Come Viola Desmond ha sfidato la segregazione in Canada

È stata a lungo paragonata a Rosa Parks, e ora Viola Desmond, pioniera dei diritti civili in ritardo, appare sulla banconota da $ 10 del Canada. Nota per essersi rifiutata di sedersi nella sezione segregata di un cinema, Desmond ha onorato per la prima volta la nota nel 2018. Sostituirà il primo primo ministro canadese, John A. Macdonald, che sarà invece protagonista di un conto di valore più alto.

Desmond è stata scelta per comparire nella valuta dopo che la Bank of Canada ha richiesto la presentazione di iconiche donne canadesi da includere nel disegno di legge. La notizia della sua selezione arrivò diversi mesi dopo l’annuncio che Harriet Tubman sarebbe apparsa sulla banconota da 20 dollari negli Stati Uniti.

“Oggi si tratta di riconoscere l’incalcolabile contributo che tutte le donne hanno avuto e continuano ad avere nel plasmare la storia del Canada”, ha detto il ministro delle Finanze canadese Bill Morneau della selezione di Desmond nel dicembre 2016. “La stessa storia di Viola Desmond ricorda a tutti noi che un grande cambiamento può inizia con momenti di dignità e coraggio. Rappresenta il coraggio, la forza e la determinazione, qualità a cui tutti dovremmo aspirare ogni giorno. ”

È stata una lunga strada per ottenere Desmond sul conto. La Bank of Canada ha ricevuto 26,000 nomination e alla fine ha ridotto quel numero a soli cinque finalisti. Desmond ha eliminato la poetessa E. Pauline Johnson, l’ingegnere Elizabeth MacGill, la runner Fanny Rosenfeld e la suffragetta Idola Saint-Jean. Ma americani e canadesi allo stesso modo hanno ammesso di sapere poco del pioniere delle relazioni razziali prima della decisione storica di presentarla nella valuta canadese.

Quando Desmond ha battuto la concorrenza, tuttavia, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito la sua selezione una “scelta fantastica”.

Ha descritto Desmond come una “donna d’affari, leader della comunità e combattente coraggioso contro il razzismo”.

Allora, perché i suoi contributi alla società sono stati così importanti da essere immortalata nella valuta nazionale? Conosci Desmond con questa biografia.

Un pioniere che ha restituito

Desmond è nata Viola Irene Davis il 6 luglio 1914 ad Halifax, in Nuova Scozia. È cresciuta nella classe media ei suoi genitori, James Albert e Gwendolin Irene Davis, erano molto coinvolti nella comunità nera di Halifax. 

Quando è diventata maggiorenne, Desmond ha inizialmente intrapreso la carriera di insegnante. Ma da bambina, Desmond ha sviluppato un interesse per la cosmetologia a causa della scarsità di prodotti per la cura dei capelli neri disponibili nella sua zona. Anche il fatto che suo padre lavorasse come barbiere deve averla ispirata. 

Le scuole di bellezza di Halifax erano vietate alle donne di colore, quindi Desmond si recò a Montreal per frequentare la Field Beauty Culture School, una delle rare istituzioni che accettava studenti neri. Ha anche viaggiato negli Stati Uniti per ottenere le competenze che cercava. Si è persino formata con Madam CJ Walker, che è diventata milionaria per i trattamenti e i prodotti di bellezza pionieristici per i neri americani. La tenacia di Desmond è stata ripagata quando ha conseguito un diploma presso l’Apex College of Beauty Culture and Hairdressing di Atlantic City, nel New Jersey.

Quando Desmond ricevette la formazione di cui aveva bisogno, aprì un salone tutto suo, Vi’s Studio of Beauty Culture ad Halifax, nel 1937. Aprì anche una scuola di bellezza, Desmond School of Beauty Culture, perché non voleva altre donne di colore. per dover sopportare gli ostacoli che ha dovuto ricevere l’addestramento.

Circa 15 donne si diplomavano alla sua scuola ogni anno e se ne andavano dotate del know-how per aprire i propri saloni e fornire lavoro alle donne nere nelle loro comunità, poiché gli studenti di Desmond provenivano da tutta la Nuova Scozia, New Brunswick e Quebec. Come Desmond, queste donne erano state rifiutate dalle scuole di bellezza interamente bianche.

Seguendo le orme di Madam CJ Walker, Desmond ha anche lanciato una linea di bellezza chiamata Vi’s Beauty Products.

La vita amorosa di Desmond si è sovrapposta alle sue aspirazioni professionali. Lei e suo marito, Jack Desmond, hanno lanciato insieme un barbiere ibrido e un salone di bellezza. 

Prendere una posizione

Nove anni prima che Rosa Parks rifiutasse di cedere il suo posto su un autobus di Montgomery, in Alabama, a un uomo bianco, Desmond si rifiutò di sedersi nella sezione nera di un cinema a New Glasgow, in Nuova Scozia. Ha preso la posizione che l’avrebbe resa un’eroina nella comunità nera dopo che la sua auto si è rotta l’8 novembre 1946, durante un viaggio che ha fatto per vendere prodotti di bellezza. Informato che riparare la sua macchina avrebbe richiesto un giorno perché le parti per farlo non erano prontamente disponibili, Desmond ha deciso di vedere un film intitolato “The Dark Mirror” al Roseland Film Theatre di New Glasgow.

Ha acquistato un biglietto al botteghino, ma quando è entrata a teatro, l’usciere le ha detto che aveva un biglietto per il balcone, non un biglietto per il piano principale. Quindi, Desmond, che era miope e aveva bisogno di sedersi al piano di sotto per vedere, è tornato alla biglietteria per correggere la situazione. Lì, la cassiera ha detto che non le era permesso vendere i biglietti del piano di sotto agli avventori neri.

La donna d’affari nera si rifiutò di sedersi sul balcone e tornò al piano principale. Lì, è stata brutalmente costretta a lasciare il suo posto, arrestata e tenuta in prigione durante la notte. Poiché costava un centesimo in più per un biglietto del piano principale che per un biglietto del balcone, Desmond è stato accusato di evasione fiscale. Per il reato, ha pagato una multa di $ 20 e $ 6 in spese giudiziarie per essere rilasciata dalla custodia. 

Quando è arrivata a casa, suo marito le ha consigliato di abbandonare la questione, ma i dirigenti del suo luogo di culto, la Cornwallis Street Baptist Church, l’hanno esortata a lottare per i suoi diritti. Anche la Nova Scotia Association for the Advancement of Colored People ha offerto il suo sostegno e Desmond ha assunto un avvocato, Frederick Bissett, per rappresentarla in tribunale. La causa che ha intentato contro il Roseland Theatre si è rivelata infruttuosa perché Bissett ha sostenuto che la sua cliente era stata ingiustamente accusata di evasione fiscale invece di sottolineare che era stata discriminata in base alla razza.

A differenza degli Stati Uniti, Jim Crow non era la legge del paese in Canada. Quindi, Bissett potrebbe aver trionfato se avesse sottolineato che questo cinema privato ha tentato di imporre posti a sedere separati. Ma solo perché il Canada mancava di Jim Crow non significava che i neri lì sfuggissero al razzismo, motivo per cui Afua Cooper, professore di studi canadese alla Dalhousie University di Halifax, ha detto ad Al Jazeera che il caso di Desmond dovrebbe essere visto attraverso una lente canadese.

“Penso che sia ora che il Canada riconosca i suoi cittadini neri, persone che hanno sofferto”, ha detto Cooper. “Il Canada ha il suo razzismo interno, il razzismo anti-nero e il razzismo anti-africano che deve affrontare senza paragonarlo agli Stati Uniti. Viviamo qui. Non viviamo in America. Desmond viveva in Canada”. 

Il caso giudiziario ha segnato la prima sfida legale nota alla segregazione presentata da una donna nera in Canada, secondo la Bank of Canada. Anche se Desmond ha perso, i suoi sforzi hanno ispirato i neri della Nuova Scozia a chiedere parità di trattamento e mettere sotto i riflettori l’ingiustizia razziale in Canada.

Giustizia ritardata

Desmond non ha visto giustizia durante la sua vita. Per aver combattuto la discriminazione razziale, ha ricevuto molta attenzione negativa. Questo probabilmente ha messo a dura prova il suo matrimonio, che si è concluso con il divorzio. Desmond alla fine si è trasferito a Montreal per frequentare la business school. Successivamente si trasferì a New York, dove morì da sola per un’emorragia gastrointestinale il 7 febbraio 1965, all’età di 50 anni.

Questa donna coraggiosa non è stata vendicata fino al 14 aprile 2010, quando il luogotenente governatore della Nuova Scozia ha emesso una grazia ufficiale. La grazia ha riconosciuto che la condanna era ingiusta e i funzionari del governo della Nuova Scozia si sono scusati per il trattamento di Desmond.

Due anni dopo, Desmond apparve su un francobollo delle poste canadesi.

La sorella dell’imprenditrice di bellezza, Wanda Robson, è stata una sostenitrice costante di lei e ha persino scritto un libro su Desmond intitolato “Sister to Courage”.

Quando Desmond è stato scelto per onorare la banconota da 10 dollari canadesi, Robson ha detto: “È un grande giorno per avere una donna su una banconota, ma è un giorno particolarmente importante per avere tua sorella maggiore su una banconota. La nostra famiglia è estremamente orgogliosa e onorata “.

Oltre al libro di Robson, Desmond è stato descritto nel libro per bambini “Viola Desmond Won’t Be Budged”. Inoltre, Faith Nolan ha registrato una canzone su di lei. Ma Davis non è l’unico pioniere dei diritti civili ad essere oggetto di una registrazione. Stevie Wonder e il gruppo rap Outkast hanno registrato canzoni su Martin Luther King Jr. e Rosa Parks, rispettivamente.

Un documentario sulla vita di Desmond, “Journey to Justice”, ha debuttato nel 2000. Quindici anni dopo, il governo ha riconosciuto la Giornata inaugurale del patrimonio della Nuova Scozia in onore di Desmond. Nel 2016, l’imprenditrice è stata descritta in un “Heritage Minute” di Historica Canada, una rapida occhiata drammatizzata agli eventi chiave della storia canadese. L’attrice Kandyse McClure ha interpretato Desmond.