Le molte varianti di Obsidian Rock

L’ossidiana è una varietà estrema di roccia ignea con una consistenza vetrosa. I resoconti più popolari dicono che l’ossidiana si forma quando la lava si raffredda molto rapidamente, ma questo non è abbastanza preciso. L’ossidiana inizia con la lava molto ricca di silice (più del 70 percento circa), come la riolite. I molti forti legami chimici tra il silicio e l’ossigeno rendono tale lava molto viscosa, ma altrettanto importante è che l’intervallo di temperatura tra completamente liquido e completamente solido è molto piccolo. Pertanto, l’ossidiana non ha bisogno di raffreddarsi particolarmente velocemente perché si solidifica particolarmente rapidamente. Un altro fattore è che un basso contenuto di acqua può inibire la cristallizzazione. Guarda le immagini dell’ossidiana in questa galleria.

01 di 12

Flusso di ossidiana

daveynin / Flickr / CC BY 2.0

Grandi flussi di ossidiana mostrano la superficie ruvida della lava altamente viscosa che forma l’ossidiana.

02 di 12

Blocchi di ossidiana

GarysFRP / Getty Images

I flussi di ossidiana sviluppano una superficie a blocchi mentre il loro guscio esterno si solidifica rapidamente.

03 di 12

Texture di flusso di ossidiana

TheCADguy / Pixabay

L’ossidiana può mostrare complesse pieghe e segregazione dei minerali in bande e masse rotonde costituite da feldspato o cristobalite (quarzo ad alta temperatura).

04 di 12

Sferuliti in ossidiana

James St. John / Flickr / CC BY 2.0

I flussi di ossidiana possono contenere goccioline di feldspato a grana fine o quarzo. Queste non sono amigdule, poiché non erano mai vuote. Invece, sono chiamati sferuliti.

05 di 12

Ossidiana fresca

Rosmarie Wirz / Getty Images

Di solito nera, l’ossidiana può anche essere rossa o grigia, screziata e screziata e persino chiara.

06 di 12

Ciottolo di ossidiana

ThoughtCo / Andrew Alden

La frattura a forma di conchiglia su questo ciottolo di ossidiana è tipica delle rocce vetrose, come l’ossidiana, o delle rocce microcristalline, come la selce.

07 di 12

Crosta di idratazione ossidiana

ThoughtCo / Andrew Alden

L’ossidiana si combina con l’acqua e inizia a degradarsi in un rivestimento gelido. L’acqua interna può convertire l’intera roccia in perlite. 

In alcuni pezzi di ossidiana, la scorza esterna mostra segni di idratazione dall’essere sepolta nel terreno per migliaia di anni. Lo spessore di questa crosta di idratazione viene utilizzato per mostrare l’età dell’ossidiana, e quindi l’età dell’eruzione che l’ha prodotta.

Notare le deboli bande sulla superficie esterna. Derivano dalla miscelazione del magma denso nel sottosuolo. La superficie fratturata nera e pulita mostra perché l’ossidiana era apprezzata dai nativi per la fabbricazione di punte di freccia e altri strumenti. Pezzi di ossidiana si trovano lontano dal loro luogo di origine a causa del commercio preistorico. Pertanto, portano informazioni culturali e geologiche.

08 di 12

Esposizione agli agenti atmosferici di ossidiana

ThoughtCo / Andrew Alden

L’acqua attacca prontamente l’ossidiana perché nessuno dei suoi materiali è bloccato nei cristalli, rendendola incline all’alterazione in argille e minerali correlati.

09 di 12

Ossidiana esposta all’aria

Teravolt (talk · contribs) / Wikimedia Commons / CC BY 3.0

Come uno scultore che macina e spazza via la sabbia, il vento e l’acqua hanno inciso sottili dettagli all’interno di questo ciottolo di ossidiana.

10 di 12

Strumenti di ossidiana

Simon Evans – [email protected]/Wikimedia Commons / CC BY 3.0

L’ossidiana è il materiale migliore per realizzare utensili in pietra. La pietra non ha bisogno di essere perfetta per creare strumenti utili.

11 di 12

Frammenti di ossidiana

James St. John / Flickr / CC BY 2.0

I frammenti di ossidiana mostrano l’intera gamma delle sue texture e colori tipici.

12 di 12

Chip di ossidiana

Qui / Wikimedia Commons / CC BY 4.0

Questi chip sono chiamati collettivamente debitage. Mostrano parte della varietà nel colore e nella trasparenza dell’ossidiana.