Nematoda: nematodi

Nematoda è il phylum del Regno Animalia che include i nematodi. I nematodi possono essere trovati in quasi tutti i tipi di ambiente e comprendono sia specie a vita libera che specie parassitarie. Le specie a vita libera abitano ambienti marini e d’acqua dolce, così come i suoli e sedimenti di tutti i vari tipi di biomi terrestri. I nematodi parassiti vivono del loro ospite e possono causare malattie nei vari tipi di piante e animali che infettano. I nematodi appaiono come vermi lunghi e sottili e includono ossiuri, anchilostomi e Trichinella. Sono tra gli organismi più numerosi e diversi del pianeta.

01 di 04

Nematoda: tipi di nematodi

Micrografia ottica di un nematode o di un verme roudworm.
FRANK FOX / Science Photo Library / Getty Images

I nematodi sono ampiamente classificati in due gruppi principali: a vita libera e parassiti. I nematodi a vita libera si nutrono di organismi nel loro ambiente. I tipi parassiti si nutrono di un ospite e alcuni vivono anche all’interno dell’ospite. La maggior parte dei nematodi non è parassita. I nematodi variano in dimensioni da microscopici a raggiungere lunghezze di oltre 3 piedi. La maggior parte dei nematodi sono microscopici e spesso passano inosservati.

02 di 04

Anatomia di Nematoda

Nematode acquatico (acqua dolce) che vive nell’acqua dello stagno tra i cianobatteri.
NNehring / E + / Getty Images

 

I nematodi sono vermi non segmentati con corpi lunghi e sottili che si restringono ad entrambe le estremità. Le principali caratteristiche anatomiche includono la simmetria bilaterale, una cuticola, uno pseudocelomo e un sistema escretore tubulare.

  • Cuticola: Uno strato protettivo esterno composto principalmente da collageni reticolati. Questo strato flessibile funge da esoscheletro che aiuta a mantenere la forma del corpo e consente il movimento. La muta della cuticola in diversi stadi di sviluppo consente ai nematodi di aumentare di dimensioni.
  • Ipoderma: L’ipoderma è un’epidermide composta da un sottile strato di cellule. Si trova direttamente sotto la cuticola ed è responsabile della secrezione della cuticola. L’ipoderma si ispessisce e si gonfia nella cavità corporea in determinati punti formando le cosiddette corde ipodermiche. Le corde ipodermiche si estendono lungo la lunghezza del corpo e formano le corde dorsale, ventrale e laterale.
  • muscoli: Uno strato di muscoli si trova sotto lo strato dell’ipoderma e corre longitudinalmente lungo la parete interna del corpo.
  • Pseudocoelom: Uno pseudocelomo è una cavità corporea piena di liquido che separa la parete del corpo dal tratto digestivo. Lo pseudocelomo agisce come uno scheletro idrostatico, che aiuta a resistere alla pressione esterna, aiuta la locomozione e trasporta gas e sostanze nutritive ai tessuti del corpo.
  • Sistema nervoso: Il sistema nervoso del nematode contiene un anello nervoso vicino alla regione della bocca che è collegato ai tronchi nervosi longitudinali che percorrono la lunghezza del corpo. Questi tronchi nervosi collegano l’anello del nervo anteriore (vicino alla bocca) all’anello del nervo posteriore (vicino all’ano). Inoltre, le corde nervose dorsali, ventrali e laterali si collegano alle strutture sensoriali attraverso le estensioni dei nervi periferici. Queste corde nervose aiutano nella coordinazione del movimento e nella trasmissione delle informazioni sensoriali.
  • Apparato digerente: I nematodi hanno un sistema digestivo tubulare in tre parti costituito da bocca, intestino e ano. I nematodi hanno le labbra, alcuni hanno i denti e alcuni possono avere strutture specializzate (es. Stiletto) che li aiutano a procurarsi il cibo. Dopo essere entrato in bocca, il cibo entra nella faringe muscolare (esofago) e viene forzato nell’intestino. L’intestino assorbe i nutrienti ed espelle i prodotti di scarto. Il materiale non digerito e i rifiuti vengono spostati nel retto dove vengono fatti passare attraverso l’ano.
  • Sistema circolatorio: I nematodi non hanno un sistema circolatorio o cardiovascolare indipendente come gli esseri umani. Gas e sostanze nutritive vengono scambiati con l’ambiente esterno attraverso la diffusione sulla superficie del corpo degli animali.
  • Apparato escretore: I nematodi hanno un sistema specializzato di cellule ghiandolari e condotti che espellono l’azoto in eccesso e altri rifiuti attraverso un poro escretore.
  • Sistema riproduttivo: I nematodi si riproducono principalmente attraverso la riproduzione sessuale. I maschi sono in genere più grandi delle femmine poiché le femmine devono portare un gran numero di uova. Le strutture riproduttive nelle femmine includono due ovaie, due uteri, una singola vagina e un poro genitale separato dall’ano. Le strutture riproduttive nei maschi includono testicoli, una vescicola seminale, un dotto deferente e una cloaca. La cloaca è una cavità che funge da canale comune sia per lo sperma che per gli escrementi. Durante la copulazione, i maschi usano parti del corpo riproduttive snelle chiamate spicole per aprire il poro genitale femminile e aiutare il trasferimento dello sperma. Gli spermatozoi di nematodi mancano di flagelli e migrano verso le uova femminili usando un movimento simile all’ameba. Alcuni nematodi possono riprodursi asessualmente per partenogenesi. Altri sono ermafroditi e hanno organi riproduttivi sia maschili che femminili.

03 di 04

Nematodi a vita libera

I nematodi a vita libera risiedono in habitat sia acquatici che terrestri. I nematodi del suolo svolgono un ruolo vitale nell’agricoltura e nel riciclaggio di sostanze nutritive e minerali nell’ambiente. Questi organismi sono comunemente raggruppati in quattro tipi principali in base alle loro abitudini alimentari. Mangiatori di batteri si nutrono esclusivamente di batteri. Aiutano a riciclare l’azoto nell’ambiente decomponendo i batteri e rilasciando l’azoto in eccesso come ammoniaca. Mangiatori di funghi si nutrono di funghi. Hanno apparato boccale specializzato che consente loro di perforare la parete cellulare fungina e nutrirsi delle parti fungine interne. Questi nematodi aiutano anche nella decomposizione e nel riciclaggio dei nutrienti nell’ambiente. Nematodi predatori si nutrono di altri nematodi e protisti, come le alghe, nel loro ambiente. Nematodi che sono onnivoro nutrirsi di diversi tipi di fonti di cibo. Possono consumare batteri, funghi, alghe o altri nematodi.

04 di 04

Nematodi parassiti

I nematodi parassiti infettano vari tipi di organismi tra cui piante, insetti, animali e esseri umani. I nematodi parassiti delle piante vivono tipicamente nel suolo e si nutrono di cellule nelle radici delle piante. Questi nematodi vivono sia esternamente che internamente alle radici. I nematodi erbivori si trovano negli ordini Rhabditida, Dorylaimida e Triplonchida. L’infezione da nematodi delle piante danneggia la pianta e provoca una riduzione dell’assorbimento di acqua, l’espansione delle foglie e il tasso di fotosintesi. I danni ai tessuti vegetali causati da nematodi parassiti possono rendere la pianta vulnerabile a organismi che causano malattie come i virus delle piante. I parassiti delle piante causano anche malattie come marciume radicale, cisti e lesioni che riducono la produzione del raccolto.

Questi parassiti infettano il tratto gastrointestinale attraverso il consumo di cibo o acqua contaminati. Alcuni nematodi possono anche essere trasmessi all’uomo da animali domestici o insetti vettori come zanzare o mosche.

Fonte:

  • “Nematoda.” Scienze animali. . Estratto il 10 gennaio 2017 da Encyclopedia.com: http://www.encyclopedia.com/science/news-wires-white-papers-and-books/nematoda
  • Guida introduttiva in linea “Nematodi del suolo”: Guida alla biologia del suolo. . Estratto il 10 gennaio 2017 da NRCS.USDA.gov: https://www.nrcs.usda.gov/wps/portal/nrcs/detailfull/soils/health/biology/