Biografia di Charlotte Brontë

Meglio conosciuta come autrice di Jane Eyre, Charlotte Brontë è stata una scrittrice, poetessa e scrittrice del XIX secolo. Era anche una delle tre sorelle Brontë, insieme a Emily e Anne, famose per il loro talento letterario. 

Vita e formazione

Brontë era il terzo di sei fratelli nati in sei anni dal Rev. Patrick Brontë e da sua moglie, Maria Branwell Brontë. È nata nella canonica di Thornton, nello Yorkshire, dove suo padre prestava servizio. Tutti e sei i bambini nacquero prima che la famiglia si trasferisse nell’aprile 1820 nella canonica di 5 stanze a Haworth, nelle brughiere dello Yorkshire, che avrebbero chiamato casa per la maggior parte della loro vita. Suo padre era stato nominato curato perpetuo lì, il che significa che lui e la sua famiglia avrebbero potuto vivere nella canonica fintanto che avrebbe continuato il suo lavoro lì. Il padre ha incoraggiato i bambini a trascorrere del tempo nella natura nelle brughiere.

Maria morì l’anno dopo la nascita della più giovane, Anne, forse di cancro uterino o di sepsi pelvica cronica. La sorella maggiore di Maria, Elizabeth Branwell, si è trasferita dalla Cornovaglia per aiutare a prendersi cura dei bambini e della canonica. Aveva un reddito proprio.

La sala da pranzo del Bronte Parsonage Museum a Haworth Parsonage.
 Christopher Furlong / Getty Images

Nel settembre del 1824, le quattro sorelle maggiori, inclusa Charlotte, furono mandate alla Clergy Daughters ‘School a Cowan Bridge, una scuola per le figlie del clero impoverito. Era presente anche la figlia della scrittrice Hannah Moore. Le dure condizioni della scuola si sono poi riflesse nel romanzo di Charlotte Brontë, Jane Eyre.

Un’epidemia di febbre tifoide nella scuola portò a diverse morti e le sorelle di Brontë, Maria ed Elizabeth, morirono entrambe subito dopo lo scoppio. Maria, la figlia maggiore, era stata una figura materna per i suoi fratelli minori; Charlotte ha deciso che aveva bisogno di ricoprire un ruolo simile come la figlia maggiore sopravvissuta.

Creazione di terre immaginarie

Quando suo fratello Patrick ricevette in dono alcuni soldati di legno nel 1826, i fratelli iniziarono a inventare storie sul mondo in cui vivevano i soldati. Scrissero le storie in caratteri minuscoli, in libri abbastanza piccoli per i soldati e fornirono anche giornali e poesie per il mondo che apparentemente chiamarono per la prima volta Glasstown. La prima storia conosciuta di Brontë fu scritta nel marzo del 1829; lei e Branwell hanno scritto la maggior parte delle storie iniziali.

Illustrazione dei quattro fratelli Bronte, che si sostenevano a vicenda nell’immaginazione.
 Culture Club / Getty Images

Nel gennaio del 1831, fu mandata a scuola a Roe Head, a circa quindici miglia da casa. Lì fece amicizia con Ellen Nussey e Mary Taylor, che avrebbero fatto parte della sua vita anche in seguito. Brontë eccelleva a scuola, anche in francese. In diciotto mesi, è tornata a casa e ha ripreso la saga di Glasstown. Nel frattempo, le sue sorelle più giovani, Emily e Anne, avevano creato la loro terra, Gondal, e Branwell aveva creato una ribellione. Brontë ha negoziato una tregua e una cooperazione tra i fratelli. Ha iniziato le storie di Angrian.

Brontë ha anche creato dipinti e disegni, 180 dei quali sopravvivono. Suo fratello minore, ha ottenuto un sostegno familiare per sviluppare le sue abilità pittoriche verso una possibile carriera, ma tale supporto non era disponibile per le sorelle.

Carriera di insegnamento

Nel luglio del 1835, Brontë ebbe l’opportunità di diventare insegnante alla Roe Head School. Le hanno offerto un ingresso gratuito per una sorella come pagamento per i suoi servizi. Ha portato con sé Emily, ma Emily si è ammalata presto, una malattia attribuita alla nostalgia di casa. Emily tornò a Haworth e la sorella più giovane, Anne, prese il suo posto.

La scuola si trasferì nel 1838 e Brontë lasciò quella posizione a dicembre, tornando a casa e in seguito definendosi “distrutta”. Aveva continuato a tornare nel mondo immaginario di Angria durante le vacanze da scuola e aveva continuato a scrivere in quel mondo dopo essere tornata nella casa di famiglia. Nel maggio del 1839, Brontë divenne per breve tempo una governante. Odiava il ruolo, soprattutto la sensazione che aveva di “non esistere” come domestica, e se ne andò a metà giugno.

Un nuovo curato, William Weightman, arrivò nell’agosto del 1839 per assistere il Rev. Brontë. Un nuovo e giovane sacerdote, sembra aver attirato il flirt di Charlotte e Anne Brontë, e forse più attrazione di Anne. Brontë ricevette due diverse proposte nel 1839: una da Henry Nussey, il fratello della sua amica Ellen, con cui aveva continuato a corrispondere; l’altro era di un ministro irlandese. Li ha rifiutati entrambi.

Ritratto di Charlotte Bronte, circa 1841.
 Hulton Archive / Getty Images

Nel febbraio del 1842, Charlotte ed Emily andarono a Londra e poi a Bruxelles. Hanno frequentato una scuola a Bruxelles per sei mesi, poi è stato chiesto a entrambi di restare, prestando servizio come insegnanti per pagare le tasse scolastiche. Charlotte ha insegnato inglese ed Emily ha insegnato musica. A settembre, hanno appreso che il giovane reverendo Weightman era morto. Elizabeth Branwell morì quell’ottobre ei quattro fratelli Brontë ricevettero quote del patrimonio della zia. Emily lavorava come governante per suo padre, servendo nel ruolo che aveva assunto la zia. Anne tornò a una posizione di governante e Branwell seguì Anne per servire con la stessa famiglia come tutor. 

Brontë è tornato a Bruxelles per insegnare. Si sentiva isolata lì e forse si innamorò del maestro della scuola, anche se i suoi affetti e il suo interesse non furono ricambiati. Tornò a casa alla fine di un anno, anche se continuò a scrivere lettere al maestro di scuola dall’Inghilterra, e tornò a casa, insieme ad Anne. Il loro padre aveva bisogno di più aiuto nel suo lavoro, poiché la sua visione stava venendo meno. Anche Branwell era tornato, in disgrazia, e aveva perso la salute mentre si rivolgeva sempre più all’alcol e all’oppio.

Scrittura per la pubblicazione

Nel 1845, Brontë trovò i quaderni di poesie di Emily e le tre sorelle scoprirono le poesie l’una dell’altra. Hanno selezionato poesie dalle loro raccolte per la pubblicazione, scegliendo di farlo sotto pseudonimi maschili. I falsi nomi avrebbero condiviso le loro iniziali: Currer, Ellis e Acton Bell. Pensavano che gli scrittori maschi avrebbero trovato una pubblicazione più facile. Le poesie furono pubblicate come Poesie di Currer, Ellis e Acton Bell nel maggio del 1846 con l’aiuto dell’eredità della loro zia. Non hanno detto al padre o al fratello del loro progetto. Il libro inizialmente ha venduto solo due copie, ma ha ottenuto recensioni positive, il che li ha incoraggiati.

Le sorelle iniziarono a preparare i romanzi per la pubblicazione. Charlotte ha scritto Il professore, forse immaginando un rapporto migliore con il suo amico, il maestro di scuola di Bruxelles. Emily ha scritto Cime tempestose, adattato dalle storie di Gondal, e Anne ha scritto Agnes Gray, radicata nelle sue esperienze come governante. L’anno successivo, luglio 1847, le storie di Emily e Anne, ma non quelle di Charlotte, furono accettate per la pubblicazione, sempre con gli pseudonimi di Bell. Tuttavia, non sono stati pubblicati immediatamente.

Charlotte Brontë ha scritto Jane Eyre e l’ha offerta all’editore, apparentemente un’autobiografia a cura di Currer Bell. Il libro è diventato un successo rapido. Alcuni hanno ipotizzato dagli scritti che Currer Bell fosse una donna, e c’erano molte speculazioni su chi potesse essere l’autore. Alcuni critici hanno condannato il rapporto tra Jane e Rochester come “improprio”.

La prima pagina del manoscritto “Jane Eyre” negli scritti di Bronte.
 Hulton Archive / Getty Images

Il libro, con alcune revisioni, entrò in una seconda edizione nel gennaio 1848 e una terza nell’aprile dello stesso anno. Dopo che Jane Eyre si fu rivelata un successo, furono pubblicati anche Cime tempestose e Agnes Gray. Un editore iniziò a pubblicizzare i tre come un pacchetto, suggerendo che i tre “fratelli” fossero in realtà un unico autore. A quel tempo Anne aveva anche scritto e pubblicato The Tenant of Wildfell Hall. Charlotte ed Emily andarono a Londra per rivendicare la paternità delle sorelle e le loro identità furono rese pubbliche.

Tragedia familiare e vita successiva

Brontë aveva iniziato un nuovo romanzo, quando suo fratello Branwell morì nell’aprile del 1848, probabilmente di tubercolosi. Emily colse quello che sembrava essere un raffreddore al suo funerale e si ammalò. Ha rifiutato rapidamente, rifiutando le cure mediche fino a quando non ha ceduto nelle sue ultime ore. È morta a dicembre. Poi Anne ha cominciato a mostrare i sintomi, anche se, dopo l’esperienza di Emily, ha cercato aiuto medico. Brontë e la sua amica Ellen Nussey portarono Anne a Scarborough per un ambiente migliore, ma Anne morì lì nel maggio del 1849, meno di un mese dopo il suo arrivo. 

Brontë, ora l’ultimo dei fratelli a sopravvivere, e vive ancora con suo padre, completò il suo nuovo romanzo, Shirley: A Tale, in agosto, e fu pubblicato nell’ottobre 1849. A novembre andò a Londra, dove incontrò figure come William Makepeace Thackeray, Harriet Martineau ed Elizabeth Glaskell. Iniziò a corrispondere con molte delle sue nuove conoscenze e amici e rifiutò un’altra offerta di matrimonio.

Ripubblicò Cime tempestose e Agnes Gray nel dicembre 1850, con una nota biografica che chiariva chi fossero le sue sorelle, le autrici. La caratterizzazione delle sue sorelle come Emily poco pratica ma premurosa e Anne abnegante, solitaria e non così originale, tendeva a persistere una volta che quelle impressioni divennero pubbliche. Brontë ha modificato pesantemente il lavoro delle sue sorelle, anche se afferma di sostenere la veridicità su di loro. Ha soppresso la pubblicazione di Anne’s Tenant of Wildfell Hall, con la sua rappresentazione dell’alcolismo e dell’indipendenza di una donna.

Incisione di Charlotte Bronte, metà del XIX secolo.
Immagini di montaggio / Getty 

Brontë scrisse Villette, pubblicandolo nel gennaio del 1853, e si divise con Harriet Martineau su di esso, poiché Martineau lo disapprovava. Arthur Bell Nicholls, il curato del reverendo Brontë, la sorprese con una proposta di matrimonio. Il padre di Charlotte disapprovava la proposta e Nicholls lasciò il suo posto. Inizialmente lei rifiutò la sua proposta, poi iniziò a corrispondere segretamente con lui finché non si fidanzarono e lui tornò a Haworth. Si sposarono il 29 giugno 1854 e andarono in luna di miele in Irlanda.

Charlotte ha continuato a scrivere, iniziando un nuovo romanzo, Emma. Si prese anche cura di suo padre a Haworth. È rimasta incinta l’anno dopo il suo matrimonio, poi si è ritrovata estremamente malata. Morì il 31 marzo 1855.

La sua condizione fu diagnosticata all’epoca come tubercolosi, ma alcuni, molto più tardi, hanno ipotizzato che la descrizione del sintomo più probabilmente si adatti alla condizione di iperemesi gravidica, essenzialmente una nausea mattutina estrema con vomito pericolosamente eccessivo.

Eredità

Nel 1857, Elizabeth Gaskell pubblicò La vita di Charlotte Brontë, affermando la reputazione di Charlotte Brontë come vittima di una vita tragica. Nel 1860, Thackeray pubblicò Emma incompiuta. Suo marito ha contribuito a rivedere Il Professore per la pubblicazione con l’incoraggiamento di Gaskell. Due storie, “The Secret” e “Lily Hart”, non furono pubblicate fino al 1978.

Entro la fine del XIX secolo, il lavoro di Charlotte Brontë era in gran parte fuori moda. L’interesse riprese alla fine del XX secolo. Jane Eyre è stata la sua opera più popolare ed è stata adattata per il palcoscenico, il cinema e la televisione e anche per il balletto e l’opera. Oggi è una delle autrici più lette in lingua inglese.

fonti

  • Fraser, Rebecca. Charlotte Brontë: A Writer’s Life (2a ed.). New York: Pegasus Books LLC, 2008.
  • Miller, Lucasta. Il mito di Brontë. Londra: Vintage, 2002.
  • Paddock, Lisa; Rollyson, Carl. The Brontës A to Z. New York: Facts on File, 2003.