Potenti faraoni femminili d’Egitto

I governanti dell’antico Egitto, i faraoni, erano quasi tutti uomini. Ma una manciata di donne dominava anche l’Egitto, comprese Cleopatra VII e Nefertiti, che sono ancora ricordate oggi. Anche altre donne hanno governato, sebbene il record storico per alcune di loro sia scarso nel migliore dei casi, specialmente per le prime dinastie che governarono l’Egitto. 

Il seguente elenco di faraoni femminili dell’antico Egitto è in ordine cronologico inverso. Inizia con l’ultimo faraone a governare un Egitto indipendente, Cleopatra VII, e termina con Meryt-Neith, che 5,000 anni fa fu probabilmente una delle prime donne a governare.

13 di 13

Cleopatra VII (69-30 a.C.)

Print Collector / Getty Images

Cleopatra VII, la figlia di Tolomeo XII, divenne faraone quando aveva circa 17 anni, servendo per la prima volta come co-reggente con suo fratello Tolomeo XIII, che all’epoca aveva solo 10 anni. I Tolomei erano discendenti di un generale macedone dell’esercito di Alessandro Magno. Durante la dinastia tolemaica, molte altre donne di nome Cleopatra servirono come reggenti.

Agendo in nome di Tolomeo, un gruppo di alti consiglieri espulse Cleopatra dal potere, e fu costretta a lasciare il paese nel 49 a.C. Ma era determinata a riconquistare il posto. Ha sollevato un esercito di mercenari e ha cercato l’appoggio del leader romano Giulio Cesare. Con la potenza militare di Roma, Cleopatra sconfisse le forze di suo fratello e riprese il controllo dell’Egitto. 

Cleopatra e Giulio Cesare furono coinvolti sentimentalmente e lei gli diede un figlio. Più tardi, dopo che Cesare fu assassinato in Italia, Cleopatra si allineò con il suo successore, Marco Antonio. Cleopatra continuò a governare l’Egitto fino a quando Antonio fu rovesciato dai rivali a Roma. A seguito di una brutale sconfitta militare, i due si uccisero e l’Egitto cadde sotto il dominio romano.

12 di 13

Cleopatra I (204-176 a.C.)

CM Dixon / Print Collector / Getty Images

Cleopatra I era la consorte di Tolomeo V Epifane d’Egitto. Suo padre era Antioco III il Grande, un re greco seleucide, che conquistò un’ampia fascia dell’Asia Minore (nell’odierna Turchia) che in precedenza era stata sotto il controllo egiziano. Nel tentativo di fare pace con l’Egitto, Antioco III ha offerto la sua figlia di 10 anni, Cleopatra, in matrimonio con Tolomeo V, il sovrano egiziano di 16 anni.

Si sposarono nel 193 aC e Tolomeo la nominò visir nel 187. Tolomeo V morì nel 180 aC, e Cleopatra I fu nominata reggente per suo figlio, Tolomeo VI, e governò fino alla sua morte. Ha anche coniato monete con la sua immagine, con il suo nome che ha avuto la precedenza su quello di suo figlio. Il suo nome ha preceduto quello di suo figlio in molti dei documenti tra la morte del marito e il 176 aC, anno in cui morì.

11 di 13

Tausret (morto nel 1189 a.C.)

De Agostini Picture Library / Getty Images

Tausret (noto anche come Twosret, Tausret o Tawosret) era la moglie del faraone Seti II. Quando Seti II morì, Tausret prestò servizio come reggente di suo figlio, Siptah (noto anche come Ramses-Siptah o Menenptah Siptah). Siptah era probabilmente il figlio di Seti II da una moglie diversa, rendendo Tausret la sua matrigna. Ci sono alcune indicazioni che Siptal potrebbe aver avuto qualche disabilità, che forse è stato un fattore che ha contribuito alla sua morte all’età di 16 anni.

Dopo la morte di Siptal, i documenti storici indicano che Tausret servì come faraone per due o quattro anni, usando titoli reali per se stessa. Tausret è menzionato da Homer come interagente con Helen intorno agli eventi della guerra di Troia. Dopo la morte di Tausret, l’Egitto cadde in subbuglio politico; a un certo punto, il suo nome e la sua immagine furono tolti dalla sua tomba. Oggi si dice che una mummia al Museo del Cairo sia sua.

10 di 13

Nefertiti (1370–1330 a.C.)

Andreas Rentz / Getty Images

Nefertiti governò l’Egitto dopo la morte di suo marito, Amenhotep IV. Poco della sua biografia è stata conservata; potrebbe essere stata la figlia di nobili egiziani o avere radici siriane. Il suo nome significa “è arrivata una bella donna” e nell’arte della sua epoca, Nefertiti è spesso raffigurata in pose romantiche con Amenhotep o come suo pari in battaglia e comando.

Tuttavia, Nefertiti scomparve dai documenti storici entro pochi anni dall’assunzione al trono. Gli studiosi dicono che potrebbe aver assunto una nuova identità o potrebbe essere stata uccisa, ma quelle sono solo supposizioni plausibili. Nonostante la mancanza di informazioni biografiche su Nefertiti, una sua scultura è uno dei manufatti egizi antichi più ampiamente riprodotti. L’originale è in mostra al Neues Museum di Berlino.

09 di 13

Hatshepsut (1507-1458 a.C.)

Archivio Hulton / Getty Images

Vedova di Thutmosis II, Hatshepsut governò prima come reggente per il suo giovane figliastro ed erede, e poi come faraone. A volte indicato come Maatkare o il “re” dell’Alto e del Basso Egitto, Hatshepsut è spesso raffigurato con una barba finta e con gli oggetti con cui viene solitamente raffigurato un faraone e in abiti maschili, dopo alcuni anni di governo in forma femminile . Scompare improvvisamente dalla storia e il suo figliastro potrebbe aver ordinato la distruzione delle immagini di Hatshepsut e menzionare il suo governo.

08 di 13

Ahmose-Nefertari (1562–1495 a.C.)

CM Dixon / Getty Images

Ahmose-Nefertari era la moglie e la sorella del fondatore della XVIII dinastia, Ahmose I, e madre del secondo re, Amenhotep I. Sua figlia, Ahmose-Meritamon, era la moglie di Amenhotep I. Ahmose-Nefertari ha una statua a Karnak, sponsorizzato da suo nipote Thuthmosis. È stata la prima a detenere il titolo di “Moglie di Amon di Dio”. Ahmose-Nefertari è spesso raffigurato con la pelle marrone scuro o nera. Gli studiosi non sono d’accordo sul fatto che questa rappresentazione riguardi l’ascendenza africana o un simbolo di fertilità.

07 di 13

Ashotep (1560-1530 a.C.)

G. Dagli Orti / Getty Images

Gli studiosi hanno poche testimonianze storiche di Ashotep. Si pensa che sia stata la madre di Ahmose I, il fondatore della XVIII dinastia egizia e del Nuovo Regno, che sconfisse gli Hyksos (governanti stranieri dell’Egitto). Ahmose, in un’iscrizione, le ho attribuito il merito di aver tenuto insieme la nazione durante il suo governo da bambino faraone, quando lei sembra essere stata reggente per suo figlio. Potrebbe anche aver guidato le truppe in battaglia a Tebe, ma le prove sono scarse.

06 di 13

Sobeknefru (morto nel 1802 a.C.)

A. Jemolo / Getty Images

Sobeknefru (alias Neferusobek, Nefrusobek o Sebek-Nefru-Meryetre) era la figlia di Amenemhet III e la sorellastra di Amenemhet IV – e forse anche sua moglie. Ha affermato di essere stata co-reggente con suo padre. La dinastia termina con il suo regno, poiché a quanto pare non aveva figli. Gli archeologi hanno trovato immagini che si riferiscono a Sobeknefru come Femmina Horus, Re dell’Alto e Basso Egitto e Figlia di Re.

Solo pochi artefatti sono stati positivamente collegati a Sobeknefru, tra cui un certo numero di statue senza testa che la raffigurano in abiti femminili ma con indosso oggetti maschili legati alla regalità. In alcuni testi antichi, a volte viene citata in termini che usano il genere maschile, forse per rafforzare il suo ruolo di faraone.

05 di 13

Neithhikret (morto nel 2181 a.C.)

Public Domain

Neithhikret (noto anche come Nitocris, Neith-Iquerti o Nitokerty) è conosciuto solo attraverso gli scritti dell’antico storico greco Erodoto. Se fosse esistita, avrebbe vissuto alla fine della dinastia, potrebbe essere stata sposata con un marito che non era reale e potrebbe non essere stato nemmeno un re, e probabilmente non aveva figli maschi. Potrebbe essere stata la figlia di Pepi II. Secondo Erodoto, si dice che sia succeduta a suo fratello Metesouphis II alla sua morte, e poi abbia vendicato la sua morte annegando i suoi assassini e suicidandosi.

04 di 13

Ankhesenpepi II (sesta dinastia, 2345-2181 a.C.)

audinou / Flickr / CC BY 2.0

Si conoscono poche informazioni biografiche su Ankhesenpepi II, anche quando è nata e quando è morta. A volte indicata come Ankh-Meri-Ra o Ankhnesmeryre II, potrebbe aver servito come reggente per suo figlio, Pepi II, che aveva circa sei anni quando salì al trono dopo la morte di Pepi I (suo marito, suo padre). Una statua di Ankhnesmeryre II come madre nutrice, che tiene la mano di suo figlio, è esposta al Brooklyn Museum. 

03 di 13

Khentkaus (IV dinastia, 2613-2494 a.C.)

Jon Bodsworth / Wikimedia Commons / Uso gratuito protetto da copyright

Secondo gli archeologi, Khentkaus è stata caratterizzata nelle iscrizioni come la madre di due faraoni egizi, probabilmente Sahure e Neferirke della quinta dinastia. Ci sono alcune prove che potrebbe aver servito come reggente per i suoi giovani figli o forse ha governato l’Egitto in persona per un breve periodo. Altri documenti suggeriscono che fosse sposata con il sovrano Shepseskhaf della Quarta Dinastia o con Userkaf della Quinta Dinastia. Tuttavia, la natura dei documenti di questo periodo nella storia dell’antico Egitto è così frammentaria da rendere impossibile la conferma della sua biografia.

02 di 13

Nimaethap (Terza dinastia, 2686-2613 a.C.)

powerofforever / Getty Images

I documenti dell’antico Egitto si riferiscono a Nimaethap (o Ni-Maat-Heb) come la madre di Djoser. Era probabilmente il secondo re della Terza dinastia, il periodo durante il quale furono unificati i regni superiore e inferiore dell’antico Egitto. Djoser è meglio conosciuto come il costruttore della piramide a gradoni a Saqqara. Poco si sa di Nimaethap, ma i documenti indicano che potrebbe aver governato per breve tempo, forse mentre Djoser era ancora un bambino.

01 di 13

Meryt-Neith (Prima dinastia, circa 3200–2910 a.C.)

kulbabka / Getty Images

Meryt-Neith (aka Merytneith o Merneith) era la moglie di Djet, che regnò intorno al 3000 a.C. Fu sepolta nelle tombe di altri faraoni della prima dinastia e il suo luogo di sepoltura conteneva artefatti solitamente riservati ai re, inclusa una barca per viaggiare al mondo successivo, e il suo nome si trova sui sigilli che elencano i nomi di altri faraoni della prima dinastia. Tuttavia, alcuni sigilli si riferiscono a Meryt-Neith come la madre del re, mentre altri implicano che lei stessa fosse una governante dell’Egitto. Le date di nascita e morte sono sconosciute.