Essere: i verbi ausiliari italiani essere e intransitivi

Essere è il verbo che afferma la vita la cui coniugazione è un punto fermo nella grammatica italiana. La parola più usata nella lingua, significa essere ed esistere, e quando è accompagnata dalla preposizione di, significa essere da qualche parte. I suoi usi sono molto simili a quelli in inglese: io sono italiano; quello è un gatto; il cielo era azzurro. È mezzogiorno. Siamo dentro.

Per parafrasare il venerato dizionario Treccani, essere è l’unico tra i verbi a non determinare il soggetto; piuttosto, introduce o postula e collega a qualunque sia il predicato del soggetto, sia esso un aggettivo o un altro descrittore, o un participio passato.

E questo ci porta all’altro ruolo essenziale di essere: quello di essere, con avere, uno dei due verbi ausiliari il cui scopo è aiutare altri verbi a coniugarsi in tempi composti, semplicemente introducendo il loro predicato verbale, o participio passato, che poi determina il azione.

‘Essere’ come verbo ausiliario

Compound tenses, or tempi composti, are tenses made of two elements: the auxiliary and the past participle. In the indicativo, or indicative mode, the compound tenses are the passato prossimo, the trapassato prossimo, the trapassato remoto, the futuro anteriore; in the congiuntivo, they are the congiuntivo passato and congiuntivo trapassato; the condizionale passato; and the past tenses of the infinito, the participio passato, and the gerundio.

Questi sono i tempi. Ma quali tipi di verbi sono aiutati da essere, questo verbo maestoso, contro l’altro verbo maestoso, avere?

Ricorda le tue regole di base per scegliere il verbo ausiliare giusto. I verbi che usano essere come ausiliari sono verbi intransitivi: verbi che non hanno un oggetto diretto e che sono seguiti da una preposizione. Verbi la cui azione riguarda solo il soggetto; in cui soggetto e oggetto sono la stessa cosa; o in cui il soggetto è anche in qualche modo soggetto o influenzato dall’azione.

Questi sono verbi e costruzioni che usano essere:

Verbi riflessivi e reciproci

In generale, essere è ausiliario dei verbi o dei verbi riflessivi e reciproci se usato in modalità riflessiva o reciproca – quando l’azione ritorna sul soggetto da solo o tra due sole persone (l’una con l’altra). In quelle modalità i verbi sono intransitivi.

Tra i verbi riflessivi ci sono divertirsi, arrabbiarsi, annoiarsi, accorgersi, lavarsi, alzarsi, svegliarsi svegliarsi), vestirsi (vestirsi), mettersi (indossare).

Modalità riflessiva

Alcuni di questi possono essere usati solo in modalità riflessiva (accorgersi, ad esempio: in italiano non noti qualcuno; te ne accorgi tu stesso). Ma ci sono molti verbi che possono passare da e verso la modalità riflessiva ed essere transitivi, accompagnati da avere. Ad esempio puoi annoiare te stesso (annoiarti / provare noia, intransitivo) ma puoi anche annoiare o annoiare qualcun altro (transitivo).

  • Mi sono annoiata al teatro. I got bored at the theater.
  • Ti ho annoiato con i miei racconti. I bored you with my stories.

Prendi il verbo vestire / vestirsi (vestire, vestirsi). Notare gli ausiliari e come cambiano con i diversi usi:

  • Ho vestito la bambina. I dressed the child (transitive).
  • Mi sono vestita. Mi sono vestito (riflessivo).
  • Le bambine si sono vestite a vicenda. The little girls dressed each other (reciprocal).
  • La signora era vestita a lutto. La signora era vestita a lutto (intransitiva, non riflessiva).

Verbi di movimento

Essere è anche ausiliario di verbi di movimento come andare (to go), arrivare (to arrivare), venire (to come), entrare (to enter), uscire (to go out), cadere (to fall), scendere (to scendere o scendere), salire (salire o salire) e correre (correre). Con i verbi di movimento l’azione si muove, diciamo, con il soggetto e finisce lì, senza un oggetto.

Ci sono delle eccezioni, però. Salire e scendere possono essere utilizzate transitivamente, anche con avere: Ho salito le scale (ho salito i gradini). Anche il correre può essere transitivo: Ho corso una maratona (ho corso una maratona), ma, Sono corsa a casa (sono corso a casa). Correre la maratona pone l’oggetto completamente al di fuori del soggetto; correndo a casa, beh, non c’è oggetto, o meglio, anche il soggetto è “sottoposto” all’azione.

Stato dell’Essere

Essere è ausiliario dei verbi che esprimono lo stato dell’essere: vivere (vivere), stare (restare), nascere (nascere), diventare (diventare), durare (durare), crescere (crescere).

In quei verbi l’azione interessa solo il soggetto e infatti si ferma all’interno del soggetto, solo intransitivo. Nel caso di vivere, invece, il verbo può essere usato transitivamente – per esempio vivere una buona vita – con quello che è considerato un oggetto interno. Quindi usi vivere con avere se usato transitivamente, o con essere se usato intransitivamente.

  • Sono vissuta a Milano tutta la vita. I lived in Milan all my life.
  • Ho vissuto una bella vita a Milano. I lived a good life in Milan.

O Or

Ci sono altri verbi a cavallo tra le categorie di verbo di movimento e stato d’essere che possono anche prendere avere o essere a seconda dell’uso: invecchiare (to age), fuggire (to escape), cambiare (to change), cominciare (to start ), guarire (per guarire) e continuare (per continuare).

Verbi pronominali

I cosiddetti verbi pronominali, o verbi pronominali, che incorporano in essi una o più piccole particelle pronominali, sono per lo più intransitivi e usano essere come ausiliari (sempre quando hanno la particella si in essi, che conferisce loro una componente riflessiva). Ad esempio, occuparsene (gestire qualcosa) e trovarcisi (trovarsi da qualche parte).

  • Me ne sono occupata io. I took care of it.
  • Mi ci sono trovata io proprio dopo l’incidente. I found myself there right after the accident.

Verbi in uso impersonale

I verbi in forma impersonale – o verbi impersonali, che usano il si impersonale, che significa uno, tutti, noi, tutti, per azioni senza un soggetto specifico – vogliono essere come ausiliari nei tempi composti, anche quando al di fuori dell’uso impersonale sono transitivi e usa avere.

  • Non si è visto per niente Franco. Franco has not been seen around at all.
  • Non se ne è più parlato in paese di quell’evento. In town no one has talked about that event anymore.
  • Fu detto che la donna uccise il marito ma non si è mai saputo di sicuro. It was said that the woman killed her husband, but it has never been known for sure.

Voce passiva

In una costruzione passiva, o voce passiva, il soggetto e l’oggetto sono invertiti: in altre parole, l’oggetto riceve l’azione piuttosto che il soggetto che la esegue, indipendentemente dal fatto che il verbo sia transitivo o intransitivo nella voce attiva (normalmente). Poiché l’oggetto è “soggetto” all’azione, nei tempi composti il ​​verbo essere funge da ausiliare:

  • La torta era appena stata tagliata quando arrivai. The cake had just been cut when I arrived.
  • La cena fu servita da camerieri in divise nere. La cena era servita da camerieri in divisa nera.
  • I vestiti mi sono stati portati stirati e piegati. The clothes were brought to be ironed and folded.
  • La situazione non fu ben vista dal pubblico. The situation was not well viewed by the public.

Alcune regole

Come puoi vedere da tutti gli esempi usati in ciascuna delle categorie precedenti, quando si usa essere come ausiliare, il participio passato concorda sempre in genere e numero con il soggetto del verbo. Può quindi terminare in -o, -a, -i o -e.

E, naturalmente, non incontrerai mai pronomi oggetto diretti in queste costruzioni; solo pronomi oggetto indiretti.