Come è morto Hatshepsut?

Hatshepsut, noto anche come Maatkare, era un faraone della XVIII dinastia dell’antico Egitto. Ha governato più a lungo di qualsiasi altra donna che conosciamo che era un’egiziana indigena. Ha ufficialmente governato come co-sovrano con il suo figliastro, Thutmose III, ma aveva assunto i poteri come faraone lei stessa per un periodo compreso tra 18 e 7 anni. Era una delle poche donne a governare come faraone.

Hatshepsut morì all’età di circa 50 anni, secondo una stele ad Armant. Quella data è stata fissata al 16 gennaio 1458 aEV da alcuni. Nessuna fonte contemporanea, inclusa quella stele, menziona come è morta. La sua mummia non era nella sua tomba preparata e molti dei segni della sua esistenza erano stati cancellati o sovrascritti, quindi la causa della morte era una questione di speculazione.

Speculazione senza una mummia

Alla fine del diciannovesimo e per tutto il ventesimo secolo, gli studiosi hanno speculato sulla causa della sua morte. Morì poco dopo il ritorno di Thutmose III da una campagna militare come capo degli eserciti. Poiché apparentemente la sua mummia era stata persa o distrutta, e Thutmose III aveva apparentemente cercato di cancellare il suo regno, contando il suo regno dalla morte di suo padre e cancellando i segni del suo governo, alcuni hanno ipotizzato che il suo figliastro Thutmose III potesse averla uccisa.

Alla ricerca della mummia di Hatshepsut

Hatshepsut aveva preparato una tomba per se stessa come Grande Moglie Reale di Thutmosi II. Dopo essersi dichiarata governante, iniziò una nuova tomba più appropriata per colui che aveva governato come faraone. Ha iniziato a migliorare la tomba di suo padre Thutmose I, aggiungendo una nuova camera. O Thutmose III o suo figlio, Amenhotep II, spostarono Thutmose I in una tomba diversa, e fu suggerito che la mummia di Hatshepsut fosse invece collocata nella tomba della sua nutrice.

Howard Carter ha scoperto due mummie femminili nella tomba della balia di Hatshepsut, e una di queste era il corpo identificato nel 2007 come la mummia di Hatshepsut da Zahi Hawass. (Zahi Hawass è un egittologo ed ex ministro di Stato per gli affari delle antichità in Egitto che era controverso sia per l’auto-promozione che per lo stretto controllo quando era responsabile dei siti archeologici. Era un forte sostenitore del ritorno delle antichità egiziane in Egitto da musei del mondo.)

Mummia identificata come Hatshepsut: le prove per la causa della morte

Supponendo che l’identificazione sia corretta, sappiamo di più sulle probabili cause della sua morte. La mummia mostra segni di artrite, molte cavità dentali e infiammazioni e tasche delle radici, diabete e cancro alle ossa metastatizzato (il sito originale non può essere identificato; potrebbe essere stato nei tessuti molli come i polmoni o il seno). Era anche obesa. Alcuni altri segni mostrano la probabilità di malattie della pelle.

Coloro che hanno esaminato la mummia hanno concluso che è molto probabile che il cancro metastatizzato l’abbia uccisa.

Un’altra teoria deriva dall’infiammazione della radice dentale e dalle tasche. In questa teoria, l’estrazione di un dente ha provocato un ascesso che, nella sua condizione indebolita dal cancro, è stato ciò che l’ha effettivamente uccisa.

La crema per la pelle ha ucciso Hatshepsut?

Nel 2011, i ricercatori in Germania hanno identificato una sostanza cancerogena in una fiala identificata con Hatshepsut, inducendo a ipotizzare che potesse aver usato una lozione o un unguento per ragioni estetiche o per trattare una condizione della pelle, e questo ha portato al cancro. Non tutti accettano la fiaschetta come effettivamente connessa con Hatshepsut o addirittura contemporanea alla sua vita.

Cause innaturali

Non c’erano prove trovate dalla mummia di cause innaturali di morte, anche se gli accademici avevano a lungo pensato che la sua morte potesse essere stata affrettata dai nemici, forse anche dal figliastro. Ma una borsa di studio più recente non accetta che il suo figliastro ed erede fosse in conflitto con Hatshepsut.

fonti

  • Zahi Hawass. “La ricerca di Hatshepsut e la scoperta di sua madre”. Giugno 2007.
  • Zahi Hawass. “Alla ricerca della mummia di Hatshepsut.” Giugno 2006.
  • John Ray. “Hatshepsut: la donna faraone.” La storia oggi. Volume 44 numero 5, maggio 1994.
  • Pettirossi gay. Donne nell’antico Egitto. 1993.
  • Catharine H. Roehrig, redattore. Hatshepsut: dalla regina al faraone. 2005. I collaboratori dell’articolo includono Ann Macy Roth, James P. Allen, Peter F. Dorman, Cathleen A. Keller, Catharine H. Roehrig, Dieter Arnold, Dorothea Arnold.
  • Segreti della regina perduta d’Egitto. Prima messa in onda: 7/15/07. Discovery Channel. Brando Quilico, produttore esecutivo.
  • Joyce Tyldesley. Hatchepsut il faraone femminile. 1996.