17 citazioni ispiratrici di Mae Jemison

Mae Jemison (nata il 17 ottobre 1956) è diventata la prima donna astronauta afroamericana nel 1987. Ispirata sia da Sally Ride, la prima astronauta americana, sia dal ritratto di Nichelle Nichols del tenente Uhura in “Star Trek”, Jemison ha applicato nel 1983. Il programma era stato sospeso in seguito al disastro del Challenger del 1986, ma Jemison è stato accettato dopo la riapertura nel 1987. Lo specialista di missione Mae Jemison ha volato la sua unica missione nel 1992 a bordo della navetta Endeavour.

Nato in Alabama ma cresciuto a Chicago, Jemison ha avuto un interesse per la scienza sin dalla tenera età. Sebbene il primo programma spaziale non avesse astronaute donne – o astronaute nere, del resto – Jemison era determinato. Ha iniziato il college alla Stanford University all’età di 16 anni, si è laureata in ingegneria e ha seguito la scuola di medicina al Cornell Medical College.

Jemison era un medico e scienziato che ha anche trascorso del tempo con i Peace Corps prima di presentare domanda alla NASA. Dopo aver lasciato il programma spaziale della NASA per perseguire il suo interesse per l’intersezione tra scienze sociali e tecnologia, Jemison divenne professore prima a Dartmouth, poi alla Cornell. Continua a usare le sue conoscenze per sostenere gli sforzi educativi e incoraggiare la curiosità e la sperimentazione scientifica, soprattutto tra i giovani.

Sull’immaginazione

“Non lasciare che nessuno ti derubi della tua immaginazione, della tua creatività o della tua curiosità. È il tuo posto nel mondo; è la tua vita. Vai avanti e fai tutto ciò che puoi, e rendila la vita che vuoi vivere. ”

“Non essere mai limitato dall’immaginazione limitata di altre persone … Se adotti i loro atteggiamenti, allora la possibilità non esisterà perché l’hai già esclusa … Puoi sentire la saggezza degli altri, ma devi rivaluta il mondo da solo. ”

“Il modo migliore per realizzare i sogni è svegliarsi.”

Sull’essere te stesso

“A volte le persone hanno già deciso chi sei senza che la tua storia risplenda.”

“La cosa che ho fatto nella mia vita è fare il miglior lavoro possibile ed essere me stesso”.

Sulle donne

“Ci sono state molte altre donne che avevano talento e capacità prima di me. Penso che questo possa essere visto come un’affermazione che stiamo andando avanti. E spero che significhi che sono solo la prima di una lunga serie. ‘

“Più donne dovrebbero chiedere di essere coinvolte. È un nostro diritto. Questa è un’area in cui possiamo entrare al piano terra e possibilmente aiutare a dirigere dove andrà l’esplorazione spaziale in futuro”.

Sull’essere nero

“Le persone possono vedere gli astronauti e poiché la maggior parte sono maschi bianchi, tendono a pensare che non abbia nulla a che fare con loro. Ma è così”.

“Quando mi viene chiesto della rilevanza per i neri di ciò che faccio, lo prendo come un affronto. Presuppone che i neri non siano mai stati coinvolti nell’esplorazione dei cieli, ma non è così. Antichi imperi africani – Mali, Songhai, Egitto – aveva scienziati, astronomi. Il fatto è che lo spazio e le sue risorse appartengono a tutti noi, non a un gruppo qualsiasi “.

Sulla scienza

“È importante che gli scienziati siano consapevoli di ciò che le nostre scoperte significano, socialmente e politicamente. È un nobile obiettivo che la scienza debba essere apolitica, culturale e asociale, ma non può esserlo, perché è fatto da persone che sono tutte quelle cose.”

“Non so se essere stato nello spazio mi dia un’idea migliore se la vita potrebbe esistere su altri pianeti. La realtà è che sappiamo che questo universo, quella nostra galassia, ha miliardi di stelle. Sappiamo che le stelle hanno pianeti . Quindi la probabilità che ci sia vita da qualche altra parte per me è assolutamente lì. ”

“La scienza è molto importante per me, ma mi piace anche sottolineare che devi essere a tutto tondo. L’amore per la scienza non si sbarazza di tutte le altre aree. Sento veramente che qualcuno interessato alla scienza sia interessato a capire cosa in corso nel mondo. Ciò significa che devi informarti sulle scienze sociali, l’arte e la politica “.

“Se ci pensi, HG Wells scrisse ‘First Men in the Moon’ nel 1901. Immagina quanto fosse incredula, fantastica quell’idea nel 1901. Non avevamo razzi, non avevamo i materiali, e lo eravamo ‘ t davvero volare. È stato incredibile. Meno di 100 anni dopo, eravamo sulla luna “.

“Mentre orbita attorno alla Terra con la navetta, il cielo sembra esattamente come appare qui sulla Terra, tranne che le stelle sono più luminose. Quindi, vediamo gli stessi pianeti, e hanno lo stesso aspetto di come guardano qui.”

Essere felice

“Voglio essere sicuro di utilizzare tutto il nostro talento, non solo il 25 percento”.

“Presta attenzione al mondo che ti circonda e poi trova i luoghi in cui pensi di essere bravo. Segui la tua felicità – e la felicità non significa che sia facile!”

“In un certo senso, avrei potuto essere visto più avanti se avessi preso una strada più facile, ma ogni tanto mi fermo e penso che probabilmente non sarei stato felice”.

fonti

  • Cooper, Desiree. “Stargazer trasformato in astronauta dà credito al sogno MLK”. Detroit Free Press, Peace Corps Online, 20 gennaio 2008.
  • Fortney, Albert. “The Fortney Enciclical Black History: The World’s True Black History”. Edizione ristampa, brossura, Xlibris US, 15 gennaio 2016.
  • Oro, Lauren. “L’ex astronauta della navetta Endeavour Mae C. Jemison incoraggia gli studenti a pensare come scienziati”. Cornell Chronicle, Cornell University, 11 luglio 2005.
  • Jemison, dottoressa Mae. “Trova dove va il vento: momenti della mia vita”. Copertina rigida, 1 edizione, Scholastic Press, 1 aprile 2001.