Profili e immagini di dinosauri cornuti e arricciati

01 di 67

Incontra i dinosauri cornuti e frangiati dell’era mesozoica

utahceratops.
Lukas Panzarin

I ceratopsiani, i dinosauri con le corna e gli orli, erano alcuni dei più comuni mangiatori di piante della tarda era mesozoica. Esplora immagini e profili dettagliati di oltre 60 dinosauri ceratopsi, che vanno dalla A (Achelousaurus) alla Z (Zuniceratops).

02 di 67

Achelousaurus

Achelousaurus.
Mariana ruiz

Nome e Cognome:

Achelousaurus (greco per “lucertola Acheloo”); pronunciato AH-kell-oo-SORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e una tonnellata

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Di medie dimensioni; grande balza; noduli ossuti sopra gli occhi

Numerose ossa di questo dinosauro con le corna sono state portate alla luce nella formazione delle due medicine del Montana, ma non è ancora chiaro se questo ceratopsiano meriti il ​​proprio genere. La cosa principale che distingue Achelousaurus dal suo parente stretto, Pachyrhinosaurus, sono i noduli ossuti più piccoli sopra gli occhi e il naso; questo dolce erbivoro aveva anche una stretta somiglianza con un altro ceratopsiano, Einiosaurus. Resta una possibilità che Achelousaurus fosse in realtà uno stadio di crescita di Pachyrhinosaurus o Einiosaurus (o viceversa), proprio come gli esemplari di Torosaurus potrebbero essere stati in realtà individui triceratopi superannuati.

Il nome Achelousaurus (pronunciato con una “k” dura, non come uno starnuto) merita qualche spiegazione. Acheloo era un oscuro dio fluviale della mitologia greca a cui è stato strappato uno dei corni durante uno scontro con Ercole. Il nome Achelousaurus si riferisce sia alle presunte corna “mancanti” di questo dinosauro e al suo strano e mutevole mix di fronzoli e nodi ossuti, rispetto ai suoi compagni ceratopsiani.

03 di 67

Agujaceratops

Agujaceratops.
Nobu Tamura

Nome

Agujaceratops (greco per “faccia cornuta di Aguja”); pronunciato ah-GOO-hah-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America meridionale

Periodo storico

Tardo Cretaceo (77 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Lungo circa 15 piedi e 2 tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Grande balza a due lobi; corna sugli occhi

Agujaceratops è stata classificata come specie Chasmosaurus (C. mariscalensis) fino al 2006, quando una nuova analisi dei suoi resti frammentati ha rivelato alcune caratteristiche distintive. Nonostante la sua elevazione allo stato di genere, Agujaceratops è ancora considerato un parente stretto di Chasmosaurus, e aveva anche molto in comune con un altro ceratopsiano del tardo Cretaceo del Nord America, Pentaceratops.

04 di 67

Ajkaceratops

Ajkaceratops (Nobu Tamura).

Nome

Ajkaceratops (greco per “faccia cornuta di Ajka”); pronunciato EYE-kah-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi dell’Europa centrale

Periodo storico

Tardo Cretaceo (85 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 3 piedi di lunghezza e 30-40 libbre

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Taglia piccola; breve balza

Come molti dinosauri dell’era mesozoica, i ceratopsiani erano limitati a due continenti: il Nord America e l’Eurasia. Più notevolmente, fino alla recente scoperta di Ajkaceratops, gli unici ceratopsiani eurasiatici conosciuti provenivano dalla parte orientale del continente (uno degli esempi più occidentali è Protoceratops, dall’attuale Mongolia). L’Ajkaceratops lungo tre piedi visse circa 85 milioni di anni fa, abbastanza presto in termini ceratopsici, e sembra essere stato più strettamente correlato al Bagaceratops dell’Asia centrale. Alcuni paleontologi ipotizzano che Ajkaceratops vivesse su una delle numerose piccole isole che punteggiano l’Europa del tardo Cretaceo, il che spiegherebbe le sue dimensioni stentate (data la relativa mancanza di risorse disponibili).

05 di 67

Albalophosaurus

Albalophosaurus.
Eduardo Camarga

Nome

Albalophosaurus (dal greco “lucertola dalla cresta bianca”); pronunciato AL-bah-LOW-foe-SORE-us

Habitat

Boschi dell’Asia orientale

Periodo storico

Primo Cretaceo (140-130 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Undisclosed

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Taglia piccola; postura bipede; cranio ispessito

I resti sparsi e frammentati di Albalophosaurus (solo pochi pezzi del cranio) rivelano qualcosa di straordinario: un piccolo dinosauro ornitopode del primo Cretaceo “colto sul fatto” di evolversi in uno dei primi ceratopsi basali. Sfortunatamente, in attesa di ulteriori scoperte fossili, non c’è molto altro che possiamo dire sull’Albalophosaurus o sulla sua esatta relazione con i primi ceratopsiani della terraferma asiatica.

06 di 67

Albertaceratops

Albertaceratops.
James Kuether

Nome e Cognome:

Albertaceratops (greco per “faccia cornuta dell’Alberta”); pronunciato al-BERT-ah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 10 piedi di lunghezza e 2-3 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Lunghe corna sopraccigliari; Cranio simile a un centrosauro

Come risultato della loro bizzarra decorazione della testa, i teschi dei ceratopsiani tendono a conservarsi meglio nei reperti fossili rispetto al resto dei loro scheletri. Un esempio calzante è Albertaceratops, che è rappresentato da un singolo cranio completo scoperto in Alberta, Canada nel 2001. A tutti gli effetti, Albertaceratops non era molto diverso dagli altri dinosauri con le corna e frange del tardo Cretaceo, con l’eccezione delle sue corna frontali insolitamente lunghe combinate con un teschio simile a un Centrosauro. Sulla base di questa caratteristica, un paleontologo ha concluso che Albertaceratops è il ceratopsiano più “basale” (il più antico, il più semplice) della stirpe Centrosaurus.

07 di 67

Anchiceratops

Anchiceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Anchiceratops (greco per “vicino alla faccia cornuta”); pronunciato ANN-chi-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 12 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Dimensioni moderate; corna sopraccigliari accoppiate; balza dentellata

A prima vista, questo ceratopsiano (dinosauro con le corna e volant) sembra indistinguibile dal suo cugino più noto Triceratops, finché non si notano le piccole proiezioni triangolari sulla sommità del voluminoso volant di Anchiceratops (che, come la maggior parte di tali caratteristiche anatomiche, erano probabilmente caratteristica selezionata sessualmente).

Da quando è stato nominato nel 1914 dal famoso paleontologo Barnum Brown, Anchiceratops si è dimostrato difficile da classificare. Barnum stesso ha concluso che questo dinosauro era intermedio tra Triceratops e il relativamente oscuro Monoclonius, ma analisi più recenti lo hanno collocato (in qualche modo sorprendentemente) più vicino a Chasmosaurus e ad un altro ceratopsiano meno conosciuto, Arrhinoceratops. È stato persino suggerito che Anchiceratops fosse un abile nuotatore che godeva di uno stile di vita da ippopotamo, una teoria che da allora è caduta nel dimenticatoio.

08 di 67

Aquilops

Aquilops.
Brian Engh

Nome

Aquilops (greco per “faccia d’aquila”); pronunciato ACK-will-ops

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Cretaceo medio (110-105 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa due piedi di lunghezza e 3-5 libbre

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Taglia piccola; muso a becco

I ceratopsiani, o dinosauri con le corna, hanno seguito un modello evolutivo unico. I membri della razza minuscoli, delle dimensioni di un gatto (come lo Psittacosaurus) hanno avuto origine oltre 100 milioni di anni fa in Asia, durante il periodo tra il primo e il medio Cretaceo, e sono diventati di dimensioni simili a triceratopi quando hanno raggiunto il Nord America nel tardo Cretaceo. Ciò che rende importante Aquilops è che è il primo piccolo ceratopsiano “asiatico” mai scoperto in Nord America, e rappresenta quindi un importante collegamento tra i rami orientali e occidentali di questa popolosa famiglia di dinosauri. (A proposito, per oltre un decennio il tipo fossile di Aquilops è stato identificato come Zephyrosaurus, un ornitopode non ceratopsico, fino a quando un riesame dei resti ha suggerito questa nuova valutazione.)

09 di 67

archaeoceratops

Archeoceratopo.
Sergio Perez

Nome e Cognome:

Archaeoceratops (greco per “antico volto cornuto”); pronunciato AR-kay-oh-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Primo Cretaceo (125-115 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 2-3 piedi di lunghezza e 5-10 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; testa relativamente grande con piccola balza

Negli ultimi due decenni, i paleontologi hanno scoperto una sconcertante schiera di ceratopsiani “basali” (dinosauri con le corna e orpelli) nell’Asia centrale e orientale, piccoli erbivori forse bipedi che erano direttamente ancestrali a bestie enormi e pesanti come il Triceratopo e il Pentaceratopo. Come i suoi parenti stretti, Liaoceratops e Psittacosaurus, Archaeoceratops sembrava più un ornitopode che un ceratopsiano, soprattutto considerando la sua corporatura flessuosa e la coda rigida; gli unici regali erano il becco primitivo e la balza sulla sua testa leggermente sovradimensionata, i precursori delle corna affilate e le tende giganti dei suoi discendenti decine di milioni di anni lungo la linea.

10 di 67

Arrhinoceratops

Arrhinoceratops.
Sergey Krasovskiy

Nome e Cognome:

Arrhinoceratops (greco per “faccia cornuta senza naso”); pronunciato AY-rye-no-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e 2-3 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Grande balza; due lunghe corna sugli occhi

Quando il suo tipo fossile fu scoperto per la prima volta, nello Utah nel 1923, ad Arrhinoceratops sembrava mancasse il piccolo corno del naso posseduto dalla maggior parte dei ceratopsiani; da qui il suo nome, greco per “faccia cornuta senza naso”. Non lo sapresti, Arrhinoceratops aveva un corno dopotutto, rendendolo un cugino molto stretto di Triceratops e Torosaurus (che potrebbe essere lo stesso dinosauro). A parte questo piccolo miscuglio, Arrhinoceratops era molto simile agli altri ceratopsiani del tardo Cretaceo, un erbivoro a quattro zampe delle dimensioni di un elefante che probabilmente usava le sue lunghe corna per combattere altri maschi per il diritto di accoppiarsi.

11 di 67

Auroraceratops

Auroraceratops (Wikimedia Commons).

Nome e Cognome:

Auroraceratops (greco per “faccia cornuta dell’alba”); pronunciato ore-ORE-ah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Primo Cretaceo (125-115 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e 1,000-2,000 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Testa corta e rugosa; muso piatto

Risalente al primo periodo Cretaceo, circa 125 milioni di anni fa, Auroraceratops assomigliava a una versione più grande di piccoli ceratopsi “basali” come Psittacosaurus e Archaeoceratops, con un minimo volant e gli inizi più scarni di un corno nasale. Tuttavia, nelle sue dimensioni considerevoli – circa 20 piedi dalla testa alla coda e una tonnellata – Auroraceratops anticipò i ceratopsi “classici” più grandi del tardo periodo Cretaceo come il Triceratopo e lo Styracosaurus. È concepibile che questo mangiatore di piante occasionalmente camminasse su due gambe, ma mancano prove definitive di ciò.

12 di 67

Avaceratops

Avaceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Avaceratops (greco per “faccia cornuta di Ava”); pronunciato AY-vah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 13 piedi di lunghezza e una tonnellata

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Balza corta e spessa; grande testa con potenti mascelle

Avaceratops, che prende il nome dalla moglie dell’uomo che ne ha scoperto i resti, potrebbe essere stato un ceratopsiano dalla testa insolitamente grande. L’unico esemplare è giovanile e i neonati e gli esemplari giovani della maggior parte dei vertebrati tendono ad avere teste proporzionalmente più grandi rispetto al resto dei loro corpi. Poiché ci sono molte cose che i paleontologi non sanno sugli stadi di crescita dei ceratopsiani, potrebbe ancora risultare che Avaceratops fosse una specie di un genere esistente; allo stato attuale, sembra che abbia occupato uno stadio evolutivo intermedio tra il più noto Centrosaurus e Triceratops.

13 di 67

Bagaceratops

Bagaceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Bagaceratops (mongolo / greco per “piccola faccia cornuta”); pronunciato BAG-ah-SEH-rah-tops

Habitat:

Pianure dell’Asia centrale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 3 piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; muso con becco e corna

La maggior parte dei ceratopsiani (“facce con le corna”) del tardo periodo Cretaceo erano giganteschi agitatori della terra di molte tonnellate come il Triceratopo, ma milioni di anni prima, nelle regioni orientali dell’Asia, questi dinosauri erano molto più piccoli. Uno di questi dinosauri più piccoli era Bagaceratops, che misurava solo circa tre piedi di lunghezza dal muso alla coda e pesava solo 50 libbre. Questo antenato ceratopsico abbastanza oscuro e minimamente ornato è noto soprattutto per i resti parziali di vari teschi; uno scheletro completo deve ancora essere portato alla luce, ma è chiaro che Bagaceratops somigliava molto agli altri ceratopsiani primitivi del Cretaceo medio-tardo.

14 di 67

Brachyceratops

Brachyceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Brachyceratops (greco per “faccia dalle corna corte”); pronunciato BRACK-ee-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e una tonnellata

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Teschio arricciato con corna corte

I paleontologi hanno portato alla luce solo i resti di giovani lunghi cinque piedi di questo genere, e anche incompleti, il “campione tipo” proveniente dalla Formazione delle Due Medicine nel Montana. Sulla base di ciò che è stato messo insieme finora, il Brachyceratops sembra essere stato un ceratopsiano abbastanza tipico, con la faccia massiccia, cornuta e arricciata caratteristica della razza. Tuttavia, è possibile che un giorno Brachyceratops possa essere assegnato come una nuova specie di un genere esistente di ceratopsian, soprattutto se si scopre che i giovani hanno cambiato il loro aspetto con l’invecchiamento.

15 di 67

Bravoceratops

Bravoceratops.
Nobu Tamura

Nome

Bravoceratops (greco per “faccia cornuta selvaggia”); pronunciato BRAH-voe-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America meridionale

Periodo storico

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Undisclosed

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Muso stretto; corna sopra gli occhi; grande balza

Un numero sbalorditivo di ceratopsiani (dinosauri con corna e fronzoli) occupò il Nord America durante il tardo Cretaceo, la fase finale di un lungo processo evolutivo iniziato alcuni milioni di anni prima nell’Asia orientale. Tra gli ultimi ad entrare a far parte dei ranghi c’è Bravoceratops, che è stato annunciato al mondo nel 2013 come un ceratopsiano “chasmosaurine” strettamente imparentato con Coahuilaceratops (e, ovviamente, con l’omonimo membro di questa razza, Chasmosaurus). Come con i suoi cugini, l’ampio volant di Bravoceratops potrebbe essere stato colorato in modo vivace durante la stagione degli amori e potrebbe anche essere stato impiegato come mezzo di riconoscimento all’interno del branco.

16 di 67

Centrosaurus

Centrosaurus.
Wikimedia Commons

Se Triceratops significa “faccia con tre corna” e Pentaceratops significa “faccia con cinque corna”, un nome migliore per Centrosaurus potrebbe essere Monoceratops (faccia con un solo corna). Questo ceratopsiano altrimenti standard si distingueva per l’unico corno che sporgeva dal muso.

17 di 67

Cerasinops

Cerasinops.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Cerasinops (greco per “faccia cornuta minore”); pronunciato SEH-rah-SIGH-nops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (85 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa otto piedi di lunghezza e 400 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Dimensioni relativamente piccole; testa smussata con becco cornuto

Solo 20 milioni di anni circa prima che si sviluppassero enormi ceratopsiani (dinosauri con le corna e orpelli) come il Triceratopo, specie più piccole come i Cerasinops da 400 libbre vagavano per il Nord America. Sebbene Cerasinops non fosse neanche lontanamente piccolo quanto i ceratopsiani “basali” come lo Psittacosaurus che lo ha preceduto di decine di milioni di anni, aveva molte caratteristiche anatomiche in comune con questi primi mangiatori di piante, tra cui una balza discreta, un becco prominente e, forse, una postura bipede. Il parente più stretto di Cerasinops sembra essere stato Leptoceratops, ma per il resto, questo ceratopsiano è ancora poco conosciuto.

18 di 67

Chaoyangsaurus

Chaoyangsaurus.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Chaoyangsaurus (greco per “lucertola Chaoyang”); pronunciato CHOW-yang-SORE-us

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Giurassico medio-tardo (170-145 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 20-30 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; postura bipede; muso cornuto

I Ceratopsiani sono spesso descritti con riferimento a giganti del tardo Cretaceo come Triceratops e Styracosaurus, ma il fatto è che questi erbivori esistevano (in forma meno impressionante) fin dal tardo Giurassico. Il Chaoyangsaurus è uno dei primi ceratopsiani ancora conosciuti, precede il precedente detentore del record, lo Psittacosaurus, di decine di milioni di anni (e quasi legato alla sua faccia cornuta asiatica, Yinlong). Questo erbivoro lungo tre piedi sembra più un ornitopode ed è identificato come un ceratopsiano solo grazie alla struttura unica del suo becco.

19 di 67

Chasmosaurus

Chasmosaurus.
Museo reale Tyrrell

La selezione sessuale è una possibile spiegazione dell’enorme balza squadrata del Chasmosaurus, che potrebbe aver cambiato colore per indicare la disponibilità sessuale o la prontezza a testare la testa con altri maschi per il diritto di accoppiarsi.

20 di 67

Coahuilaceratops

Coahuilaceratops.
Lukas Panzarin

Nome e Cognome:

Coahuilaceratops (greco per “faccia cornuta di Coahuila”); pronunciato CO-ah-HWEE-lah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (72 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 22 piedi di lunghezza e 2-3 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Testa enorme con corna lunghe, appaiate e ricurve

Per molti versi, Coahuilaceratops era un tipico dinosauro ceratopsiano (“faccia cornuta”) del tardo periodo Cretaceo: un erbivoro lento e dalla testa grande che aveva le dimensioni e il peso approssimativi di un piccolo camion. Ciò che distingueva questo genere da parenti più famosi come Triceratops erano le corna appaiate e ricurve poste sopra i suoi occhi, che raggiungevano ben quattro piedi di lunghezza; infatti, Coahuilaceratops è il dinosauro con le corna più lunghe mai scoperto. La lunghezza e la forma di queste appendici suggeriscono che i maschi del genere possono avere letteralmente “corna bloccate” quando competono per le femmine, proprio come fanno oggi le pecore dalle grandi corna.

21 di 67

Coronosaurus

Coronosaurus.
Nobu Tamura

Nome

Coronosaurus (greco per “lucertola corona”); pronunciato core-OH-no-SORE-us

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Lungo circa 15 piedi e 2 tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Dimensioni moderate; corno e balza prominenti

Il Coronosaurus è stato assegnato come specie del noto Centrosaurus (C. brinkmani) fino a quando un riesame del suo tipo fossile nel 2012 ha spinto i paleontologi ad assegnargli i propri generi. Il Coronosaurus era di dimensioni moderate come i ceratopsiani, lungo solo circa 15 piedi e due tonnellate, e sembra che fosse strettamente correlato non al Centrosaurus ma allo Styracosaurus.

22 di 67

Diabloceratops

Diabloceratops.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Diabloceratops (greco per “faccia cornuta del diavolo”); pronunciato dee-AB-low-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (85 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20-25 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Nessun corno sul muso; balza di medie dimensioni con due lunghe corna in cima

Sebbene Diabloceratops sia stato annunciato solo di recente al grande pubblico, questo dinosauro con le corna è familiare ai paleontologi sin dal 2002, quando il suo cranio quasi intatto è stato scoperto nel sud dello Utah. Otto anni di analisi e preparazione hanno prodotto quello che potrebbe (o non può) essere un “anello mancante” ceratopsico: il Diabloceratopo sembra essersi evoluto dai dinosauri con le corna più piccole del primo periodo del Cretaceo, eppure ha preceduto generi più avanzati come Centrosaurus e Triceratops di milioni di anni. Come ci si potrebbe aspettare data la sua posizione evolutiva, la massiccia testa di Diabloceratops era ornata in un modo unico: mancava un corno sul muso, ma aveva una balza di medie dimensioni, simile a un Centrosauro, con due corna affilate che sporgevano da entrambi i lati. (È possibile che la balza di Diabloceratops fosse ricoperta da un sottile strato di pelle che ha cambiato colore durante la stagione degli amori.)

23 di 67

Diceratops

Diceratops.
Wikimedia Commons

Il diceratopo fu “diagnosticato” nel lontano 1905 sulla base di un unico cranio a due corna privo del caratteristico corno nasale del triceratopo; tuttavia, alcuni paleontologi ritengono che questo esemplare fosse in realtà un individuo deforme di quest’ultimo dinosauro.

24 di 67

Einiosaurus

Einiosaurus.
Sergey Krasovskiy

Nome e Cognome:

Einiosaurus (indigeno / greco per “lucertola bufalo”); pronunciato AY-nee-oh-SORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Lungo circa 20 piedi e 2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Corno lungo e ricurvo sul muso; due corna su balza

Einiosaurus si distingueva dai suoi cugini più famosi (come Centrosaurus e Triceratops) per il singolo corno curvo verso il basso che sporgeva dal centro del muso. La scoperta di numerose ossa mescolate insieme (che rappresentano almeno 15 individui separati) indica che questo dinosauro potrebbe aver viaggiato in branchi, almeno uno dei quali ha raggiunto una fine catastrofica, forse quando tutti i membri sono annegati mentre cercavano di attraversare un fiume in piena.

25 di 67

Eotriceratopo

Eotriceratopo.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Eotriceratops (greco per “faccia con tre corna dell’alba”); pronunciato EE-oh-try-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Lungo circa 30 piedi e tre tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia larga; corna ricurve in avanti

Anche se alcuni paleontologi sostengono che l’elenco dei ceratopsiani (dinosauri con le corna e orpelli) deve essere severamente tagliato – sulla base della teoria che alcuni di questi dinosauri fossero in realtà stadi di crescita di dinosauri esistenti – altri hanno continuato a nominare nuovi generi. Un buon esempio è l’Eotriceratopo, che la persona media troverebbe praticamente indistinguibile dal Triceratopo ma che merita il proprio nome grazie ad alcune oscure caratteristiche anatomiche (ad esempio, la forma del suo corno giugale, epoccipitali e premascellari). È interessante notare che il “tipo esemplare” di Eotriceratops reca segni di morsi sopra l’occhio sinistro, forse resti di un incontro con un Tyrannosaurus Rex affamato.

26 di 67

Gobiceratops

Gobiceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Gobiceratops (greco per “faccia cornuta di Gobi”); pronunciato GO-bee-SEH-rah-tops

Habitat:

Pianure dell’Asia centrale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (85 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 50 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; cranio piccolo ma spesso

La maggior parte dei ceratopsiani, o dinosauri con le corna, sono rappresentati nella documentazione fossile da teschi veramente massicci; per esempio, il triceratopo aveva una delle teste più grandi di qualsiasi animale terrestre che sia mai vissuto. Questo non è il caso di Gobiceratops, che è stato “diagnosticato” nel 2008 sulla base del singolo, minuscolo cranio di un giovane, largo meno di due pollici. Non si sa molto su come vivesse questo piccolo dinosauro erbivoro, ma sembra che sia stato imparentato con un altro ceratopsiano primitivo dell’Asia centrale, Bagaceratops, e alla fine ha dato origine ai ceratopsiani giganti del Nord America.

27 di 67

Grifoceratopo

Grifoceratopo.
Royal Ontario Museum

Nome e Cognome:

Grifoceratopo (greco per “faccia cornuta di grifone”); pronunciato GRIFF-oh-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (83 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa due piedi di lunghezza e 20-25 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; mascelle dure e arrapate

Il Grifoceratopo, che misurava due piedi nudi dalla testa alla coda, non vantava nessuno degli ornamenti elaborati dei suoi cugini più grandi e famosi. Ciò che il Grifoceratopo aveva in comune con il Triceratopo e la sua specie era il suo becco duro e corneo, che usava per tagliare la vegetazione altrettanto dura. Il più piccolo ceratopsiano mai scoperto in Nord America (è stato scavato molto vicino al Parco Provinciale dei Dinosauri del Canada), il Gryphoceratops era strettamente imparentato con l’altrettanto “basale” Leptoceratops.

28 di 67

Hongshanosaurus

Il fossile di Hongshanosaurus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Hongshanosaurus (cinese / greco per “lucertola delle colline rosse”); pronunciato hong-shan-oh-SORE-us

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Primo Cretaceo (125 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa cinque piedi di lunghezza e 30-40 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; postura bipede; muso a becco

L’Hongshanosaurus era molto simile allo Psittacosaurus senza essere in realtà una specie di Psittacosaurus: questo ceratopsiano del primo Cretaceo (dinosauro con le corna e fronzoli) si distingueva dal suo più famoso contemporaneo solo per la forma distintiva del suo cranio. Come lo Psittacosaurus, l’Hongshanosaurus non somigliava molto ai suoi discendenti decine di milioni di anni su tutta la linea come Triceratops e Centrosaurus. In effetti, aveva molte caratteristiche in comune con i piccoli ornitopodi a due zampe da cui si è evoluto.

29 di 67

Judiceratops

Judiceratops.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Judiceratops (greco per “faccia cornuta del fiume Judith”); pronunciato JOO-dee-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Undisclosed

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Due corna frontali; grande balza con dentellature triangolari

Judiceratops è stato chiamato nel 2013 dopo la formazione del fiume Judith nel Montana, dove è stato scoperto il suo “tipo fossile”. La fama di Judiceratops è che è il primo dinosauro “chasmosaurine” ancora identificato, ancestrale al più noto Chasmosaurus vissuto alcuni milioni di anni dopo: una parentela che puoi immediatamente rilevare nei fronzoli distintamente decorati di questi due dinosauri.

30 di 67

Koreaceratops

Koreaceratops.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Koreaceratops (greco per “faccia cornuta coreana”); pronunciato core-EE-ah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia orientale

Periodo storico:

Medio Cretaceo (100 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 25-50 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; coda larga

I ceratopsiani hanno attraversato la distesa del Nord America e dell’Eurasia durante il periodo Cretaceo, quindi la recente scoperta di Koreaceratops in Corea del Sud (il primo ceratopsiano mai scoperto in questo paese) non dovrebbe sorprendere. Risalente al Cretaceo medio, circa 100 milioni di anni fa, il Koreaceratops era un membro relativamente “basale” della sua razza, strettamente imparentato con altri primi ceratopsiani come Archaeoceratops e Cerasinops (e per niente somigliante a ceratopsiani decorati, successivi come Triceratops).

Ciò che rende il Koreaceratops particolarmente interessante è la sua coda larga, che, sebbene non sia una caratteristica insolita in altri primi ceratopsiani, ha suscitato alcune speculazioni sul fatto che questo dinosauro, e altri simili, andassero a nuotare occasionalmente. È più probabile che i primi ceratopsiani abbiano sviluppato code larghe come caratteristica selezionata sessualmente (cioè, i maschi con code più grandi si sono accoppiati con più femmine) o come un modo per dissipare o raccogliere calore, quindi l’ipotesi acquatica dovrà rimanere solo che in attesa di ulteriori prove.

31 di 67

Kosmoceratops

Kosmoceratops.
University of Utah

La testa del Kosmoceratops ceratopsico delle dimensioni di un elefante era decorata con 15 corna e strutture simili a corno, tra cui un paio di grandi corna sopra gli occhi che somigliavano vagamente a quelle di un toro.

32 di 67

Leptoceratops

Leptoceratops.
Peter Trusler

Nome e Cognome:

Leptoceratops (greco per “piccola faccia cornuta”); pronunciato LEP-toe-SER-ah-tops

Habitat:

Pianure del Nord America occidentale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa sei piedi di lunghezza e 200 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Corporatura snella; piccole protuberanze sul viso

Leptoceratops è una lezione oggettiva su come i dinosauri “primitivi” a volte vivevano direttamente accanto ai loro cugini più evoluti. Questo ceratopsiano apparteneva alla stessa famiglia di dinosauri più grandi e più floridi come Triceratops e Styracosaurus, ma la sua decorazione facciale era minima (solo un breve volant e una mascella inferiore curva), e nel complesso era significativamente più piccola, solo circa sei piedi lungo e 200 libbre. Sotto questo aspetto, il Leptoceratops era più piccolo anche del più comune ceratopsiano “piccolo” del tardo Cretaceo, il Protoceratops delle dimensioni di un maiale.

In che modo Leptoceratops è riuscito a essere un tale ritorno al passato per i lontani progenitori della famiglia dei ceratopsi, minuscole creature delle dimensioni di un cane come Psittacosaurus e Archaeoceratops vissute milioni di anni prima? Chiaramente, l’ecosistema del tardo Cretaceo del Nord America aveva spazio per almeno un genere di piccolo ceratopsiano, che presumibilmente rimase ben lontano dai suoi cugini più piccoli (e potrebbe anche aver fatto loro un favore, attirando l’interesse di tirannosauri affamati e rapaci). La sua posizione bassa sulla catena alimentare spiega anche un altro strano attributo di Leptoceratops, la sua capacità di scappare sulle sue due zampe posteriori quando minacciato!

33 di 67

Liaoceratops

Liaoceratops.
Triassica

Nome e Cognome:

Liaoceratops (greco per “faccia cornuta di Liao”); pronunciato LEE-ow-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Primo Cretaceo (130-125 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 10-15 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; piccolo volant sulla testa; possibile postura bipede

Voluminose prove si sono fatte avanti di precursori ceratopsiani del primo Cretaceo e persino del tardo Giurassico, un esempio notevole dei quali è Liaoceratops. Come altri ceratopsiani “basali” come Chaoyangsaurus e Psittacosaurus, il Liaoceratops era un erbivoro delle dimensioni di una pinta con un minuscolo volant quasi impercettibile e, a differenza dei ceratopsiani successivi, potrebbe aver camminato sulle sue due zampe posteriori. I paleontologi stanno ancora risolvendo le relazioni evolutive tra questi antichi dinosauri; tutto quello che possiamo dire con certezza è che i ceratopsiani nel loro insieme sono originari dell’Asia.

34 di 67

flammulatus

Flammulatus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Magnirostris (latino per “becco grande”); pronunciato MAG-nih-ROSS-triss

Habitat:

Deserti dell’Asia centrale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75-70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa otto piedi di lunghezza e 400 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Dimensioni moderate; becco grande e affilato

Sebbene sia stato descritto e nominato dal famoso paleontologo cinese Dong Zhiming, Magnirostris può o non può meritare il proprio genere. La maggior parte degli esperti ritiene che questo dinosauro fosse in realtà un giovane di un ceratopsiano simile della Mongolia del tardo Cretaceo, Bagaceratops, e potrebbe anche essere una specie di Protoceratops. Tuttavia questo dinosauro finisce per essere classificato, il cranio di Magnirostris è uno dei meglio conservati nella (piccola) documentazione fossile ceratopsica, con un becco affilato, corneo, approssimativamente triangolare che deve essere tornato utile per tagliare la vegetazione dura.

35 di 67

Medusaceratops

Medusaceratops.
Andrey Atuchin

Nome e Cognome:

Medusaceratops (greco per “faccia cornuta di Medusa”); pronunciato meh-DOO-sah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Lungo circa 20 piedi e 2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Testa grande con volant elaborato; due corna sulla fronte

Uno di un gruppo di dinosauri ceratopsiani annunciato nel 2010, Medusaceratops sembrava un incrocio tra un Triceratops e un Centrosaurus. Aveva due corna delle dimensioni di un triceratopo che sporgevano dalla sommità della testa, ma anche un grande volant piatto, vagamente a forma di farfalla che ricordava quest’ultimo dinosauro. Le corna e la balza erano probabilmente caratteristiche selezionate sessualmente, il che significa che i maschi con accessori più grandi avevano l’opportunità di accoppiarsi con più femmine. In alternativa, le corna potrebbero essere state utilizzate anche per le risse all’interno del pacco e il volant come mezzo di comunicazione se era in grado di cambiare colore. La parte “Medusa” del nome di questo dinosauro, dal nome dell’antico mostro greco con serpenti al posto dei capelli, si riferisce alle strane escrescenze ossee simili a serpenti attorno al volant di Medusaceratops.

36 di 67

Mercuriceratops

Mercuriceratopo.
Nobu Tamura

Nome

Mercuriceratops (greco per “faccia cornuta di Mercurio”); pronunciato mer-CURE-ih-SEH-rah-tops

Habitat

Pianure del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (77 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 15 piedi di lunghezza e 2-3 tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Grande balza con “ali” sul fondo; due corna sopra gli occhi

Ciò che distingueva Mercuriceratops dalle dozzine di altri ceratopsiani del suo habitat erano le distintive sporgenze a forma di ala sul fondo del suo volant, che hanno una certa somiglianza con l’elmo del dio greco alato Mercurio. In particolare, esemplari quasi identici di questo dinosauro sono stati recentemente scoperti su entrambi i lati del confine tra Stati Uniti e Canada, a cavallo tra il Montana settentrionale e la provincia meridionale dell’Alberta (da cui il nome della specie di questo ceratopsiano, M. gemini).

37 di 67

Microceratopo

Microceratopo.
Getty Images

Il ceratopsiano ancestrale che la maggior parte delle persone conosce come Microceratops ha ricevuto un cambio di nome nel 2008, in Microceratus leggermente meno appariscente, perché si è scoperto che “Microceratops” era già stato assegnato a un genere di insetti.

38 di 67

Mojoceratops

Mojoceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Mojoceratops (greco per “faccia cornuta di mojo”); pronunciato moe-joe-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 12 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Grande balza a forma di cuore sulla parte posteriore della testa

Il cacciatore di fossili Nicholas Longrich ha sicuramente avuto il suo mojo quando ha diagnosticato questo nuovo dinosauro ceratopsiano sulla base di un teschio che ha trovato in un deposito presso l’American Museum of Natural History di New York (insieme ad altri teschi parziali residenti nei musei canadesi).

La pretesa di fama di Mojoceratops è che il suo volant era ancora più elaborato di quello del suo parente più prossimo, Centrosaurus: una vela di pelle alta, larga e sostenuta da ossa che probabilmente cambiava colore con le stagioni. A giudicare dalla sua struttura scheletrica sottostante, il volant di Mojoceratops era probabilmente a forma di cuore, il che si adattava al fatto che i maschi usavano i loro fronzoli per trasmettere disponibilità (o desiderio) sessuale alle femmine della mandria.

39 di 67

Monoclonius

Monoclonius.
Wikimedia Commons

Oggi, molti paleontologi ritengono che gli esemplari fossili identificati di Monoclonius dovrebbero essere assegnati al Centrosaurus, che aveva una testa sorprendentemente simile dotata di un grande corno all’estremità del muso.

40 di 67

Montanoceratops

Montanoceratops.
Wikimedia Commons

Nome

Montanoceratops (greco per “faccia cornuta Montana”); pronunciato mon-TAN-oh-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 10 piedi di lunghezza e 500 libbre

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Taglia piccola; breve balza e becco

Il famoso paleontologo Barnum Brown non sapeva bene cosa pensare di Montanoceratops quando ne portò alla luce i resti nel Montana nel 1916; gli ci vollero quasi 20 anni per arrivare a descrivere il tipo fossile, che assegnò a un altro ceratopsiano basale, Leptoceratops. Pochi anni dopo, un altro naturalista, Charles M. Sternberg, riesaminò le ossa ed eresse il nuovo genere Montanoceratops. La cosa importante di Montanoceratops è che era un ceratopsiano relativamente piccolo e “primitivo” che condivideva il suo habitat con forme più avanzate come Centrosaurus e Styracosaurus. Chiaramente, questi dinosauri di dimensioni diverse occupavano nicchie ecologiche diverse e non erano in concorrenza diretta tra loro per il cibo e altre risorse.

41 di 67

Nasutoceratops

Nasutoceratops.
Lukas Panzarin

Nome e Cognome:

Nasutoceratops (greco per “faccia cornuta dal naso grosso”); pronunciato nah-SOO-toe-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 15 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Naso grande; corna frontali rivolte in avanti

Il nasutoceratopo, identificato per la prima volta nel 2013, si è distinto dagli altri del suo genere per il suo naso insolitamente grande e per il paio di corna straordinariamente simili a un manzo che sporgevano dagli occhi. D’altra parte, il volant di Nasutoceratops non era niente di speciale, privo delle elaborate tacche, creste, frange e decorazioni di altri ceratopsiani. Come con altri dinosauri, Nasutoceratops probabilmente ha evoluto le sue caratteristiche facciali come mezzo di riconoscimento intra-specie e differenziazione sessuale (cioè, i maschi con nasi più grandi e corna più dritte erano più attraenti per le femmine.

42 di 67

Ojoceratops

Ojoceratops.
Sergey Krasovskiy

Nome e Cognome:

Ojoceratops (greco per “faccia cornuta di Ojo”); pronunciato OH-ho-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America meridionale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e 2-3 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Due grandi corna sugli occhi; balza distintiva

Questo ceratopsiano, i cui fossili sono stati scoperti di recente nella Formazione Ojo Alamo del New Mexico, assomigliava moltissimo al suo più famoso cugino Triceratops, sebbene avesse una balza tondeggiante in qualche modo caratteristica. Ojoceratops, tuttavia, sembra aver vissuto alcuni milioni di anni prima di Triceratops, che è probabilmente l’unica cosa che lo manterrà nei registri ufficiali dei dinosauri.

43 di 67

pachyrhinosaurus

Pachyrhinosaurus.
Karen Carr

Il Pachyrhinosaurus (“lucertola dal naso grosso”) era un parente stretto del Triceratopo che aveva un naso insolitamente spesso, probabilmente un adattamento evolutivo mediante il quale i maschi potevano colpire l’un l’altro (senza uccidersi) per l’attenzione delle femmine.

44 di 67

Pentaceratops

Pentaceratops.
Sergey Krasovskiy

Il nome Pentaceratops (“faccia a cinque corna”) è un po ‘improprio: questo ceratopsiano in realtà aveva solo tre corna vere, le altre due erano escrescenze dei suoi zigomi. Tuttavia, questo dinosauro possedeva una delle teste più grandi (in relazione alle sue dimensioni) di qualsiasi animale che sia mai vissuto.

45 di 67

Prenoceratops

Prenoceratops.
Museo dei bambini di Indianapolis

Nome e Cognome:

Prenoceratops (greco per “faccia cornuta piegata”); pronunciato PRE-no-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (85-75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 4-5 piedi di lunghezza e 40-50 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; testa smussata con fronzoli minimi

Dovresti essere un paleontologo esperto per distinguere Prenoceratops dal suo parente più famoso, Leptoceratops, che visse pochi milioni di anni dopo. Entrambi questi ceratopsiani (dinosauri con le corna e fronzoli) erano piccoli, snelli, discreti mangiatori di piante con fronzoli minimi, ben lontani dai membri “classici” della razza come Triceratops e Pentaceratops. Uno tra le dozzine di generi ceratopsiani del tardo Cretaceo, Prenoceratops si distingue dal branco in almeno un modo: i suoi fossili sono stati scoperti nella famosa Formazione delle Due Medicine del Montana.

46 di 67

Protoceratops

Protoceratops.
Wikimedia Commons

Nel tardo Cretaceo dell’Asia centrale, il Protoceratopo delle dimensioni di un maiale sembra aver riempito all’incirca la stessa nicchia evolutiva del moderno gnu, una fonte di cibo comune e relativamente facile da uccidere per i dinosauri carnivori affamati.

47 di 67

Psittacosaurus

Psittacosaurus.
Wikimedia Commons

Non lo sapresti guardandolo, ma lo Psittacosaurus (in greco “lucertola pappagallo”) era uno dei primi membri della famiglia dei ceratopsi. Numerosi esemplari fossili di questo dinosauro sono stati scoperti nell’Asia orientale, indicando la sua natura gregaria e pastorizia.

48 di 67

Regaliceratops

Regaliceratops.
Museo reale Tyrrell

Nome

Regaliceratops (greco per “viso cornuto regale”); pronunciato REE-gah-lih-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Lungo circa 16 piedi e due tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Grande testa con balza ornata a forma di corona

Scoperto nella provincia canadese dell’Alberta nel 2005, ma annunciato al mondo solo nel giugno del 2015, Regaliceratops aveva un enorme volant a differenza di qualsiasi altro dinosauro della sua razza: una struttura rotonda, eretta, bizzarramente merlata. Come con altri ceratopsiani, Regaliceratops senza dubbio ha evoluto il suo volant come una caratteristica selezionata sessualmente; potrebbe anche aver aiutato con il riconoscimento all’interno del branco, considerando quanto fossero comuni i dinosauri dalle corna spesse e dai volant durante il tardo Cretaceo in Nord America.

49 di 67

Rubeosaurus

Rubeosaurus.
Lukas Panzarin

Comunque finisca per essere classificato, il Rubeosaurus era un ceratopsiano dall’aspetto distintivo del tardo Cretaceo del Nord America, con il suo lungo corno del naso e (soprattutto) le due lunghe punte convergenti poste in cima al suo voluminoso volant. Guarda un profilo approfondito del Rubeosaurus

50 di 67

Sinoceratops

Sinoceratops.
Wikimedia Commons

Nome

Sinoceratops (greco per “faccia cornuta cinese”); pronunciato SIE-no-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi dell’Asia orientale

Periodo storico

Tardo Cretaceo (70-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 12 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Corno del naso singolo; balza corta e decorata

Come regola generale, i dinosauri del tardo Cretaceo del Nord America, in particolare adrosauri e tirannosauri, avevano controparti (spesso più grandi) nell’Asia orientale. Una curiosa eccezione a questa regola sono i ceratopsiani (dinosauri con le corna e orpelli), che hanno restituito estesi resti fossili in Nord America ma praticamente nulla in Cina risalente all’ultima metà del periodo Cretaceo. Ecco perché l’annuncio di Sinoceratops nel 2010 è stata una così grande notizia: per la prima volta, i paleontologi avevano portato alla luce un ceratopsiano asiatico a grandezza naturale del tardo Cretaceo che avrebbe potuto dare a Triceratops una corsa per i suoi soldi. Ceratopsiano “centrosaurino”, così caratterizzato per la sua corta balza, il Sinoceratopo era dotato di un unico corno nasale, e la sua balza era decorata con vari pomelli e “cornetti”. La teoria prevalente è che questo dinosauro (o più probabilmente uno dei suoi antenati) abbia attraversato il ponte terrestre di Bering dall’Alaska alla Siberia; forse, se l’estinzione K / T non fosse intervenuta, l’Asia avrebbe potuto rifornire completamente il suo stock di ceratopsiani.

51 di 67

Spinops

Spinops.
Dmitry Bogdanov

Le ossa frammentate di Spinops furono sepolte per quasi 100 anni prima che un team di paleontologi riuscisse finalmente a esaminarle; il “tipo fossile” di questo dinosauro fu scoperto nel 1916, in Canada, dal famoso paleontologo Charles Sternberg. Guarda un profilo approfondito di Spinops

52 di 67

Styracosaurus

Styracosaurus.
Parco del Giura

Lo Styracosaurus aveva la testa più rococò e dall’aspetto gotico di qualsiasi ceratopsiano, un imponente pot-pourri di punte, corna, fronzoli e narici insolitamente grandi. Molto probabilmente, i maschi di Styracosaurus con fronzoli più elaborati erano più attraenti per le femmine del genere.

53 di 67

Tatankaceratops

Tatankaceratops.
Nobu Tamura

Nome

Tatankaceratops (greco per “faccia cornuta di bufalo”); pronunciato tah-TANK-ah-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Undisclosed

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Dimensioni moderate; postura quadrupede; corna e balza

Da non confondere con Tatankacephalus, un dinosauro corazzato, che prende il nome anche dal bufalo moderno vissuto decine di milioni di anni prima, Tatankaceratops è stato diagnosticato sulla base di un singolo cranio parziale scoperto nel South Dakota. Tuttavia, non tutti sono d’accordo sul fatto che questo ceratopsiano del tardo Cretaceo meriti il ​​suo genere. Lo scenario più probabile è che l’esemplare tipo di Tatankacephalus fosse un giovane triceratopo con un difetto alla nascita che ne ha causato l’interruzione della crescita poiché il fossile presenta una strana miscela di tratti adulti e giovanili (specialmente per quanto riguarda le sue corna e la balza).

54 di 67

Titanoceratops

Titanoceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Titanoceratops (greco per “faccia cornuta titanica”); pronunciato tie-TAN-oh-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Fino a 25 piedi di lunghezza e cinque tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia larga; balza ornata e corna

Dopo aver esaminato una zucca di Pentaceratops insolitamente grande esposta al Museo di Storia Naturale dell’Oklahoma, Nicholas Longrich di Yale ha stabilito che questo fossile dovrebbe effettivamente essere attribuito a un genere ceratopsiano nuovo di zecca, Titanoceratops. Non è solo questione di Titanoceratops leggermente diverso da Pentaceratops; ciò che Longrich sostiene è che il suo nuovo dinosauro era in realtà più strettamente correlato al Triceratopo, ed era uno dei primi ceratopsiani “triceratopsina”. Ciò significherebbe che il genere risale a 75 milioni di anni fa, circa 5 milioni di anni prima dei ceratopsiani più noti di questa famiglia come Triceratops, Chasmosaurus e Centrosaurus.

Supponendo che la sua classificazione di genere sia ampiamente accettata, il Titanoceratops, appropriatamente chiamato, sarebbe stato uno dei più grandi ceratopsiani, raggiungendo potenzialmente lunghezze di 25 piedi dalla testa alla coda e pesi nell’intorno di cinque tonnellate.

55 di 67

Torosaurus

Torosaurus.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Torosaurus (greco per “lucertola forata”); pronunciato TORE-oh-SORE-us

Habitat:

Boschi del Nord America occidentale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Lungo circa 25 piedi e quattro tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Enorme volant; due lunghe corna sugli occhi

Dal suo nome, potresti pensare che Torosaurus abbia preso il nome da un toro (“toro” in spagnolo), ma la verità è un po ‘meno eccitante. Il “toro” in questo caso significa “perforato” o “trafitto”, riferendosi ai grandi fori nel cranio di questo erbivoro, sotto il suo enorme volant.

Nomi a parte, Torosaurus era un tipico ceratopsiano, un membro della famiglia di dinosauri con corna, balze e dimensioni di un elefante che popolavano il continente nordamericano durante il tardo Cretaceo, i cui esempi più famosi erano Triceratops e Centrosaurus. In effetti, secondo uno studio recente, il Torosaurus potrebbe essere stato lo stesso dinosauro del Triceratopo, poiché i fronzoli dei ceratopsiani continuavano a crescere con l’invecchiamento.

56 di 67

Triceratops

Triceratopo.
Wikimedia Commons

Il triceratopo aveva uno dei teschi più inconfondibili di qualsiasi creatura mai vissuta. Questo potrebbe spiegare il motivo per cui i fossili di triceratopo sono particolarmente preziosi all’asta, esemplari quasi completi che comandano prezzi nell’ordine di milioni di dollari.

57 di 67

Udanoceratops

Udanoceratops (Andrey Atuchin).

Nome e Cognome:

Udanoceratops (greco per “faccia cornuta di Udan”); pronunciato OO-dan-oh-SEH-rah-tops

Habitat:

Deserti dell’Asia centrale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80-75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 13 piedi di lunghezza e 1,500 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Testa smussata con becco cornuto; possibile postura bipede

Anatomicamente, questo dinosauro condivideva alcune caratteristiche con i ceratopsiani “basali” molto più piccoli che lo hanno preceduto di milioni di anni (l’esempio più notevole è lo Psittacosaurus), ma era molto più grande di questi primi mangiatori di piante, adulti adulti che probabilmente pesavano tanto quanto una tonnellata. Ancora più allettante, il fatto che i ceratopsiani basali fossero per lo più bipedi suggerisce che Udanoceratops potrebbe anche aver trascorso la maggior parte del suo tempo su due gambe, il che lo renderebbe di gran lunga il più grande di questi ceratopsi.

58 di 67

Unescoceratops

Unescoceratops.
Royal Ontario Museum

Nome e Cognome:

Unescoceratops (greco per “faccia cornuta dell’UNESCO”); pronunciato you-NESS-coe-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa cinque piedi di lunghezza e 200 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; breve balza; becco duro e arrapato

L’Unescoceratopo appena scoperto non era il più piccolo ceratopsiano (dinosauro con le corna e volant) mai vissuto – quell’onore appartiene a specie “basali” come Leptoceratops – ma non aveva ancora molto di cui vantarsi. Lungo circa un metro e mezzo dalla testa alla coda, Unescoceratops pesava solo quanto un essere umano adulto in buona salute, e possedeva una corta balza e un becco duro e corneo che ricordava quello di un pappagallo. La cosa più notevole di questo dinosauro è il suo nome: è stato scoperto vicino al Parco provinciale dei dinosauri in Canada, un sito del patrimonio mondiale amministrato dall’UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura).

59 di 67

Utahceratops

Utahceratops.
University of Utah

Nome e Cognome:

Utahceratops (greco per “faccia cornuta dello Utah”); pronunciato YOU-tah-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (75-65 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 20 piedi di lunghezza e 3-4 tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Corno simile a un rinoceronte sul muso; grande testa e balza

Durante il tardo periodo Cretaceo, da circa 75 a 65 milioni di anni fa, il mare interno occidentale poco profondo ha scavato un “continente insulare” nelle vicinanze dell’odierna Utah, dove sono stati recentemente portati alla luce i resti dello Utahceratops. Questo erbivoro aveva un singolo corno simile a un rinoceronte che sporgeva dalla sommità del muso, oltre a un paio di corna simili a un bue che sporgevano lateralmente dalla parte superiore degli occhi. La cosa più allarmante è che il cranio dello Utahceratops era enorme, lungo circa sette piedi, il che ha spinto un paleontologo a descrivere questo dinosauro come “un rinoceronte gigante con una testa ridicolmente sovradimensionata”.

L’habitat dell’isola dello Utahceratops potrebbe aver avuto qualcosa a che fare con lo sviluppo della complessa struttura del corno e della balza dell’animale. Come con la maggior parte di queste pertinenze di dinosauri, è chiaro che le corna di grandi dimensioni e il volant di questo dinosauro avevano lo scopo di impressionare il sesso opposto e aiutare a propagare la specie.

60 di 67

Vagaceratops

Vagaceratops.
Museo canadese della natura

Nome

Vagaceratops (greco per “faccia cornuta errante”); pronunciato VAY-gah-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America occidentale

Periodo storico

Tardo Cretaceo (75-70 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 15 piedi di lunghezza e 1-2 tonnellate

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Volant ampio e ampio; corno nasale corto

Più ceratopsiani sono stati scoperti nello Utah rispetto a qualsiasi altro tipo di dinosauro, specialmente negli ultimi cinque anni. Una recente aggiunta al roster è Vagaceratops, che occupa un posto molto vicino a Kosmoceratops sull’albero genealogico dei ceratopsi (entrambi questi ceratopsiani “centrosaurini” erano a loro volta strettamente imparentati con Centrosaurus). Vagaceratops era caratterizzato dal suo corto corno nasale e dal volant ampio, piatto e relativamente disadorno, il che è un po ‘strano dal momento che Kosmoceratops possedeva il volant più ornato di qualsiasi ceratopsiano identificato. Le ricostruzioni di Vagaceratops sono state utilizzate anche nelle simulazioni della postura ceratopsica, poiché gli esperti cercano di capire se le gambe di questi dinosauri fossero leggermente divaricate (come quelle delle lucertole) o più “bloccate” e in posizione verticale.

61 di 67

Wendiceratops

Wendiceratops.
Danielle Dufault

Nome

Wendiceratops (greco per “faccia cornuta di Wendy”); pronunciato WEN-dee-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi del Nord America

Periodo storico

Tardo Cretaceo (80 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa 20 piedi di lunghezza e una tonnellata

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Volant ornato; corno sul muso

Annunciato al mondo nel 2015, il dinosauro Wendiceratops con le corna e volant è importante per tre motivi. Innanzitutto, è il primo dinosauro ceratopsiano identificato a esibire un corno sul naso; secondo, è uno dei primi membri identificati della famiglia dei ceratopsiani che alla fine diede origine al Triceratopo circa 10 milioni di anni dopo; e terzo, l’elaborato ornamento della sua testa e della sua balza mostra che queste sorprendenti caratteristiche anatomiche si sono evolute milioni di anni prima che i paleontologi avessero pensato in precedenza. Wendiceratops è anche uno dei pochi dinosauri che prendono il nome da una femmina, in questo caso la nota cacciatrice di fossili canadese Wendy Sloboda, che ha scoperto il suo letto d’osso in Alberta nel 2010.

62 di 67

Xenoceratops

Xenoceratops.
Julius Csotonyi

Nome e Cognome:

Xenoceratops (greco per “faccia cornuta aliena”); pronunciato ZEE-no-SEH-rah-tops

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (80 milioni di anni fa)

Habitat:

Boschi del Nord America

Dimensioni e peso:

Lungo circa 20 piedi e tre tonnellate

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Grande balza a due corna; lunghe corna sopraccigliari

Negli ultimi dieci anni, sono stati identificati più ceratopsiani (dinosauri con le corna e fronzoli) rispetto a qualsiasi altro tipo di dinosauro, probabilmente perché i teschi massicci di questi mangiatori di piante tendono a persistere bene nella documentazione fossile. Nel novembre del 2012, i paleontologi hanno annunciato un altro genere ceratopsiano, Xenoceratops, i cui fossili sono stati scoperti in sedimenti di 80 milioni di anni nella formazione del fiume Belly di Alberta, in Canada.

Come nel caso di molti altri dinosauri, la denominazione di Xenoceratops è arrivata ben dopo la sua scoperta originale. I resti sparsi di questo ceratopsiano furono effettivamente portati alla luce nel lontano 1958 e poi consegnati a un polveroso cassetto del museo per oltre mezzo secolo. È stato solo di recente che i paleontologi del Royal Ontario Museum hanno riesaminato i fossili e hanno stabilito che avevano a che fare con un nuovo genere e non con una specie ceratopsica esistente.

Questo ceratopsiano ha preceduto parenti più famosi come Styracosaurus e Centrosaurus di alcuni milioni di anni (i ceratopsiani del tardo Cretaceo sono relativamente comuni, ma la maggior parte risalgono a 70-65 milioni di anni, non 80 milioni di anni). Stranamente, però, Xenoceratops possedeva già una balza tempestata di corno piuttosto elaborata, un’indicazione che i ceratopsiani svilupparono queste caratteristiche distintive prima di quanto si pensasse una volta.

63 di 67

Xuanhuaceratops

Xuanhuaceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Xuanhaceratops (greco per “faccia cornuta Xuanhua”); pronunciato ZHWAN-ha-SEH-rah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Tardo Giurassico (160-150 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa tre piedi di lunghezza e 10-15 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; muso a becco; postura bipede

Xuanhuaceratops è stato uno dei primi ceratopsiani, la linea di dinosauri erbivori che si è evoluta da ornitopodi durante il tardo Giurassico e culminata in generi giganti nordamericani come Triceratops e Pentaceratops durante il tardo Cretaceo, decine di milioni di anni dopo. Xuanhuaceratops era strettamente imparentato con un altro ceratopsiano primitivo, Chaoyangsaurus, che potrebbe averlo preceduto di alcuni milioni di anni (e quindi potrebbe essere stato il suo diretto antenato).

64 di 67

Ceratops

Ceratops.
Nobu Tamura

Nome e Cognome:

Yamaceratops (greco per “faccia cornuta di Yama”); pronunciato YAM-ah-SER-ah-tops

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Medio Cretaceo (100 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa sei piedi di lunghezza e 50-100 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; breve balza

Sebbene sia un dinosauro abbastanza oscuro, Yamaceratops (prende il nome dalla divinità buddista Yama) è importante per due motivi. In primo luogo, questo ceratopsiano – un membro della stessa famiglia che in seguito diede origine a Triceratops e Centrosaurus – visse in Asia, mentre in seguito i ceratopsiani furono confinati nel Nord America. In secondo luogo, Yamaceratops prosperò decine di milioni di anni prima dei suoi discendenti più famosi, durante il periodo medio piuttosto che nel tardo Cretaceo. Considerando il suo primo posto sull’albero evolutivo ceratopsiano, è facile capire il volant insolitamente corto e primitivo di Yamaceratops (rispetto alle enormi ed elaborate produzioni di dinosauri successivi come Chasmosaurus), per non parlare delle sue dimensioni relativamente piccole, solo circa 100 libbre.

65 di 67

Yinlong

Il teschio di Yinlong (Wikimedia Commons).

Nome e Cognome:

Yinlong (cinese per “drago nascosto”); pronunciato YIN-lungo

Habitat:

Boschi dell’Asia

Periodo storico:

Tardo Giurassico (160-155 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa quattro piedi di lunghezza e 20 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; testa relativamente ampia

Il nome Yinlong (“drago nascosto”) è una sorta di scherzo interno: i fossili di questo dinosauro sono stati trovati nella parte della Cina dove è stato girato l’epico film Crouching Tiger, Hidden Dragon. L’affermazione di Yinlong alla fama è che è il più antico dinosauro ceratopsiano mai identificato, un minuscolo precursore del tardo Giurassico di dinosauri con le corna molto più grandi del tardo periodo Cretaceo come Triceratops e Centrosaurus. In modo allettante, i fossili di Yinlong hanno qualche somiglianza con quelli di Heterodontosaurus, un indizio che i primi ceratopsiani si sono evoluti da ornitopodi altrettanto piccoli circa 160 milioni di anni fa. (A proposito, Yinlong è stato ritratto in uno speciale del National Geographic come preda del piccolo tirannosauro Guanlong, anche se mancano prove dirette di ciò.)

66 di 67

Zhuchengceratops

Zhuchengceratops (Nobu Tamura).

Nome

Zhuchengceratops (greco per “faccia cornuta di Zhucheng”); pronunciato ZHOO-cheng-SEH-rah-tops

Habitat

Boschi dell’Asia

Periodo storico

Tardo Cretaceo (75 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso

Circa sette piedi di lunghezza e 500 libbre

Dieta

piante

Caratteristiche distintive

Taglia piccola; muscoli forti nella mascella inferiore

Parente stretto del Leptoceratops più o meno contemporaneo, con il quale è tecnicamente raggruppato come un “leptoceratopsiano”, Zhuchengceratops era un erbivoro di modeste dimensioni caratterizzato dalle sue mascelle insolitamente muscolose (un suggerimento che sopravviveva su una vegetazione particolarmente dura). con i ceratopsiani più grandi e familiari del suo tempo, come Triceratops, Zhuchengceratops e la sua specie di maiale erano gli unici dinosauri con le corna e le frange dell’Asia del tardo Cretaceo. (I Ceratopsiani nacquero nell’Eurasia orientale all’inizio del periodo Cretaceo, ma si sono evoluti in dimensioni enormi solo una volta raggiunto il Nord America.) Come si potrebbe supporre dai loro nomi, Zhuchengceratops probabilmente figurava nel menu del pranzo del teropode contemporaneo Zhuchengtyrannus.

67 di 67

Zuniceratops

Zuniceratops.
Wikimedia Commons

Nome e Cognome:

Zuniceratops (greco per “faccia cornuta di Zuni”); pronunciato ZOO-nee-SER-ah-tops

Habitat:

Boschi del Nord America occidentale

Periodo storico:

Tardo Cretaceo (90 milioni di anni fa)

Dimensioni e peso:

Circa 10 piedi di lunghezza e 200-300 libbre

Dieta:

piante

Caratteristiche distintive:

Taglia piccola; balza di media grandezza; corna corte sugli occhi

Quando Christopher James Wolfe (figlio di un paleontologo) di otto anni si è imbattuto nelle ossa di Zuniceratops nel New Mexico nel 1996, la scoperta è stata degna di nota per ben più dell’età di Christopher. La successiva datazione del suo fossile ha mostrato che Zuniceratops visse 10 milioni di anni prima dei ceratopsiani più grandi del tardo Cretaceo, come Triceratops e Styracosaurus, rendendolo il primo ceratopsiano conosciuto nel Nord America.

Zuniceratops sembrava certamente il predecessore dei potenti ceratopsiani sopra menzionati. Questo erbivoro era molto piccolo, pesava solo circa 200 libbre, e la sua corta balza e le doppie corna rachitiche sugli occhi hanno un aspetto decisamente semi-evoluto. Chiaramente, i ceratopsiani successivi seguirono questo stesso piano corporeo di base, ma elaborarono i dettagli.