Chi finanzia le campagne politiche?

I politici in corsa per la presidenza degli Stati Uniti e i 435 seggi al Congresso hanno speso almeno 2 miliardi di dollari per le loro campagne nelle elezioni del 2016 e oltre 1.4 trilioni di dollari nel 2018.

I fondi per le campagne politiche provengono da americani medi appassionati di candidati, gruppi di interesse speciale, comitati di azione politica la cui funzione è quella di raccogliere e spendere soldi cercando di influenzare le elezioni e i cosiddetti super PAC.

I contribuenti finanziano anche campagne politiche direttamente e indirettamente. Pagano le primarie del partito e milioni di americani scelgono anche di contribuire al Fondo per la campagna elettorale presidenziale.

Contributi individuali

Mark Wilson / Getty Images

Ogni anno, milioni di americani scrivono assegni da un minimo di $ 1 a un massimo di $ 5,400 per finanziare direttamente la campagna di rielezione del loro politico preferito. Altri danno molto di più direttamente ai partiti o attraverso i cosiddetti comitati indipendenti di sola spesa o super PAC.

Le persone danno i soldi per una serie di ragioni: per aiutare il loro candidato a pagare per annunci politici e vincere le elezioni, o per ingraziarsi e ottenere l’accesso a quel funzionario eletto lungo la strada. Molti contribuiscono con denaro a campagne politiche per aiutare a costruire relazioni con persone che credono possano aiutarli nei loro sforzi personali.

Molti candidati autofinanziano anche una parte delle loro campagne. Secondo il gruppo di ricerca Open Secrets, il candidato medio fornisce circa l’11% del proprio finanziamento.

Super PAC

Chip Somodevilla / Getty Images

Il comitato indipendente di sola spesa, o super PAC, è una razza moderna di un comitato di azione politica che è autorizzato a raccogliere e spendere quantità illimitate di denaro ottenuto da società, sindacati, individui e associazioni. I Super PAC sono emersi da una sentenza molto controversa della Corte Suprema degli Stati Uniti in Citizens United.

I Super PAC hanno speso decine di milioni di dollari nelle elezioni presidenziali del 2012, il primo concorso interessato dalle sentenze del tribunale che ha consentito l’esistenza dei comitati. Nelle elezioni del 2016, hanno speso 1.4 miliardi di dollari.

I contribuenti

Scott Olson / Getty Images

Anche se non scrivi un assegno al tuo politico preferito, sei ancora sul gancio. I costi per lo svolgimento delle primarie e delle elezioni – dal pagamento dei funzionari statali e locali al mantenimento delle macchine per il voto – nel vostro stato sono pagati dai contribuenti. Così sono le convenzioni per le nomine presidenziali.

Inoltre, i contribuenti hanno la possibilità di contribuire con denaro al Fondo per la campagna elettorale presidenziale, che aiuta a pagare le elezioni presidenziali ogni quattro anni. Ai contribuenti viene chiesto sui moduli di dichiarazione dei redditi: “Vuoi che $ 3 della tua tassa federale vadano al Fondo per la campagna elettorale presidenziale?” Ogni anno, milioni di americani dicono di sì.

Comitati di azione politica

vasiliki / Getty Images

I comitati di azione politica, o PAC, sono un’altra fonte comune di finanziamento per la maggior parte delle campagne politiche. Esistono dal 1943 e ce ne sono molti tipi diversi.

Alcuni comitati di azione politica sono diretti dai candidati stessi. Altri sono gestiti da parti. Molti sono gestiti da interessi speciali come gruppi aziendali e di difesa sociale.

La Commissione elettorale federale è responsabile della supervisione dei comitati di azione politica e ciò include la richiesta di presentare rapporti regolari che descrivono in dettaglio le attività di raccolta fondi e di spesa di ciascun PAC. Queste note sulle spese della campagna sono una questione di informazione pubblica e possono essere una ricca fonte di informazioni per gli elettori.

Soldi scuri

Tomasz Zajda / EyeEm / Getty Images

Anche il dark money è un fenomeno relativamente nuovo. Centinaia di milioni di dollari stanno confluendo in campagne politiche federali da parte di gruppi chiamati in modo innocuo i cui donatori possono rimanere nascosti a causa di scappatoie nelle leggi sulla divulgazione.

La maggior parte del denaro oscuro che si fa strada nella politica proviene da gruppi esterni, inclusi gruppi senza scopo di lucro 501 (c) o organizzazioni di assistenza sociale che spendono decine di milioni di dollari. Sebbene tali organizzazioni e gruppi siano su registri pubblici, le leggi sulla divulgazione consentono alle persone che li finanziano effettivamente di rimanere senza nome.

Ciò significa che la fonte di tutto quel denaro oscuro, la maggior parte delle volte, rimane un mistero. In altre parole, la questione di chi finanzia le campagne politiche rimane in parte un mistero.