Rapporto degli Stati Uniti con il Giappone

Il primo contatto tra i due paesi avvenne attraverso mercanti ed esploratori. Più tardi, verso la metà del 1800, diversi rappresentanti degli Stati Uniti si recarono in Giappone per negoziare accordi commerciali, tra cui il commodoro Matthew Perry nel 1852 che negoziò il primo trattato commerciale e la Convenzione di Kanagawa. Allo stesso modo, una delegazione giapponese arrivò negli Stati Uniti nel 1860 nella speranza di rafforzare le relazioni diplomatiche e commerciali tra i due paesi.

Seconda Guerra Mondiale

La seconda guerra mondiale ha visto i paesi contrapposti l’uno contro l’altro dopo che i giapponesi hanno bombardato la base navale americana di Pearl Harbor, Hawaii, nel 1941. La guerra si è conclusa nel 1945 dopo che il Giappone ha subito enormi vittime a causa del bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki e del bombardamento di Tokyo .

Guerra di Corea

Sia la Cina che gli Stati Uniti furono coinvolti nella guerra di Corea rispettivamente a sostegno del Nord e del Sud. Questa è stata l’unica volta in cui i soldati di entrambi i paesi hanno effettivamente combattuto mentre le forze USA / ONU hanno combattuto contro i soldati cinesi all’ingresso ufficiale della Cina nella guerra per contrastare il coinvolgimento americano.

Arrendersi

Il 14 agosto 1945, il Giappone si arrese portando a un’occupazione da parte delle forze alleate vittoriose. Dopo aver ottenuto il controllo del Giappone, il presidente degli Stati Uniti Harry Truman ha nominato il generale Douglas MacArthur come comandante supremo delle potenze alleate in Giappone. Le forze alleate lavorarono alla ricostruzione del Giappone, oltre a consolidare la legittimità politica stando pubblicamente dalla parte dell’imperatore Hirohito. Ciò ha permesso a MacArthur di lavorare all’interno del sistema politico. Alla fine del 1945, circa 350,000 militari statunitensi erano in Giappone a lavorare su un’ampia varietà di progetti.

Trasformazione del dopoguerra

Sotto il controllo alleato, il Giappone ha intrapreso una notevole trasformazione caratterizzata dalla nuova costituzione del Giappone che ha enfatizzato i principi democratici, la riforma educativa ed economica e la smilitarizzazione che era incorporata nella nuova costituzione giapponese. Man mano che le riforme ebbero luogo, MacArthur spostò gradualmente il controllo politico sui giapponesi, culminando nel Trattato di San Francisco del 1952 che pose ufficialmente fine all’occupazione. Questo quadro è stato l’inizio di una stretta relazione tra i due paesi che dura fino ad oggi.

Stretta collaborazione

Il periodo successivo al trattato di San Francisco è stato caratterizzato da una stretta cooperazione tra i due paesi, con 47,000 militari statunitensi rimasti in Giappone su invito del governo giapponese. Anche la cooperazione economica ha svolto un ruolo importante nelle relazioni con gli Stati Uniti che forniscono al Giappone importi significativi di aiuti nei periodi del dopoguerra, quando il Giappone è diventato un alleato nella Guerra Fredda. La partnership ha portato alla rinascita dell’economia giapponese che rimane una delle economie più forti della regione.