Cosa succede a Transform Boundaries?

I confini della trasformazione sono aree in cui le placche terrestri si muovono l’una accanto all’altra, sfregando lungo i bordi. Tuttavia, sono molto più complessi di così.

Esistono tre tipi di confini o zone di placca, ognuno dei quali presenta un diverso tipo di interazione di placca. I confini della trasformazione sono un esempio. Gli altri sono confini convergenti (dove le placche si scontrano) e confini divergenti (dove le placche si dividono).

Ciascuno di questi tre tipi di confine di placca ha il suo particolare tipo di faglia (o crepa) lungo la quale si verifica il movimento. Le trasformazioni sono errori di strike-slip. Non c’è movimento verticale, solo orizzontale.

I confini convergenti sono faglie di spinta o inverse, mentre i confini divergenti sono faglie normali.

Quando le piastre scivolano l’una sull’altra, non creano terra né la distruggono. Per questo motivo, a volte vengono definiti confini o margini conservativi. Il loro movimento relativo può essere descritto come destrale (a destra) o sinistrale (a sinistra).

I confini di trasformazione furono concepiti per la prima volta dal geofisico canadese John Tuzo Wilson nel 1965. Inizialmente scettico nei confronti della tettonica a placche, Tuzo Wilson fu anche il primo a proporre la teoria dei vulcani hotspot.

Diffusione del fondo marino

La maggior parte dei confini delle trasformazioni è costituita da brevi faglie sul fondo del mare che si verificano vicino alle dorsali oceaniche. Quando le lastre si dividono, lo fanno a velocità diverse, creando spazio, ovunque da poche a diverse centinaia di miglia, tra i margini di espansione. Poiché i piatti in questo spazio continuano a divergere, lo fanno in direzioni opposte. Questo movimento laterale forma i confini della trasformazione attiva.

Tra i segmenti di diffusione, i lati del confine di trasformazione si sfregano insieme; ma non appena il fondo marino si allarga oltre la sovrapposizione, le due parti smettono di sfregare e viaggiano di pari passo. Il risultato è una spaccatura nella crosta, chiamata zona di frattura, che si estende sul fondo del mare ben oltre la piccola trasformazione che l’ha creata.

I confini di trasformazione si connettono a confini divergenti (e talvolta convergenti) perpendicolari su entrambe le estremità, dando l’aspetto generale di zig-zag o scale. Questa configurazione compensa l’energia dell’intero processo.

Confini della trasformazione continentale

Le trasformazioni continentali sono più complesse delle loro controparti oceaniche corte. Le forze che li influenzano includono un grado di compressione o estensione attraverso di loro, creando dinamiche note come traspressione e transtensione. Queste forze extra sono il motivo per cui la California costiera, fondamentalmente un regime tettonico di trasformazione, ha anche molti rilievi montuosi e valli discese.

La faglia di San Andreas in California è un ottimo esempio di confine di trasformazione continentale; altre sono la faglia dell’Anatolia settentrionale della Turchia settentrionale, la faglia alpina che attraversa la Nuova Zelanda, la faglia del Mar Morto in Medio Oriente, la faglia delle isole Queen Charlotte al largo del Canada occidentale e il sistema di faglie Magellanes-Fagnano del Sud America.

A causa dello spessore della litosfera continentale e della sua varietà di rocce, i confini di trasformazione sui continenti non sono semplici crepe ma ampie zone di deformazione. La stessa faglia di San Andreas è solo un filo in una matassa di 100 chilometri di faglie che compongono la zona di faglia di San Andreas. Anche la pericolosa faglia di Hayward occupa una parte del movimento di trasformazione totale e anche la cintura di Walker Lane, nell’entroterra oltre la Sierra Nevada, ne occupa una piccola quantità.

Trasforma i terremoti

Sebbene non creino né distruggano la terra, trasformano i confini e le faglie a scorrimento possono creare terremoti profondi e superficiali. Questi sono comuni alle dorsali medio-oceaniche, ma normalmente non producono tsunami mortali perché non c’è spostamento verticale del fondo marino.

Quando questi terremoti si verificano sulla terraferma, d’altra parte, possono causare grandi quantità di danni. Notevoli terremoti a scorrimento veloce includono i terremoti di San Francisco del 1906, Haiti del 2010 e Sumatra del 2012. Il terremoto di Sumatra del 2012 è stato particolarmente potente; la sua magnitudine 8.6 è stata la più grande mai registrata per una faglia di strike-slip.