La scienza del prurito e perché graffiare si sente così bene

Gli esseri umani e altri animali hanno prurito per una serie di motivi. Gli scienziati ritengono che lo scopo alla base della sensazione fastidiosa (chiamata prurito) sia così che possiamo rimuovere parassiti e sostanze irritanti e proteggere la nostra pelle. Tuttavia, altre cose possono portare a prurito, inclusi farmaci, malattie e persino una risposta psicosomatica.

Come funziona il prurito

Mentre i farmaci e le malattie in genere stimolano il prurito a causa di una risposta chimica, il più delle volte la sensazione è il risultato di un’irritazione della pelle. Indipendentemente dal fatto che l’irritazione provenga dalla pelle secca, da un parassita, da una puntura d’insetto o dall’esposizione chimica, le fibre nervose sensibili al prurito (chiamate pruricettori) si attivano. Le sostanze chimiche che attivano le fibre possono essere istamina da infiammazione, oppioidi, endorfine o neurotrasmettitori acetilcolina e serotonina. Queste cellule nervose sono un tipo speciale di fibra C, strutturalmente come le fibre C che trasmettono il dolore, tranne per il fatto che inviano un segnale diverso. Solo il 5% circa delle fibre C sono pruricettori. Quando stimolati, i neuroni pruricettori emettono un segnale al midollo spinale e al cervello, che stimola un riflesso di sfregamento o graffio. Al contrario, la risposta al segnale dei recettori del dolore è un riflesso di evitamento. Grattare o sfregare un prurito interrompe il segnale stimolando i recettori del dolore e i recettori tattili nella stessa regione.

Farmaci e malattie che provocano prurito

Poiché le fibre nervose per il prurito sono nella pelle, ha senso che la maggior parte del prurito inizi lì. Psoriasi, fuoco di Sant’Antonio, tigna e varicella sono condizioni o infezioni che colpiscono la pelle. Tuttavia, alcuni farmaci e malattie possono causare prurito senza irritazione cutanea sottostante. Il farmaco antimalarico clorochina è noto per causare un forte prurito come effetto collaterale comune. La morfina è un altro farmaco noto per causare prurito. Il prurito cronico può derivare da sclerosi multipla, alcuni tipi di cancro e malattie del fegato. L’ingrediente che rende i peperoni piccanti, la capsaicina, può causare prurito e dolore.

Perché grattarsi un prurito fa sentire bene (ma non lo è)

Il sollievo più soddisfacente per un prurito è grattarlo. Quando ti gratti, i neuroni inviano segnali di dolore al tuo cervello, che annullano temporaneamente la sensazione di prurito. Il neurotrasmettitore di benessere serotonina viene rilasciato per fornire sollievo dal dolore. In sostanza, il tuo cervello ti premia per i graffi.

Tuttavia, uno studio condotto presso la Washington University School of Medicine di St.Louis indica che grattarsi alla fine intensifica il prurito perché la serotonina lega i recettori 5HT1A nel midollo spinale che attivano i neuroni GRPR che stimolano più prurito. Il blocco della serotonina non è una buona soluzione per le persone che soffrono di prurito cronico perché la molecola è anche responsabile della crescita, del metabolismo osseo e di altri processi chiave.

Come fermare il prurito

Quindi, grattare un prurito, sebbene piacevole, non è un buon modo per fermare il prurito. Ottenere sollievo dipende dalla causa del prurito. Se il problema è l’irritazione della pelle, può essere utile pulire l’area con un sapone delicato e applicare una lozione inodore. Se è presente un’infiammazione, possono essere utili un antistaminico (p. Es., Benadryl), calamina o idrocortisone. La maggior parte degli antidolorifici non diminuisce il prurito, ma gli antagonisti degli oppioidi offrono sollievo ad alcune persone. Un’altra opzione è esporre la pelle alla luce solare o alla terapia con luce ultravioletta (UV), applicare un impacco freddo o applicare alcuni colpi elettrici. Se il prurito persiste, è una buona idea consultare un medico per verificare la presenza di condizioni mediche sottostanti o prurito in risposta a un farmaco. Se non riesci assolutamente a resistere all’impulso di grattarti, prova a strofinare l’area invece di graffiarla. Se tutto il resto fallisce, uno studio tedesco indica che puoi ridurre il prurito guardandoti allo specchio e grattando la parte del corpo non pruriginosa corrispondente.

Il prurito è contagioso

Stai diventando pruriginoso leggendo questo articolo? Se è così, è una reazione del tutto normale. Il prurito, come lo sbadiglio, è contagioso. Anche i medici che trattano pazienti pruriginosi si trovano spesso a grattarsi. Scrivere sul prurito porta al prurito (credimi su questo). I ricercatori hanno scoperto che le persone che frequentano le lezioni sul prurito si grattano molto più spesso che se stessero imparando un argomento diverso. Potrebbe esserci un vantaggio evolutivo nel grattarsi quando vedi un’altra persona o un animale farlo. È probabilmente un buon indicatore che potresti voler controllare per insetti mordenti, parassiti o piante irritanti.

fonti

  • Andersen, HH; Elberling, J .; Arendt-Nielsen, L. (2015). “Modelli umani surrogati di prurito istaminergico e non istaminergico”. Acta Dermato-Venereologica. 95 (7): 771–7. doi: 10.2340 / 00015555-2146
  • Ikoma, A .; Steinhoff, M .; Ständer, S .; Yosipovitch, G .; Schmelz, M. (2006). “La neurobiologia del prurito”. Nat. Rev. Neurosci. 7 (7): 535–47. doi: 10.1038 / nrn1950