Biografia di Lucian Freud

“Voglio che la pittura funzioni come carne … i miei ritratti siano delle persone, non come loro. Non avere lo sguardo del soggetto, essere loro … Per quanto mi riguarda la pittura è la persona. Voglio funziona per me proprio come fa la carne. ”

Lucian Freud è il nipote di Sigmund Freud, il pioniere della psicoanalisi. Nato a Berlino l’8 dicembre 1922, morì a Londra il 20 luglio 2011. Freud si trasferì in Gran Bretagna nel 1933 con i suoi genitori dopo che Hitler salì al potere in Germania. Suo padre, Ernst, era un architetto; sua madre, figlia di un mercante di cereali. Freud divenne cittadino britannico nel 1939. Nel 1948 sposò Kitty Garman, figlia dello scultore britannico Jacob Epstein, ma il matrimonio non durò e nel 1952 sposò Caroline Blackwood. Ha iniziato a lavorare come artista a tempo pieno dopo essere stato invalido dalla marina mercantile nel 1942, dopo aver scontato solo tre mesi.

Il più grande pittore figurativo

Oggi i suoi ritratti e nudi di impasto fanno sì che molti lo considerino il più grande pittore figurativo del nostro tempo. Freud preferisce non usare modelli professionali, piuttosto che amici e conoscenti posano per lui, qualcuno che vuole davvero essere lì piuttosto che qualcuno che sta pagando.

“Non potrei mai mettere nulla in una foto che non fosse effettivamente lì di fronte a me. Sarebbe una bugia inutile, un po ‘di arte”.

Dal 1938 al 1939, Freud studiò alla Central School of Arts di Londra; dal 1939 al 1942 presso la East Anglian School of Painting and Drawing di Dedham, gestita da Cedric Morris, e dal 1942-1943 al Goldsmiths ‘College di Londra (part-time). Dal 1946 al 47 dipinge a Parigi e in Grecia. Freud fece pubblicare i suoi lavori sulla rivista Horizon nel 1939 e nel 1943. Nel 1944 i suoi dipinti furono appesi alla Lefevre Gallery.

Nel 1951, il suo Interior a Paddington (tenuto alla Walker Art Gallery, a Liverpool) vinse un premio Arts Council al Festival of Britain. Tra il 1949 e il 1954 è stato tutor in visita presso la Slade School of Fine Art di Londra.

Mostre e Retrospettive

Freud ha avuto uno studio a Paddington, Londra, per 30 anni prima di trasferirsi in uno a Holland Park. La sua prima mostra retrospettiva, organizzata dall’Arts Council of Great Britain, si è tenuta nel 1974 alla Hayward Gallery di Londra. Quella alla Tate Gallery nel 2002 ha registrato il tutto esaurito, così come la grande retrospettiva alla National Portrait Gallery di Londra nel 2012.

“Il dipinto è sempre fatto molto con la collaborazione [della modella]. Il problema con dipingere un nudo, ovviamente, è che approfondisce la transazione. Puoi scartare un dipinto del viso di qualcuno e mettere in pericolo l’autostima della modella meno che scartare un dipinto dell’intero corpo nudo “.

Secondo il critico Robert Hughes, “il pigmento di base per la carne di Freud è il bianco di Cremnitz, un pigmento eccessivamente pesante che contiene il doppio di ossido di piombo rispetto al bianco in scaglie e molto meno olio medio degli altri bianchi”.

“Non voglio che nessun colore sia visibile … Non voglio che operi nel senso modernista come colore, qualcosa di indipendente … I colori pieni e saturi hanno un significato emotivo che voglio evitare.”