Perché ci sono due cono in Africa?

Quando parli di “Congo” in termini di nazioni con quel nome, in realtà ti riferisci a uno dei due paesi che si affacciano sul fiume Congo nell’Africa centrale. Il nome Congo deriva dai Bakongo, una tribù Bantu che popola l’area. Il più grande dei due paesi, la Repubblica Democratica del Congo, si trova a sud-est, mentre la nazione più piccola, la Repubblica del Congo, si trova a nord-ovest. Sebbene condividano un nome, ogni paese ha la sua storia e le sue statistiche interessanti. Continua a leggere per saperne di più su queste nazioni strettamente correlate ma distintamente diverse.

La Repubblica Democratica del Congo

La capitale della Repubblica Democratica del Congo, nota anche come “Congo-Kinshasa”, è Kinshasa, che è anche la città più grande del paese. Prima del suo nome attuale, la Repubblica Democratica del Congo era precedentemente nota come Zaire, e prima ancora era Congo Belga.

La Repubblica Democratica del Congo confina a nord con la Repubblica Centrafricana e il Sud Sudan; Uganda, Ruanda e Burundi a est; Zambia e Angola a sud; la Repubblica del Congo, l’exclave angolana di Cabinda e l’Oceano Atlantico a ovest. Il paese ha accesso all’oceano attraverso un tratto di costa atlantica di 25 miglia a Muanda e la foce larga circa cinque miglia e mezzo del fiume Congo, che si apre nel Golfo di Guinea.

La Repubblica Democratica del Congo è il secondo paese più grande dell’Africa e copre un totale di 2,344,858 chilometri quadrati, il che la rende leggermente più grande del Messico e circa un quarto delle dimensioni degli Stati Uniti. La popolazione è stimata in circa 86.8 milioni di persone (a partire dal 2019).

Repubblica del Congo

Al confine occidentale della Repubblica Democratica del Congo, troverai il più piccolo dei due Congos, la Repubblica del Congo o Congo Brazzaville. Brazzaville è anche la capitale e la città più grande del paese. Questa zona era precedentemente il territorio francese noto come Medio Congo.

La Repubblica del Congo copre un’area di miglia quadrate 132,046 e aveva una popolazione di 5.38 milioni di persone (a partire dal 2019). Il CIA World Factbook rileva alcuni fatti interessanti per quanto riguarda la bandiera del paese:

“[È] diviso diagonalmente dal lato del paranco inferiore da una fascia gialla; il triangolo superiore (lato del paranco) è verde e il triangolo inferiore è rosso; il verde simboleggia l’agricoltura e le foreste, il giallo l’amicizia e la nobiltà del popolo, il rosso è inspiegabile ma è stato associato alla lotta per l’indipendenza “.

Disordini civili

Entrambi i Congo hanno visto la loro parte di disordini civili e politici. Secondo la CIA, il conflitto interno nella Repubblica Democratica del Congo ha provocato 3.5 milioni di morti per violenza, malattie e fame dal 1998. La CIA aggiunge che la Repubblica Democratica del Congo ha anche altri problemi preoccupanti.

“[È] una fonte, una destinazione e forse un paese di transito per uomini, donne e bambini sottoposti a lavoro forzato e traffico sessuale; la maggior parte di questo traffico è interno e gran parte di esso è perpetrato da gruppi armati e governo canaglia forze al di fuori del controllo ufficiale nelle instabili province orientali del paese “.

Anche la Repubblica del Congo ha visto la sua quota di disordini. Il presidente marxista Denis Sassou-Nguesso è tornato al potere dopo una breve guerra civile nel 1997, facendo deragliare la transizione democratica avvenuta cinque anni prima. A partire dal 2020, Sassou-Nguesso rimane il presidente del paese.

fonti

  • La Repubblica Democratica del Congo. CIA World Fact Book. Aggiornato il 7 gennaio 2020
  • La Repubblica del Congo. CIA World Fact Book. Aggiornato il 2 gennaio 2020
  • Denis Sassou-Nguesso: Presidente della Repubblica del Congo. Encyclopedia Brittanica. Aggiornato il 1 gennaio 2020