Conservatorismo culturale

Non ci sono date certe per quando il conservatorismo culturale è arrivato sulla scena politica americana, ma è stato sicuramente dopo il 1987, il che ha portato alcune persone a credere che il movimento sia stato avviato dallo scrittore e filosofo Allan Bloom, che nel 1987 scrisse Closing of the American Mind , un best seller nazionale immediato e inaspettato. Mentre il libro è principalmente una condanna del fallimento del sistema universitario liberale americano, la sua critica ai movimenti sociali negli Stati Uniti ha forti sfumature culturali conservatrici. Per questo motivo, la maggior parte delle persone guarda a Bloom come al fondatore del movimento.

Ideologia

Spesso confuso con il conservatorismo sociale – che è più interessato a portare questioni sociali come l’aborto e il matrimonio tradizionale in primo piano nel dibattito – il conservatorismo culturale moderno si è allontanato dalla semplice anti-liberalizzazione della società che Bloom ha sposato. I conservatori culturali di oggi si attengono ai modi di pensare tradizionali anche di fronte a un cambiamento epocale. Credono fortemente nei valori tradizionali, nella politica tradizionale e spesso hanno un urgente senso di nazionalismo.

È nell’area dei valori tradizionali che i conservatori culturali si sovrappongono maggiormente ai conservatori sociali (e ad altri tipi di conservatori, del resto). Mentre i conservatori culturali tendono ad essere religiosi, è solo perché la religione gioca un ruolo così importante nella cultura degli Stati Uniti. I conservatori culturali, tuttavia, possono essere affiliati a qualsiasi sottocultura americana, ma se appartengono alla cultura cristiana, alla cultura protestante anglosassone o alla cultura afroamericana, tendono ad allinearsi strettamente con la propria. I conservatori culturali sono spesso accusati di razzismo, anche se i loro difetti (se emergono) possono essere più xenofobi che razzisti.

In misura molto più ampia dei valori tradizionali, il nazionalismo e la politica tradizionale sono principalmente ciò che riguarda i conservatori culturali. I due sono spesso fortemente intrecciati e si manifestano nei dibattiti politici nazionali sotto gli auspici della “riforma dell’immigrazione” e della “protezione della famiglia”. I conservatori culturali credono nel “comprare l’americano” e si oppongono all’introduzione di lingue straniere come lo spagnolo o il cinese sui segnali interstatali o sui bancomat.

critiche

Un conservatore culturale può non essere sempre un conservatore in tutte le altre questioni, ed è qui che i critici attaccano più spesso il movimento. Poiché il conservatorismo culturale non è facilmente definito in primo luogo, i critici dei conservatori culturali tendono a indicare incoerenze che in realtà non esistono. Ad esempio, i conservatori culturali sono in gran parte in silenzio (come Bloom) sulla questione dei diritti dei gay (la loro preoccupazione principale è l’interruzione del movimento con le tradizioni americane, non lo stile di vita gay stesso), i critici quindi sottolineano che questo è contraddittorio al movimento conservatore nel suo insieme, cosa che non è, dal momento che il conservatorismo in generale ha un significato così ampio.

Rilevanza politica

Il conservatorismo culturale nel pensiero comune americano ha sempre più sostituito il termine “diritto religioso”, anche se in realtà non sono le stesse cose. In effetti, i conservatori sociali hanno più in comune con il diritto religioso che con i conservatori culturali. Tuttavia, i conservatori culturali hanno goduto di un notevole successo a livello nazionale, soprattutto nelle elezioni presidenziali del 2008, dove l’immigrazione è diventata al centro del dibattito nazionale.

I conservatori culturali sono spesso raggruppati politicamente con altri tipi di conservatori, semplicemente perché il movimento non affronta strettamente questioni “a cuneo” come l’aborto, la religione e, come notato sopra, i diritti degli omosessuali. Il conservatorismo culturale spesso serve da trampolino di lancio per i nuovi arrivati ​​nel movimento conservatore che vogliono definirsi “conservatori” mentre determinano la loro posizione sulle questioni “a cuneo”. Una volta che sono in grado di definire le loro convinzioni e atteggiamenti, spesso si allontanano dal conservatorismo culturale e si dirigono verso un altro movimento più concentrato.