Fatti interessanti sull’elemento Roentgenio

Il roentgenio (Rg) è l’elemento 111 della tavola periodica. Sono stati prodotti pochi atomi di questo elemento sintetico, ma si prevede che sia un solido metallico denso e radioattivo a temperatura ambiente. Ecco una raccolta di fatti Rg interessanti, inclusa la sua storia, proprietà, usi e dati atomici.

Fatti chiave dell’elemento roentgenio

Ti stai chiedendo come pronunciare il nome dell’elemento? Suo RENT-ghen-ee-em

Il roentgenio è stato creato per la prima volta da un team internazionale di scienziati che lavoravano presso la Gesellschaft für Schwerionenforschung (GSI) a Darmstadt, in Germania, l’8 dicembre 1994. Il team, guidato da Sigurd Hofmann, ha accelerato i nuclei di nichel-64 in un bersaglio di bismuto-209 per produrre un singolo atomo di roentgenio-272. Nel 2001, il gruppo di lavoro congiunto della IUPAC / IUPAP ha deciso che le prove non erano sufficienti per dimostrare la scoperta dell’elemento, quindi il GSI ha ripetuto l’esperimento e ha rilevato tre atomi dell’elemento 111 nel 2002. Nel 2003, il JWP lo ha accettato come prova che l’elemento era stato veramente sintetizzato.

Se l’elemento 111 fosse stato nominato secondo la nomenclatura ideata da Mendeleev, il suo nome sarebbe eka-gold. Tuttavia, nel 1979 IUPAC raccomandava di assegnare nomi di segnaposto sistematici agli elementi non verificati, quindi fino a quando non fu deciso il nome permanente, l’elemento 111 fu chiamato unununium (Uuu). A causa della loro scoperta, il team GSI è stato autorizzato a suggerire un nuovo nome. Il nome che hanno scelto era roentgenio, in onore dello scienziato tedesco che ha scoperto i raggi X, il fisico Wilhelm Conrad Röntgen. La IUPAC ha accettato il nome il 1 ° novembre 2004, quasi 10 anni dopo la prima sintesi dell’elemento.

Il roentgenio dovrebbe essere un metallo solido e nobile a temperatura ambiente, con proprietà simili a quelle dell’oro. Tuttavia, in base alla differenza tra lo stato fondamentale e il primo stato eccitato degli elettroni d esterni, si prevede che sia di colore argento. Se viene mai prodotto abbastanza elemento 111, il metallo sarà probabilmente anche più morbido dell’oro. Si prevede che Rg + sia il più morbido di tutti gli ioni metallici.

A differenza dei congeneri più leggeri che hanno una struttura cubica centrata sulla faccia per i loro cristalli, ci si aspetta che Rg formi cristalli cubici centrati sul corpo. Questo perché la densità di carica degli elettroni è diversa per il roentgenio.

Dati atomici di roentgenio 

Nome / simbolo dell’elemento: Roentgenio (Rg)

Numero atomico: 111

Peso atomico: [282]

Scoperta: Society for Heavy Ion Research, Germania (1994)

Configurazione elettronica: [Rn] 5f14 6d9 7s2

Gruppo di elementi: blocco d del gruppo 11 (Transition Metal)

Periodo dell’elemento: periodo 7

Densità: Si prevede che il roentgenio metallico abbia una densità di 28.7 g / cm3 intorno alla temperatura ambiente. Al contrario, la più alta densità di qualsiasi elemento misurata sperimentalmente fino ad oggi è stata di 22.61 g / cm3 per l’osmio.

Stati di ossidazione: +5, +3, +1, -1 (previsto, con lo stato +3 che dovrebbe essere il più stabile)

Energie di ionizzazione: Le energie di ionizzazione sono stime.

  • 1 °: 1022.7 kJ / mol
  • 2 °: 2074.4 kJ / mol
  • 3 °: 3077.9 kJ / mol

Raggio atomico: 138 pm

Raggio covalente: 121 pm (stimato)

Struttura di cristallo: cubico centrato sul corpo (previsto)

Isotopi: Sono stati prodotti 7 isotopi radioattivi di Rg. L’isotopo più stabile, Rg-281, ha un’emivita di 26 secondi. Tutti gli isotopi conosciuti subiscono il decadimento alfa o la fissione spontanea.

Usi di Roentgenio: Gli unici usi del roentgenio sono per lo studio scientifico, per saperne di più sulle sue proprietà e per la produzione di elementi più pesanti.

Fonti di roentgenio: Come la maggior parte degli elementi radioattivi pesanti, il roentgenio può essere prodotto fondendo due nuclei atomici o tramite il decadimento di un elemento ancora più pesante.

Tossicità: L’elemento 111 non ha alcuna funzione biologica nota. Presenta un rischio per la salute a causa della sua estrema radioattività.