascite e all’aborto è stata descritta come una “guerra alle donne”, facendo eco al titolo del libro di Faludi.

Nel 2014, una campagna mediatica, “Women Against Feminism”, ha preso i social media come un altro tipo di reazione contro il femminismo.

“Backlash” di Susan Faludi

Nel 1991, Susan Faludi ha pubblicato “Backlash: The Undeclared War Against American Women”. Questo libro ha esaminato la tendenza in quel momento, e simili contraccolpi in passato, di invertire i guadagni delle donne nel muoversi verso l’uguaglianza. Il libro è diventato un best-seller ed è stato premiato con il National Books Critics Circle Award.

Dal suo primo capitolo:

“Dietro questa celebrazione della vittoria della donna americana, dietro la notizia, allegramente e all’infinito ripetuta, che la lotta per i diritti delle donne è vinta, un altro messaggio lampeggia. Potresti essere libero ed uguale ora, dice alle donne, ma non lo sei mai stato. più miserabile. ”

Faludi ha esaminato profondamente le disuguaglianze che le donne americane hanno dovuto affrontare negli anni ‘1980. La sua ispirazione fu una storia di copertina di Newsweek nel 1986 su uno studio accademico, uscito da Harvard e Yale, che presumibilmente mostrava che le donne single in carriera avevano poche possibilità di sposarsi.

Si rese conto che le statistiche in realtà non dimostravano quella conclusione e iniziò a notare altre storie dei media che sembravano dimostrare che i guadagni femministi avevano effettivamente ferito le donne. Faludi dice: “il movimento delle donne, come ci viene ripetuto più volte, si è dimostrato il peggior nemico delle donne”.

Nelle 550 pagine del libro, ha anche documentato le chiusure di fabbriche negli anni ‘1980 e l’effetto sulle operaie. Ha anche osservato che gli Stati Uniti sono stati i soli tra le nazioni industrializzate a non fornire un sistema di assistenza all’infanzia, rendendo più difficile per le donne, che dovrebbero ancora essere le principali badanti dei figli della famiglia, entrare nel mondo del lavoro a parità di condizioni rispetto agli uomini.

Critica

Nonostante la sua analisi includesse questioni razziali e di classe, i critici hanno sottolineato che “Backlash” affronta in gran parte i problemi della classe media e delle donne bianche di successo. Concentrandosi sullo studio sul matrimonio, i critici hanno anche notato l’attenzione sulle donne eterosessuali.

Faludi sui media

Faludi ha documentato molti modi in cui i media, inclusi inserzionisti, giornali, film e televisione, hanno incolpato il femminismo per i problemi delle donne e delle famiglie americane. Ha dimostrato che i miti mediatici comuni delle donne infelici non erano accurati:

  • Il film “Attrazione fatale” sembrava riassumere l’immagine negativa di una donna.
  • Il personaggio indipendente di Mary Tyler Moore dello spettacolo degli anni ‘1970 è stato trasformato in una divorziata in una nuova serie degli anni ‘1980.
  • “Cagney and Lacy” è stato cancellato perché i personaggi non si adattavano agli stereotipi femminili. 
  • La moda prevedeva più fronzoli e abiti restrittivi.

Diverse origini del contraccolpo

“Backlash” ha anche documentato il ruolo della Nuova Destra – un movimento conservatore antifemminista che si definisce “pro-famiglia” – nel movimento antifemminista. Nel complesso, gli anni di Reagan, per Faludi, non furono buoni per le donne. 

Ha anche identificato che alcune delle negatività sul femminismo provenivano dalle stesse femministe. Faludi osserva: “La femminista fondatrice Betty Friedan ha diffuso la parola: avverte che le donne ora soffrono di una nuova crisi di identità e di” nuovi problemi che non hanno nome “”.

Faludi ha visto il contraccolpo come una tendenza ricorrente. Ha mostrato come ogni volta che le donne sembravano fare progressi verso la parità di diritti, i media del giorno hanno evidenziato i presunti danni alle donne e come in questo modo, almeno alcuni dei guadagni sono stati invertiti.

Questo articolo è stato modificato e il contenuto aggiunto da Jone Johnson Lewis.