4 Fatti sulle prenotazioni delle popolazioni indigene

Il termine “riserva indiana” si riferisce al territorio ancestrale ancora occupato da una nazione indigena. Mentre ci sono circa 574 tribù riconosciute a livello federale negli Stati Uniti, ci sono solo circa 326 prenotazioni.

Ciò significa che quasi un terzo di tutte le tribù attualmente riconosciute a livello federale hanno perso le loro basi terrestri a causa della colonizzazione. C’erano ben più di 1,000 tribù esistenti prima della formazione degli Stati Uniti, ma molte rischiarono l’estinzione a causa di malattie straniere o semplicemente non furono riconosciute politicamente dagli Stati Uniti

Formazione iniziale

Contrariamente all’opinione popolare, le riserve non sono terre date ai popoli indigeni dal governo degli Stati Uniti. È vero il contrario; la terra è stata data agli Stati Uniti dalle tribù attraverso i trattati. Quelle che ora sono riserve sono la terra trattenuta dalle tribù dopo le cessioni fondiarie basate sui trattati (per non parlare di altri meccanismi con cui gli Stati Uniti hanno sequestrato terre indigene senza consenso). Le riserve indigene vengono create in uno dei tre modi seguenti: per trattato, per ordine esecutivo del presidente o per atto del Congresso.

Land in Trust

In base alla legge indigena federale, le riserve indigene sono terre detenute dal governo federale per le tribù. Ciò significa problematicamente che le tribù tecnicamente non possiedono il titolo sulle proprie terre, ma il rapporto di fiducia tra le tribù e gli Stati Uniti impone che gli Stati Uniti abbiano la responsabilità fiduciaria di amministrare e gestire le terre e le risorse a vantaggio delle tribù.

Storicamente, gli Stati Uniti hanno fallito miseramente nelle loro responsabilità di gestione. Le politiche federali hanno portato a massicce perdite di terre e grave negligenza nell’estrazione di risorse nelle terre di riserva. Ad esempio, l’estrazione dell’uranio nel sud-ovest ha portato a livelli drammatici di cancro nella nazione Navajo e in altre tribù Pueblo. La cattiva gestione delle terre di fiducia ha anche portato alla più grande azione legale collettiva nella storia degli Stati Uniti, nota come il caso Cobell; è stato risolto dall’amministrazione Obama dopo 15 anni di contenzioso.

Realtà socioeconomiche

Generazioni di legislatori hanno riconosciuto i fallimenti delle politiche federali in questi casi. Queste politiche hanno costantemente portato ai più alti livelli di povertà e altri indicatori sociali negativi rispetto a tutte le altre popolazioni negli Stati Uniti, inclusi l’abuso di sostanze, i tassi di mortalità, l’istruzione e altri. Le politiche e le leggi moderne hanno cercato di promuovere l’indipendenza e lo sviluppo economico nelle riserve. Una di queste leggi, l’Indian Gaming Regulatory Act del 1988, riconosce i diritti delle popolazioni indigene di gestire i casinò nelle loro terre. Sebbene il gioco abbia prodotto un effetto economico complessivamente positivo nei territori indigeni, pochissimi hanno realizzato una ricchezza significativa grazie ai casinò.

Conservazione culturale

Tra i risultati di politiche federali disastrose c’è il fatto che la maggior parte dei popoli indigeni non vive più nelle riserve. È vero che la vita nella riserva è molto difficile in qualche modo, ma la maggior parte dei membri tribali che possono far risalire i propri antenati a una particolare riserva tendono a considerarla come a casa. Le culture delle popolazioni indigene riflettono spesso il loro rapporto con la terra e la loro continuità su di essa, anche quando hanno subito sfollamenti e trasferimenti.

Le prenotazioni sono centri di conservazione e rivitalizzazione culturale. Anche se il processo di colonizzazione ha provocato molta perdita di cultura, molto è ancora conservato poiché i popoli indigeni si sono adattati alla vita moderna. Le prenotazioni sono luoghi in cui si parlano ancora le lingue tradizionali, dove si creano ancora arti e mestieri tradizionali, dove si svolgono ancora danze e cerimonie antiche e dove si raccontano ancora le storie delle origini.