Retorica rinascimentale

L’espressione retorica rinascimentale si riferisce allo studio e alla pratica della retorica dal 1400 al 1650 circa. Gli studiosi concordano generalmente sul fatto che la riscoperta di numerosi importanti manoscritti della retorica classica (compreso il “De Oratore” di Cicerone) segnò l’inizio della retorica rinascimentale in Europa. James Murphy ha osservato nel suo libro del 1992, “L’attacco di Cicerone di Peter Ramus”, che “nel 1500, solo quattro decenni dopo l’avvento della stampa, l’intero corpus ciceroniano era già disponibile in stampa in tutta Europa”.

Definizione e origine

La retorica è collegata a ciò che Marcus Fabius Quintilian, un educatore e retore romano del I secolo, chiamava “facilitas”, la capacità di produrre un linguaggio appropriato ed efficace in ogni situazione. Merriam-Webster definisce il termine retorica, più semplicemente, come “l’arte di usare le parole”. Nel XIV secolo, quindi, la retorica non era certo nuova. La novità, come notò Murphy, era che la macchina da stampa a caratteri mobili inventata da Johannes Gutenberg era in funzione da decenni. Ciò ha permesso di diffondere ampiamente la pratica e la conoscenza della retorica tra gli studiosi, l’elite culturale e politica e persino le masse.

Heinrich F. Plett ha spiegato che l’ampia distribuzione dei principi della retorica classica ha preso veramente forma durante il XIV secolo e oltre nel suo libro “Retorica e cultura rinascimentale”.

Retorica, Rinascimento strettamente legato

Gli studiosi hanno notato che il Rinascimento e la retorica sono strettamente intrecciati. Peter Mack ha spiegato la connessione in “A History of Renaissance Rhetoric 1380-1620”.

Mack ha spiegato che dalla metà del 1400 all’inizio del 1600 “più di 800 edizioni di testi di retorica classica furono stampate in tutta Europa … (e) (t) furono scritte migliaia di nuovi libri di retorica, dalla Scozia e dalla Spagna alla Svezia e alla Polonia , principalmente in latino, ma anche in olandese, inglese, francese, tedesco, ebraico, italiano, spagnolo e gallese “.

Retorica e masse

In modo significativo, e forse a causa dell’emergere del tipo mobile, la retorica si è diffusa ben oltre l’élite culturale e politica alle masse.

Qui, vediamo che Plett ha spiegato che la retorica si è diffusa non solo geograficamente in tutta Europa ma anche demograficamente a vari gruppi sociali, consentendo a molte più persone di prendere parte all’istruzione e alla crescita sociale e culturale.

Donne e retorica rinascimentale

Le donne hanno anche guadagnato influenza e hanno avuto maggiore accesso all’istruzione a causa dell’emergere della retorica durante questo periodo.

Qui, James A. Herrick, in “The History and Theory of Rhetoric”, ha spiegato che alle donne, che erano state escluse dallo studio della retorica in periodi precedenti, è stata offerta una maggiore partecipazione e spostato “la pratica retorica in una direzione più colloquiale e dialogica . ”

Retorica inglese del XVI secolo

L’Inghilterra era un po ‘indietro rispetto agli altri paesi europei nella diffusione della retorica e, secondo George Kennedy in “Classical Rhetoric and Its Christian and Secular Tradition”, il primo libro completo in lingua inglese sulla retorica non fu pubblicato fino alla metà del 1500 quando tra il 1553 e il 1585 furono pubblicate otto edizioni dell ‘”Arte della retorica” ​​di Thomas Wilson.

Retorica in declino

Alla fine, la retorica ha subito un declino, come ha spiegato James Veazie Skalnik in “Ramus and Reform: University and Church at the End of the Renaissance”.

Ramus ha contribuito a sviluppare una pratica chiamata “metodo Ramist”, che “ha lavorato per abbreviare lo studio della logica e quello della retorica”, ha spiegato Skalnik. È anche chiamato ramismo, che la Merriam-Webster osserva era “basata sull’opposizione all’aristotelismo e sulla difesa di una nuova logica mescolata con la retorica”. Sebbene il ramismo adottasse alcuni dei principi della retorica, non era tradizionalmente la retorica classica e quindi è considerato la fine del periodo fiorente della retorica rinascimentale.