Scopri cosa significa il rapporto studenti / docenti (e cosa no)

In generale, più basso è il rapporto studenti / docenti, meglio è. Dopotutto, un rapporto basso dovrebbe significare che le classi sono piccole e che i membri della facoltà possono trascorrere più tempo a lavorare individualmente con gli studenti. Detto questo, il rapporto studenti / docenti non dipinge l’intero quadro e molti altri fattori contribuiscono al tipo di esperienza universitaria che avrai.

Che cos’è un buon rapporto tra studenti e docenti?

Come vedrai di seguito, questa è una domanda sfumata e la risposta varierà in base alla situazione unica in una determinata scuola. Detto questo, è generalmente un buon consiglio cercare un rapporto studenti / docenti intorno a 17 a 1 o inferiore. Non è un numero magico, ma quando il rapporto inizia a salire di oltre 20 a 1, scoprirai che diventa difficile per i professori fornire il tipo di consulenza accademica personale, opportunità di studio indipendente e supervisione della tesi che possono essere così preziose durante i tuoi anni universitari. Allo stesso tempo, ci sono college con rapporti da 10 a 1 in cui le classi del primo anno sono grandi e i professori non sono eccessivamente accessibili. Troverai anche scuole con rapporti da 20+ a 1 in cui i docenti sono interamente dedicati a lavorare a stretto contatto con i loro studenti universitari.

Di seguito sono riportati alcuni problemi da considerare per aiutarti a mettere in prospettiva il rapporto tra studenti universitari e docenti:

I membri della facoltà sono dipendenti a tempo pieno a tempo indeterminato?

Molti college e università fanno molto affidamento su membri aggiunti, dottorandi e docenti in visita nel tentativo di risparmiare denaro ed evitare il tipo di impegno finanziario a lungo termine che è alla base del sistema di permanenza in carica. Questo problema è stato oggetto di cronaca negli ultimi anni dopo che i sondaggi nazionali hanno rivelato che oltre la metà di tutti gli insegnanti di college e università sono aggiunti. 

Perché questo è importante? Molte aggiunte sono, dopotutto, ottimi istruttori. Le aggiunte svolgono anche un ruolo importante nell’istruzione superiore in quanto sostituiscono i docenti in congedo o aiutano a coprire le lezioni durante i periodi di ripresa temporanea delle iscrizioni. In molti college, tuttavia, i collaboratori non sono impiegati a breve termine assunti in un momento di bisogno. Piuttosto, sono un modello di business permanente. Il Columbia College nel Missouri, ad esempio, aveva 72 docenti a tempo pieno e 705 insegnanti part-time nel 2015. Sebbene questi numeri siano estremi, non è affatto raro che una scuola abbia numeri come la DeSales University con 125 a tempo pieno docenti e 213 istruttori part-time.

Quando si tratta del rapporto studenti / docenti, il numero di membri di facoltà aggiunti, part-time e temporanei è importante. Il rapporto studenti / docenti viene calcolato considerando tutti gli istruttori, indipendentemente dal fatto che siano o meno. I docenti part-time, tuttavia, raramente hanno obblighi diversi dall’insegnamento in classe. Non servono come consulenti accademici per gli studenti. Raramente supervisionano progetti di ricerca, stage, tesi di laurea e altre esperienze di apprendimento ad alto impatto. Inoltre, potrebbero non durare a lungo, quindi gli studenti possono avere un tempo più impegnativo per costruire relazioni significative con istruttori part-time. Di conseguenza, può essere difficile ottenere lettere di raccomandazione forti per lavori e scuole di specializzazione.

Infine, le aggiunte sono generalmente sottopagate, a volte guadagnano solo un paio di migliaia di dollari per classe. Per guadagnare un salario di sussistenza, gli aggiunti spesso devono mettere insieme cinque o sei classi per semestre in diverse istituzioni. Quando questo è oberato di lavoro, le aggiunte non possono dedicare l’attenzione ai singoli studenti che idealmente vorrebbero.

Quindi un college può avere un gradevole rapporto studenti / docenti di 13 a 1, ma se il 70% di quei membri di facoltà sono istruttori aggiunti e part-time, i membri della facoltà di ruolo permanente che hanno il compito di tutta la consulenza, il lavoro di comitato e uno -le esperienze di apprendimento su una sola saranno, infatti, troppo sovraccariche per fornire il tipo di attenzione che ci si potrebbe aspettare da un basso rapporto studenti / docenti.

La dimensione della classe può essere più importante del rapporto studenti-docenti

Considera una delle migliori università del mondo: il Massachusetts Institute of Technology ha un rapporto studenti / docenti di 3 a 1 estremamente impressionante. Wow. Ma prima di essere entusiasta del fatto che tutte le tue classi siano piccoli seminari con professori che sono anche i tuoi migliori amici, renditi conto che il rapporto studenti / docenti è qualcosa di molto diverso dalla dimensione media della classe. Certo, il MIT ha molte piccole classi di seminari, specialmente al livello superiore. La scuola fa anche molto bene fornendo agli studenti preziose esperienze di ricerca. Durante il tuo primo anno, tuttavia, molto probabilmente parteciperai a grandi lezioni con diverse centinaia di studenti per materie come l’elettromagnetismo e le equazioni differenziali. Queste classi si suddivideranno spesso in sezioni di recitazione più piccole gestite da studenti laureati, ma è probabile che non costruirai uno stretto rapporto con il tuo professore.

Quando fai ricerche in college, cerca di ottenere informazioni non solo sul rapporto studenti / docenti (dati prontamente disponibili), ma anche sulla dimensione media della classe (un numero che può essere più difficile da trovare). Ci sono college con un rapporto studenti / docenti di 20 a 1 che non hanno classi superiori a 30 studenti e ci sono college con un rapporto studenti / docenti di 3 a 1 che hanno grandi lezioni di centinaia di studenti. Nota che non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nelle lezioni di grandi dimensioni: possono essere favolose esperienze di apprendimento quando il docente ha talento. Ma se stai cercando un’esperienza universitaria intima in cui conoscere bene i tuoi professori, il rapporto studenti / docenti non racconta tutta la storia.

Istituti di ricerca vs college con un focus sull’insegnamento

Istituzioni private come la Duke University (rapporto 7 a 1), Caltech (rapporto 3 a 1), Stanford University (rapporto 12 a 1), Washington University (8 a 1) e tutte le scuole della Ivy League come Harvard (7 a 1) e Yale (6 a 1 rapporto) hanno rapporti studenti-docenti incredibilmente bassi. Queste università hanno tutte qualcos’altro in comune: sono istituzioni incentrate sulla ricerca che spesso hanno più studenti laureati che studenti universitari. 

Probabilmente hai sentito la frase “pubblicare o morire” in relazione ai college. Questo concetto è vero nelle istituzioni incentrate sulla ricerca. Il fattore più importante nel processo di possesso tende ad essere un solido record di ricerca e pubblicazione, e molti membri della facoltà dedicano molto più tempo alla ricerca e ai progetti dei loro dottorandi che all’istruzione universitaria. Alcuni docenti, infatti, non insegnano affatto agli studenti universitari. Quindi, quando un’università come Harvard vanta un rapporto studenti / docenti di 7 a 1, ciò non significa che per ogni sette studenti universitari ci sia un membro della facoltà dedicato all’istruzione universitaria.

Ci sono, tuttavia, molti college e università in cui l’insegnamento, non la ricerca, è la massima priorità e la missione istituzionale è focalizzata esclusivamente o principalmente sugli studenti universitari. Se guardi a un college di arti liberali come Wellesley con un rapporto studenti / docenti di 7 a 1 e senza studenti laureati, i membri della facoltà, infatti, si concentreranno sui loro consulenti e sugli studenti universitari nelle loro classi. I college di arti liberali tendono ad essere orgogliosi degli stretti rapporti di lavoro che promuovono tra studenti e professori. 

Come valutare il rapporto tra studenti e docenti di un college

Se un college ha un rapporto studenti / docenti di 35 a 1, questa è una bandiera rossa immediata. Questo è un numero malsano che garantisce quasi che gli istruttori non saranno eccessivamente investiti nel tutorare da vicino tutti i loro studenti. Più comune, specialmente tra college e università selettive, è un rapporto tra 10 a 1 e 20 a 1. 

Per sapere cosa significano veramente quei numeri, cerca le risposte ad alcune domande importanti. La scuola si concentra principalmente sull’istruzione universitaria o mette molte risorse e pone l’accento sulla ricerca e sui programmi di laurea? Qual è la dimensione media della classe?

E forse la fonte di informazioni più utile sono gli studenti stessi. Visita il campus e chiedi alla tua guida turistica del campus sulla relazione tra studenti e professori. Meglio, ancora, fai una visita notturna e partecipa ad alcune lezioni per avere una vera sensazione per l’esperienza universitaria.