Dinosauri e animali preistorici della Francia

01 di 11

Da Ampelosaurus a Pyroraptor, questi dinosauri terrorizzarono la Francia preistorica

 Museo di scienze naturali a Kassel, Germania / Wikimedia Commons / CC BY-SA 2.5

 

La Francia è famosa in tutto il mondo per il suo cibo, il suo vino e la sua cultura, ma poche persone sanno che molti dinosauri (e altre creature preistoriche) sono stati scoperti in questo paese, aggiungendo incommensurabilmente al nostro tesoro di conoscenza paleontologica. Nelle diapositive seguenti, in ordine alfabetico, troverai un elenco dei dinosauri e degli animali preistorici più importanti mai vissuti in Francia.

02 di 11

Ampelosaurus

Dmitry Bogdanov

Uno dei titanosauri meglio attestati – i discendenti leggermente corazzati dei sauropodi giganti del tardo Giurassico – Ampelosaurus è conosciuto da centinaia di ossa sparse scoperte in una cava nel sud della Francia. Come fanno i titanosauri, questa “lucertola rampicante” era piuttosto piccola, misurava solo circa 50 piedi dalla testa alla coda e pesava circa 15-20 tonnellate (rispetto a oltre 100 tonnellate per i titanosauri sudamericani come l’Argentinosaurus).

03 di 11

Arcovenator

Nobu Tamura

Gli abelisauri, caratterizzati da Abelisaurus, erano una razza di dinosauri carnivori originaria del Sud America. Ciò che rende Arcovenator importante è che è uno dei pochi abelisauri scoperti nell’Europa occidentale, in particolare nella regione francese della Costa Azzurra. Ancora più confuso, questo “cacciatore di archi” del tardo Cretaceo sembra essere stato strettamente imparentato con il contemporaneo Majungasaurus, dalla lontana isola del Madagascar, e Rajasaurus, che viveva in India!

04 di 11

L’uro

L’uro, un animale preistorico della Francia.

Wikimedia Commons / Dominio pubblico

Per essere onesti, esemplari fossili dell’Auroch sono stati scoperti in tutta l’Europa occidentale: ciò che conferisce a questo antenato pleistocenico del bestiame moderno la sua sfumatura gallica è la sua inclusione, da parte di un artista sconosciuto, nelle famose pitture rupestri di Lascaux, in Francia, che datano da decine di migliaia di anni fa. Come potresti aver supposto, l’uro da una tonnellata era sia temuto che ambito dai primi umani, che lo adoravano come una divinità nello stesso momento in cui lo cacciavano per la sua carne (e forse anche per la sua pelle).

05 di 11

Cryonectes

Nobu Tamura

Grazie ai capricci del processo di fossilizzazione, sappiamo molto poco della vita nell’Europa occidentale durante il primo periodo Giurassico, circa 185-180 milioni di anni fa. Un’eccezione è il “nuotatore freddo”, Cryonectes, un pliosauro di 500 libbre che era ancestrale a giganti successivi come Liopleurodon (vedi diapositiva # 9). All’epoca in cui vivevano i Cryonectes, l’Europa stava sperimentando uno dei suoi periodici scatti di freddo, che può aiutare a spiegare le proporzioni relativamente snelle di questo rettile marino (solo circa 10 piedi di lunghezza e 500 libbre).

06 di 11

Cycnorhamphus

Haplochromis / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0

Quale nome è più appropriato per uno pterosauro francese: Cycnorhamphus (“becco di cigno”) o Gallodactylus (“dito gallico”)? Se preferisci quest’ultimo, non sei solo; sfortunatamente, il rettile alato Gallodactylus (nominato nel 1974) tornò al meno eufonico Cycnorhamphus (nominato nel 1870) dopo aver riesaminato le prove fossili. Qualunque cosa tu scelga di chiamarlo, questo pterosauro francese era un parente estremamente stretto di Pterodactylus, caratterizzato solo dalla sua mascella insolita.

07 di 11

Dubreuillosaurus

Nobu Tamura

Non il dinosauro più facilmente pronunciabile o ortografato (vedi anche Cycnorhamphus, diapositiva precedente), Dubreuillosaurus si distingueva per il suo insolito cranio lungo, ma per il resto era un semplice teropode alla vaniglia (dinosauro carnivoro) del periodo Giurassico medio strettamente correlato al Megalosauro. In un’impressionante impresa di paleontologia applicata, questo dinosauro di due tonnellate è stato ricostruito da migliaia di frammenti ossei scoperti in una cava in Normandia nel corso degli anni ‘1990.

08 di 11

Gargantuavis

Ghedoghedo / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0

Due decenni fa, se avessi scommesso sull’animale preistorico più probabile da scoprire in Francia, un uccello predatore incapace di volare alto sei piedi non avrebbe comandato probabilità brevi. La cosa sorprendente di Gargantuavis è che coesisteva con i numerosi rapaci e tirannosauri dell’Europa del tardo Cretaceo e probabilmente sopravviveva con la stessa preda. (Alcune uova fossilizzate che un tempo si presumeva fossero state deposte dai dinosauri, come il titanosauro Hypselosaurus, sono state ora attribuite a Gargantuavis.)

09 di 11

Liopleurodon

Andrey Atuchin

Uno dei rettili marini più temibili che siano mai vissuti, il tardo Giurassico Liopleurodon misurava fino a 40 piedi dalla testa alla coda e pesava circa 20 tonnellate. Tuttavia, questo pliosauro è stato inizialmente nominato sulla base di prove fossili molto più sottili: una manciata di denti sparsi portati alla luce nel nord della Francia alla fine del XIX secolo. (Stranamente, uno di questi denti è stato inizialmente assegnato a Poekilopleuron, un dinosauro teropode completamente estraneo.)

10 di 11

Plateosaurus

Wikimedia Commons

Come per l’Auroch (vedi diapositiva # 4), i resti del Plateosaurus sono stati scoperti in tutta Europa – e in questo caso, la Francia non può nemmeno rivendicare la priorità, dal momento che il “tipo fossile” di questo dinosauro prosauropode è stato portato alla luce nei dintorni La Germania all’inizio del XIX secolo. Tuttavia, gli esemplari fossili francesi hanno gettato una luce preziosa sull’aspetto e le abitudini di questo mangiatore di piante del tardo Triassico, che era lontanamente ancestrale ai sauropodi giganti del successivo periodo Giurassico.

11 di 11

Pyroraptor

Wikimedia Commons

Il suo nome, greco per “ladro di fuoco”, fa sembrare Pyroraptor uno dei draghi di Daenerys Targaryen di Game of Thrones. In effetti, questo dinosauro ha preso il suo nome in modo molto più prosaico: le sue ossa sparse sono state scoperte nel 1992 sulla scia di un incendio boschivo in Provenza, nel sud della Francia. Come i suoi compagni rapaci del tardo Cretaceo, Pyroraptor aveva artigli singoli, ricurvi e dall’aspetto pericoloso su ciascuna delle zampe posteriori, ed era probabilmente coperto di piume dalla testa ai piedi.