La dottrina di Truman

Quando il presidente Harry S. Truman pubblicò quella che divenne nota come la Dottrina Truman nel marzo 1947, stava delineando la politica estera di base che gli Stati Uniti avrebbero usato contro l’Unione Sovietica e il comunismo per i prossimi 44 anni.

La dottrina, che aveva elementi sia economici che militari, prometteva sostegno ai paesi che tentavano di frenare il comunismo rivoluzionario in stile sovietico. Simboleggiava il ruolo di leadership globale degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale.

Contrastare il comunismo in Grecia

Truman formulò la dottrina in risposta alla guerra civile greca, che a sua volta era un’estensione della seconda guerra mondiale.

Le truppe tedesche avevano occupato la Grecia dall’aprile 1941, ma con il progredire della guerra, gli insorti comunisti noti come Fronte di liberazione nazionale (o EAM / ELAS) sfidarono il controllo nazista.

Nell’ottobre 1944, con la Germania che perdeva la guerra sia sul fronte occidentale che su quello orientale, le truppe naziste abbandonarono la Grecia. Il segretario generale sovietico Josef Stalin ha sostenuto l’EAM / LEAM, ma ha ordinato loro di ritirarsi e lasciare che le truppe britanniche prendessero il controllo dell’occupazione greca per evitare di irritare i suoi alleati britannici e americani in tempo di guerra.

La seconda guerra mondiale aveva distrutto l’economia e le infrastrutture della Grecia e creato un vuoto politico che i comunisti cercavano di colmare. Alla fine del 1946, i combattenti EAM / ELAM, ora sostenuti dal leader comunista jugoslavo Josip Broz Tito (che non era un fantoccio stalinista), costrinsero l’Inghilterra stalinista a inviare fino a 40,000 truppe in Grecia per assicurarsi che non cadesse sotto il comunismo.

La Gran Bretagna, tuttavia, fu anche finanziariamente a corto di guerra dalla seconda guerra mondiale e il 21 febbraio 1947 informò gli Stati Uniti che non era più in grado di sostenere finanziariamente le sue operazioni in Grecia. Se gli Stati Uniti volessero fermare la diffusione del comunismo in Grecia, dovrebbero farlo da soli.

Contenimento

Fermare la diffusione del comunismo era diventata la politica estera fondamentale degli Stati Uniti.

Nel 1946, il diplomatico americano George Kennan, che era ministro-consigliere e incaricato d’affari presso l’ambasciata americana a Mosca, suggerì che gli Stati Uniti avrebbero potuto mantenere il comunismo ai suoi confini del 1945 con quello che ha descritto come un contenimento paziente ea lungo termine “del sistema sovietico.

Mentre Kennan in seguito sarebbe stato in disaccordo con alcuni elementi dell’implementazione americana della sua teoria (come il coinvolgimento in Vietnam), il contenimento divenne la base della politica estera americana con le nazioni comuniste per i successivi quattro decenni.

Piano Marshall

Il 12 marzo, Truman ha svelato la Dottrina Truman in un discorso al Congresso degli Stati Uniti.

“Deve essere la politica degli Stati Uniti sostenere i popoli liberi che resistono ai tentativi di sottomissione da parte di minoranze armate o da pressioni esterne”, ha detto Truman. Ha chiesto al Congresso 400 milioni di dollari in aiuti per le forze anticomuniste greche, nonché per la difesa della Turchia, che l’Unione Sovietica stava facendo pressioni per consentire il controllo congiunto dei Dardanelli, lo stretto stretto che fa parte della divisione tra Asia ed Europa. .

Nell’aprile 1948, il Congresso approvò l’Economic Cooperation Act, meglio noto come Piano Marshall. Il piano era il braccio economico della Dottrina Truman.

Chiamato per il Segretario di Stato George C. Marshall (che era stato capo di stato maggiore dell’esercito degli Stati Uniti durante la guerra), il piano offriva denaro alle aree devastate dalla guerra per la ricostruzione delle città e delle loro infrastrutture. I responsabili politici americani hanno riconosciuto che, senza una rapida ricostruzione dei danni di guerra, i paesi di tutta Europa probabilmente si sarebbero rivolti al comunismo.

Sebbene il piano fosse tecnicamente aperto anche alle nazioni dell’Europa orientale alleate dei soviet, pubblicizzava un mercato libero come il modo migliore per ricostruire un’economia del dopoguerra in frantumi. Era qualcosa che Mosca non era interessata a comprare.

Implicazioni

Fino alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, la Dottrina Truman riuscì generalmente a contenere il comunismo fino ai suoi confini precedenti al 1945 con eccezioni nel sud-est asiatico, a Cuba e in Afghanistan.

Detto questo, sia la Grecia che la Turchia finirono per essere guidate da regimi di destra repressivi e la Dottrina Truman segnò l’inizio della Guerra Fredda con l’Unione Sovietica.

fonti

  • The Truman Doctrine, 1947 Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.
  • The Truman Doctrine and the Marshall Plan, US Department of State