Presidenti degli Stati Uniti sotto accusa

Ci sono solo tre presidenti sotto accusa nella storia degli Stati Uniti, il che significa che solo tre presidenti sono stati accusati dalla Camera dei Rappresentanti di aver commesso “gravi crimini e misfatti”. Quei presidenti sono Andrew Johnson, Bill Clinton e Donald Trump.

Ad oggi, non è stato rimosso un presidente dall’incarico utilizzando il processo di impeachment. Andrew Johnson, Bill Clinton e Donald J. Trump non sono stati condannati dal Senato.

C’è solo un altro meccanismo stabilito nella Costituzione degli Stati Uniti, a parte la condanna per accuse di impeachment, che consente la rimozione di un presidente in fallimento. È delineato nel 25 ° emendamento, che contiene disposizioni per la rimozione forzata di un presidente che è diventato fisicamente incapace di servire.

Come con il processo di impeachment, il 25 ° emendamento non è mai stato utilizzato per rimuovere un presidente dall’incarico.

1: 33

Guarda ora: una breve storia di presidenti accusati

Raramente invocato

La rimozione forzata di un presidente non è un argomento che viene preso alla leggera tra gli elettori e i membri del Congresso, sebbene l’atmosfera altamente partigiana abbia reso più comune per gli oppositori convinti di un presidente far circolare voci sull’impeachment.

In effetti, i tre presidenti più recenti hanno subito i suggerimenti di alcuni membri del Congresso di essere messi sotto accusa: George W. Bush per la sua gestione della guerra in Iraq, Barack Obama per la gestione di Bengasi e altri scandali da parte della sua amministrazione, e Donald Trump, il cui comportamento irregolare è diventato una delle principali preoccupazioni tra alcuni membri del Congresso.

La Camera nel 2019 ha aperto un’indagine di impeachment sulla conversazione di Trump con il presidente ucraino, in cui è stato accusato di legare gli aiuti militari alle informazioni politiche sull’ex vicepresidente democratico Joe Biden e suo figlio Hunter Biden. Trump, pur ammettendo di aver chiesto all’Ucraina di esaminare i rapporti di Hunter Biden nel consiglio di amministrazione di una compagnia di gas ucraina, ha negato che ci fosse un quid pro quo. Il 18 dicembre 2019, la Camera ha votato su due articoli di impeachment: abuso di potere e ostruzione al Congresso. Entrambe le accuse sono passate in gran parte lungo le linee del partito alla Camera controllata dai Democratici.

Tuttavia, discussioni serie sull’impeachment di un presidente si sono verificate raramente nella storia della nostra nazione a causa dei danni che possono causare alla repubblica.

Fino all’impeachment di Trump, molti americani in vita oggi potevano nominare solo un presidente impeachmentato, William Jefferson Clinton. Ciò è dovuto alla natura salace dell’affare Monica Lewinsky e alla rapidità e completezza con cui i dettagli si sono diffusi su Internet quando è diventato commercialmente accessibile per la prima volta.

Ma la prima impeachment è arrivata più di un secolo prima, poiché i nostri leader politici stavano cercando di riunire la nazione dopo la guerra civile, molto prima che Clinton affrontasse le accuse di falsa testimonianza e ostruzione alla giustizia nel 1998.

Elenco dei presidenti accusati

Ecco uno sguardo ai presidenti che sono stati messi sotto accusa prima di Trump, più una coppia che è arrivata molto vicino a essere messa sotto accusa.

Andrew Johnson

Mathew Brady, ritoccato da Mmxx / Wikimedia Commons / Public Domain

Johnson, il 17 ° presidente degli Stati Uniti, è stato accusato di aver violato il Tenure of Office Act, tra gli altri crimini. La legge del 1867 richiedeva l’approvazione del Senato prima che un presidente potesse rimuovere qualsiasi membro del suo gabinetto che fosse stato confermato dalla camera alta del Congresso.

La Camera votò per mettere sotto accusa Johnson il 24 febbraio 1868, tre giorni dopo aver lasciato il suo segretario alla guerra, un repubblicano radicale di nome Edwin M. Stanton.

La mossa di Johnson seguì ripetuti scontri con il Congresso repubblicano su come trattare il Sud durante il processo di ricostruzione. I repubblicani radicali consideravano Johnson troppo solidale con gli ex schiavisti. Erano indignati per il fatto che avesse posto il veto alla loro legislazione che proteggeva i diritti delle persone precedentemente schiave.

Il Senato, tuttavia, non è riuscito a condannare Johnson, anche se i repubblicani detenevano più dei due terzi dei seggi nella camera alta. L’assoluzione non ha suggerito che i senatori fossero a sostegno delle politiche del presidente. Invece, “una minoranza sufficiente desiderava proteggere la carica di presidente e preservare l’equilibrio costituzionale dei poteri”. 

Johnson è stato risparmiato dalla condanna e dall’espulsione dall’incarico con un solo voto.

Bill Clinton

Opus Penguin / Flickr / CC BY 2.0

Clinton, il 42esimo presidente della nazione, è stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti il ​​19 dicembre 1998. È stato accusato di aver fuorviato un gran giurì sulla sua relazione extraconiugale con Monica Lewinsky alla Casa Bianca e poi ha persuaso altri a mentire anche su questo.

Le accuse contro Clinton erano spergiuro e ostruzione alla giustizia. Dopo un processo, il 12 febbraio 1999 il Senato ha assolto Clinton da entrambe le accuse.

Ha continuato a scusarsi per la relazione e completare il suo secondo mandato in carica, raccontando a un pubblico americano affascinato e polarizzato:

“In effetti, ho avuto un rapporto con la signorina Lewinsky che non era appropriato. In effetti, era sbagliato. Ha costituito un errore critico di giudizio e un fallimento personale da parte mia, di cui sono l’unico e completamente responsabile.”

Donald Trump

John Moore / Getty Images

Donald Trump, il 45 ° presidente della nazione, è stato messo sotto accusa il 18 dicembre 2019, quando la Camera dei rappresentanti ha approvato articoli di impeachment accusandolo di abuso di potere e ostruzione al Congresso. Le accuse derivavano da una telefonata del 25 luglio 2019 tra Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy. Durante questa chiamata, Trump avrebbe offerto di rilasciare 400 milioni di dollari in aiuti militari statunitensi all’Ucraina in cambio dell’accordo di Zelenskiy per annunciare pubblicamente un’indagine sul candidato presidenziale democratico del 2020 Joe Biden e suo figlio Hunter, che avevano rapporti d’affari con la compagnia di gas ucraina Burisma. L’impeachment è arrivato dopo che un’indagine formale della Camera ha scoperto che Trump aveva abusato del suo potere concesso dalla Costituzione sollecitando l’assistenza politica e l’interferenza di un governo straniero nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 e aveva ostacolato il Congresso impedendo ai funzionari dell’amministrazione di conformarsi alle citazioni in giudizio che chiedevano la loro testimonianza nell’inchiesta .

Le votazioni finali sull’impeachment della Camera, tenutesi il 18 dicembre 2019, sono cadute principalmente lungo le linee del partito. Sull’articolo I (Abuso di potere) il voto è stato 230-197, con 2 democratici contrari. Sull’Articolo II (Ostacolo al Congresso) il voto fu 229-198, con 3 Democratici contrari.

Ai sensi dell’articolo I, sezione 3, clausola 6 della Costituzione degli Stati Uniti, gli articoli di impeachment contro il presidente Trump sono stati quindi inviati al Senato per un processo. Se la maggioranza dei due terzi dei senatori presenti avesse votato per condannarlo, Trump sarebbe stato rimosso dall’incarico e sostituito dal vicepresidente Mike Pence. Nel processo al Senato, il giudice capo della Corte Suprema John Roberts ha prestato servizio come giudice, con i singoli senatori che hanno prestato giuramento come giurati. A differenza della Camera controllata dai democratici, i repubblicani avevano una maggioranza di voti di 53-47 al Senato. Tuttavia, agendo come giurati nel processo di impeachment, i senatori devono giurare che “renderanno giustizia imparziale secondo la Costituzione e le leggi” e così via.

Il processo di impeachment del Senato è iniziato il 16 gennaio 2020 e si è concluso il 5 febbraio 2020, con il voto del Senato per assolvere il presidente Trump da entrambe le accuse elencate negli articoli di impeachment.

Quasi messo sotto accusa

Bachrach / Getty Images

Sebbene Andrew Johnson, Bill Clinton e Donald Trump siano gli unici presidenti ad essere stati messi sotto accusa, altri due sono arrivati ​​molto vicini all’accusa di crimini.

Uno di loro, Richard M. Nixon, sarebbe stato sicuramente messo sotto accusa e condannato nel 1974. Nixon, il 37 ° presidente degli Stati Uniti, si è dimesso prima di essere processato per l’irruzione nel 1972 presso la sede del Partito Democratico, che divenne noto come lo scandalo Watergate.

Il primo presidente ad avvicinarsi pericolosamente all’impeachment è stato John Tyler, il decimo presidente della nazione. Una risoluzione di impeachment è stata introdotta alla Camera dei Rappresentanti dopo che il suo veto su un disegno di legge ha fatto arrabbiare i legislatori.

L’iniziativa di impeachment è fallita.

Perché non è più comune

L’impeachment è un processo molto cupo nella politica americana, che è stato usato con parsimonia e con la consapevolezza che i legislatori vi entrano con uno straordinario onere della prova.

Il risultato, la rimozione di un presidente americano scelto dalla cittadinanza, non ha precedenti. Solo i reati più gravi dovrebbero mai essere perseguiti con meccanismi di impeachment di un presidente, e nella Costituzione degli Stati Uniti sono definiti “tradimento, corruzione o altri crimini gravi e delitti”.