Definire Millennial

I millennial, come i baby boomer, sono un gruppo definito dalle loro date di nascita. Un “millennial” si riferisce a qualcuno che è nato dopo il 1980. Più specificamente, i millennial sono quelli nati tra il 1977 e il 1995 o il 1980 e il 2000, a seconda di chi sta scrivendo di questa generazione al momento.

Chiamato anche Generation Y, Generation Why, Generation Next ed Echo Boomers, questo gruppo sta rapidamente assumendo il controllo della forza lavoro americana. Nel 2016, quasi la metà dei dipendenti del paese ha un’età compresa tra i 20 ei 44 anni.

Stimati a 80 milioni, i millennial sono più numerosi dei baby boomer (73 milioni) e della generazione X (49 milioni).

Come sono cresciuti i millennial

Il soprannome “Generation Why” si riferisce alla natura interrogativa dei millennial. Gli è stato insegnato a non prendere tutto per valore nominale, ma a capire davvero il motivo per cui qualcosa lo è. Un aumento delle informazioni disponibili grazie a Internet ha solo alimentato questo desiderio.

In parte ciò è dovuto al fatto che questa è la prima generazione ad essere cresciuta interamente con i computer. Anche molti nati in quegli anni controversi dal 1977 al 1981 ebbero le loro prime interazioni con i computer nella scuola elementare. La tecnologia ha svolto un ruolo importante nelle loro vite ed è progredita rapidamente man mano che sono cresciuti. Per questo motivo, i Millennial sono in prima linea in tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Cresciuti durante “Il decennio dell’infanzia”, ​​i millennial hanno anche beneficiato di una maggiore attenzione dei genitori rispetto alle generazioni passate. Molto spesso, questo includeva padri che erano più coinvolti nella vita dei loro figli. La loro infanzia ha influenzato la loro comprensione dei ruoli di genere nella casa e sul posto di lavoro, nonché le loro aspettative future.

Il desiderio di un lavoro significativo

Ci si aspetta che i millennial creino un cambiamento culturale sul posto di lavoro. I Millennial hanno già espresso il desiderio di perseguire un lavoro che sia personalmente significativo. Tendono a resistere alla gerarchia aziendale e sono abituati a svolgere il lavoro in una varietà di ambienti, non semplicemente seduti alla scrivania. 

La pianificazione flessibile è di grande richiamo per i millennial che attribuiscono un valore elevato all’equilibrio tra vita privata e lavoro. Molte aziende stanno seguendo questa tendenza fornendo un luogo di lavoro incentrato sui dipendenti che è flessibile sia nel luogo che nel tempo.

Questa generazione sta cambiando anche l’approccio tradizionale alla gestione. I millennial sono noti come giocatori di squadra multitasking che prosperano grazie all’incoraggiamento e al feedback. Le aziende che possono fare appello a questi attributi spesso vedono grandi guadagni in produttività.

I Millennial stanno colmando il divario salariale

I millennial possono anche essere la generazione che colma il divario salariale di genere prima del pensionamento. Sebbene le donne guadagnino in genere 80 centesimi per ogni dollaro guadagnato da un uomo, tra i millennial il divario si sta riducendo. 

Ogni anno dal 1979, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto sulla media annuale dei guadagni delle donne rispetto a quello degli uomini. Nel 1979, le donne guadagnavano solo il 62.3% di ciò che facevano gli uomini e nel 2015 l’81.1%.

In quello stesso rapporto del 2015, le donne della generazione dei millennial guadagnavano in media ogni settimana tanto, se non di più, rispetto alle donne anziane. Questa tendenza mostra un aumento significativo dei posti di lavoro qualificati che si sono aperti per le donne nella forza lavoro. Ci dice anche che le donne millennial competono sempre di più con le loro controparti maschili in una società guidata dalla tecnologia.

Fonte

  • “Aspetti salienti dei guadagni delle donne nel 2015”. Novembre 2016. Bureau of Labor Statistics, Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti. https://www.bls.gov/opub/reports/womens-earnings/2015/home.htm