Il Civil Rights Act del 1866: storia e impatto

Il Civil Rights Act del 1866 è stata la prima legge emanata dal Congresso degli Stati Uniti che definisce chiaramente la cittadinanza statunitense e afferma che tutti i cittadini sono ugualmente protetti dalla legge. La legge ha rappresentato il primo passo, anche se incompleto, verso l’uguaglianza civile e sociale per i neri americani durante il periodo della ricostruzione che seguì la guerra civile.

Dove ha avuto successo il Civil Rights Act del 1866

Il Civil Rights Act del 1866 ha contribuito all’integrazione dei neri americani nella società americana tradizionale:

  1. Stabilire che “tutte le persone nate negli Stati Uniti” sono cittadini degli Stati Uniti;
  2. Definire in modo specifico i diritti della cittadinanza americana; e
  3. Rendere illegale negare a qualsiasi persona i diritti di cittadinanza in base alla razza o al colore.

In particolare, la legge del 1866 affermava che “tutte le persone nate negli Stati Uniti” (ad eccezione dei gruppi indigeni) erano “dichiarate cittadine degli Stati Uniti” e che “tali cittadini di ogni razza e colore … lo stesso diritto … di cui godono i cittadini bianchi “. Solo due anni dopo, nel 1868, questi diritti furono ulteriormente protetti dal Quattordicesimo Emendamento alla Costituzione, che si rivolgeva alla cittadinanza e garantiva a tutti i cittadini pari protezione ai sensi della legge.

La legge del 1866 ha annullato la sentenza della Corte Suprema del 1857 nel caso Dred Scott v. Sanford, secondo la quale a causa dei loro antenati stranieri, gli afroamericani nativi e liberi non erano cittadini statunitensi e quindi non avevano il diritto di citare in giudizio nei tribunali americani. La legge ha anche cercato di ignorare i famigerati codici neri emanati negli stati del sud, che limitavano la libertà degli afroamericani e consentivano pratiche discriminatorie razziali come il leasing per detenuti.

Dopo essere stato approvato dal Congresso nel 1865 ma posto il veto dal presidente Andrew Johnson, il Congresso approvò nuovamente il disegno di legge. Questa volta, è stato riformulato come misura a sostegno del Tredicesimo Emendamento, che aveva vietato la schiavitù in tutti gli Stati Uniti. Sebbene Johnson abbia nuovamente posto il veto, la maggioranza dei due terzi richiesta sia alla Camera che al Senato votò per annullare il veto e il Civil Rights Act del 1866 divenne legge il 9 aprile 1866.

Nel suo messaggio di veto al Congresso, Johnson ha dichiarato di opporsi all’ambito di applicazione del governo federale implicito nella legislazione. Da sempre forte sostenitore dei diritti degli stati, Johnson ha definito l’atto “un altro passo, o meglio un passo, verso la centralizzazione e la concentrazione di tutto il potere legislativo nel governo nazionale”.

Dove il Civil Rights Act del 1866 cadde corto

Sebbene certamente un passo avanti lungo la lunga strada dalla schiavitù alla piena uguaglianza, il Civil Rights Act del 1866 lasciava molto a desiderare.

La legge garantiva a tutti i cittadini, indipendentemente dalla razza o colore, la protezione dei loro diritti civili, come il diritto di intentare una causa, stipulare e far rispettare i contratti e di acquistare, vendere ed ereditare proprietà reali e personali. Tuttavia, non proteggeva i loro diritti politici come il voto e il possesso di cariche pubbliche, né i loro diritti sociali che avrebbero garantito la parità di accesso agli alloggi pubblici.

Questa lampante omissione da parte del Congresso era effettivamente intenzionale all’epoca. Quando ha presentato il disegno di legge alla Camera, il rappresentante James F. Wilson dell’Iowa ha riassunto il suo scopo come segue:

“Prevede l’uguaglianza dei cittadini degli Stati Uniti nel godimento dei” diritti civili e delle immunità “. Cosa significano questi termini? Significano che in tutte le cose civili, sociali, politiche, tutti i cittadini, senza distinzione di razza o colore, devono essere uguali? In nessun modo possono essere interpretati in questo modo. Significano che tutti i cittadini voteranno nei vari Stati? No, poiché il suffragio è un diritto politico che è stato lasciato sotto il controllo dei diversi Stati, soggetto a l’azione del Congresso solo quando diventa necessario far valere la garanzia di una forma di governo repubblicana. Né significa che tutti i cittadini siedano nelle giurie, o che i loro figli debbano frequentare le stesse scuole. La definizione data al termine “. diritti civili “… è molto conciso ed è sostenuto dalla migliore autorità. È questo:” I diritti civili sono quelli che non hanno alcuna relazione con l’istituzione, il sostegno o la gestione del governo “.

Nella speranza di evitare il veto promesso dal presidente Johnson, il Congresso ha cancellato la seguente disposizione chiave dalla legge: “Non ci sarà discriminazione nei diritti civili o immunità tra gli abitanti di qualsiasi Stato o territorio degli Stati Uniti a causa di razza, colore o precedenti condizione di servitù. ”

1875 Porta un passo avanti, molti passi indietro

Il Congresso avrebbe successivamente tentato di correggere le carenze della legge del 1866 con la legge sui diritti civili del 1875. A volte denominata “legge sull’applicazione”, la legge del 1875 garantiva a tutti i cittadini, compresi i neri, la parità di accesso agli alloggi pubblici e ai trasporti vietare la loro esclusione dal servizio di giuria.

Otto anni dopo, tuttavia, la Corte Suprema ha stabilito nelle cause sui diritti civili del 1883 che le sezioni sugli alloggi pubblici del Civil Rights Act del 1875 erano incostituzionali, dichiarando che il Tredicesimo e il Quattordicesimo emendamento non conferivano al Congresso il potere di regolare gli affari dei privati. individui e imprese.

Di conseguenza, i neri, sebbene cittadini statunitensi legalmente “liberi”, hanno continuato a subire discriminazioni incontrollate in quasi tutti i settori della società, dell’economia e della politica. Nel 1896, la Corte Suprema approvò la sua decisione Plessy v. Ferguson, che dichiarava che gli adattamenti razzialmente separati erano legali fintanto che erano di pari qualità e che gli stati avevano il potere di emanare leggi che richiedevano la segregazione razziale in quegli alloggi.

A causa della portata della sentenza Plessy, i rami legislativo ed esecutivo hanno evitato la questione dei diritti civili per quasi un secolo, lasciando i neri a subire le ingiustizie delle leggi di Jim Crow e delle scuole pubbliche “separate ma uguali”.

L’eredità del Civil Rights Act del 1866: finalmente uguale

Sempre nel 1866 furono fondati gruppi terroristici razzisti come il Ku Klux Klan (KKK) che presto si diffusero in quasi tutti gli stati del sud. Ciò ha in gran parte impedito che il Civil Rights Act del 1866 venisse applicato più immediatamente per garantire i diritti civili dei neri. Sebbene la legge abbia reso illegale la discriminazione nell’occupazione e nell’abitazione sulla base della razza, non ha previsto sanzioni federali in caso di violazione, lasciando che le singole vittime chiedano assistenza legale.

Poiché molte vittime di discriminazione razziale non hanno potuto accedere all’assistenza legale, sono state lasciate senza ricorso. Tuttavia, dagli anni ‘1950, l’emanazione di una legislazione più completa sui diritti civili ha consentito un numero crescente di rimedi legali derivanti dalle sentenze della Corte Suprema basate sull’originale Civil Rights Act del 1866, comprese le decisioni storiche in Jones v. Mayer Co. e Decisioni di Sullivan contro Little Hunting Park, Inc. alla fine degli anni ‘1960.

I movimenti per i diritti civili che si sono diffusi in tutta la nazione durante gli anni ‘1950 e ‘1960 hanno riacceso lo spirito dei Civil Rights Acts del 1866 e del 1875. Promossi come elementi chiave del programma “Great Society” del presidente Lyndon Johnson, i Civil Rights Acts del 1964, il Il Fair Housing Act e il Voting Rights Act del 1965 incorporavano tutte le disposizioni delle leggi sui diritti civili del 1866 e del 1875.

Oggi, mentre i casi di discriminazione continuano a sorgere su argomenti come l’azione affermativa, i diritti di voto, i diritti riproduttivi e il matrimonio tra persone dello stesso sesso, la Corte Suprema trae comunemente un precedente legale dal Civil Rights Act del 1866.

fonti

  • “Congressional Globe, dibattiti e atti, 1833-1873” Library of Congress. in linea
  • Du Bois, WEB “Black Reconstruction in America: 1860-1880.” New York: Harcourt, Brace and Company, 1935.
  • Foner, Eric. “Ricostruzione: la rivoluzione incompiuta dell’America 1863-1877”. New York: Harper & Row, 1988.
  • Corte Suprema degli Stati Uniti. Reporter della Corte Suprema, Jones v. Mayer Co.vol. 392, Rapporti degli Stati Uniti, 1967. Library of Congress.
  • Corte Suprema degli Stati Uniti. Sullivan contro Little Hunting Park. Reporter della Corte Suprema, vol. 396, Rapporti degli Stati Uniti, 1969. Library of Congress.
  • Wilson, Theodore Brantner. “I codici neri del sud”. Università: University of Alabama Press, 1965.
  • Woodward, C. Vann. “La strana carriera di Jim Crow”. 3d rev. ed. New York: Oxford University Press, 1974.