Architettura e arte romaniche

Il romanico descrive l’architettura medievale nel mondo occidentale dall’800 d.C. circa fino al 1200 d.C. circa. Il termine può anche descrivere l’arte romanica – mosaici, affreschi, sculture e incisioni – che era parte integrante del design dell’architettura romanica.

Nozioni di base romaniche

Chiesa romanica di San Climent de Taüll, 1123 d.C., Catalogna, Spagna.

Xavi Gomez / Cover / Getty Images (ritagliata)

Sebbene alcune caratteristiche siano associate a ciò che chiamiamo arte e architettura romaniche, l’aspetto dei singoli edifici può variare ampiamente da secolo a secolo, dallo scopo di un edificio (ad esempio, chiesa o fortezza) e da regione a regione. Le seguenti illustrazioni mostrano le varietà di architettura romanica e arte romanica ancora intatte nell’Europa occidentale, inclusa la Gran Bretagna, dove lo stile divenne noto come normanno.

Definizione romanica

Architettura romanica Lo stile emergente nell’Europa occidentale all’inizio dell’XI secolo, basato su elementi romani e bizantini, caratterizzato da massicce strutture murarie articolate, archi a tutto sesto e potenti volte, e durato fino all’avvento dell’architettura gotica a metà del XII secolo. “- Dizionario di architettura e costruzioni, Cyril M. Harris, ed., McGraw-Hill, 11, p. 12

Sulla Parola

Il termine romanico non fu mai usato durante questo periodo feudale. Potrebbe non essere stato utilizzato fino al XVIII o XIX secolo, ben dopo il Medioevo. Come la stessa parola “feudalesimo”, è un costrutto post-medievale. Nella storia, “romanico” viene dopo la “caduta di Roma”, ma poiché i suoi dettagli architettonici sono caratteristici dell’architettura romana, in particolare l’arco romano, il suffisso francese denota lo stile come romanico o romanico.

Circa la Chiesa di San Climent de Taüll, 1123 d.C., Catalogna, Spagna

L’alto campanile, tipico dell’architettura romanica, predice la guglia gotica. Le absidi con tetti conici ricordano le cupole bizantine.

Il design e la costruzione romanici si sono evoluti dall’architettura romana e bizantina e hanno preannunciato il sofisticato periodo gotico che seguì. I primi edifici romanici hanno caratteristiche più bizantine; gli edifici del tardo romanico sono più vicini al primo gotico. La maggior parte dell’architettura sopravvissuta è costituita da chiese e abbazie monastiche. Le cappelle di campagna nel nord della Spagna sono gli esempi più “puri” di architettura romanica perché non sono state “rinnovate” in cattedrali gotiche.

Il romanico è lo stesso del revival romanico?

Architettura romanica non esiste negli Stati Uniti. Le abitazioni dei nativi americani di questa epoca storica non furono influenzate dal design romano, e nemmeno L’Anse aux Meadows del Canada, la prima colonia di vichinghi del Nord America. Cristoforo Colombo non arrivò nel Nuovo Mondo fino al 1492, ei pellegrini del Massachusetts e la colonia di Jamestown non furono istituiti fino al 1600. Tuttavia, lo stile romanico fu “ripreso” nel 1800 in tutti gli Stati Uniti: l’architettura romanica del revival era uno stile prevalente per le case padronali e gli edifici pubblici dal 1880 al 1900 circa.

L’ascesa del romanico

Basilica di St Sernin, Tolosa, Francia.

Anger O./The Image Bank / Getty Images

L’architettura romanica può essere trovata dalla Spagna e dall’Italia nel sud alla Scandinavia e alla Scozia nel nord; dall’Irlanda e dalla Gran Bretagna nell’ovest e dall’Ungheria e dalla Polonia nell’Europa orientale. Si dice che la Basilica francese di San Sernin a Tolosa sia la più grande chiesa romanica d’Europa. L’architettura romanica non è uno stile di design distinto che ha dominato l’Europa. Piuttosto, il termine romanico descrive una graduale evoluzione delle tecniche di costruzione.

Come si sono spostate le idee da un posto all’altro?

Nell’VIII secolo, la peste del VI secolo si era placata e le rotte commerciali divennero di nuovo importanti vie per lo scambio di merci e idee. All’inizio dell’8, la continuazione e il progresso dei progetti e dell’ingegneria precedenti furono incoraggiati durante il regno di Carlo Magno, che divenne Imperatore dei Romani nell’800 d.C.

Un altro evento che portò all’ascesa dell’arte e dell’architettura romaniche fu l’Editto di Milano del 313 d.C. Questo accordo proclamava la tolleranza della Chiesa, consentendo ai cristiani di praticare la loro religione. Senza il timore di persecuzioni, gli ordini monastici diffusero il cristianesimo in tutto il paese. Molte delle abbazie romaniche che possiamo visitare oggi furono iniziate dai primi cristiani che stabilirono comunità che rivaleggiavano e / o completavano i sistemi di feudi secolari. Lo stesso ordine monastico avrebbe stabilito comunità in molte località: ad esempio, nell’XI secolo, i Benedettini avevano stabilito comunità a Ringsted (Danimarca), Cluny (Francia), Lazio (Italia), Baden-Württemberg (Germania), Samos (Spagna ) e altrove. Mentre il clero viaggiava tra i propri monasteri e abbazie in tutta l’Europa medievale, portava con sé non solo gli ideali cristiani ma anche idee architettoniche e ingegneristiche, insieme ai costruttori e agli artigiani che potevano realizzare le idee.

Oltre alle rotte commerciali consolidate, anche le rotte di pellegrinaggio cristiane trasferivano idee da un luogo all’altro. Ovunque un santo fosse sepolto diventava una destinazione: St. Giovanni in Turchia, San Giacomo in Spagna e San Paolo in Italia, per esempio. Gli edifici lungo le vie di pellegrinaggio potevano contare sul traffico continuo di persone con idee migliori.

La diffusione delle idee era la sostanza per i progressi architettonici. Poiché nuovi modi di costruzione e progettazione si sono diffusi lentamente, gli edifici chiamati romanici potrebbero non sembrare tutti uguali, ma l’architettura romana ha avuto un’influenza costante, in particolare l’arco romano.

Caratteristiche comuni dell’architettura romanica

Portico ad arco della Basilica romanica de San Vicente, Avila, Spagna.

Cristina Arias / Cover / Getty Images (ritagliata)

Nonostante le numerose varianti regionali, gli edifici romanici condividono molte di queste caratteristiche:

  • Costruzione in pietra e mattoni, evitando il tetto in legno combustibile
  • Archi a tutto sesto per sostegno e decorazione, nello stile dell’arco romano classico
  • Volte a botte (cioè volte a tunnel) e volte a crociera per sostenere il peso dei tetti in pietra e aumentare l’altezza interna
  • Pareti spesse, spesso più di 20 piedi a livello del suolo, per aumentare l’altezza interna
  • L’evoluzione dei contrafforti per stabilizzare muri spessi e alti
  • Massicce porte d’ingresso inserite all’interno di archi a gradini
  • I campanili si trasformano in guglie di tipo gotico per sostituire le cupole bizantine
  • Piccole finestre che diventano lucernari
  • Planimetrie della chiesa cristiana disegnate intorno alla croce latina
  • Integrazione dell’arte con l’architettura

Informazioni sul portico ad arco della Basilica de San Vicente, Avila, Spagna

Avila, in Spagna, è un meraviglioso esempio di città medievale fortificata e il portico ovest della Basilica de San Vicente mostra uno degli archi più decorati dal XII al XIV secolo. I muri tradizionalmente spessi della basilica romanica consentirebbero quello che il professor Talbot Hamlin chiama porte “usciti”:

“… Questi passaggi successivi non solo creano una grande e imponente composizione da una porta di dimensioni molto modeste, ma hanno offerto straordinarie opportunità per la decorazione scultorea.”

Osservazioni:: Se vedi una porta ad arco come questa ed è stata costruita nel 1060, è romanica. Se vedi un arco come questo ed è stato costruito nel 1860, è un revival romanico.

Fonte: Architecture through the Ages di Talbot Hamlin, Putnam, Revised 1953, p. 250

Volte a botte per altezza

Volta a botte presso la Basilica Sainte-Madeleine a Vezelay, Francia.

Sandro Vannini / Corbis Historical / Getty Images (ritagliate)

Poiché le ossa dei santi erano spesso sepolte all’interno della struttura della chiesa, i tetti robusti che non sarebbero bruciati e non sarebbero caduti all’interno sono diventati una priorità. Il periodo romanico è stato un periodo di sperimentazione: come si progettano i muri che sosterranno un tetto in pietra?

Un tetto ad arco abbastanza forte da supportare la pietra è chiamato a volta—Dalla parola francese voûte. Una volta a botte, chiamata anche volta a tunnel, è la più semplice, poiché imita i forti cerchi di una botte mentre imita esteticamente gli archi comuni all’architettura romanica. Per realizzare soffitti più forti e più alti, gli ingegneri medievali usavano archi intersecanti ad angolo retto, simili a un tetto a due falde delle case odierne. Questi doppi tunnel sono chiamati volte a crociera.

Sulla Basilica Sainte-Madeleine a Vézelay, Francia

Le volte di questa basilica nella regione francese della Borgogna proteggono le spoglie di Santa Maria Maddalena. Essendo una meta di pellegrinaggio, la basilica è uno dei più grandi e antichi esempi di architettura romanica in Francia.

Pianta a Croce Latina

Planimetria e disegno in elevazione della chiesa dell’Abbazia di Cluny III, Borgogna, Francia.

Apic / Hulton Archive / Getty Images (ritagliata)

Cento miglia a sud-est di Vézelay si trova Cluny, una città nota per la sua storia romanica borgognona. I monaci benedettini costruirono la città a partire dal X secolo. Influenzato dal design romano, il progetto delle abbazie di Cluny (ce n’erano almeno tre) iniziò a trasformare la pianta centrale della chiesa cristiana.

La prima architettura bizantina aveva le sue radici a Bisanzio, una città che oggi chiamiamo Istanbul in Turchia. Essendo più vicine alla Grecia che all’Italia, le chiese bizantine furono costruite intorno alla croce greca invece che alla croce latina – crux immissa quadrata invece di crux ordinaria.

Le rovine dell’Abbazia di Cluny III sono tutto ciò che resta di questo magnifico periodo storico.

Arte e Architettura

Rappresentazione romanica di Cristo, dettaglio dipinto sull’abside di San Clemente a Taüll, Catalogna, Spagna.

JMN / Cover / Getty Images (ritagliata)

Gli artigiani seguivano il denaro e il movimento delle idee nell’arte e nella musica seguiva le rotte ecclesiastiche dell’Europa medievale. I lavori nei mosaici si spostarono verso ovest dall’impero bizantino. Dipinti ad affresco adornavano le absidi dei tanti paradisi cristiani che punteggiavano il continente. Le immagini erano spesso funzionali, bidimensionali, storie e parabole, evidenziate con tutti i colori vivaci disponibili. L’ombra e il realismo sarebbero arrivati ​​più tardi nella storia dell’arte, e poi una rinascita romanica della semplicità è riapparsa con il movimento modernista del 20 ° secolo. L’artista cubista Pablo Picasso è stato fortemente influenzato dagli artisti romanici nella sua nativa Spagna.

Anche la musica medievale si stava evolvendo con la diffusione del cristianesimo. La nuova idea di notazione musicale ha contribuito a diffondere i canti cristiani di parrocchia in parrocchia.

Scultura ecclesiastica

Statue di colonne e capitelli in stile romanico, c. 1152, nel Museo Archeologico Nazionale, Madrid, Spagna.

Cristina Arias / Cover / Getty Images (ritagliata)

La scultura romanica che sopravvive oggi è quasi sempre legata alle chiese cristiane, cioè è ecclesiastica. Poiché la maggior parte delle persone era analfabeta, l’arte romanica è stata creata per informare – per fare proselitismo – per raccontare la storia di Gesù Cristo. Le colonne erano spesso i caratteri che si trovano nella Sacra Bibbia. Invece di disegni classici, capitelli e mensole sono stati scolpiti con simboli e aspetti della natura.

Anche la scultura è stata eseguita in avorio, poiché il commercio di trichechi e zanne di elefante è diventato merce redditizia. La maggior parte dell’arte della lavorazione dei metalli del periodo è stata distrutta e / o riciclata, come nel caso di un calice d’oro.

Scultura non ecclesiastica

Chiesa romanica Collegiata di San Pietro a Cervatos, Cantabria, Spagna.

Cristina Arias / Cover / Getty Images (ritagliata)

Durante il vasto periodo noto come Medioevo, tutte le statue non erano dedicate alle rappresentazioni di Gesù Cristo. Ne sono un esempio le icone e le statue della Chiesa di San Pietro, una collegiata a Cervatos, Cantabria, Spagna. Genitali scolpiti nella pietra e posizioni sessuali acrobatiche adornano le mensole dell’edificio. Alcuni hanno definito le figure “erotiche”, mentre altri le vedono come divertimenti lussuriosi e umoristici per gli occupanti maschi. In tutte le isole britanniche, i grotteschi sono conosciuti come Sheela na gigs. Le chiese collegiate generalmente non sono associate a ordini monastici o guidate da un abate, cosa che alcuni accademici trovano liberatoria.

Con tutta la sua eccitante iconografia, San Pedro de Cervatos è tipicamente romanica con il suo campanile dominante e l’ingresso ad arco.

Architettura romanica pisana

La Torre Pendente di Pisa (1370) e il Duomo, o Cattedrale di Pisa in Italia.

Giulio Andreini / Liaison / Hulton Archive / Getty Images (ritagliate)

Forse l’esempio più famoso o conosciuto di architettura romanica è la Torre di Pisa e il Duomo di Pisa in Italia. Non importa che il campanile staccato penda precariamente, basta guardare le massicce file di archi e l’altezza raggiunta in entrambe le strutture. Pisa si trovava su una popolare rotta commerciale italiana, quindi dagli inizi del XII secolo fino al suo completamento nel XIV secolo, gli ingegneri e gli artisti pisani potevano continuamente giocherellare con il design, aggiungendo sempre più marmo locale.

Norman è romanico

Vista aerea della Torre Bianca del 1076 d.C. costruita da Guglielmo il Conquistatore al centro della Torre di Londra.

Jason Hawkes / Getty Images News / Getty Images (ritagliata)

Il romanico non è sempre chiamato romanico. In Gran Bretagna, l’architettura romanica è tipicamente chiamata Normanna, dal nome dei Normanni che invasero e conquistarono l’Inghilterra dopo la battaglia di Hastings nel 1066 d.C. L’architettura iniziale costruita da Guglielmo il Conquistatore era la protettiva Torre Bianca di Londra, ma le chiese in stile romanico punteggiano la campagna delle isole britanniche. L’esempio meglio conservato potrebbe essere la Cattedrale di Durham, iniziata nel 1093, che ospita le ossa di Saint Cuthbert (634-687 d.C.).

Romanico secolare

Palazzo imperiale romanico secolare Kaiserpfalz a Goslar, Germania, costruito nel 1050 d.C.

Nigel Treblin / Getty Images News / Getty Images (ritagliata)

Non tutta l’architettura romanica è legata alla chiesa cristiana, come testimoniano la Torre di Londra e questo palazzo in Germania. Il Palazzo Imperiale di Goslar o Kaiserpfalz Goslar è stato un punto fermo dell’era romanica della Bassa Sassonia almeno dal 1050 d.C. Come gli ordini monastici cristiani proteggevano le comunità, così fecero anche gli imperatori e i re di tutta Europa. Nel 21 ° secolo, Goslar, in Germania, è diventata di nuovo famosa come un rifugio sicuro per migliaia di rifugiati siriani in fuga dagli orrori e dai disordini nella loro stessa terra. In che modo i tempi medievali sono così diversi dai nostri? Più le cose cambiano, più le cose rimangono le stesse.

Libri sull’architettura romanica

  • Romanico: architettura, scultura, pittura di Rolf Toman
  • Chiese romaniche di Spagna: una guida per i viaggiatori di Peter Strafford
  • Architettura altomedievale di Roger Stalley