Biografia di Robert G. Ingersoll

Robert Ingersoll è nato a Dresda, New York. Sua madre è morta quando lui aveva solo tre anni. Suo padre era un ministro congregazionalista, aderente a una teologia calvinista, e anche un ardente attivista anti-schiavitù del 19 ° secolo nordamericano. Dopo la morte della madre di Robert, si trasferì nel New England e nel Midwest, dove ricoprì incarichi ministeriali presso molte congregazioni, spostandosi frequentemente.

Poiché la famiglia si è trasferita così tanto, l’educazione del giovane Robert è stata per lo più a casa. Leggeva molto e con suo fratello ha studiato legge.

Nel 1854 Robert Ingersoll fu ammesso al bar. Nel 1857 fece di Peoria, nell’Illinois, la sua casa. Lui e suo fratello hanno aperto uno studio legale lì. Ha sviluppato una reputazione di eccellenza nel lavoro di prova.

Conosciuto per: docente popolare nell’ultimo diciannovesimo secolo su libertà di pensiero, agnosticismo e riforma sociale

date: 11 agosto 1833-21 luglio 1899

Conosciuto anche come: Il grande agnostico, Robert Green Ingersoll

Prime associazioni politiche

Nelle elezioni del 1860, Ingersoll era un democratico e un sostenitore di Stephen Douglas. Corse senza successo per il Congresso nel 1860 come democratico. Ma era, come suo padre, un oppositore dell’istituto della schiavitù, e ha cambiato la sua fedeltà ad Abraham Lincoln e al Partito Repubblicano appena formato.

Per la Famiglia

Si sposò nel 1862. Il padre di Eva Parker era un ateo dichiarato, con scarso interesse per la religione. Alla fine lui ed Eva hanno avuto due figlie.

Guerra civile

Quando iniziò la guerra civile, Ingersoll si arruolò. Incaricato come colonnello, era il comandante dell’11a Cavalleria dell’Illinois. Lui e l’unità prestarono servizio in diverse battaglie nella Tennessee Valley, inclusa quella di Shiloh il 6 e 7 aprile 1862.

Nel dicembre del 1862, Ingersoll e molti dei suoi uomini furono catturati dai Confederati e imprigionati. Ad Ingersoll, tra gli altri, fu data la possibilità di essere rilasciato se aveva promesso di lasciare l’esercito, e nel giugno del 1863 si dimise e fu dimesso dal servizio.

Dopo la guerra

Alla fine della guerra civile, quando Ingersoll tornò a Peoria e al suo studio legale, divenne attivo nell’ala radicale del Partito Repubblicano, incolpando i Democratici per l’assassinio di Lincoln.

Ingersoll è stato nominato procuratore generale per lo stato dell’Illinois dal governatore Richard Oglesby, per il quale aveva fatto una campagna. Ha servito dal 1867 al 1869. È stata l’unica volta che ha ricoperto cariche pubbliche. Aveva pensato di candidarsi al Congresso nel 1864 e nel 1866 e a governatore nel 1868, ma la sua mancanza di fede religiosa lo trattenne.

Ingersoll iniziò a identificarsi con il pensiero libero (usando la ragione piuttosto che l’autorità religiosa e le scritture per formare credenze), pronunciando la sua prima conferenza pubblica sull’argomento nel 1868. Difese una visione scientifica del mondo che includeva le idee di Charles Darwin. Questa non affiliazione religiosa significava che non era in grado di candidarsi con successo alla carica, ma usò le sue notevoli capacità oratorie per tenere discorsi a sostegno di altri candidati.

Praticando legge con il fratello per molti anni, è stato anche coinvolto nel nuovo Partito Repubblicano. Nel 1876, come sostenitore del candidato James G. Blaine, gli fu chiesto di tenere il discorso di nomina per Blaine alla convention nazionale repubblicana. Ha sostenuto Rutherford B. Hayes quando è stato nominato. Hayes ha cercato di dare a Ingersoll un appuntamento per un lavoro diplomatico, ma i gruppi religiosi hanno protestato e Hayes ha fatto marcia indietro.

Docente di riflessione

Dopo quella convenzione, Ingersoll si trasferì a Washington, DC, e iniziò a dividere il suo tempo tra la sua pratica legale ampliata e una nuova carriera nel circuito delle conferenze. Fu un famoso conferenziere per la maggior parte del successivo quarto di secolo e, con i suoi argomenti creativi, divenne un rappresentante di spicco del movimento laicista americano per il libero pensiero.

Ingersoll si considerava un agnostico. Sebbene credesse che un Dio che rispondeva alle preghiere non esistesse, si chiedeva anche se l’esistenza di un altro tipo di divinità e l’esistenza di una vita ultraterrena potessero essere conosciute. In risposta a una domanda di un intervistatore di un quotidiano di Filadelfia nel 1885, disse: “L’agnostico è un ateo. L’ateo è un agnostico. L’Agnostico dice: “Non lo so, ma non credo che esista un dio”. L’ateo dice lo stesso. Il cristiano ortodosso dice di sapere che esiste un Dio, ma sappiamo che non lo sa. L’ateo non può sapere che Dio non esiste “.

Come era comune in quel periodo in cui i docenti itineranti fuori città erano la principale fonte di intrattenimento pubblico nelle piccole e grandi città, tenne una serie di conferenze che furono ripetute molte volte e successivamente pubblicate per iscritto. Una delle sue conferenze più famose è stata “Why I Am an Agnostic”. Un altro, che descriveva in dettaglio la sua critica a una lettura letterale delle scritture cristiane, era intitolato “Alcuni errori di Mosè”. Altri titoli famosi erano “Gli dèi”, “Eretici ed eroi”, “Mito e miracolo”, “Informazioni sulla Sacra Bibbia” e “Cosa dobbiamo fare per essere salvati?”

Ha parlato anche di ragione e libertà; un’altra lezione popolare è stata “Individualità”. Un ammiratore di Lincoln che ha incolpato i democratici per la morte di Lincoln, Ingersoll ha anche parlato di Lincoln. Scrisse e parlò di Thomas Paine, che Theodore Roosevelt chiamava “un piccolo ateo sporco”. Ingersoll ha intitolato una conferenza su Paine “Senza il suo nome, la storia della libertà non può essere scritta”.

Come avvocato, ha avuto successo, con la reputazione di vincere casi. Come docente, ha trovato mecenati che hanno finanziato le sue continue apparizioni ed è stato un grande richiamo per il pubblico. Ha ricevuto commissioni fino a $ 7,000. Durante una conferenza a Chicago, 50,000 persone andarono a vederlo, anche se il luogo dovette allontanarsi di 40,000 perché la sala non ne avrebbe ospitati così tanti. Ingersoll ha parlato in tutti gli stati dell’unione eccetto North Carolina, Mississippi e Oklahoma.

Le sue lezioni gli valsero molti nemici religiosi. I predicatori lo denunciavano. A volte veniva chiamato “Robert Injuresoul” dai suoi avversari. I giornali hanno riportato in dettaglio i suoi discorsi e la loro accoglienza.

Il fatto che fosse figlio di un ministro relativamente povero e che si fosse fatto strada verso la fama e la fortuna faceva parte del suo personaggio pubblico, l’immagine popolare del tempo dell’americano autodidatta e autodidatta.

Riforme sociali compreso il suffragio femminile

Ingersoll, che in precedenza nella sua vita era stato un attivista contro la schiavitù, associato a una serie di cause di riforma sociale. Una delle riforme chiave che ha promosso sono stati i diritti delle donne, compreso l’uso legale del controllo delle nascite, il suffragio femminile e la parità di retribuzione per le donne. Il suo atteggiamento nei confronti delle donne apparentemente faceva parte anche del suo matrimonio. Era generoso e gentile con sua moglie e le sue due figlie, rifiutandosi di svolgere il ruolo allora comune di un patriarca comandante.

Uno dei primi convertiti al darwinismo e all’evoluzione della scienza, Ingersoll si oppose al darwinismo sociale, la teoria secondo cui alcuni erano “naturalmente” inferiori e la loro povertà e problemi erano radicati in tale inferiorità. Apprezzava la ragione e la scienza, ma anche la democrazia, il valore individuale e l’uguaglianza.

Influenzato su Andrew Carnegie, Ingersoll ha promosso il valore della filantropia. Ha annoverato tra la sua cerchia più ampia persone come Elizabeth Cady Stanton, Frederick Douglass, Eugene Debs, Robert La Follette (anche se Debs e La Follette non facevano parte dell’amato partito repubblicano di Ingersoll), Henry Ward Beecher (che non condivideva le opinioni religiose di Ingersoll) , HL Mencken, Mark Twain e il giocatore di baseball “Wahoo Sam” Crawford.

Malattia e morte

Negli ultimi quindici anni, Ingersoll si è trasferito con la moglie a Manhattan, poi a Dobbs Ferry. Mentre stava partecipando alle elezioni del 1896, la sua salute iniziò a peggiorare. Si ritirò dalla legge e dal circuito di conferenze e morì, probabilmente per un improvviso attacco di cuore, a Dobbs Ferry, New York, nel 1899. Sua moglie era al suo fianco. Nonostante le voci, non ci sono prove che abbia ritrattato la sua incredulità nelle divinità sul letto di morte.

Ha imposto grandi compensi per parlare e ha fatto bene come avvocato, ma non ha lasciato una grande fortuna. A volte perdeva soldi in investimenti e come regali ai parenti. Ha anche donato molto a organizzazioni e cause di libero pensiero. Il New York Times ha persino ritenuto opportuno menzionare la sua generosità nel loro necrologio, con l’implicazione che fosse sciocco con i suoi fondi.

Seleziona Citazioni da Ingersoll

“La felicità è l’unico bene. Il tempo per essere felici è adesso. Il posto per essere felici è qui. Il modo per essere felici è rendere gli altri così”.

“Tutte le religioni sono incompatibili con la libertà mentale”.

“Le mani che aiutano sono di gran lunga migliori delle labbra che pregano.”

“Il nostro governo dovrebbe essere interamente e puramente laico. Le opinioni religiose di un candidato dovrebbero essere tenute completamente nascoste “.

“La gentilezza è il sole in cui cresce la virtù.”

“Che cosa è la luce per gli occhi – ciò che l’aria è per i polmoni – ciò che l’amore è per il cuore, la libertà è per l’anima dell’uomo”.

“Come sarebbe povero questo mondo senza le sue tombe, senza i ricordi dei suoi potenti morti. Solo chi non ha voce parla per sempre. ”

“La Chiesa è sempre stata disposta a scambiare tesori in paradiso con denaro contante”.

“È un grande piacere cacciare il demone della paura dal cuore di uomini, donne e bambini. È una gioia positiva spegnere le fiamme dell’inferno “.

“Una preghiera che deve avere un cannone dietro è meglio che non venga mai pronunciata. Il perdono non dovrebbe essere associato a sparo e granata. L’amore non ha bisogno di portare coltelli e revolver. ”

“Vivrò secondo lo standard della ragione, e se pensare secondo la ragione mi porta alla perdizione, allora andrò all’inferno con la mia ragione piuttosto che in paradiso senza di essa.”

Bibliografia:

  • Clarence H. Cramer. Royal Bob. 1952.
  • Roger E. Greeley. Ingersoll: Immortal Infidel. 1977.
  • Robert G. Ingersoll. Le opere di Robert G. Ingersoll. 12 voll. 1900.
  • Orvin Prentiss Larson. Infedele americano: Robert G. Ingersoll. 1962.
  • Gordon Stein. Robert G. Ingersoll, una lista di controllo. 1969.
  • Eva Ingersoll Wakefield. Lettere di Robert G. Ingersoll. 1951.