5 grandi aziende citate in giudizio per discriminazione razziale

Le cause per discriminazione razziale contro grandi nomi come Walmart Inc., Abercrombie & Fitch e General Electric hanno concentrato l’attenzione nazionale sugli oltraggi che i dipendenti di colore a volte subiscono sul lavoro. Tali azioni legali non solo sottolineano le forme comuni di discriminazione che questi lavoratori devono affrontare, ma servono anche come ammonimenti per le aziende che cercano di promuovere la diversità e sradicare il razzismo sul posto di lavoro.

Insulti e molestie razziali alla General Electric

Yellow Dog Productions / Getty Images

La General Electric è stata criticata nel 2010 quando 60 lavoratori neri hanno intentato una causa contro la società per discriminazione razziale. I lavoratori neri hanno detto che il supervisore di GE Lynn Dyer li ha definiti insulti razziali come la parola N, “scimmia” e “negri pigri”.

La causa ha anche affermato che Dyer ha negato le pause per il bagno e le cure mediche ai lavoratori neri e ha licenziato altri a causa della loro razza. Inoltre, la causa ha affermato che i superiori erano a conoscenza del comportamento inappropriato del supervisore, ma hanno ritardato le indagini sulla questione.

Nel 2005, GE ha affrontato una causa per aver discriminato i manager neri. La causa accusava la compagnia di pagare i manager neri meno dei manager bianchi, negando loro promozioni e usando termini offensivi per descrivere i neri. Si è stabilito nel 2006.

Storia delle cause legali contro la discriminazione nella California meridionale di Edison

Nel 2010, un gruppo di lavoratori neri ha citato in giudizio Edison della California meridionale per discriminazione. I lavoratori hanno accusato l’azienda di negare loro costantemente promozioni, di non pagarli in modo equo, di consentire ai pregiudizi di influenzare gli incarichi di lavoro e di non aver confermato due decreti di consenso derivanti da azioni legali per discriminazione contro la società presentate nel 1974 e nel 1994.

La causa ha anche sottolineato che il numero di dipendenti neri dell’azienda era diminuito del 40% da quando è stata presentata l’ultima causa per discriminazione. La causa del 1994 includeva un accordo per oltre 11 milioni di dollari e un mandato per la formazione sulla diversità.

Walmart contro i conducenti di camion neri

Circa 4,500 camionisti neri che hanno fatto domanda per lavorare per Walmart tra il 2001 e il 2008 hanno intentato una class action contro la società per discriminazione razziale. Hanno detto che Walmart li ha respinti in numero sproporzionato.

La società ha negato qualsiasi illecito, ma ha accettato di accontentarsi di $ 17.5 milioni. Dagli anni ‘1990, Walmart è stata oggetto di diverse dozzine di cause per discriminazione. Nel 2010, ad esempio, un gruppo di dipendenti immigrati dell’Africa occidentale della società ha citato in giudizio l’azienda dopo essere stato licenziato da supervisori che, secondo loro, cercavano di dare il proprio lavoro alla gente del posto.

Lavoratori ad Avon, Colorado, Walmart ha detto che un nuovo manager ha detto loro: “Non mi piacciono alcune delle facce che vedo qui. Ci sono persone nella contea di Eagle che hanno bisogno di lavoro “.

Il classico look americano di Abercrombie

Il rivenditore di abbigliamento Abercrombie & Fitch ha fatto notizia nel 2003 dopo essere stato citato in giudizio per aver discriminato i neri, gli asiatici e i latini. In particolare, i latini e gli asiatici hanno accusato la società di indirizzarli a posti di lavoro nel magazzino piuttosto che nel reparto vendite perché Abercrombie & Fitch voleva essere rappresentata da lavoratori che sembravano “classicamente americani”.

I dipendenti di colore si sono anche lamentati di essere stati licenziati e sostituiti da lavoratori bianchi. A&F finì per risolvere la causa per 50 milioni di dollari.

“Il settore della vendita al dettaglio e altri settori devono sapere che le aziende non possono discriminare gli individui sotto l’egida di una strategia di marketing o di un particolare” look “. La discriminazione razziale e sessuale sul lavoro è illegale “, ha dichiarato l’avvocato della Commissione per le pari opportunità di lavoro Eric Drieband sulla risoluzione della causa.

Black Diners Sue Denny’s

Nel 1994, i ristoranti di Denny hanno risolto una causa da 54.4 milioni di dollari per presunta discriminazione nei confronti dei commensali neri nei suoi allora 1,400 punti di ristoro negli Stati Uniti. I clienti neri hanno affermato di essere stati scelti da Denny’s e di essere stati invitati a pagare in anticipo i pasti o a pagare una copertura prima di cenare.

Quindi, un gruppo di agenti dei servizi segreti americani neri ha detto di aver aspettato più di un’ora per essere servito mentre guardavano i clienti bianchi che venivano serviti più volte. Inoltre, un ex direttore di ristorante ha detto che i supervisori gli hanno detto di chiudere il suo ristorante se avesse attirato troppi commensali neri.

Un decennio dopo, la catena di ristoranti Cracker Barrel ha affrontato una causa per discriminazione per presunta ritardata attesa dei clienti neri, seguendoli e segregando i clienti in modo razziale in diverse sezioni dei ristoranti.