Come Donald Trump ha vinto le elezioni presidenziali

Gli elettori e gli scienziati politici discuteranno di come Donald Trump abbia vinto le elezioni presidenziali nel 2016. L’uomo d’affari e il novizio politico hanno sbalordito il mondo vincendo un’elezione presidenziale che la maggior parte degli analisti e degli elettori riteneva fosse saldamente nelle mani di Hillary Clinton, che aveva molta più esperienza in governo e aveva condotto una campagna più ortodossa. 

Trump ha condotto la sua campagna nel modo più anticonvenzionale, insultando ampie fasce di potenziali elettori ed evitando il tradizionale sostegno del suo stesso partito politico. Trump ha ottenuto almeno 290 voti elettorali, 20 in più dei 270 necessari per diventare presidente, ma ha ottenuto più di 1 milione di voti effettivi in ​​meno rispetto a Clinton, riaccendendo il dibattito sull’opportunità che gli Stati Uniti debbano eliminare il Collegio elettorale.

Trump è diventato solo il quinto presidente ad essere eletto senza vincere il voto popolare. Gli altri erano i repubblicani George W. Bush nel 2000, Benjamin Harrison nel 1888 e Rutherford B. Hayes nel 1876 e il federalista John Quincy Adams nel 1824.

Allora come ha fatto Donald Trump a vincere le elezioni presidenziali insultando elettori, donne, minoranze e senza raccogliere fondi o fare affidamento sul sostegno del Partito Repubblicano? Ecco 10 spiegazioni su come Trump ha vinto le elezioni del 2016.

Celebrità e successo

Durante la campagna del 2016 Trump si è ritratto come uno sviluppatore immobiliare di successo che ha creato decine di migliaia di posti di lavoro. “Ho creato decine di migliaia di posti di lavoro e una grande azienda”, ha detto durante un dibattito. In un discorso separato, Trump ha proclamato che la sua presidenza avrebbe creato “una crescita occupazionale come non si è mai vista. Sono molto bravo per i posti di lavoro. In effetti, sarò il più grande presidente per i lavori che Dio abbia mai creato”.

Trump gestisce dozzine di società e fa parte di numerosi consigli di amministrazione, secondo una divulgazione finanziaria personale che ha presentato all’Ufficio per l’etica del governo degli Stati Uniti quando si è candidato alla presidenza. Ha detto che vale fino a $ 10 miliardi, e anche se i critici hanno suggerito che vale molto meno Trump ha proiettato un’immagine di successo ed è stato uno dei marchi più noti della contea.

Inoltre non ha fatto male che fosse ospite e produttore della fortunata serie di reality della NBC The Apprentice.

Alta affluenza tra gli elettori bianchi della classe operaia

Questa è la grande storia delle elezioni del 2016. Gli elettori bianchi della classe lavoratrice – uomini e donne allo stesso modo – sono fuggiti dal Partito Democratico e si sono schierati con Trump a causa della sua promessa di rinegoziare accordi commerciali con paesi inclusa la Cina e di imporre tariffe rigide sulle merci importate da questi paesi. La posizione di Trump sul commercio è stata vista come un modo per impedire alle aziende di spedire posti di lavoro all’estero, anche se molti economisti hanno sottolineato che tassare le importazioni farebbe prima aumentare i costi per i consumatori americani.

Il suo messaggio ha risuonato con gli elettori bianchi della classe operaia, in particolare quelli che vivono nelle ex città siderurgiche e manifatturiere. “Abili artigiani, commercianti e operai hanno visto i lavori che amavano spediti a migliaia di chilometri di distanza”, ha detto Trump in una manifestazione vicino a Pittsburgh, in Pennsylvania.

immigrazione

Trump ha promesso essenzialmente di bloccare i confini per impedire l’ingresso di terroristi, un appello agli elettori bianchi che non erano necessariamente preoccupati per i crimini commessi da immigrati privi di documenti con posti di lavoro ricoperti da loro. “Quello che faremo è prendere le persone che sono criminali e hanno precedenti penali, membri di gang, spacciatori di droga. Abbiamo molte di queste persone, probabilmente due milioni, potrebbero essere anche tre milioni, le stiamo tirando fuori da il nostro paese o andremo in carcere “, ha detto Trump. La posizione di Trump contrastava nettamente con la posizione di Clinton sull’immigrazione illegale.

James Comey e la sorpresa di ottobre dell’FBI

Uno scandalo per l’uso da parte di Clinton di un server di posta elettronica personale come segretario di Stato l’aveva perseguitata durante le prime parti della campagna. Ma la controversia sembrava essere dietro di lei nei giorni calanti delle elezioni del 2016. La maggior parte dei sondaggi nazionali in ottobre e nei primi giorni di novembre hanno mostrato che Clinton era in testa a Trump nel conteggio dei voti popolari; Anche i sondaggi sullo stato del campo di battaglia l’hanno mostrata avanti.

Ma 11 giorni prima delle elezioni, il direttore dell’FBI James Comey ha inviato una lettera al Congresso affermando che avrebbe esaminato le e-mail trovate su un computer portatile appartenente a un confidente di Clinton per determinare se fossero rilevanti per l’indagine allora chiusa sul suo uso dell’e-mail personale. server. La lettera metteva in dubbio le prospettive elettorali di Clinton. Quindi, due giorni prima del giorno delle elezioni, Comey ha rilasciato una nuova dichiarazione in cui entrambi hanno confermato che Clinton non ha fatto nulla di illegale, ma ha anche richiamato l’attenzione sul caso.

La Clinton ha incolpato direttamente Comey per la sua perdita dopo le elezioni. “La nostra analisi è che la lettera di Comey che solleva dubbi che erano infondati, privi di fondamento, dimostrato di essere, ha fermato il nostro slancio”, ha detto Clinton ai donatori in una telefonata post-elettorale, secondo i rapporti pubblicati.

Media gratuiti

Trump non ha speso un sacco di soldi cercando di vincere le elezioni. Non doveva. La sua campagna è stata trattata da molti dei principali media come uno spettacolo, come intrattenimento invece che come politica. Quindi Trump ha avuto un sacco di tempo di trasmissione gratuito sui notiziari via cavo e sulle principali reti. Gli analisti stimano che Trump abbia ricevuto 3 miliardi di dollari di media gratuiti entro la fine delle primarie e un totale di 5 miliardi di dollari entro la fine delle elezioni presidenziali.

“Mentre i ‘media liberi’ hanno a lungo svolto un ruolo importante nella nostra democrazia promuovendo il discorso politico e diffondendo informazioni elettorali, l’enormità della copertura su Trump mette in luce come i media potrebbero aver influenzato il corso delle elezioni”, gli analisti di mediaQuant ha scritto nel novembre del 2016. Priva di “media guadagnati” è la copertura diffusa che ha ricevuto dalle principali reti televisive.

Ha anche speso decine di milioni di dollari dei suoi stessi soldi, per lo più adempiendo a un voto di finanziare la propria campagna in modo da poter dipingere se stesso come libero da legami con interessi speciali. “Non ho bisogno dei soldi di nessuno. È bello. Sto usando i miei soldi. Non sto usando i lobbisti. Non sto usando i donatori. Non mi interessa. Sono davvero ricco.” ha detto annunciando la sua campagna nel giugno 2015.

La condiscendenza di Hillary Clinton verso gli elettori

Clinton non si è mai collegato agli elettori della classe lavoratrice. Forse era la sua ricchezza personale. Forse era il suo status di élite politica. Ma molto probabilmente aveva a che fare con la sua controversa interpretazione dei sostenitori di Trump come deplorevoli.

“Per essere grossolanamente generalisti, puoi mettere metà dei sostenitori di Trump in quello che io chiamo il paniere dei deplorevoli. Giusto? Razzista, sessista, omofobo, xenofobo, islamofobico, lo chiami”, ha detto Clinton solo due mesi prima delle elezioni. Clinton si è scusato per l’osservazione, ma il danno è stato fatto. Gli elettori che stavano sostenendo Donald Trump perché avevano paura del loro status nella classe media si sono rivolti fermamente contro Clinton.

Il vicepresidente di Trump Mike Pence ha capitalizzato l’errore di Clinton cristallizzando la natura condiscendente delle sue osservazioni. “La verità è che gli uomini e le donne che sostengono la campagna di Donald Trump sono americani laboriosi, agricoltori, minatori di carbone, insegnanti, veterani, membri della nostra comunità di forze dell’ordine, membri di ogni classe di questo paese, che lo sanno possiamo rendere l’America di nuovo grande “, ha detto Pence.

Gli elettori non volevano un terzo mandato per Obama

Indipendentemente dalla popolarità di Obama, è incredibilmente raro che i presidenti dello stesso partito vincano due mandati consecutivi alla Casa Bianca, in parte perché gli elettori si stancano di un presidente e del suo partito entro la fine di otto anni. Nel nostro sistema bipartitico, l’ultima volta che gli elettori elessero un democratico alla Casa Bianca dopo che un presidente dello stesso partito aveva appena scontato un intero mandato fu nel 1856, prima della guerra civile. Quello era James Buchanan.

Bernie Sanders e il divario di entusiasmo

Molti – non tutti, ma molti – sostenitori del senatore del Vermont Bernie Sanders non sono venuti a Clinton dopo che lei aveva vinto le brutali primarie democratiche, e ciò che molti pensavano, truccate. In una feroce critica ai sostenitori dei liberali di Sanders che non hanno sostenuto Clinton nelle elezioni generali, Kurt Eichenwald della rivista Newsweek ha scritto: 

“Inondati di false teorie del complotto e petulante immaturità, i liberali hanno messo Trump alla Casa Bianca. Trump ha vinto un po ‘meno voti di Romney nel 2012: 60.5 milioni rispetto a 60.9 milioni. D’altra parte, quasi 5 milioni di elettori di Obama sono rimasti a casa o hanno votato per qualcun altro. Più del doppio dei millennial – un gruppo fortemente investito nella fantasia “Sanders è stato imbrogliato dalla nomination” – ha votato terzo. La ridicola Jill Stein del Partito dei Verdi ha ottenuto 1.3 milioni di voti; quegli elettori quasi certamente si sono opposti a Trump; se solo gli elettori Stein nel Michigan avessero votato per Clinton, probabilmente avrebbe vinto lo stato. E non si sa quanti elettori di Sanders scontenti abbiano votato per Trump “.

Obamacare e premi sanitari

Le elezioni si tengono sempre a novembre. E novembre è tempo di iscrizioni aperte. Nel 2016, come negli anni precedenti, gli americani si stavano appena accorgendo che i loro premi di assicurazione sanitaria stavano aumentando drasticamente, compresi quelli che stavano acquistando piani sul mercato istituiti dall’Affordable Care Act del presidente Barack Obama, noto anche come Obamacare.

La Clinton ha sostenuto la maggior parte degli aspetti della revisione dell’assistenza sanitaria e gli elettori l’hanno incolpata per questo. Trump, invece, ha promesso di abrogare il programma.