Il rapporto tra Stati Uniti e Gran Bretagna dopo la seconda guerra mondiale

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il primo ministro britannico David Cameron hanno riaffermato cerimonialmente la “relazione speciale” americano-britannico durante gli incontri a Washington nel marzo 2012. La seconda guerra mondiale ha fatto molto per rafforzare quel rapporto, così come i 45 anni di guerra fredda contro l’Unione Sovietica. e altri paesi comunisti.

La seconda guerra mondiale

Le politiche americane e britanniche durante la guerra presupponevano il dominio anglo-americano delle politiche del dopoguerra. La Gran Bretagna ha anche capito che la guerra ha reso gli Stati Uniti il ​​partner preminente dell’alleanza.

Le due nazioni erano membri fondatori delle Nazioni Unite, un secondo tentativo di ciò che Woodrow Wilson aveva immaginato come un’organizzazione globalizzata per prevenire ulteriori guerre. Il primo tentativo, la Società delle Nazioni, era ovviamente fallito.

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna erano al centro della politica globale di contenimento del comunismo della Guerra Fredda. Il presidente Harry Truman ha annunciato la sua “Dottrina Truman” in risposta alla richiesta di aiuto della Gran Bretagna nella guerra civile greca, e Winston Churchill (tra i termini come primo ministro) ha coniato la frase “Cortina di ferro” in un discorso sulla dominazione comunista dell’Europa orientale che ha tenuto al Westminster College di Fulton, Missouri.

Erano anche centrali per la creazione dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), per combattere l’aggressione comunista in Europa. Alla fine della seconda guerra mondiale, le truppe sovietiche avevano conquistato la maggior parte dell’Europa orientale. Il leader sovietico Josef Stalin si rifiutò di abbandonare quei paesi, con l’intenzione di occuparli fisicamente o di renderli stati satelliti. Temendo di dover allearsi per una terza guerra nell’Europa continentale, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna immaginavano la NATO come l’organizzazione militare congiunta con cui avrebbero combattuto una potenziale terza guerra mondiale.

Nel 1958, i due paesi firmarono l’US-Great Britain Mutual Defense Act, che consentiva agli Stati Uniti di trasferire segreti e materiale nucleari in Gran Bretagna. Ha anche permesso alla Gran Bretagna di condurre test atomici sotterranei negli Stati Uniti, iniziati nel 1962. L’accordo globale ha permesso alla Gran Bretagna di partecipare alla corsa agli armamenti nucleari; l’Unione Sovietica, grazie allo spionaggio e alle fughe di informazioni statunitensi, ottenne armi nucleari nel 1949.

Gli Stati Uniti hanno periodicamente accettato anche di vendere missili alla Gran Bretagna.

I soldati britannici si unirono agli americani nella guerra di Corea, 1950-53, come parte di un mandato delle Nazioni Unite per prevenire l’aggressione comunista in Corea del Sud, e la Gran Bretagna sostenne la guerra degli Stati Uniti in Vietnam negli anni ‘1960. L’unico evento che ha messo a dura prova le relazioni anglo-americane è stata la crisi di Suez nel 1956.

Ronald Reagan e Margaret Thatcher

Il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e il primo ministro britannico Margaret Thatcher hanno incarnato la “relazione speciale”. Entrambi ammiravano il buon senso politico e l’appello pubblico degli altri.

Thatcher sostenne la ripresa da parte di Reagan della Guerra Fredda contro l’Unione Sovietica. Reagan ha fatto del crollo dell’Unione Sovietica uno dei suoi obiettivi principali e ha cercato di raggiungerlo rinvigorendo il patriottismo americano (ai minimi storici dopo il Vietnam), aumentando la spesa militare americana, attaccando i paesi comunisti periferici (come Grenada nel 1983). ) e coinvolgere i leader sovietici nella diplomazia.

L’alleanza Reagan-Thatcher era così forte che, quando la Gran Bretagna inviò navi da guerra per attaccare le forze argentine nella guerra delle Isole Falkland, 1982, Reagan non offrì opposizione americana. Tecnicamente, gli Stati Uniti avrebbero dovuto opporsi all’impresa britannica sia in base alla Dottrina Monroe, al Corollario di Roosevelt alla Dottrina Monroe, sia alla Carta dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS).

Guerra del Golfo Persico

Dopo che l’Iraq di Saddam Hussein invase e occupò il Kuwait nell’agosto 1990, la Gran Bretagna si unì rapidamente agli Stati Uniti nella costruzione di una coalizione di stati occidentali e arabi per costringere l’Iraq ad abbandonare il Kuwait. Il primo ministro britannico John Major, che era appena succeduto alla Thatcher, ha lavorato a stretto contatto con il presidente degli Stati Uniti George HW Bush per cementare la coalizione.

Quando Hussein ignorò una scadenza per il ritiro dal Kuwait, gli alleati lanciarono una guerra aerea di sei settimane per ammorbidire le posizioni irachene prima di colpirle con una guerra di terra di 100 ore.

Più tardi negli anni ‘1990, il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e il primo ministro Tony Blair guidarono i loro governi mentre le truppe statunitensi e britanniche parteciparono con altre nazioni della NATO all’intervento del 1999 nella guerra del Kosovo.

War on Terror

Anche la Gran Bretagna si è rapidamente unita agli Stati Uniti nella Guerra al Terrore dopo gli attacchi di Al Qaeda dell’9 settembre contro obiettivi americani. Le truppe britanniche si unirono agli americani nell’invasione dell’Afghanistan nel novembre 11 e nell’invasione dell’Iraq nel 2001.

Le truppe britanniche hanno gestito l’occupazione dell’Iraq meridionale con una base nella città portuale di Bassora. Blair, che ha dovuto affrontare crescenti accuse di essere semplicemente un fantoccio del presidente degli Stati Uniti George W. Bush, ha annunciato una riduzione della presenza britannica intorno a Bassora nel 2007. Nel 2009, il successore di Blair Gordon Brown ha annunciato la fine del coinvolgimento britannico in Iraq. Guerra.