Capire l’Endangered Species Act del 1973

L’Endangered Species Act del 1973 (ESA) prevede sia la conservazione e la protezione delle specie vegetali e animali che devono affrontare la minaccia di estinzione, sia “gli ecosistemi da cui dipendono”. Le specie devono essere in pericolo o minacciate per una parte significativa del loro areale. L’ESA ha sostituito l’Endangered Species Conservation Act del 1969 ed è stata modificata più volte.

Perché abbiamo bisogno di una legge sulle specie minacciate di estinzione?

Georges De Keerle / Getty Images

I reperti fossili mostrano che in un lontano passato, animali e piante hanno avuto vite limitate. Nel 20 ° secolo, gli scienziati si sono preoccupati per la perdita di animali e piante comuni. Gli ecologisti credono che stiamo vivendo in un’era di rapida estinzione delle specie innescata dall’azione umana, come la raccolta eccessiva e il degrado dell’habitat (inclusi inquinamento e cambiamento climatico).

La legge rifletteva un cambiamento nel pensiero scientifico perché immaginava la natura come una serie di ecosistemi; per proteggere una specie, dobbiamo pensare “più grande” di quella specie.

Chi era il presidente quando è stata firmata l’ESA?

Repubblicano Richard M. Nixon. All’inizio del suo primo mandato, Nixon creò il Comitato consultivo dei cittadini sulla politica ambientale. Nel 1972, Nixon disse alla nazione che la legge esistente era insufficiente per “salvare una specie in via di estinzione” (Spray 129). Nixon non solo “ha chiesto al Congresso leggi ambientali rigorose … [ha] esortato il Congresso ad approvare l’ESA” (Burgess 103, 111).

Il Senato ha approvato il disegno di legge con voto vocale; la Camera ha votato a favore 355-4. Nixon ha firmato la legislazione il 28 dicembre 1973 come legge pubblica 93-205.

Qual è l’effetto della legge?

L’Endangered Species Act rende illegale uccidere, danneggiare o “prendere” in altro modo una specie elencata. Un “prendere” significa “molestare, danneggiare, perseguire, cacciare, sparare, ferire, uccidere, intrappolare, catturare o raccogliere, o tentare di impegnarsi in una tale condotta”.

L’ESA richiede che il ramo esecutivo del governo assicuri che qualsiasi attività intrapresa dal governo non possa mettere a repentaglio le specie elencate o provocare la distruzione o la modifica negativa dell’habitat critico designato. La determinazione è presa da una revisione scientifica indipendente dal governo.

Cosa significa essere inseriti nell’elenco dell’ESA?

La legge considera una “specie” in pericolo se è in pericolo di estinzione per una parte significativa del suo areale. Una specie è classificata come “minacciata” quando è probabile che presto diventi in pericolo. Le specie che sono state identificate come minacciate o in pericolo di estinzione sono considerate “elencate”.

Ci sono due modi in cui una specie può essere elencata: o il governo può avviare la lista, o un individuo o un’organizzazione può presentare una petizione per elencare una specie.

Chi è responsabile della legge sulle specie minacciate di estinzione?

Il National Marine Fisheries Service (NMFS) della National Oceanic and Atmospheric Association e il US Fish and Wildlife Service (USFWS) condividono la responsabilità per l’attuazione dell’Endangered Species Act.

Esiste anche una “God Squad” – il Comitato per le specie minacciate di estinzione, composto da capi di gabinetto – che può annullare un elenco dell’ESA. La God Squad, creata dal Congresso nel 1978, si è incontrata per la prima volta sopra la lumaca (e ha governato per il pesce) senza successo. Si è incontrato di nuovo nel 1993 sopra il gufo maculato settentrionale. Entrambi gli elenchi si sono presentati alla Corte Suprema.

Quante specie elencate ci sono?

Secondo NMFS, a partire dal 2019 ci sono circa 2,244 specie elencate come minacciate o in via di estinzione sotto l’ESA. In generale, NMFS gestisce specie marine e anadrome; l’USFWS gestisce le specie terrestri e d’acqua dolce.

  • Nixon / Ford: 23.5 annunci all’anno (47 in totale)
  • Carter: 31.5 annunci all’anno (126 totali)
  • Reagan: 31.9 annunci all’anno (255 in totale)
  • GWH Bush: 57.8 annunci all’anno (231 totali)
  • Clinton: 65.1 annunci all’anno (521 in totale)
  • GW Bush: 8 annunci all’anno (60 in totale)
  • Obama: 42.5 annunci all’anno (340 in totale)

Inoltre, 85 specie sono state rimosse tra il 1978 e il 2019, a causa di recupero, riclassificazione, scoperta di popolazioni aggiuntive, errori, modifiche o addirittura, purtroppo, estinzione. Alcune specie chiave rimosse dall’elenco includono:

  • Bald Eagle: aumentato da 417 a 11,040 coppie tra il 1963 e il 2007
  • Key Deer della Florida: aumentato da 200 nel 1971 a 750 nel 2001
  • Balena Grigia: aumentata da 13,095 a 26,635 balene tra il 1968 e il 1998
  • Falco pellegrino: aumentato da 324 a 1,700 coppie tra il 1975 e il 2000
  • Gru convulsa: aumentata da 54 a 436 uccelli tra il 1967 e il 2003

Punti salienti e controversie dell’ESA

Nel 1966, il Congresso approvò l’Endangered Species Preservation Act in risposta alle preoccupazioni sulla gru convulsa. Un anno dopo, USFWS ha acquistato il suo primo habitat per specie in via di estinzione, 2,300 acri in Florida.

Nel 1978, la Corte Suprema stabilì che l’inserimento nella lista della lumaca (un pesce piccolo) in via di estinzione significava che la costruzione della diga di Tellico doveva essere interrotta. Nel 1979, un progetto di legge sugli stanziamenti esentò la diga dall’ESA; Il passaggio di legge ha permesso alla Tennessee Valley Authority di completare la diga.

Nel 1995, il Congresso utilizzò nuovamente un progetto di legge sugli stanziamenti per limitare l’ESA, imponendo una moratoria su tutti gli elenchi di nuove specie e le designazioni di habitat critici. Un anno dopo, il Congresso ha rilasciato il pilota.

Risorse e ulteriori letture

  • “16 USC Ch. 35: Specie minacciate di estinzione dal titolo 16 – Conservazione “. [USC02] 16 USC Ch. 35: specie minacciate di estinzione, 1973.
  • Burgess, Bonnie B. Fate of the Wild: the Endangered Species Act and the Future of Biodiversity. Università della Georgia, 2001.
  • Spray, Sharon L e Karen Leah McGlothlin, redattori. Perdita di biodiversità. Rowman e Littlefield, 2003.
  • “The History of the Endangered Species Act.” Batterista elettronico, Thoreau Institute, 2006.