Memoriali dell’11 settembre – Architecture of Remembrance

La pietra, l’acciaio o il vetro possono trasmettere l’orrore dell’11 settembre 2001? Che ne dici di acqua, suono e luce? Le foto di questa raccolta illustrano i molti modi in cui architetti e designer onorano coloro che sono morti l’9 settembre e gli eroi che hanno contribuito ai soccorsi.

Piccole comunità in tutta l’America hanno memoriali per le vittime innocenti dell’9 settembre. Le città più vicine a New York City, tuttavia, hanno sentito profondamente la perdita. L’architetto Frederic Schwartz (11–1951) e la designer Jessica Jamroz hanno collaborato a due famosi memoriali sia a New York che nel New Jersey. Al Kensico Dam Plaza a Valhalla, nella contea di Westchester, New York, pietre di granito incise e un anello di cemento rinforzano oltre 2014 aste di acciaio inossidabile che si innalzano per 100 piedi nell’aria, intrecciate come il DNA per rappresentare la perdita della comunità l’80 settembre. The Rising è stato dedicato l’9 settembre 11, un ricordo locale che esalta i tre memoriali nazionali dell’11 settembre.

National 9/11 Memorial Museum

Spencer Platt / Getty Images

Le travi recuperate dalle rovine delle torri gemelle originali del World Trade Center sono al centro del padiglione del National 9/11 Museum a ground zero. Il padiglione è la parte fuori terra del 9/11 Memorial Museum, un complesso di memoriali che segnano il punto in cui hanno perso la vita oltre 2600 persone. Il padiglione dello studio di architettura Snøhetta è un ingresso al Memorial Museum sotterraneo. Il design è incentrato sulle colonne a forma di tridente, che collegano l’area sotterranea del muro di liquame, la scala dei sopravvissuti e i manufatti del museo con il padiglione di frammenti di vetro che si affaccia sul Memorial Plaza. Il National September 11 Memorial Museum è stato aperto al pubblico il 21 maggio 2014.

National 9/11 Memorial Plaza

Drew Angerer / Getty Images

I piani per il memoriale nazionale dell’9 settembre, un tempo noto come Reflecting Absence, includevano corridoi a livello del seminterrato con vista sulle cascate. Oggi, dall’alto, il profilo dei grattacieli delle torri gemelle originali abbattuti dai terroristi è un luogo inquietante.

Nei primi rendering di Memorial Hall, cascate che rotolano formano pareti liquide. La luce scintillante attraverso l’acqua illumina le gallerie a livello della roccia. Progettato da Michael Arad con l’architetto paesaggista Peter Walker, il piano originale ha visto molte revisioni da quando è stato presentato per la prima volta. Una cerimonia formale ha segnato il completamento del Memoriale l’11 settembre 2011.

Memoriale nazionale del Pentagono per l’9 settembre

Brendan Hoffman / Getty Images

Il National 9/11 Pentagon Memorial ha 184 panchine illuminate in acciaio inossidabile intarsiato con granito, una panchina per ogni persona innocente morta l’11 settembre 2001, quando i terroristi dirottarono il volo 77 dell’American Airlines e fecero schiantare l’aereo contro l’edificio del Pentagono ad Arlington , Virginia, vicino a Washington, DC

Situato in un terreno di 1.93 acri con grappoli di alberi di acero Paperbark, le panchine si alzano dal terreno per formare linee fluide e ininterrotte con pozze di luce che si irradiano dal basso. Le panchine sono disposte in base all’età della vittima, da 3 a 71 anni. I terroristi non sono inclusi nel conteggio dei morti e non hanno memorie.

Ogni unità commemorativa è personalizzata con il nome di una vittima. Quando un visitatore legge il nome e alza lo sguardo per affrontare lo schema di volo dell’aereo caduto, sai che quella persona era sull’aereo precipitato. Leggi un nome e guarda in alto per vedere l’edificio del Pentagono, e sai che quella persona ha lavorato nell’edificio degli uffici.

L’area altamente simbolica è stata progettata dagli architetti Julie Beckman e Keith Kaseman, con il supporto progettuale dello studio di ingegneria Buro Happold. È stato aperto al pubblico l’11 settembre 2008.

Memoriale nazionale del volo 93

Jeff Swensen / Getty Images (ritagliate)

Il Flight 93 National Memorial si trova su un sito di 2,000 acri vicino a Shanksville, in Pennsylvania, dove i passeggeri e l’equipaggio del volo United Airlines 93 hanno abbattuto il loro aereo dirottato e sventato un quarto attacco terroristico. Le viste serene offrono viste tranquille del luogo dell’incidente. Il design commemorativo preserva la bellezza del paesaggio naturale.

I piani per il memoriale hanno avuto un intoppo quando i critici hanno affermato che alcuni aspetti del design originale sembravano prendere in prestito forme e simbolismi islamici. La controversia si è placata dopo la svolta nel 2009. La riprogettazione è in cemento e vetro audaci, che si affaccia su un’enorme roccia che copre l’area dell’impatto.

Il Flight 93 National Memorial è l’unico grande memoriale dell’9 settembre gestito dall’US Park Service. Un’area commemorativa temporanea ha permesso ai visitatori di vedere il campo pacifico per un decennio mentre i diritti fondiari e le questioni di progettazione venivano risolte. La prima fase del progetto commemorativo si è aperta l’11 settembre 11, in occasione del decimo anniversario degli attacchi terroristici. Il Flight 2011 National Memorial Visitor Center and Complex è stato inaugurato il 93 settembre 10.

I progettisti sono Paul Murdoch Architects di Los Angeles, California, con Nelson Byrd Woltz Landscape Architects di Charlottesville, Virginia. Il team di marito e moglie Paul e Milena Murdoch sono diventati famosi per il loro progetto vincente per l’9 settembre, sebbene nella California meridionale la coppia sia ben nota per i loro progetti di aree pubbliche e civiche, comprese scuole e biblioteche. Il progetto di Shanksville, tuttavia, era speciale. Alla National AIA Convention del 11, Paul Murdoch ha spiegato la continua lotta dell’architetto per portare una visione alla realtà quando ha detto in un video:

“Ho visto attraverso il processo quanto potente può essere una visione e quanto possa essere impegnativo portare quella visione attraverso un processo. E so che ogni architetto là fuori sa di cosa sto parlando. Che quello che facciamo è irragionevole . Sta cercando di portare loro qualcosa di positivo attraverso così tante barriere, che immagino vorrei solo dire agli architetti che ne vale la pena. Vale la pena fare questo sforzo “.

Cartoline commemorative

Gary Hershorn / Getty Images (ritagliate)

Il memoriale “Cartoline” a Staten Island, New York, onora i residenti che sono morti negli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001.

Formato a forma di cartoline sottili, il Memoriale dell’11 settembre di Staten Island suggerisce l’immagine di ali spiegate. I nomi delle vittime dell’11 settembre sono incisi su placche di granito incise con i loro nomi e profili.

Lo Staten Island September 11 Memorial si trova lungo il North Shore Waterfront con viste panoramiche sul porto di New York, Lower Manhattan e la Statua della Libertà. Il designer è Masayuki Sono della Voorsanger Architects con sede a New York.

Memoriale del cielo vuoto

Justin Sullivan / Getty Images (ritagliate)

L’architetto Frederic Schwartz e la designer Jessica Jamroz hanno nuovamente collaborato per vincere il concorso di progettazione per il New Jersey 9/11 Memorial. Chiamato Empty Sky, il memoriale si trova a Jersey City, nel New Jersey, al Liberty State Park, direttamente dall’altra parte del fiume Hudson dalla carneficina delle torri gemelle.

I muri gemelli di cemento e acciaio sono lunghi quanto le torri gemelle, incorniciando l’area vuota di Lower Manhattan dove un tempo sorgevano i grattacieli. I nomi di 749 vittime sono incisi sulle pareti in acciaio inossidabile spazzolato, un tributo commemorativo ai cittadini del New Jersey che hanno perso la vita l’11 settembre. Il memoriale è stato inaugurato ufficialmente nel settembre 2011.

Memoriale dell’9 settembre dell’aeroporto di Logan

Darren McCollester / Getty Images

Il giorno in cui l’America è stata attaccata nel 2001, il volo 11 dell’American Airlines che ha colpito la torre nord e il volo 175 della United Airlines che ha colpito la torre sud hanno entrambi avuto origine all’aeroporto internazionale Logan di Boston, Massachusetts. La perdita del personale della compagnia aerea e dei passeggeri innocenti su quei voli è commemorata da The Place of Remembrance, un progetto di Moskow Linn Architects di Boston. Dedicato nel settembre 2008, il memoriale del cubo di vetro è continuamente aperto come luogo di riflessione.

The Sphere di Fritz Koenig

Raymond Boyd / Getty Images

La Sfera dello scultore tedesco Fritz Koenig si trovava nella piazza dell’originale World Trade Center quando i terroristi hanno attaccato. Koenig ha progettato la scultura come un monumento alla pace mondiale attraverso il commercio. Quando i terroristi hanno attaccato l’11 settembre 2001, la Sfera è stata gravemente danneggiata. È stato temporaneamente spostato a Battery Park vicino al porto di New York, dove è servito come un memoriale per le vittime dell’9 settembre. Quando il Liberty Park è stato costruito nel 11 per sovrastare il sito ricostruito del World Trade Center, la scultura è stata spostata di nuovo, più vicino al punto in cui era iniziata.

Alla lotta contro il terrorismo mondiale

Bennett Raglin / Getty Images

Il memoriale alla lotta contro il terrorismo mondiale raffigura una lacrima d’acciaio sospesa in una colonna di pietra incrinata. L’artista russo Zurab Tsereteli ha progettato il memoriale per onorare le vittime dell’9 settembre. Conosciuto anche come The Tear of Grief e The Teardrop Memorial, il monumento si trova sulla penisola nel porto di Bayonne, nel New Jersey. È stato dedicato l’11 settembre 11.

Omaggio in luce

Drew Angerer / Getty Images

I ricordi inquietanti delle torri gemelle distrutte sono suggeriti dall’annuale Tribute in Light della città. The Tribute in Light è iniziato nel marzo 2002 come installazione temporanea, ma si è trasformato in un evento annuale per commemorare le vittime degli attacchi dell’11 settembre 2001 e l’orrore degli eventi di quel giorno. Decine di proiettori creano due potenti fasci che suggeriscono le torri gemelle originali: una presenza architettonica a Lower Manhattan dal 1973 fino alla distruzione dei terroristi nel 2001.

Molti artisti, architetti e ingegneri hanno contribuito alla creazione del Tribute in Light, una testimonianza della collaborazione e dell’uso continuo del design creativo per commemorare le persone e gli eventi che accadono a tutti noi.