Prominenti afroamericani in Africa

La maggior parte delle persone conosce i milioni di africani catturati e trasportati nelle Americhe senza il loro consenso e ridotti in schiavitù. Molti meno pensano al flusso volontario dei discendenti di quelle persone ridotte in schiavitù attraverso l’Atlantico per visitare o vivere in Africa.

Questo traffico iniziò durante la tratta degli schiavi e si intensificò brevemente alla fine del 1700 durante l’insediamento della Sierra Leone e della Liberia. Nel corso degli anni, un certo numero di afroamericani si è trasferito o ha visitato vari paesi africani. Molti di questi viaggi avevano motivazioni politiche e sono visti come momenti storici.

Diamo uno sguardo a sette degli afroamericani più importanti che hanno visitato l’Africa negli ultimi sessant’anni.

01 di 06

WEB Dubois

“Du Bois, WEB, Boston 1907 summer.” di Unknown.
Dalle gallerie UMass. ). Concesso in licenza con dominio pubblico tramite Wikimedia Commons.

William Edward Burghardt “WEB” Du Bois (1868-1963) è stato un importante intellettuale, attivista e panafricano afroamericano emigrato in Ghana nel 1961.

Du Bois è stato uno dei principali intellettuali afroamericani del primo Novecento. È stato il primo afroamericano a ricevere un dottorato di ricerca. dell’Università di Harvard ed era professore di storia all’Università di Atlanta. È stato anche uno dei membri fondatori della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP).

Nel 1900, Du Bois partecipò al primo Congresso panafricano, che si tenne a Londra. Ha contribuito alla stesura di una delle dichiarazioni ufficiali del Congresso, “Discorso alle nazioni del mondo”. Questo documento invitava le nazioni europee a concedere un ruolo politico maggiore alle colonie africane.

Per i prossimi 60 anni, una delle tante cause di Du Bois sarebbe stata una maggiore indipendenza per gli africani. Alla fine, nel 1960, poté visitare un Ghana indipendente e viaggiare in Nigeria.

Un anno dopo, il Ghana ha invitato Du Bois a sovrintendere alla creazione dell ‘”Encyclopedia Africana”. Du Bois aveva già più di 90 anni e successivamente decise di rimanere in Ghana e rivendicare la cittadinanza ghanese. Morì lì pochi anni dopo, all’età di 95 anni.

02 di 06

Martin Luther King Jr. e Malcolm X

Martlin Luther King Jr. e Malcolm X.
Marion S. Trikosko, US News & World Report Magazine – Questa immagine è disponibile presso la divisione Prints and Photographs della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti con l’ID digitale cph.3d01847. Concesso in licenza con dominio pubblico tramite Wikimedia Commons

Martin Luther King Jr e Malcolm X sono stati i principali attivisti per i diritti civili afroamericani degli anni ‘1950 e ’60. Entrambi hanno scoperto di essere stati accolti calorosamente durante i loro viaggi in Africa.

Martin Luther King Jr. in Africa

Martin Luther King Jr. visitò il Ghana (allora noto come Gold Coast) nel marzo 1957 per le celebrazioni del Giorno dell’Indipendenza del Ghana. Era una celebrazione alla quale era stato invitato anche WEB Du Bois. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti ha rifiutato di rilasciare un passaporto a Du Bois a causa delle sue tendenze comuniste.

Mentre si trovava in Ghana, King, insieme a sua moglie Coretta Scott King, partecipò a numerose cerimonie come importanti dignitari. King ha anche incontrato Kwame Nkrumah, il primo ministro e in seguito presidente del Ghana. Come avrebbe fatto Du Bois tre anni dopo, i re visitarono la Nigeria prima di tornare negli Stati Uniti attraverso l’Europa.

Malcolm X in Africa

Malcolm X viaggiò in Egitto nel 1959. Girò anche in Medio Oriente e poi in Ghana. Mentre era lì ha agito come ambasciatore di Elijah Muhammad, il leader della Nation of Islam, un’organizzazione americana a cui apparteneva allora Malcolm X.

Nel 1964, Malcolm X fece un pellegrinaggio alla Mecca che lo portò ad abbracciare l’idea che fossero possibili relazioni razziali positive. In seguito, è tornato in Egitto e da lì si è recato in Nigeria. 

Dopo la Nigeria, è tornato in Ghana, dove è stato accolto con entusiasmo. Si è incontrato con Kwame Nkrumah e ha parlato a diversi eventi molto frequentati. Successivamente, si è recato in Liberia, Senegal e Marocco. 

Tornò negli Stati Uniti per un paio di mesi, quindi tornò in Africa, visitando numerosi paesi. Nella maggior parte di questi stati, Malcolm X ha incontrato i capi di stato e ha partecipato alla riunione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (ora Unione Africana). 

03 di 06

Maya Angelou in Africa

Maya Angelou rilascia un’intervista a casa sua, l’8 aprile 1978.
Jack Sotomayor / New York Times Co./Getty Images

La famosa poetessa e scrittrice Maya Angelou faceva parte della vivace comunità di ex patrioti afroamericani in Ghana negli anni ‘1960. Quando Malcolm X tornò in Ghana nel 1964, una delle persone con cui incontrò era Maya Angelou. 

Maya Angelou ha vissuto in Africa per quattro anni. Si è trasferita prima in Egitto nel 1961 e poi in Ghana. Tornò negli Stati Uniti nel 1965 per aiutare Malcolm X con la sua Organizzazione per l’unità afroamericana. Da allora è stata premiata in Ghana con un timbro postale emesso in suo onore.

04 di 06

Oprah Winfrey in Sud Africa

Oprah Winfrey Leadership Academy for Girls – Class of 2011 Inaugural Graduation.
Michelly Rall / Stringer, Getty Images

Oprah Winfrey è una popolare personalità dei media americani, diventata famosa per il suo lavoro filantropico. Una delle sue cause centrali è stata l’istruzione per i bambini svantaggiati. Durante la visita a Nelson Mandela, ha accettato di proporre 10 milioni di dollari per fondare una scuola femminile in Sud Africa.

Il budget della scuola superava i 40 milioni di dollari e fu rapidamente impantanato nelle polemiche, ma Winfrey e la scuola perseverarono. La scuola ha ora diplomato diversi anni di studenti, alcuni dei quali sono entrati in prestigiose università straniere.

05 di 06

I viaggi di Barack Obama in Africa

Il presidente Obama visita il Sudafrica come parte del suo tour africano.
Chip Somodevilla / Staff, Getty Images

Barack Obama, il cui padre è del Kenya, ha visitato numerose volte l’Africa come presidente degli Stati Uniti d’America.

Durante la sua presidenza, Obama ha fatto quattro visite in Africa, viaggiando in sei paesi africani. La sua prima visita in Africa è stata nel 2009, quando ha visitato il Ghana. Obama non è tornato nel continente fino al 2012, quando si è recato in Senegal, Tanzania e Sud Africa durante l’estate. Tornò in Sud Africa nello stesso anno per il funerale di Nelson Mandela. 

Nel 2015 ha finalmente effettuato una tanto attesa visita in Kenya. Durante quel viaggio, divenne anche il primo presidente degli Stati Uniti a visitare l’Etiopia. 

06 di 06

Michelle Obama in Africa

Pretoria, Sudafrica, 28 giugno 2013.
Chip Somodevilla / Getty Images

Michelle Obama, la prima donna afroamericana ad essere la First Lady degli Stati Uniti, ha effettuato diverse visite di stato in Africa durante il periodo del marito alla Casa Bianca. Questi includevano viaggi con e senza il Presidente.

Nel 2011, lei e le loro due figlie, Malia e Sasha, hanno viaggiato in Sud Africa e Botswana. Durante quel viaggio, Michelle Obama ha incontrato Nelson Mandela. Ha anche accompagnato Barack nei suoi viaggi del 2012 in Africa.