Fai attenzione a queste pericolose truffe EZ Pass

Vuoi saltare sulla corsia di sorpasso per diventare una vittima di furto di identità? Semplice! Basta innamorarsi della pericolosa e complicata truffa di phishing tramite e-mail EZ Pass.

Il sistema di riscossione automatica del pedaggio del sistema EZ Pass consente agli abbonati di evitare di doversi fermare in pedaggi autostradali affollati. Una volta che il conducente ha impostato un account prepagato EZ Pass, riceve un piccolo transponder elettronico che si attacca all’interno del parabrezza del proprio veicolo. Quando viaggiano attraverso un impianto di pedaggio in cui è accettato l’EZ Pass, un’antenna presso il casello legge il loro transponder e addebita automaticamente sul loro conto l’importo appropriato per il pedaggio. EZ Pass è attualmente disponibile in 17 stati, con oltre 35 milioni di dispositivi E ‑ Z Pass in circolazione. 

Secondo la Federal Trade Commission, le potenziali vittime prese di mira da questa truffa ricevono un’e-mail che sembra provenire dalla loro agenzia di strade a pedaggio EZ Pass statale. L’e-mail avrà un logo realistico EZ Pass e utilizzerà un linguaggio piuttosto minaccioso per informarti che devi dei soldi per guidare su una strada a pedaggio senza pagare o utilizzare EZ Pass. L’e-mail contiene anche il “gancio” sotto forma di un collegamento a un sito Web in cui è possibile visualizzare la presunta fattura e occuparsi della presunta multa senza timore di “ulteriori azioni legali” contro di te.

L’email truffa non proviene dal vero EZ Pass Group, un’associazione di agenzie di pedaggio in 17 stati che gestisce il popolare programma EZ Pass. Sebbene il sistema EZ Pass funzioni solo in 17 stati e il tuo stato potrebbe non avere nemmeno strade a pedaggio, potresti comunque essere preso di mira dalla truffa EZ Pass, perché le e-mail di truffa vengono inviate ai consumatori a livello nazionale.

Il peggio che può succedere

Se fai clic sul collegamento fornito nell’e-mail, gli imbroglioni che eseguono la truffa cercheranno di inserire malware sul tuo computer. E se fornisci al falso sito web EZ Pass una delle tue informazioni personali, quasi sicuramente lo useranno per rubare la tua identità. Addio soldi, solvibilità e sicurezza personale.

Come proteggersi dalla truffa

La FTC consiglia di non fare clic su alcun collegamento nel messaggio e di non provare a rispondere se si riceve l’e-mail di EZ Pass. Se pensi che l’e-mail possa provenire davvero da EZ Pass o se pensi di dover effettivamente pagare un pedaggio stradale, contatta il servizio clienti EZ Pass per confermare che proviene davvero da loro.

L’e-mail EZ Pass è solo uno di un elenco apparentemente infinito di simili truffe di phishing, in cui i truffatori si atteggiano a imprese legittime nel tentativo di rubare le informazioni personali dei consumatori.

Per aiutare a stare al sicuro da queste pericolose truffe, la FTC consiglia:

  • Non fare mai clic su alcun collegamento nelle e-mail a meno che tu non sia certo di conoscere o fare affari con il mittente.
  • Non rispondere mai a messaggi di posta elettronica che richiedono informazioni personali o finanziarie. Anche se il mittente è legittimo, l’e-mail non è un modo sicuro per inviare tali informazioni. In effetti, non è mai una buona idea includere elementi come il numero di previdenza sociale o le informazioni del conto bancario in qualsiasi messaggio di posta elettronica, compresi quelli inviati.
  • Mantieni sempre il software di sicurezza del tuo computer aggiornato e attivo.

Come trasformare i truffatori

Se pensi di aver ricevuto un’email di phishing o di esserne vittima, puoi:

  • Inoltra l’email sospetta a [email protected] e all’azienda rappresentata nell’email.
  • Presentare un reclamo ufficiale all’Assistente per i reclami online della FTC della Federal Trade Commission.

The EZ Pass Transponder Furto Scam

Un’altra pericolosa truffa EZ Pass non ha nulla a che fare con la posta elettronica. In questo semplice atto di costoso caos, i ladri trovano auto e camion che sono stati lasciati sbloccati in modo che non debbano entrare. Una volta all’interno del veicolo, il ladro ruba semplicemente il dispositivo EZ Pass della vittima e lo sostituisce con un falso non funzionante uno. In pochi secondi, il crimine che può costare alla vittima per mesi, o almeno finché non lo capisce. Nel 2016, un transponder EZ Pass rubato in Pennsylvania ha accumulato oltre $ 11,000 in accuse fraudolente prima che il suo vero proprietario scoprisse il crimine.

Come consiglia la polizia, evitare il furto del transponder EZ Pass è semplice: chiudi a chiave la tua auto o il tuo camion.