10 curiosità e curiosità sul fosforo

Il fosforo è l’elemento 15 sulla tavola periodica, con il simbolo dell’elemento P. Poiché è così chimicamente reattivo, il fosforo non si trova mai libero in natura, eppure incontri questo elemento nei composti e nel tuo corpo. Ecco 10 fatti interessanti sul fosforo:

Fatti interessanti sul fosforo

  1. Il fosforo fu scoperto nel 1669 da Hennig Brand in Germania. Fosforo isolato di marca dall’urina. La scoperta ha reso Brand la prima persona a scoprire un nuovo elemento. Altri elementi come l’oro e il ferro erano noti prima di allora, ma nessuna persona specifica li ha trovati.
  2. Brand ha chiamato il nuovo elemento “fuoco freddo” perché brillava nell’oscurità. Il nome dell’elemento deriva dalla parola greca phosphoros, che significa “portatore di luce”. La forma di fosforo che Brand ha scoperto era il fosforo bianco, che reagisce con l’ossigeno nell’aria per produrre una luce bianco-verde. Anche se potresti pensare che il bagliore sarebbe fosforescenza, il fosforo è chemiluminescente e non fosforescente. Solo l’allotropo bianco o la forma del fosforo brilla nell’oscurità.
  3. Alcuni testi si riferiscono al fosforo come “Elemento del diavolo” a causa del suo bagliore inquietante, della tendenza a prendere fuoco e perché era il tredicesimo elemento conosciuto.
  4. Come altri metalli non metallici, il fosforo puro assume forme notevolmente diverse. Ci sono almeno cinque allotropi del fosforo. Oltre al fosforo bianco, c’è il fosforo rosso, viola e nero. In condizioni normali, il fosforo rosso e bianco sono le forme più comuni.
  5. Mentre le proprietà del fosforo dipendono dall’allotropo, condividono caratteristiche non metalliche comuni. Il fosforo è un cattivo conduttore di calore ed elettricità, ad eccezione del fosforo nero. Tutti i tipi di fosforo sono solidi a temperatura ambiente. La forma bianca (a volte chiamata fosforo giallo) ricorda la cera, le forme rossa e viola sono solidi non cristallini, mentre l’allotropo nero ricorda la grafite nella mina di una matita. L’elemento puro è reattivo, tanto che la forma bianca si accenderà spontaneamente nell’aria. Il fosforo ha tipicamente uno stato di ossidazione di +3 o +5.
  6. Il fosforo è essenziale per gli organismi viventi. Ci sono circa 750 grammi di fosforo nell’adulto medio. Nel corpo umano, si trova nel DNA, nelle ossa e come ione utilizzato per la contrazione muscolare e la conduzione nervosa. Il fosforo puro, tuttavia, può essere mortale. Il fosforo bianco, in particolare, è associato a effetti negativi sulla salute. Gli abbinamenti realizzati utilizzando fosforo bianco sono associati a una malattia nota come mascella phossy che causa sfigurazione e morte. Il contatto con il fosforo bianco può causare ustioni chimiche. Il fosforo rosso è un’alternativa più sicura ed è considerato non tossico.
  7. Il fosforo naturale è costituito da un isotopo stabile, il fosforo-31. Sono noti almeno 23 isotopi dell’elemento.
  8. L’uso principale del fosforo è per la produzione di fertilizzanti. L’elemento viene anche utilizzato in razzi, fiammiferi di sicurezza, diodi emettitori di luce e produzione di acciaio. I fosfati sono usati in alcuni detergenti. Il fosforo rosso è anche una delle sostanze chimiche utilizzate nella produzione illegale di metanfetamine.
  9. Secondo uno studio pubblicato negli Atti delle Accademie Nazionali delle Scienze, il fosforo potrebbe essere stato portato sulla Terra dai meteoriti. Il rilascio di composti di fosforo visto all’inizio della storia della Terra (ma non oggi) ha contribuito alle condizioni necessarie per l’origine della vita. Il fosforo è abbondante nella crosta terrestre ad una concentrazione di circa 1,050 parti per milione, in peso.
  10. Mentre è certamente possibile isolare il fosforo dall’urina o dalle ossa, oggi l’elemento è isolato dai minerali contenenti fosfato. Il fosforo si ottiene dal fosfato di calcio riscaldando la roccia in un forno per produrre vapore di tetrafosforo. Il vapore viene condensato in fosforo sott’acqua per prevenire l’accensione.

fonti

  • Greenwood, NN; & Earnshaw, A. (1997). Chimica degli elementi (2a edizione), Oxford: Butterworth-Heinemann.
  • Hammond, CR (2000). The Elements, in Handbook of Chemistry and Physics (81 ° ed.). Premere CRC.
  • Meija, J .; et al. (2016). “Pesi atomici degli elementi 2013 (Rapporto tecnico IUPAC)”. Chimica pura e applicata. 88 (3): 265–91.
  • Weast, Robert (1984). CRC, Manuale di chimica e fisica. Boca Raton, Florida: pubblicazione di Chemical Rubber Company. pp. E110.