Che ora è? Una semplice spiegazione

Il tempo è familiare a tutti, ma è difficile da definire e da capire. La scienza, la filosofia, la religione e le arti hanno definizioni diverse del tempo, ma il sistema di misurazione è relativamente coerente.

Gli orologi si basano su secondi, minuti e ore. Sebbene le basi di queste unità siano cambiate nel corso della storia, le loro radici risalgono all’antica Sumeria. La moderna unità di tempo internazionale, la seconda, è definita dalla transizione elettronica dell’atomo di cesio. Ma cos’è esattamente il tempo?

Definizione scientifica

Artur Debat / Getty Images

I fisici definiscono il tempo come la progressione degli eventi dal passato al presente nel futuro. Fondamentalmente, se un sistema è immutabile, è senza tempo. Il tempo può essere considerato la quarta dimensione della realtà, usata per descrivere eventi nello spazio tridimensionale. Non è qualcosa che possiamo vedere, toccare o gustare, ma possiamo misurarne il passaggio.

La freccia del tempo

Bogdan Vija / EyeEm / Getty Images

Le equazioni fisiche funzionano ugualmente bene sia che il tempo si sposti in avanti nel futuro (tempo positivo) o indietro nel passato (tempo negativo). Tuttavia, il tempo nel mondo naturale ha una direzione, chiamata freccia del tempo. La questione del perché il tempo sia irreversibile è una delle più grandi questioni irrisolte nella scienza.

Una spiegazione è che il mondo naturale segue le leggi della termodinamica. La seconda legge della termodinamica afferma che all’interno di un sistema chiuso, l’entropia del sistema rimane costante o aumenta. Se l’universo è considerato un sistema chiuso, la sua entropia (grado di disordine) non potrà mai diminuire. In altre parole, l’universo non può tornare esattamente allo stesso stato in cui si trovava in un punto precedente. Il tempo non può andare indietro.

Dilatazione del tempo

zhuyufang / Getty Images 

Nella meccanica classica, il tempo è lo stesso ovunque. Gli orologi sincronizzati rimangono concordi. Eppure sappiamo dalla relatività speciale e generale di Einstein che il tempo è relativo. Dipende dal quadro di riferimento di un osservatore. Ciò può provocare una dilatazione del tempo, in cui il tempo tra gli eventi diventa più lungo (dilatato) quanto più ci si avvicina alla velocità della luce. Gli orologi in movimento funzionano più lentamente degli orologi fissi, con l’effetto che diventa più pronunciato man mano che l’orologio in movimento si avvicina alla velocità della luce. Gli orologi a getto o in orbita registrano il tempo più lentamente di quelli sulla Terra, le particelle di muoni decadono più lentamente quando cadono e l’esperimento di Michelson-Morley ha confermato la contrazione della lunghezza e la dilatazione del tempo.

Time Travel

MARK GARLICK / BIBLIOTECA DI FOTO DI SCIENZA / Getty Images

Viaggiare nel tempo significa spostarsi avanti o indietro in diversi punti nel tempo, proprio come potresti muoverti tra diversi punti nello spazio. Saltare avanti nel tempo avviene in natura. Gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale saltano avanti nel tempo quando tornano sulla Terra a causa del suo movimento più lento rispetto alla stazione.

L’idea di viaggiare indietro nel tempo, tuttavia, pone dei problemi. Un problema è la causalità o causa ed effetto. Tornare indietro nel tempo potrebbe causare un paradosso temporale. Il “paradosso del nonno” è un classico esempio. Secondo il paradosso, se viaggi indietro nel tempo e uccidi tuo nonno prima che tua madre o tuo padre nascessero, potresti impedire la tua stessa nascita. Molti fisici credono che il viaggio nel tempo nel passato sia impossibile, ma ci sono soluzioni a un paradosso temporale, come viaggiare tra universi paralleli o punti di diramazione.

Percezione del tempo

Catherine Falls Commercial / Getty Images

Il cervello umano è attrezzato per tenere traccia del tempo. I nuclei soprachiasmatici del cervello sono la regione responsabile dei ritmi quotidiani o circadiani. Ma i neurotrasmettitori e i farmaci influenzano la percezione del tempo. Le sostanze chimiche che eccitano i neuroni in modo che si attivino più rapidamente del normale accelerano il tempo, mentre la minore attivazione dei neuroni rallenta la percezione del tempo. Fondamentalmente, quando il tempo sembra accelerare, il cervello distingue più eventi in un intervallo. Da questo punto di vista, il tempo sembra davvero volare quando ci si diverte.

Il tempo sembra rallentare durante le emergenze o il pericolo. Gli scienziati del Baylor College of Medicine di Houston affermano che il cervello in realtà non accelera, ma l’amigdala diventa più attiva. L’amigdala è la regione del cervello che crea i ricordi. Man mano che si formano più ricordi, il tempo sembra allungarsi.

Lo stesso fenomeno spiega perché le persone anziane sembrano percepire il tempo come muoversi più velocemente di quando erano più giovani. Gli psicologi ritengono che il cervello formi più ricordi di nuove esperienze rispetto a quelli familiari. Poiché più tardi nella vita si costruiscono meno nuovi ricordi, il tempo sembra passare più velocemente.

L’inizio e la fine del tempo

Fotografia di Billy Currie / Getty Images

Per quanto riguarda l’universo, il tempo ha avuto un inizio. Il punto di partenza era 13.799 miliardi di anni fa, quando si verificò il Big Bang. Possiamo misurare la radiazione di fondo cosmica come microonde del Big Bang, ma non c’è nessuna radiazione con origini precedenti. Un argomento per l’origine del tempo è che se si estendesse all’indietro all’infinito, il cielo notturno sarebbe pieno di luce proveniente dalle stelle più vecchie.

Il tempo finirà? La risposta a questa domanda è sconosciuta. Se l’universo si espandesse per sempre, il tempo continuerebbe. Se si verifica un nuovo Big Bang, la nostra linea temporale finirebbe e ne inizierebbe una nuova. Negli esperimenti di fisica delle particelle, le particelle casuali derivano da un vuoto, quindi non sembra probabile che l’universo diventi statico o senza tempo. Solo il tempo lo dirà.

Punti chiave

  • Il tempo è la progressione degli eventi dal passato al futuro.
  • Il tempo scorre solo in una direzione. È possibile andare avanti nel tempo, ma non indietro.
  • Gli scienziati ritengono che la formazione della memoria sia la base della percezione umana del tempo.

fonti

  • Carter, Rita. Il libro del cervello umano. Dorling Kindersley Publishing, 2009, Londra.
  • Richards, EG Mapping Time: The Calendar and its History. Oxford University Press, 1998, Oxford.
  • Schwartz, Herman M. Introduction to Special Relativity, McGraw-Hill Book Company, XNUMX, New York.