La scienza di Star Trek

Star Trek è una delle serie di fantascienza più popolari di tutti i tempi e amata da persone di tutto il mondo. Nei suoi programmi TV, film, romanzi, fumetti e podcast, i futuri abitanti della Terra vanno in missione fino ai confini della Via Lattea. Viaggiano attraverso lo spazio utilizzando tecnologie avanzate come i sistemi di propulsione a curvatura e la gravità artificiale. Lungo la strada, gli abitanti di Star Trek esplorano strani nuovi mondi. La scienza e la tecnologia in Star Trek sono stupefacenti e inducono molti fan a chiedersi: tali sistemi di propulsione e altri progressi tecnologici potrebbero esistere ora o in futuro? 

L’astronave Enterprise è diventata pubblica con il primo spettacolo di Star Trek negli anni ‘1960.
Getty Images /

In alcuni casi, la scienza è in realtà abbastanza solida e ora abbiamo la tecnologia (come i primi tricorder medici rudimentali e dispositivi di comunicazione) o qualcuno la svilupperà nel prossimo futuro. Altre tecnologie nell’universo di Star Trek sono talvolta in accordo con la nostra comprensione della fisica – come il motore a curvatura – ma sono altamente improbabili che possano mai esistere. Per quelli, potremmo dover aspettare che le nostre capacità tecnologiche raggiungano la teoria. Le idee di Still Trek sono più nel regno dell’immaginazione e non hanno alcuna possibilità di diventare una realtà.

Ciò che esiste oggi o lo sarà nel prossimo futuro

Azionamento a impulsi: L’azionamento a impulsi non è diverso dai nostri razzi chimici di oggi, solo più avanzato. Con i progressi in atto oggi, non è irragionevole pensare che un giorno avremo sistemi di propulsione simili alla trasmissione a impulsi sull’astronave Enterprise.

Dispositivi di occultamento: l’ironia qui, ovviamente, è che questa è una tecnologia che gli umani devono ancora comprendere nella prima serie di Star Trek (anche se l’Impero Klingon ce l’ha). Eppure questa è una delle tecnologie che è più vicina a diventare una realtà oggi. Ci sono dispositivi che nascondono piccoli oggetti grandi quanto persone, ma far sparire un’intera astronave è ancora abbastanza lontano.

Dispositivi di comunicazione: in Star Trek, nessuno va da nessuna parte senza uno. Tutti i membri della Flotta Stellare portavano con sé un dispositivo che permetteva loro di comunicare con gli altri membri dell’equipaggio. In realtà, molte persone non vanno da nessuna parte senza i loro smartphone e ci sono persino badge di comunicazione funzionanti.

Dispositivi simili a tricorder: in Star Trek, i sensori portatili vengono utilizzati “sul campo” per qualsiasi cosa, dalle diagnosi mediche al campionamento di rocce e atmosferiche. I veicoli spaziali odierni su Marte e oltre utilizzano tali sensori, anche se non ancora “portatili”. Negli ultimi anni, team di inventori hanno creato macchine funzionanti simili a tricorder medici che si stanno già facendo strada nel mercato. 

Il tricorder in stile Star Trek ideato dal medico potrebbe venire da noi come parte di app per smartphone, come mostrato in questo dispositivo simile a un cellulare che registra dati sanitari.
Getty Images

Possibile, ma altamente improbabile

Viaggio nel tempo: il viaggio nel tempo nel passato o nel futuro non è in stretta violazione delle leggi della fisica. Tuttavia, la quantità di energia necessaria per compiere un’impresa del genere ne rende fuori portata la praticità.

Wormhole: un wormhole è un costrutto teorico della relatività generale che, in determinate circostanze, può essere creato in luoghi come i buchi neri. Il problema principale è che passare attraverso (o addirittura avvicinarsi) a un wormhole creato da tali oggetti sarebbe potenzialmente mortale. L’alternativa è creare un wormhole in un luogo a tua scelta, ma ciò richiederebbe la presenza di materia esotica che non è nota per esistere in grandi quantità e richiederebbe così tanta energia che è improbabile che potremmo mai raggiungerlo. Quindi, sebbene i wormhole possano benissimo esistere, sembra altamente improbabile che saremmo mai in grado di attraversarne uno.

Uno sguardo fantascientifico a un’astronave che viaggia attraverso un wormhole verso un’altra galassia. Finora, gli scienziati non hanno trovato un modo per rendere possibile tale tecnologia.
NASA

Warp Drive: come i wormhole, il warp drive non viola alcuna legge della fisica. Tuttavia, anch’esso richiederebbe quantità così immense di energia e materia esotica che sembra improbabile che lo sviluppo di una tale tecnologia sarà mai possibile.

Scudi energetici e raggi del trattore: queste tecnologie sono i cardini della serie di Star Trek. Un giorno potremmo avere tecnologie che hanno un effetto simile a quelle usate nei film. Tuttavia, probabilmente funzioneranno in modo molto diverso.

Potenza materia-antimateria: l’astronave Enterprise utilizza notoriamente una camera di reazione materia-antimateria per creare l’energia utilizzata per alimentare la nave. Mentre il principio alla base di questa centrale elettrica è valido, il problema è creare abbastanza antimateria per renderlo pratico. Ad oggi, è estremamente improbabile che riusciremo mai a ottenere abbastanza antimateria per giustificare la realizzazione di un dispositivo del genere.

Probabilmente impossibile

  • Gravità artificiale: Naturalmente, oggi abbiamo effettivamente la tecnologia della gravità artificiale in uso. Per queste applicazioni, utilizziamo centrifughe rotanti per produrre un effetto simile alla gravità e tali dispositivi potrebbero farsi strada sui veicoli spaziali del futuro. Tuttavia, questo è abbastanza diverso da ciò che viene utilizzato in Star Trek. Lì, un campo antigravitazionale viene in qualche modo creato a bordo dell’astronave. Sebbene questo possa essere possibile un giorno, la nostra attuale comprensione della fisica è perplessa su come questo potrebbe effettivamente funzionare. Ciò è dovuto principalmente al fatto che in realtà non comprendiamo molto bene la gravità. Quindi è possibile che questa tecnologia possa salire nell’elenco man mano che la nostra comprensione scientifica cresce.
  • Trasporto istantaneo della materia: “Teletrasportami, Scotty!” È una delle battute più famose di tutta la fantascienza. E mentre consente alla trama dei film di Star Trek di andare avanti a un ritmo più rapido, la scienza dietro la tecnologia è nel migliore dei casi imprecisa. Sembra altamente improbabile che tale tecnologia esisterà mai.

Modificato e aggiornato da Carolyn Collins Petersen.