Minerali di solfuro

01 di 09

Bornite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) 2009 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

I minerali di solfuro rappresentano temperature più elevate e un ambiente leggermente più profondo rispetto ai minerali di solfato, che riflettono l’ambiente ricco di ossigeno vicino alla superficie terrestre. I solfuri si trovano come minerali accessori primari in molte diverse rocce ignee e in depositi idrotermali profondi che sono strettamente correlati alle intrusioni ignee. I solfuri si verificano anche nelle rocce metamorfiche dove i minerali solfati vengono scomposti dal calore e dalla pressione e nelle rocce sedimentarie dove sono formati dall’azione dei batteri che riducono i solfati. Gli esemplari di minerali di solfuro che vedi nei negozi di roccia provengono dai livelli profondi delle miniere e la maggior parte mostra una lucentezza metallica.

Bornite (Cu5FeS4) è uno dei minerali di rame minori, ma il suo colore lo rende altamente collezionabile. (più sotto)

Bornite si distingue per il sorprendente colore blu-verde metallizzato che si trasforma dopo l’esposizione all’aria. Ciò dà a Bornite il soprannome di minerale di pavone. Bornite ha una durezza Mohs di 3 e una striscia grigio scuro.

I solfuri di rame sono un gruppo minerale strettamente correlato e spesso si verificano insieme. In questo esemplare di bornite ci sono anche pezzetti di calcopirite metallica dorata (CuFeS2) e aree di calcocite grigio scuro (Cu2S). La matrice bianca è calcite. Immagino che il minerale verde dall’aspetto farinoso sia la sfalerite (ZnS), ma non citarmi.

02 di 09

Calcopirite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) 2009 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

La calcopirite, CuFeS2, è il minerale minerale più importante del rame. (più sotto)

La calcopirite (rito KAL-co-PIE) di solito si presenta in forma massiccia, come questo esemplare, piuttosto che in cristalli, ma i suoi cristalli sono insoliti tra i solfuri per avere una forma simile a una piramide a quattro lati (tecnicamente sono scalenoedri). Ha una durezza Mohs da 3.5 a 4, una lucentezza metallica, una striscia nera verdastra e un colore dorato che è comunemente appannato in varie tonalità (sebbene non il blu brillante della bornite). La calcopirite è più morbida e gialla della pirite, più fragile dell’oro. È spesso mescolato con pirite.

La calcopirite può avere varie quantità di argento al posto del rame, gallio o indio al posto del ferro e selenio al posto dello zolfo. Quindi questi metalli sono tutti sottoprodotti della produzione di rame.

03 di 09

Cinabro

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) 2009 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

Il cinabro, solfuro di mercurio (HgS), è il principale minerale di mercurio. (più sotto)

Il cinabro è molto denso, 8.1 volte più denso dell’acqua, ha una caratteristica striscia rossa e ha una durezza 2.5, appena sfregabile dall’unghia. Ci sono pochissimi minerali che potrebbero essere confusi con il cinabro, ma il realgar è più morbido e la cuprite è più dura.

Il cinabro si deposita vicino alla superficie terrestre da soluzioni calde che sono salite da corpi di magma molto al di sotto. Questa crosta cristallina, lunga circa 3 centimetri, proviene da Lake County, California, un’area vulcanica dove fino a tempi recenti veniva estratto il mercurio. Ulteriori informazioni sulla geologia del mercurio qui.

04 di 09

Galena

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) 2008 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

La galena è solfuro di piombo, PbS, ed è il minerale di piombo più importante. (più sotto)

La galena è un minerale morbido di durezza Mohs di 2.5, una striscia grigio scuro e un’alta densità, circa 7.5 volte quella dell’acqua. A volte la galena è grigio bluastra, ma principalmente è grigia.

La galena ha una forte scissione cubica che è evidente anche in esemplari massicci. La sua lucentezza è molto brillante e metallica. Buoni pezzi di questo straordinario minerale sono disponibili in qualsiasi negozio di roccia e in eventi in tutto il mondo. Questo esemplare di galena proviene dalla miniera Sullivan a Kimberley, British Columbia.

La galena si forma nelle vene dei minerali a bassa e media temperatura, insieme ad altri minerali solfuri, minerali carbonatici e quarzo. Questi possono essere trovati in rocce ignee o sedimentarie. Spesso contiene argento come impurità e l’argento è un importante sottoprodotto dell’industria del piombo.

05 di 09

Marcasite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

La marcasite è solfuro di ferro o FeS2, lo stesso della pirite, ma con una struttura cristallina diversa. (più sotto)

La marcasite si forma a temperature relativamente basse nelle rocce calcaree e nelle vene idrotermali che ospitano anche minerali di zinco e piombo. Non forma i cubi o i piritedri tipici della pirite, formando invece gruppi di cristalli gemelli a forma di punta di lancia detti anche aggregati a cresta di gallo. Quando ha un’abitudine radiante, forma “dollari”, croste e noduli rotondi come questo, fatti di cristalli sottili irradianti. Ha un colore ottone più chiaro della pirite su una faccia fresca, ma si appanna più scuro della pirite e la sua striscia è grigia mentre la pirite può avere una striscia nero-verdastra.

La marcasite tende ad essere instabile, spesso disintegrandosi poiché la sua decomposizione crea acido solforico.

06 di 09

Metacinnabar

Foto di minerali di solfuro dalla miniera di Mount Diablo, California.
Foto (c) 2011 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

Il metacinnabar è solfuro di mercurio (HgS), come il cinabro, ma assume una forma cristallina diversa ed è stabile a temperature superiori a 600 ° C (o quando è presente lo zinco). È grigio metallizzato e forma cristalli a blocchi.

07 di 09

Molibdenite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto per gentile concessione di Aangelo tramite Wikimedia Commons

La molibdenite è solfuro di molibdeno o MoS2, la fonte primaria di molibdeno metallico. (più sotto)

La molibdenite (mo-LIB-denite) è l’unico minerale che potrebbe essere confuso con la grafite. È scuro, è molto morbido (durezza Mohs da 1 a 1.5) con una sensazione untuosa e forma cristalli esagonali come la grafite. Lascia anche segni neri su carta come la grafite. Ma il suo colore è più chiaro e più metallico, i suoi fiocchi di scollatura simili a mica sono flessibili e potresti vedere uno scorcio di blu o viola tra i fiocchi di scollatura.

Il molibdeno è necessario per la vita in tracce, perché alcuni enzimi vitali richiedono un atomo di molibdeno per fissare l’azoto per costruire le proteine. È un protagonista della nuova disciplina biogeochimica chiamata metallomica.

08 di 09

Pirite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto (c) 2009 Andrew Alden, concesso in licenza a About.com (politica di utilizzo corretto)

La pirite, solfuro di ferro (FeS2), è un minerale comune in molte rocce. Dal punto di vista geochimico, la pirite è il minerale contenente zolfo più importante. (più sotto)

La pirite si trova in questo esemplare in grani relativamente grandi associati al quarzo e al feldspato blu latte. La pirite ha una durezza Mohs di 6, un colore giallo ottone e una striscia nera verdastra.

La pirite assomiglia leggermente all’oro, ma l’oro è molto più pesante e molto più morbido e non mostra mai le facce rotte che vedi in questi grani. Solo uno sciocco lo scambierebbe per oro, motivo per cui la pirite è anche conosciuta come l’oro degli sciocchi. Tuttavia, è carino, è un importante indicatore geochimico e in alcuni punti la pirite include davvero l’argento e l’oro come contaminanti.

I “dollari” di pirite con un’abitudine radiante si trovano spesso in vendita durante gli spettacoli rock. Sono noduli di cristalli di pirite che sono cresciuti tra strati di scisto o carbone.

La pirite forma anche prontamente cristalli, sia cubici che a 12 facce chiamati piritoedri. E i cristalli di pirite a blocchi si trovano comunemente nell’ardesia e nella fillite.

09 di 09

Sfalerite

Sulfide Mineral Pictures.
Foto per gentile concessione di Karel Jakubec tramite Wikimedia Commons

La sfalerite (SFAL-erite) è il solfuro di zinco (ZnS) e il principale minerale di zinco. (più sotto)

Molto spesso la sfalerite è bruno-rossastra, ma può variare dal nero al (in rari casi) limpido. Gli esemplari scuri possono apparire un po ‘metallici nella lucentezza, ma per il resto la sua lucentezza può essere descritta come resinosa o adamantina. La sua durezza Mohs è compresa tra 3.5 e 4. Si presenta comunemente come cristalli o cubi tetraedrici, nonché in forma granulare o massiccia.

La sfalerite può essere trovata in molte vene di minerali solfuri, comunemente associati a galena e pirite. I minatori chiamano la sfalerite “jack”, “blackjack” o “blenda di zinco”. Le sue impurità di gallio, indio e cadmio rendono la sfalerite uno dei principali minerali di questi metalli.

La sfalerite ha alcune proprietà interessanti. Ha un’eccellente scollatura dodecaedrica, il che significa che con un accurato lavoro di martello puoi scheggiarlo in bei pezzi a 12 lati. Alcuni esemplari emettono fluorescenza con una tonalità arancione alla luce ultravioletta; questi mostrano anche triboluminescenza, emettendo lampi arancioni se accarezzati con un coltello.