Cosa ha inventato Archimede?

Archimede era un matematico e inventore dell’antica Grecia. Considerato uno dei più grandi matematici della storia, è il padre del calcolo integrale e della fisica matematica. Molte sono le idee e le invenzioni che gli sono state attribuite. Anche se non esiste una data precisa per la sua nascita e morte, nacque approssimativamente tra il 290 e il 280 a.C. e morì tra il 212 o il 211 a.C. a Siracusa, in Sicilia.

Il principio di Archimede

Archimede ha scritto nel suo trattato “On Floating Bodies” che un oggetto immerso in un fluido sperimenta una forza di galleggiamento pari al peso del fluido che sposta. Il famoso aneddoto su come è arrivato a questo è iniziato quando gli è stato chiesto di determinare se una corona era d’oro puro o conteneva dell’argento. Mentre era nella vasca da bagno, arrivò al principio dello spostamento a peso e corse per le strade nudo gridando “Eureka (l’ho trovato)!” Una corona d’argento peserebbe meno di una d’oro puro. La pesatura dell’acqua spostata consentirebbe il calcolo della densità della corona, mostrando se si trattava o meno di oro puro.

La vite di Archimede

La vite di Archimede, o pompa a vite, è una macchina in grado di sollevare l’acqua da un livello inferiore a uno superiore. È utile per i sistemi di irrigazione, i sistemi idrici, i sistemi fognari e il pompaggio dell’acqua dalla sentina di una nave. È una superficie a forma di vite all’interno di un tubo e deve essere ruotata, cosa che spesso viene eseguita fissandola a un mulino a vento o ruotandola a mano o con i buoi. I mulini a vento dell’Olanda sono un esempio dell’utilizzo della vite di Archimede per drenare l’acqua dalle zone basse. Archimede potrebbe non aver scoperto questa invenzione poiché ci sono alcune prove che esistevano per centinaia di anni prima della sua vita. Potrebbe averli osservati in Egitto e poi averli resi popolari in Grecia.

Macchine da guerra e raggio di calore

Archimede progettò anche diverse macchine da guerra ad artigli, catapulte e trabucchi da usare contro gli eserciti che assediavano Siracusa. L’autore Luciano scrisse nel II secolo d.C. che Archimede usava un dispositivo di focalizzazione del calore che coinvolgeva specchi che agivano come un riflettore parabolico come un modo per incendiare le navi invasori. Diversi sperimentatori moderni hanno tentato di dimostrare che ciò era possibile, ma hanno ottenuto risultati contrastanti. Purtroppo, Archimede fu ucciso durante l’assedio di Siracusa.

Principi della leva e delle pulegge

Si dice che Archimede abbia detto: “Dammi un posto su cui stare e sposterò la Terra”. Ha spiegato i principi delle leve nel suo trattato “Sull’equilibrio dei piani”. Ha progettato sistemi di carrucole block-and-tackle da utilizzare per il carico e lo scarico delle navi.

Planetario o Orrery

Archimede costruì persino dispositivi che mostravano il movimento del sole e della luna nel cielo. Avrebbe richiesto differenziali sofisticati. Questi dispositivi sono stati acquisiti dal generale Marcus Claudius Marcellus come parte del suo bottino personale dalla cattura di Siracusa.

Un primo contachilometri

Ad Archimede è attribuita la progettazione di un contachilometri in grado di misurare la distanza. Ha usato una ruota di carro e ingranaggi per far cadere un ciottolo una volta per miglio romano in una scatola di conteggio.

fonti

  • Archimede. “Sull’equilibrio dei piani, libro I.” Thomas L. Heath (a cura di), Cambridge University Press, 1897.