Sul Dipartimento di Stato degli Stati Uniti

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, denominato anche “Dipartimento di Stato” o semplicemente “Stato”, è il dipartimento del ramo esecutivo del governo federale degli Stati Uniti principalmente responsabile dell’amministrazione della politica estera degli Stati Uniti e della consultazione con il Presidente degli Stati Uniti e del Congresso su questioni e politiche diplomatiche internazionali.

La dichiarazione di intenti del Dipartimento di Stato recita: “Promuovere la libertà a beneficio del popolo americano e della comunità internazionale aiutando a costruire e sostenere un mondo più democratico, sicuro e prospero composto da stati ben governati che rispondano ai bisogni della loro gente, ridurre la povertà diffusa e agire in modo responsabile all’interno del sistema internazionale “.

Le funzioni principali del Dipartimento di Stato includono:

  • Fornire protezione e assistenza ai cittadini statunitensi che viaggiano o vivono all’estero;
  • Assistere aziende e industrie statunitensi che operano nel mercato globale;
  • Coordinare e fornire supporto per attività internazionali di altre agenzie statunitensi, visite ufficiali all’estero ea casa e altri sforzi diplomatici;
  • Informare il pubblico sulla politica estera degli Stati Uniti e sulle relazioni con altri paesi e fornire feedback dal pubblico ai funzionari dell’amministrazione.

Analogamente ai ministeri degli esteri di altre nazioni, il Dipartimento di Stato conduce relazioni diplomatiche internazionali da parte degli Stati Uniti negoziando trattati e altri accordi con governi stranieri. Il Dipartimento di Stato rappresenta anche gli Stati Uniti nelle Nazioni Unite. Creato nel 1789, il Dipartimento di Stato è stato il primo dipartimento del ramo esecutivo istituito dopo la ratifica finale della Costituzione degli Stati Uniti.

Con sede nell’Harry S Truman Building a Washington, DC, il Dipartimento di Stato gestisce attualmente 294 ambasciate statunitensi in tutto il mondo e sovrintende alla conformità di oltre 200 trattati internazionali.

In qualità di agenzia del gabinetto del presidente, il Dipartimento di Stato è guidato dal Segretario di Stato, nominato dal presidente e confermato dal Senato degli Stati Uniti. Il Segretario di Stato è il secondo nella linea di successione presidenziale dopo il Vicepresidente degli Stati Uniti.

Oltre ad assistere con le attività internazionali di altre agenzie governative degli Stati Uniti, il Dipartimento di Stato fornisce molti importanti servizi ai cittadini statunitensi che viaggiano e vivono all’estero e ai cittadini stranieri che cercano di visitare o immigrare negli Stati Uniti.

Forse nel suo ruolo più pubblicamente evidente il Dipartimento di Stato rilascia passaporti statunitensi ai cittadini statunitensi che consentono loro di viaggiare e tornare da paesi stranieri e visti di viaggio per cittadini statunitensi e residenti non cittadini.

Inoltre, il Programma di informazione consolare del Dipartimento di Stato informa il pubblico americano delle condizioni all’estero che possono influire sulla loro sicurezza e protezione durante i viaggi all’estero. Le informazioni di viaggio specifiche del paese e gli avvisi e gli avvisi di viaggio globali sono parti vitali del programma.

Il Dipartimento di Stato sovrintende anche a tutti i programmi di sviluppo e aiuti esteri degli Stati Uniti come l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) e il Piano di emergenza del presidente per il soccorso contro l’AIDS.

Tutte le attività del Dipartimento di Stato, compresi i programmi di assistenza estera, che rappresentano gli Stati Uniti all’estero, contrastano la criminalità internazionale e la tratta di esseri umani, e tutti gli altri servizi e programmi sono pagati attraverso la componente affari esteri del bilancio federale annuale come richiesto dal presidente e approvato dal Congresso. In media, la spesa totale del Dipartimento di Stato rappresenta poco più dell’1% del budget federale totale, che dovrebbe superare i 4 trilioni di dollari nel 2017.  

Breve storia del Dipartimento di Stato

Il 27 luglio 1789, il presidente George Washington scelse un disegno di legge approvato dalla Camera dei Rappresentanti e dal Senato il 21 luglio 1789, creando il Dipartimento degli Affari Esteri come prima agenzia federale creata sotto la nuova Costituzione. Una legge emanata il 15 settembre 1789 cambiò il nome dell’agenzia in Dipartimento di Stato e le assegnò la supervisione di una varietà di questioni nazionali, piuttosto che estere. Ad esempio, la legge ha reso il Dipartimento di Stato responsabile della gestione della Zecca degli Stati Uniti e della conduzione del censimento decennale negli Stati Uniti. Durante il diciannovesimo secolo, questi e la maggior parte degli altri compiti domestici del Dipartimento di Stato furono affidati ad altre agenzie e dipartimenti federali.

Nominato dal presidente Washington il 29 settembre 1789, Thomas Jefferson della Virginia, allora ministro in Francia, divenne il primo Segretario di Stato. Nominato prima che Washington si insediasse, John Jay aveva prestato servizio come Segretario degli Affari Esteri e continuò a funzionare come Segretario di Stato de facto fino a quando Jefferson tornò dalla Francia diversi mesi dopo.