Biografia di Lucy Burns

Lucy Burns ha svolto un ruolo chiave nell’ala militante del movimento per il suffragio americano e nella vittoria finale del 19 ° emendamento.

Occupazione: Attivista, insegnante, studioso

date: 28 luglio 1879-22 dicembre 1966

Sfondo, famiglia

  • Padre: Edward Burns
  • Fratelli: quarto di sette

Educazione

  • Parker Collegiate Institute, precedentemente Brooklyn Female Academy, una scuola preparatoria a Brooklyn
  • Vassar College, laureato nel 1902
  • Laureato presso l’Università di Yale, le Università di Bonn, Berlino e Oxford

Altro su Lucy Burns

Lucy Burns è nata a Brooklyn, New York, nel 1879. La sua famiglia cattolica irlandese era favorevole all’istruzione, anche per le ragazze, e Lucy Burns si è laureata al Vassar College nel 1902.

Per un breve periodo come insegnante di inglese in una scuola superiore pubblica a Brooklyn, Lucy Burns ha trascorso diversi anni in studi internazionali in Germania e poi in Inghilterra, studiando linguistica e inglese.

Il suffragio femminile nel Regno Unito

In Inghilterra, Lucy Burns ha incontrato i Pankhurst: Emmeline Pankhurst e le figlie Christabel e Sylvia. È stata coinvolta nell’ala più militante del movimento, con i Pankhurst sono stati associati e organizzati dalla Women’s Social and Political Union (WPSU).

Nel 1909, Lucy Burns organizzò una parata per il suffragio in Scozia. Ha parlato pubblicamente per il suffragio, spesso indossando una piccola spilla con bandiera americana. Arrestata frequentemente per il suo attivismo, Lucy Burns ha abbandonato gli studi per lavorare a tempo pieno per il movimento per il suffragio come organizzatrice per l’Unione sociale e politica delle donne. Burns ha imparato molto sull’attivismo e molto, in particolare, sulla stampa e le pubbliche relazioni come parte di una campagna di suffragio.

Lucy Burns e Alice Paul

Mentre si trovava in una stazione di polizia a Londra dopo un evento WPSU, Lucy Burns ha incontrato Alice Paul, un altro partecipante americano alle proteste lì. I due divennero amici e collaboratori nel movimento per il suffragio, iniziando a considerare quale potesse essere il risultato di portare queste tattiche più militanti al movimento americano, a lungo bloccato nella sua lotta per il suffragio.

Il movimento di suffragio delle donne americane

Burns tornò negli Stati Uniti nel 1912. Burns e Alice Paul si unirono alla National American Woman Suffrage Association (NAWSA), allora guidata da Anna Howard Shaw, diventando leader nel Comitato del Congresso all’interno di quell’organizzazione. I due presentarono una proposta alla convenzione del 1912, sostenendo di ritenere qualunque partito fosse al potere responsabile per l’approvazione del suffragio femminile, rendendo il partito l’obiettivo dell’opposizione degli elettori pro-suffragio se non lo avessero fatto. Hanno anche sostenuto un’azione federale sul suffragio, dove la NAWSA aveva adottato un approccio stato per stato.

Anche con l’aiuto di Jane Addams, Lucy Burns e Alice Paul non sono riuscite a ottenere l’approvazione del loro piano. La NAWSA ha anche votato per non sostenere finanziariamente il Comitato del Congresso, sebbene abbia accettato una proposta per una marcia per il suffragio durante l’inaugurazione di Wilson nel 1913, una che fu infamemente attaccata e duecento manifestanti furono feriti e che riportò l’attenzione dell’opinione pubblica sul movimento per il suffragio.

Unione congressuale per il suffragio femminile

Così Burns e Paul formarono l’Unione del Congresso – ancora parte della NAWSA (e incluso il nome NAWSA), ma organizzata e finanziata separatamente. Lucy Burns è stata eletta come uno dei dirigenti della nuova organizzazione. Nell’aprile del 1913, la NAWSA chiese che l’Unione del Congresso non usasse più la NAWSA nel titolo. L’Unione del Congresso è stata quindi ammessa come ausiliaria della NAWSA.

Alla convenzione NAWSA del 1913, Burns e Paul fecero di nuovo proposte per un’azione politica radicale: con i Democratici al controllo della Casa Bianca e del Congresso, la proposta avrebbe preso di mira tutti gli operatori storici se non fossero riusciti a sostenere il suffragio femminile federale. Le azioni del presidente Wilson, in particolare, hanno fatto arrabbiare molti dei suffragisti: prima ha approvato il suffragio, poi non ha incluso il suffragio nel suo discorso sullo stato dell’Unione, poi si è scusato dall’incontrare i rappresentanti del movimento per il suffragio, e infine si è ritirato dal suo sostegno dell’azione di suffragio federale a favore delle decisioni statali.

Il rapporto di lavoro dell’Unione congressuale e NAWSA non ebbe successo e il 12 febbraio 1914 le due organizzazioni si separarono ufficialmente. NAWSA è rimasta impegnata a favore del suffragio stato per stato, compreso il sostegno a un emendamento costituzionale nazionale che avrebbe reso più semplice l’introduzione dei voti per il suffragio femminile negli stati rimanenti.

Lucy Burns e Alice Paul vedevano questo sostegno come mezze misure e l’Unione del Congresso si mise al lavoro nel 1914 per sconfiggere i Democratici alle elezioni del Congresso. Lucy Burns è andata in California per organizzare le votazioni femminili lì.

Nel 1915, Anna Howard Shaw si era ritirata dalla presidenza NAWSA e Carrie Chapman Catt aveva preso il suo posto, ma Catt credeva anche nel lavorare stato per stato e nel lavorare con il partito al potere, non contro di esso. Lucy Burns divenne redattore del giornale del Congressional Union, The Suffragist, e continuò a lavorare per un’azione più federale e con più militanza. Nel dicembre del 1915, un tentativo di riunire la NAWSA e l’Unione del Congresso fallì.

Picchettaggio, proteste e prigione

Burns e Paul iniziarono quindi a lavorare per formare un National Woman’s Party (NWP), con una convenzione di fondazione nel giugno del 1916, con l’obiettivo principale di approvare un emendamento sul suffragio federale. Burns ha applicato le sue capacità di organizzatrice e pubblicista ed è stata la chiave del lavoro del NWP.

Il National Woman’s Party ha iniziato una campagna di picchetti davanti alla Casa Bianca. Molti, incluso Burns, si opposero all’ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale e non smisero di picchettare in nome del patriottismo e dell’unità nazionale. La polizia ha arrestato i manifestanti, più e più volte, e Burns è stato tra quelli mandati a Occoquan Workhouse per protestare.

In carcere, Burns ha continuato a organizzarsi, imitando gli scioperi della fame dei lavoratori del suffragio britannico con cui Burns è stato vissuto. Ha anche lavorato per organizzare i prigionieri nel dichiararsi prigionieri politici e rivendicare diritti in quanto tali.

Burns è stata arrestata per ulteriori proteste dopo essere stata rilasciata dal carcere, e si trovava a Occoquan Workhouse durante la famigerata “Notte del terrore” quando le donne prigioniere sono state sottoposte a trattamenti brutali e hanno rifiutato l’assistenza medica. Dopo che i prigionieri hanno risposto con uno sciopero della fame, i funzionari della prigione hanno iniziato ad alimentare forzatamente le donne, inclusa Lucy Burns, che è stata trattenuta da cinque guardie e un tubo di alimentazione forzato nelle sue narici.

Wilson risponde

La pubblicità sul trattamento delle donne incarcerate ha infine spinto l’amministrazione Wilson ad agire. L’emendamento Anthony (chiamato per Susan B. Anthony), che avrebbe dato alle donne il voto a livello nazionale, fu approvato dalla Camera dei Rappresentanti nel 1918, anche se fallì al Senato nello stesso anno. Burns e Paul guidarono il NWP nel riprendere le proteste alla Casa Bianca – e più incarcerazioni – così come nel lavorare per sostenere l’elezione di più candidati pro-suffragio.

Nel maggio del 1919, il presidente Wilson convocò una sessione speciale del Congresso per considerare l’emendamento Anthony. La Camera lo ha approvato a maggio e il Senato lo ha seguito all’inizio di giugno. Quindi gli attivisti per il suffragio, incluso nel National Women’s Party, lavorarono per la ratifica dello stato, ottenendo infine la ratifica quando il Tennessee votò a favore dell’emendamento nell’agosto 1920.

Pensionamento

Lucy Burns si è ritirata dalla vita pubblica e dall’attivismo. Era amareggiata per le molte donne, soprattutto sposate, che non lavoravano per il suffragio, e per quelle che riteneva non fossero sufficientemente militanti a sostegno del suffragio. Si ritirò a Brooklyn, vivendo con due delle sue sorelle anche loro non sposate, e allevò la figlia di un’altra delle sue sorelle che morì poco dopo il parto. Era attiva nella sua chiesa cattolica romana. Morì a Brooklyn nel 1966.

Religione: cattolico romano

organizzazioni: Congressional Union for Women Suffrage, National Woman’s Party