7 eventi a livello di estinzione che potrebbero porre fine alla vita come la conosciamo

Se hai guardato i film “2012” o “Armageddon” o hai letto “On the Beach”, conosci alcune delle minacce che potrebbero porre fine alla vita così come la conosciamo. Il Sole potrebbe fare qualcosa di brutto. Una meteora potrebbe colpire. Potremmo distruggerci con armi nucleari. Questi sono solo alcuni noti eventi di estinzione. Ci sono tanti altri modi per morire!

Ma prima, cos’è esattamente un evento di estinzione? Un evento di livello di estinzione o ELE è una catastrofe che porta all’estinzione della maggior parte delle specie sul pianeta. Non è la normale estinzione delle specie che si verifica ogni giorno. Non è necessariamente la sterilizzazione di tutti gli organismi viventi. Possiamo identificare i principali eventi di estinzione esaminando la deposizione e la composizione chimica delle rocce, la documentazione fossile e le prove dei principali eventi sulle lune e su altri pianeti.

Esistono dozzine di fenomeni in grado di provocare estinzioni diffuse, ma possono essere raggruppati in poche categorie:

01 di 09

Il sole ci ucciderà

Se una forte eruzione solare colpisce la Terra, i risultati potrebbero essere devastanti.
VICTOR HABBICK VISIONS, Getty Images

La vita come la conosciamo non esisterebbe senza il Sole, ma siamo onesti. Il Sole ce l’ha con il pianeta Terra. Anche se nessuna delle altre catastrofi in questa lista dovesse mai accadere, il Sole ci finirà. Stelle come il Sole bruciano più luminose nel tempo quando fondono l’idrogeno in elio. Tra un altro miliardo di anni, sarà circa il 10% più luminoso. Anche se questo potrebbe non sembrare significativo, farà evaporare più acqua. L’acqua è un gas a effetto serra, quindi intrappola il calore nell’atmosfera, portando a una maggiore evaporazione. La luce solare romperà l’acqua in idrogeno e ossigeno, quindi può disperdersi nello spazio. Se una vita sopravvive, incontrerà un destino infuocato quando il Sole entrerà nella sua fase di gigante rossa, espandendosi nell’orbita di Marte. È improbabile che nessuna vita sopravviva all’interno del Sole.

Ma il Sole può ucciderci ogni giorno che vuole tramite un’espulsione di massa coronale (CME). Come puoi intuire dal nome, questo è il momento in cui la nostra stella preferita espelle le particelle cariche verso l’esterno dalla sua corona. Poiché un CME può inviare la materia in qualsiasi direzione, di solito non spara direttamente verso la Terra. A volte solo una minuscola frazione di particelle ci raggiunge, regalandoci un’aurora o una tempesta solare. Tuttavia, è possibile per un CME grigliare il pianeta.

Il Sole ha amici (e anche loro odiano la Terra). Una supernova, nova o lampo gamma nelle vicinanze (entro 6000 anni luce) potrebbe irradiare organismi e distruggere lo strato di ozono, lasciando la vita in balia della radiazione ultravioletta del Sole. Gli scienziati pensano che un’esplosione gamma o una supernova potrebbero aver portato all’estinzione di End-Ordoviciano.

02 di 09

Le inversioni geomagnetiche possono ucciderci

Gli scienziati ritengono che le inversioni dei poli magnetici siano state coinvolte in alcune estinzioni di massa passate.
siiixth, Getty Images

La Terra è un gigantesco magnete che ha un rapporto di amore-odio con la vita. Il campo magnetico ci protegge dal peggio che il Sole ci lancia. Ogni tanto, le posizioni dei poli magnetici nord e sud si ribaltano. La frequenza con cui si verificano le inversioni e il tempo impiegato dal campo magnetico per stabilizzarsi è altamente variabile. Gli scienziati non sono completamente sicuri di cosa accadrà quando i poli si ribaltano. Forse niente. O forse il campo magnetico indebolito esporrà la Terra al vento solare, permettendo al Sole di rubare molto del nostro ossigeno. Sai, quel gas che gli umani respirano. Gli scienziati dicono che le inversioni del campo magnetico non sono sempre eventi a livello di estinzione. Solo a volte.

03 di 09

The Big Bad Meteor

Un grande impatto meteorico potrebbe essere un evento di livello di estinzione.
Immagini di Marc Ward / Stocktrek, Getty Images

Potresti essere sorpreso di apprendere che l’impatto di un asteroide o di una meteora è stato collegato con certezza solo a un’estinzione di massa, l’evento di estinzione del Cretaceo-Paleogene. Altri impatti hanno contribuito alle estinzioni, ma non la causa principale.

La buona notizia è che la NASA afferma che circa il 95% delle comete e degli asteroidi più grandi di 1 chilometro di diametro sono stati identificati. L’altra buona notizia è che gli scienziati stimano che un oggetto debba essere largo circa 100 chilometri (60 miglia) per spazzare via tutta la vita. La cattiva notizia è che c’è un altro 5 percento là fuori e non possiamo fare molto per una minaccia significativa con la nostra attuale tecnologia (no, Bruce Willis non può far esplodere una bomba nucleare e salvarci).

Ovviamente, gli esseri viventi a Ground Zero per un attacco di meteoriti moriranno. Molti altri moriranno a causa di onde d’urto, terremoti, tsunami e tempeste di fuoco. Coloro che sopravvivono all’impatto iniziale avrebbero difficoltà a trovare cibo, poiché i detriti gettati nell’atmosfera cambierebbero il clima, portando a estinzioni di massa. Probabilmente stai meglio a Ground Zero per questo.

04 di 09

Mare

Uno tsunami è pericoloso, ma il mare ha trucchi più letali.
Bill Romerhaus, Getty Images

Una giornata in spiaggia potrebbe sembrare idilliaca, finché non ti rendi conto che la parte blu del marmo che chiamiamo Terra è più letale di tutti gli squali nelle sue profondità. L’oceano ha vari modi per causare ELE.

I clatrati di metano (molecole di acqua e metano) a volte si rompono dalle piattaforme continentali, producendo un’eruzione di metano chiamata pistola di clatrato. La “pistola” spara immense quantità di gas metano a effetto serra nell’atmosfera. Tali eventi sono legati all’estinzione della fine del Permiano e al Massimo Termale Paleocene-Eocenico.

Anche l’innalzamento o l’abbassamento prolungato del livello del mare porta all’estinzione. L’abbassamento del livello del mare è più insidioso, poiché l’esposizione della piattaforma continentale uccide innumerevoli specie marine. Questo, a sua volta, sconvolge l’ecosistema terrestre, portando a un ELE.

Anche gli squilibri chimici nel mare causano eventi di estinzione. Quando gli strati intermedi o superiori dell’oceano diventano anossici, si verifica una reazione a catena della morte. Le estinzioni Ordoviciano-Siluriano, tardo Devoniano, Permiano-Triassico e Triassico-Giurassico includevano tutte eventi anossici.

A volte i livelli di oligoelementi essenziali (p. Es., Selenio) diminuiscono, portando a estinzioni di massa. A volte i batteri che riducono i solfati negli sfiati termici sfuggono al controllo, rilasciando un eccesso di idrogeno solforato che indebolisce lo strato di ozono, esponendo la vita ai raggi UV letali. Anche l’oceano subisce un capovolgimento periodico in cui l’acqua superficiale ad alta salinità affonda in profondità. L’acqua profonda anossica sale, uccidendo gli organismi di superficie. Le estinzioni del tardo Devoniano e del Permiano-Triassico sono associate al ribaltamento oceanico.

La spiaggia non sembra così bella adesso, vero?

05 di 09

E il “vincitore” sono … i vulcani

Storicamente, la maggior parte degli eventi a livello di estinzione sono stati causati dai vulcani.
Mike Lyvers, Getty Images

Sebbene l’abbassamento del livello del mare sia stato associato a 12 eventi di estinzione, solo sette hanno comportato una significativa perdita di specie. D’altra parte, i vulcani hanno portato a 11 ELE, tutti significativi. Le estinzioni della fine del Permiano, della fine del Triassico e della fine del Cretaceo sono associate a eruzioni vulcaniche chiamate eventi di alluvione basaltica. I vulcani uccidono rilasciando polvere, ossidi di zolfo e anidride carbonica che collassano le catene alimentari inibendo la fotosintesi, avvelenano la terra e il mare con piogge acide e producono il riscaldamento globale. La prossima volta che andrai in vacanza a Yellowstone, fermati un momento e rifletti sulle implicazioni dell’eruzione del vulcano. Almeno i vulcani delle Hawaii non sono assassini di pianeti.

06 di 09

Riscaldamento e raffreddamento globali

Il riscaldamento globale incontrollato potrebbe rendere la Terra più simile a Venere.
Detlev van Ravenswaay, Getty Images

Alla fine, la causa ultima delle estinzioni di massa è il riscaldamento globale o il raffreddamento globale, solitamente causati da uno degli altri eventi. Si ritiene che il raffreddamento e la glaciazione globali abbiano contribuito alle estinzioni di End-Ordoviciano, Permiano-Triassico e Tardo Devoniano. Mentre il calo di temperatura ha ucciso alcune specie, il calo del livello del mare quando l’acqua si è trasformata in ghiaccio ha avuto un effetto molto maggiore.

Il riscaldamento globale è un killer molto più efficiente. Ma non è richiesto il riscaldamento estremo di una tempesta solare o di una gigante rossa. Il riscaldamento prolungato è associato al massimo termico del Paleocene-Eocene, all’estinzione del Triassico-Giurassico e all’estinzione del Permiano-Triassico. Per lo più il problema sembra essere il modo in cui temperature più elevate rilasciano acqua, aggiungendo l’effetto serra all’equazione e causando eventi anossici nell’oceano. Sulla Terra, questi eventi si sono sempre bilanciati nel tempo, eppure alcuni scienziati ritengono che ci sia il potenziale per la Terra di seguire la via di Venere. In un simile scenario, il riscaldamento globale sterilizzerebbe l’intero pianeta.

07 di 09

Il nostro peggior nemico

La guerra nucleare globale irradierebbe il pianeta e probabilmente condurrebbe all’estate nucleare o all’inverno nucleare.
curraheeshutter, Getty Images

L’umanità ha molte opzioni a sua disposizione, se dovessimo decidere che ci vuole troppo tempo perché la meteora colpisca o il vulcano esploda. Siamo in grado di provocare un ELE tramite una guerra nucleare globale, il cambiamento climatico causato dalle nostre attività o uccidendo un numero sufficiente di altre specie da causare un collasso dell’ecosistema.

La cosa insidiosa degli eventi di estinzione è che tendono ad essere graduali, portando spesso a un effetto domino in cui un evento sottolinea una o più specie, portando a un altro evento che ne distrugge molte di più. Pertanto, qualsiasi cascata di morte coinvolge tipicamente più assassini in questo elenco.

08 di 09

Punti chiave

  •  Gli eventi a livello di estinzione o ELE sono calamità che provocano l’annientamento della maggior parte delle specie sul pianeta.
  • Gli scienziati possono prevedere alcuni ELE, ma la maggior parte non è né prevedibile né prevenibile.
  • Anche se alcuni organismi sopravvivessero a tutti gli altri eventi di estinzione, alla fine il Sole sradicherà la vita sulla Terra.

09 di 09

Referenze

  • Kaplan, Sarah (22 giugno 2015). “La Terra è sull’orlo di una sesta estinzione di massa, dicono gli scienziati, ed è colpa degli umani”. Il Washington Post. URL consultato il 14 febbraio 2018.
  • Lungo, J .; Grande, RR; Lee, MSY; Benton, MJ; Danyushevsky, LV; Chiappe, LM; Halpin, JA; Cantrill, D. & Lottermoser, B. (2015). “Grave deplezione del selenio negli oceani fanerozoici come fattore in tre eventi globali di estinzione di massa”. Gondwana Research. 36: 209. 
  • Plotnick, Roy E. (1 gennaio 1980). “Relazione tra estinzioni biologiche e inversioni geomagnetiche”. Geologia. 8(12): 578.
  • Raup, David M. (28 marzo 1985). “Inversioni magnetiche ed estinzioni di massa”. Natura. 314 (6009): 341-343. 
  • Wei, Yong; Pu, Zuyin; Zong, Qiugang; Wan, Weixing; Ren, Zhipeng; Fraenz, Markus; Dubinin, Eduard; Tian, ​​Feng; Shi, Quanqi; Fu, Suiyan; Hong, Minghua (1 maggio 2014) “Fuga di ossigeno dalla Terra durante le inversioni geomagnetiche: implicazioni per l’estinzione di massa”. Earth and Planetary Science Letters. 394: 94–98.