Nian – Il Festival di Primavera Cinese

Il Festival di Primavera è il più grande festival per i cinesi. Il Festival di Primavera è anche chiamato “Nian”, ma chissà il termine, Nian, una volta era il nome di un mostro furioso che viveva sugli esseri umani nell’antichità. Il modo in cui il festival ha una relazione con il mostro risiede in una storia sull’origine e lo sviluppo del Festival di Primavera.

La leggenda dice che, molto tempo fa, c’era un mostro chiamato Nian. Era nato per essere molto brutto e feroce, che somigliava a draghi o unicorni. Il primo e il 15 di ogni mese lunare, il mostro scendeva dalle montagne per cacciare le persone. Quindi le persone ne avevano molta paura e chiudevano le porte presto prima del tramonto nei giorni in cui veniva.

Viveva un vecchio saggio in un villaggio. Pensava che fosse il panico nelle persone a rendere il mostro così audace e furioso. Così il vecchio chiese alle persone di organizzarsi insieme e di sconfiggere il mostro percuotendo tamburi e gong, bruciando bambù e accendendo fuochi d’artificio allo scopo di fare grandi rumori per minacciare il mostro odioso. Quando ha parlato alla gente dell’idea, tutti erano d’accordo.

In una notte gelida e senza luna, il mostro, Nian, apparve di nuovo. Nel momento in cui apriva la bocca alla gente, esplodeva i rumori spaventosi e il fuoco prodotto dalle persone, e dovunque il mostro andasse, era costretto a fare marcia indietro dai rumori terribili. Il mostro non poteva smettere di correre finché non cadde esausto. Poi la gente balzò in piedi e uccise il mostro malvagio. Per quanto selvaggio fosse il mostro, alla fine perse sotto gli sforzi della collaborazione delle persone.

Da allora, le persone hanno mantenuto la tradizione suonando tamburi e gong e accendendo fuochi d’artificio nel giorno più freddo dell’inverno per scacciare i mostri immaginati e per celebrare la vittoria su di esso. Oggi, Nian si riferisce al capodanno o al festival di primavera. La gente dice spesso Guo Nian, che significa “vivi il festival”. Inoltre, Nian significa anche “l’anno”. Ad esempio, i cinesi spesso si salutano dicendo Xin Nian Hao, che significa “Felice Anno Nuovo!” Xin significa “nuovo” e Hao significa “buono”.