13 donne notevoli dell’Europa medievale

Prima del Rinascimento – quando un certo numero di donne in Europa esercitava influenza e potere – le donne dell’Europa medievale spesso venivano alla ribalta principalmente attraverso i loro legami familiari. Attraverso il matrimonio o la maternità, o come erede del padre quando non c’erano eredi maschi, le donne occasionalmente si elevavano al di sopra dei loro ruoli culturalmente limitati. E alcune donne si sono fatte strada in prima linea nella realizzazione o nel potere principalmente attraverso i propri sforzi. Trova qui alcune donne medievali europee degne di nota.

Amalasuntha – Regina degli Ostrogoti

Archivio Hulton / Getty Images

Reggente Regina degli Ostrogoti, il suo omicidio divenne la motivazione per l’invasione dell’Italia da parte di Giustiniano e la sconfitta dei Goti. Sfortunatamente, abbiamo solo poche fonti molto distorte per la sua vita, ma questo profilo cerca di leggere tra le righe e avvicinarsi il più possibile a un racconto obiettivo della sua storia.

Caterina de ‘Medici

 Immagini di montaggio / Getty

Catherine de Medici nacque in una famiglia rinascimentale italiana e sposò il re di Francia. Sebbene occupasse il secondo posto nella vita di suo marito rispetto alle sue numerose amanti, esercitò molto potere durante i regni dei loro tre figli, servendo a volte come reggente e altre in modo più informale. È spesso riconosciuta per il suo ruolo nel massacro del giorno di San Bartolomeo, parte del conflitto cattolico-ugonotto in Francia.

Caterina da Siena

Archivio Hulton / Getty Images

Caterina da Siena è accreditata (con santa Brigida di Svezia) per aver persuaso papa Gregorio a restituire la sede papale da Avignone a Roma. Quando Gregory morì, Catherine fu coinvolta nel Grande Scisma. Le sue visioni erano ben note nel mondo medievale ed era consulente, attraverso la sua corrispondenza, con potenti leader secolari e religiosi.

Catherine di Valois

The Print Collector / Print Collector / Getty Images

Se Enrico V fosse vissuto, il loro matrimonio avrebbe potuto unire Francia e Inghilterra. A causa della sua morte prematura, l’impatto di Catherine sulla storia fu meno come figlia del re di Francia e moglie di Enrico V d’Inghilterra, che attraverso il suo matrimonio con Owen Tudor, e quindi il suo ruolo negli inizi della futura dinastia Tudor.

Christine de Pizan

Archivio Hulton / APIC / Getty Images

Christine de Pizan, autrice del Libro della città delle signore, scrittrice francese del XV secolo, fu una delle prime femministe che sfidò gli stereotipi femminili della sua cultura.

Eleonora d’Aquitania

Dorling Kindersley / Kim Sayer / Getty Images

Regina di Francia e poi regina d’Inghilterra, era duchessa d’Aquitania a pieno titolo, cosa che le diede un potere significativo come moglie e madre. Ha servito come reggente in assenza di suo marito, ha contribuito a garantire significativi matrimoni reali per le sue figlie e alla fine ha aiutato i suoi figli a ribellarsi contro il padre, Enrico II d’Inghilterra, suo marito. Fu imprigionata da Henry, ma sopravvisse a lui e servì, ancora una volta, come reggente, questa volta quando i suoi figli erano assenti dall’Inghilterra.

Ildegarda di Bingen

Immagini belle arti / Immagini del patrimonio / Getty Images

Mistica, leader religiosa, scrittrice, musicista, Ildegarda di Bingen è la prima compositrice di cui si conosce la storia della vita. Non è stata canonizzata fino al 2012, anche se prima era considerata una santa. Era la quarta donna nominata Dottore della Chiesa.

Rosvita

Archivio Hulton / Getty Images

La canonica, poetessa, drammaturga e storica, Hrosvitha (Hrostvitha, Hroswitha) scrisse le prime opere teatrali note per essere state scritte da una donna.

Isabella di Francia

British Library, Londra, Regno Unito / Scuola di inglese / Getty Images

Regina consorte di Edoardo II d’Inghilterra, si unì al suo amante Roger Mortimer per deporre Edward e, quindi, farlo assassinare. Suo figlio, Edoardo III, fu incoronato re e poi giustiziato Mortimer e bandì Isabella. Attraverso l’eredità di sua madre, Edoardo III rivendicò la corona di Francia, dando inizio alla Guerra dei Cent’anni.

Giovanna d’Arco

Archivio Hulton / Henry Guttman / Getty Images

Giovanna d’Arco, Maid of Orleans, ha avuto solo due anni sotto gli occhi del pubblico, ma è forse la donna più conosciuta del Medioevo. Era un capo militare e, alla fine, una santa nella tradizione cattolica romana che ha contribuito a unire i francesi contro gli inglesi.

Imperatrice Matilde (Imperatrice Maud)

Hulton Archive / Culture Club / Getty Images

Mai del tutto incoronata regina d’Inghilterra, la rivendicazione di Matilda sul trono – che suo padre aveva chiesto ai suoi nobili di sostenere, ma che suo cugino Stephen rifiutò quando si impadronì del trono per se stesso – portò a una lunga guerra civile. Alla fine, le sue campagne militari non portarono al suo successo nella conquista della corona d’Inghilterra, ma a suo figlio, Enrico II, che fu nominato successore di Stefano. (Fu chiamata Imperatrice a causa del suo primo matrimonio, con il Sacro Romano Impero.)

Matilde di Toscana

De Agostini Picture Library/DEA/A. DAGLI ORTI / Getty Images

Ha governato la maggior parte dell’Italia centrale e settentrionale ai suoi tempi; sotto il diritto feudale, doveva obbedienza al re tedesco – Sacro Romano Imperatore – ma si schierò dalla parte del Papa nelle guerre tra le forze imperiali e il papato. Quando Enrico IV dovette chiedere perdono al Papa, lo fece al castello di Matilda, e Matilda era seduta al fianco del Papa durante l’evento.

Teodora – Imperatrice bizantina

CM Dixon / Print Collector / Getty Images

Teodora, imperatrice di Bisanzio dal 527 al 548, fu probabilmente la donna più influente e potente nella storia dell’impero. Attraverso il suo rapporto con il marito, che sembra averla trattata come sua partner intellettuale, Theodora ha avuto un effetto reale sulle decisioni politiche dell’impero.