Un elenco di ogni vincitore del premio Nobel per la letteratura

Quando l’inventore svedese Alfred Nobel morì nel 1896, fornì cinque premi nel suo testamento, incluso il Premio Nobel per la letteratura, un onore che va agli scrittori che hanno prodotto “l’opera più eccezionale in una direzione ideale”. Gli eredi del Nobel, tuttavia, hanno combattuto le disposizioni del testamento e ci sono voluti cinque anni per la consegna dei primi premi. Con questo elenco, scopri gli scrittori che hanno tenuto fede agli ideali di Nobel dal 1901 ad oggi. 

1901: Sully Prudhomme

Corbis tramite Getty Images / Getty Images

Lo scrittore francese René François Armand “Sully” Prudhomme (1837-1907) ha vinto il primo Premio Nobel per la letteratura nel 1901 “in particolare riconoscimento della sua composizione poetica, che dà prova di elevato idealismo, perfezione artistica e una rara combinazione delle qualità di entrambi cuore e intelletto “.

1902: Christian Matthias Theodor Mommsen

Lo scrittore tedesco-nordico Christian Matthias Theodor Mommsen (1817–1903) è stato definito “il più grande maestro vivente nell’arte della scrittura storica, con particolare riferimento alla sua opera monumentale, ‘A History of Rome'”.

1903: Bjørnstjerne Martinus Bjørnson

Lo scrittore norvegese Bjørnstjerne Martinus Bjørnson (1832-1910) ha ricevuto il Premio Nobel “come tributo alla sua nobile, magnifica e versatile poesia, che si è sempre distinta per la freschezza della sua ispirazione e la rara purezza del suo spirito”.

1904: Frédéric Mistral e José Echegaray y Eizaguirre

Oltre alle sue numerose brevi poesie, lo scrittore francese Frédéric Mistral (1830-1914) scrisse quattro versi romanzi, memorie e pubblicò anche un dizionario provenzale. Ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1904: “in riconoscimento della fresca originalità e della vera ispirazione della sua produzione poetica, che riflette fedelmente lo scenario naturale e lo spirito nativo del suo popolo, e, inoltre, il suo significativo lavoro di filologo provenzale. ”

Lo scrittore spagnolo José Echegaray y Eizaguirre (1832-1916) ricevette nel 1904 il Premio Nobel per la letteratura “in riconoscimento delle numerose e brillanti composizioni che, in modo individuale e originale, hanno fatto rivivere le grandi tradizioni del dramma spagnolo”.

1905: Henryk Sienkiewicz

Lo scrittore polacco Henryk Sienkiewicz (1846-1916) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1905 grazie ai “suoi eccezionali meriti come scrittore epico”. Il suo lavoro più noto e tradotto più ampiamente è il romanzo del 1896, “Quo Vadis?” (Latino per “Dove stai andando?” O “Dove stai marciando?”), Uno studio sulla società romana al tempo dell’imperatore Nerone.

1906: Giosuè Carducci

Lo scrittore italiano Giosuè Carducci (1835-1907) fu uno studioso, editore, oratore, critico e patriota che prestò servizio come professore di letteratura all’Università di Bologna dal 1860 al 1904. Fu insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1906 “non solo in considerazione della sua profonda cultura e ricerca critica, ma soprattutto come tributo all’energia creativa, alla freschezza dello stile e alla forza lirica che caratterizzano i suoi capolavori poetici “.

1907: Rudyard Kipling

Lo scrittore britannico Rudyard Kipling (1865-1936) scrisse romanzi, poesie e racconti, per lo più ambientati in India e Birmania (Myanmar). È ricordato soprattutto per la sua classica raccolta di racconti per bambini, “Il libro della giungla” (1894) e la poesia “Gunga Din” (1890), entrambi adattati in seguito per i film di Hollywood. Kipling è stato nominato Premio Nobel per la letteratura nel 1907 “in considerazione del potere di osservazione, dell’originalità dell’immaginazione, della virilità delle idee e del notevole talento narrativo che caratterizzano le creazioni di questo autore di fama mondiale”.

1908: Rudolf Christoph Eucken

Lo scrittore tedesco Rudolf Christoph Eucken (1846-1926) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1908 “in riconoscimento della sua sincera ricerca della verità, del suo penetrante potere di pensiero, della sua ampia gamma di visioni e del calore e della forza nella presentazione con cui nel suo numerose opere ha rivendicato e sviluppato una filosofia di vita idealistica. ”

1909: Selma Ottilia Lovisa Lagerlöf

La scrittrice svedese Selma Ottilia Lovisa Lagerlöf (1858-1940) abbandonò il realismo letterario e scrisse in modo romantico e fantasioso, evocando vividamente la vita contadina e il paesaggio della Svezia settentrionale. Lagerlöf, la prima donna a ricevere l’onore, è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura nel 1909 “in apprezzamento per l’elevato idealismo, la vivida immaginazione e la percezione spirituale che caratterizzano i suoi scritti”.

1910: Paul Johann Ludwig Heyse

Lo scrittore tedesco Paul Johann Ludwig von Heyse (1830-1914) era un romanziere, poeta e drammaturgo. Nel 1910 ricevette il Premio Nobel per la letteratura “come tributo alla consumata abilità artistica, permeata di idealismo, che ha dimostrato durante la sua lunga e produttiva carriera come poeta lirico, drammaturgo, romanziere e scrittore di racconti di fama mondiale”.

1911: Maurice Maeterlinck

Corbis tramite Getty Images / Getty Images

Lo scrittore belga Count Maurice (Mooris) Polidore Marie Bernhard Maeterlinck (1862-1949) sviluppò le sue idee fortemente mistiche in una serie di opere in prosa, tra cui: “Le Trésor des humbles” del 1896 (“Il tesoro degli umili”), del 1898 ” La Sagesse et la destinée “(” Saggezza e destino “) e” Le Temple enseveli “(” Il tempio sepolto “) del 1902. Nel 1911 ricevette il Premio Nobel per la letteratura “in apprezzamento per la sua poliedrica attività letteraria, e soprattutto per le sue opere drammatiche, che si distinguono per la ricchezza dell’immaginazione e per una fantasia poetica, che rivela, a volte sotto le spoglie di una fata racconto, un’ispirazione profonda, mentre in modo misterioso fanno appello ai sentimenti dei lettori e stimolano la loro immaginazione “.

1912: Gerhart Johann Robert Hauptmann

Lo scrittore tedesco Gerhart Johann Robert Hauptmann (1862-1946) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1912 “principalmente in riconoscimento della sua produzione fruttuosa, varia ed eccezionale nel regno dell’arte drammatica”.

1913: Rabindranath Tagore

Lo scrittore indiano Rabindranath Tagore (1861-1941) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1913 grazie “ai suoi versi profondamente sensibili, freschi e belli, con i quali, con consumata abilità, ha realizzato il suo pensiero poetico, espresso nelle sue stesse parole inglesi, una parte della letteratura dell’Occidente “.

Nel 1915, Tagore fu nominato cavaliere dal re Giorgio V d’Inghilterra. Tagore rinunciò al suo titolo di cavaliere nel 1919, tuttavia, in seguito al massacro di Amritsar di quasi 400 manifestanti indiani.

(Nel 1914 non fu assegnato alcun premio. Il premio in denaro fu assegnato al fondo speciale di questa sezione del premio)

1915: Romain Rolland

L’opera più famosa dello scrittore francese Romain Rollan (1866-1944) è “Jean Christophe”, un romanzo in parte autobiografico che gli è valso il Premio Nobel per la letteratura nel 1915. Ha anche ricevuto il premio “come tributo al nobile idealismo della sua produzione letteraria e alla simpatia e all’amore per la verità con cui ha descritto diversi tipi di esseri umani”.

1916: Carl Gustaf Verner von Heidenstam

Lo scrittore svedese Carl Gustaf Verner von Heidenstam (1859-1940) ricevette nel 1916 il Premio Nobel per la letteratura “in riconoscimento della sua importanza come principale rappresentante di una nuova era nella nostra letteratura”.

1917: Karl Adolph Gjellerup e Henrik Pontoppidan

Lo scrittore danese Karl Gjellerup (1857-1919) ricevette nel 1917 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua poesia ricca e varia, ispirata a nobili ideali”.

Lo scrittore danese Henrik Pontoppidan (1857-1943) ricevette nel 1917 il Premio Nobel per la letteratura “per le sue autentiche descrizioni della vita odierna in Danimarca”.

(Nel 1918 non fu assegnato alcun premio. Il premio in denaro fu assegnato al fondo speciale di questa sezione del premio)

1919: Carl Friedrich Georg Spitteler

Lo scrittore svizzero Carl Friedrich Georg Spitteler (1845-1924) ricevette nel 1919 il Premio Nobel per la letteratura “in particolare apprezzamento per la sua epica” Primavera olimpica “”.

1920: Knut Pedersen Hamsun

Lo scrittore norvegese Knut Pedersen Hamsun (1859-1952), un pioniere del genere della letteratura psicologica, ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1920 “per la sua monumentale opera, ‘Growth of the Soil'”.

1921: Anatole France

Merlyn Severn / Getty Images

Lo scrittore francese Anatole France (uno pseudonimo di Jacques Anatole Francois Thibault, 1844-1924) è spesso considerato il più grande scrittore francese della fine del XIX e dell’inizio del XX secolo. Insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 19 “in riconoscimento dei suoi brillanti risultati letterari, caratterizzati com’erano da una nobiltà di stile, una profonda simpatia umana, grazia e un vero temperamento gallico”.

1922: Jacinto Benavente

Lo scrittore spagnolo Jacinto Benavente (1866–1954) ricevette nel 1922 il Premio Nobel per la letteratura “per il modo felice in cui ha continuato le illustri tradizioni del dramma spagnolo”.

1923: William Butler Yeats

Il poeta, spiritualista e drammaturgo irlandese William Butler Yeats (1865-1939) ricevette nel 1923 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua poesia sempre ispirata che, in una forma altamente artistica, esprime lo spirito di un’intera nazione”.

1924: Wladyslaw Stanislaw Reymont

Lo scrittore polacco Wladyslaw Reymont (1868-1925) ricevette nel 1924 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua grande epopea nazionale, ‘The Peasants'”.

1925: George Bernard Shaw

Lo scrittore irlandese George Bernard Shaw (1856-1950) è considerato il drammaturgo britannico più significativo dai tempi di Shakespeare. Era un drammaturgo, saggista, attivista politico, conferenziere, romanziere, filosofo, evoluzionista rivoluzionario e forse lo scrittore di lettere più prolifico della storia letteraria. Shaw ha ricevuto il Premio Nobel 1925 “per il suo lavoro che è caratterizzato da idealismo e umanità, la sua satira stimolante è spesso infusa di una singolare bellezza poetica”.

1926: Grazia Deledda

La scrittrice italiana Grazia Deledda (uno pseudonimo di Grazia Madesani nata Deledda, 1871-1936) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1926 “per i suoi scritti idealisticamente ispirati che con una chiarezza plastica dipingono la vita sulla sua isola natale e con profondità e simpatia affrontano i problemi umani generalmente.”

1927: Henri Bergson

Lo scrittore francese Henri Bergson (1859-1941) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1927 “in riconoscimento delle sue idee ricche e vitalizzanti e della brillante abilità con cui sono state presentate”.

1928: Sigrid Undset (1882-1949)

La scrittrice norvegese Sigrid Undset (1882-1949) ricevette nel 1928 il Premio Nobel per la letteratura “per le sue potenti descrizioni della vita del Nord durante il Medioevo”.

1929: Thomas Mann

Lo scrittore tedesco Thomas Mann (1875–1955) vinse il premio Nobel per la letteratura nel 1929 “principalmente per il suo grande romanzo, ‘Buddenbrooks’ (1901), che ha ottenuto un riconoscimento sempre maggiore come una delle opere classiche della letteratura contemporanea”. 

1930: Sinclair Lewis

Harry Sinclair Lewis (1885–1951), il primo americano a vincere il Premio Nobel per la letteratura, ha vinto gli onori nel 1930 “per la sua arte descrittiva vigorosa e grafica e la sua capacità di creare, con arguzia e umorismo, nuovi tipi di personaggi. ” È ricordato soprattutto per i suoi romanzi: “Main Street” (1920), “Babbitt” (1922), “Arrowsmith” (1925), “Mantrap” (1926), “Elmer Gantry” (1927), “The Man Who Knew Coolidge “(1928) e” Dodsworth “(1929).

1931: Erik Axel Karlfeldt

Corbis tramite Getty Images / Getty Images

Il poeta svedese Erik Karlfeldt (1864-1931) è stato insignito postumo del Premio Nobel per la sua opera poetica.

1932: John Galsworthy

Lo scrittore britannico John Galsworthy (1867-1933) ricevette nel 1932 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua illustre arte della narrazione che assume la sua forma più alta in” The Forsyte Saga “.

1933: Ivan Alekseyevich Bunin

Lo scrittore russo Ivan Bunin (1870-1953) ricevette nel 1933 il Premio Nobel per la letteratura “per la rigorosa abilità artistica con cui ha portato avanti le tradizioni classiche russe nella scrittura in prosa”.

1934: Luigi Pirandello

Il poeta, scrittore di racconti, romanziere e drammaturgo italiano Luigi Pirandello (1867-1936) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1934 in onore del “suo potere quasi magico di trasformare l’analisi psicologica in un buon teatro”. Le tragiche farse per le quali era famosa sono ritenute da molti precursori del “Teatro dell’Assurdo”.

(Nel 1935 non fu assegnato alcun premio. Il premio in denaro fu assegnato al fondo speciale di questa sezione del premio)

1936: Eugene O’Neill

Lo scrittore americano Eugene (Gladstone) O’Neill (1888-1953) vinse il Premio Nobel per la letteratura nel 1936 “per il potere, l’onestà e le profonde emozioni delle sue opere drammatiche, che incarnano un concetto originale di tragedia”. Ha anche vinto il Premio Pulitzer per quattro delle sue commedie: “Beyond the Horizon” (1920), “Anna Christie” (1922), “Strange Interlude” (1928) e “Long Day’s Journey Into Night” (1957).

1937: Roger Martin du Gard

Lo scrittore francese Roger du Gard (1881-1958) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1937 “per il potere artistico e la verità con cui ha rappresentato il conflitto umano, nonché alcuni aspetti fondamentali della vita contemporanea nel suo ciclo di romanzi” Les Thibault “. ”

1938: Pearl S. Buck

La prolifica scrittrice americana Pearl S. Buck (uno pseudonimo di Pearl Walsh, nata Sydenstricker, nota anche come Sai Zhenzhu, 1892–1973), ricordata soprattutto per il suo romanzo del 1931 “The Good Earth”, il primo capitolo della sua “House of Earth” “trilogia, ha ricevuto nel 1938 il Premio Nobel per la letteratura” per le sue descrizioni ricche e veramente epiche della vita contadina in Cina e per i suoi capolavori biografici “.

1939: Frans Eemil Sillanpää

Lo scrittore finlandese Frans Sillanpää (1888-1964) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1939 “per la sua profonda comprensione dei contadini del suo paese e la squisita arte con cui ha ritratto il loro modo di vivere e il loro rapporto con la natura”.

(Dal 1940 al 1943 non sono stati assegnati premi. Il premio in denaro è stato assegnato al fondo speciale di questa sezione di premi)

1944: Johannes Vilhelm Jensen

Archivio Bettmann / Getty Images

Lo scrittore danese Johannes Jensen (1873-1950) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1944 “per la rara forza e fertilità della sua immaginazione poetica con la quale si combina una curiosità intellettuale di ampia portata e uno stile audace e fresco di creatività”.

1945: Gabriela Mistral

La scrittrice cilena Gabriela Mistral (uno pseudonimo di Lucila Godoy Y Alcayaga, 1830-1914) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura 1945 “per la sua poesia lirica che, ispirata da forti emozioni, ha reso il suo nome un simbolo delle aspirazioni idealistiche dell’intero latino Mondo americano “.

1946: Hermann Hesse

Nato in Germania, il poeta, romanziere e pittore svizzero emigrato Hermann Hesse (1877-1962) portò a casa il Premio Nobel per la letteratura del 1946 “per i suoi scritti ispirati che, pur crescendo in audacia e penetrazione, esemplificano gli ideali umanitari classici e le alte qualità di stile.” I suoi romanzi “Demian” (1919), “Steppenwolf” (1922), “Siddhartha” (1927) e (Narcissus and Goldmund “(1930, pubblicato anche come” Death and the Lover “) sono studi classici nella ricerca della verità , autocoscienza e spiritualità. 

1947: André Gide

Lo scrittore francese André Paul Guillaume Gide (1869–1951) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1947 “per i suoi scritti completi e artisticamente significativi, in cui i problemi e le condizioni umane sono stati presentati con un intrepido amore per la verità e un’acuta intuizione psicologica”.

1948: TS Eliot

Il famoso poeta e drammaturgo britannico / americano Thomas Stearns Eliot (1888-1965), membro della “generazione perduta”, ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1948 “per il suo eccezionale contributo pionieristico alla poesia odierna”. La sua poesia del 1915, “The Love Song of J. Alfred Prufrock”, è considerata un capolavoro del movimento modernista.

1949: William Faulkner

William Faulkner (1897-1962), considerato uno degli scrittori americani più influenti del XX secolo, ricevette il Nobel per la letteratura nel 20 “per il suo contributo potente e artisticamente unico al romanzo americano moderno”. Alcuni dei suoi lavori più amati includono “The Sound and the Fury” (1949), “As I Lay Dying” (1929) e “Absalom, Absalom” (1930).

1950: Bertrand Russell

Lo scrittore britannico Bertrand Arthur William Russell (1872-1970) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1950 “in riconoscimento dei suoi scritti vari e significativi in ​​cui difende gli ideali umanitari e la libertà di pensiero”.

1951: Pär Fabian Lagerkvist

Archivio Bettmann / Getty Images

Lo scrittore svedese Pär Fabian Lagerkvist (1891-1974) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1951 “per il vigore artistico e la vera indipendenza di mente con cui si sforza nella sua poesia di trovare risposte alle eterne domande che l’umanità deve affrontare”.

1952: François Mauriac

Lo scrittore francese François Mauriac (1885-1970) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1952 “per la profonda intuizione spirituale e l’intensità artistica con cui nei suoi romanzi ha penetrato il dramma della vita umana”.

1953: Sir Winston Churchill

Il leggendario oratore, prolifico autore, artista di talento e statista che ha servito due volte come primo ministro britannico, Sir Winston Leonard Spencer Churchill (1874-1965), ha ricevuto il 1953 Nobel per la letteratura “per la sua padronanza della descrizione storica e biografica, nonché per la brillante oratorio nella difesa dei valori umani esaltati “.

1954: Ernest Hemingway

Un altro dei romanzieri americani più influenti del XX secolo, Ernest Miller Hemingway (20-1899) era noto per la sua brevità di stile. Ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1961 “per la sua maestria nell’arte della narrazione, più recentemente dimostrata in” Il vecchio e il mare “, e per l’influenza che ha esercitato sullo stile contemporaneo”.

1955: Halldór Kiljan Laxness

Lo scrittore islandese Halldór Kiljan Laxness (1902-1998) ricevette il Nobel per la letteratura nel 1955 “per il suo vivido potere epico che ha rinnovato la grande arte narrativa islandese”.

1956: Juan Ramón Jiménez Mantecón

Lo scrittore spagnolo Juan Ramón Jiménez Mantecón (1881–1958) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1956 “per la sua poesia lirica, che in lingua spagnola costituisce un esempio di alto spirito e purezza artistica”.

1957: Albert Camus

Lo scrittore francese di origine algerina Albert Camus (1913-1960) è stato un famoso esistenzialista autore di “The Stranger” (1942) e “The Plague” (1947). Ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura “per la sua importante produzione letteraria, che con lucida serietà illumina i problemi della coscienza umana dei nostri tempi”.

1958: Boris Pasternak

Il poeta e romanziere russo Boris Leonidovich Pasternak (1890-1960) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1958 “per il suo importante risultato sia nella poesia lirica contemporanea che nel campo della grande tradizione epica russa”. Le autorità russe lo hanno portato a rifiutare il premio dopo averlo accettato. È ricordato soprattutto per il suo epico romanzo del 1957 di amore e rivoluzione, “Il dottor Zivago”.

1959: Salvatore Quasimodo

Lo scrittore italiano Salvatore Quasimodo (1901-1968) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura “per la sua poesia lirica, che con il fuoco classico esprime la tragica esperienza della vita ai nostri tempi”.

1960: Saint-John Perse

Lo scrittore francese Saint-John Perse (uno pseudonimo di Alexis Léger, 1887-1975) ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 1960 “per il volo impetuoso e l’immaginario evocativo della sua poesia che in modo visionario riflette le condizioni del nostro tempo”.

1961: Ivo Andric

Keystone / Getty Images

Lo scrittore jugoslavo Ivo Andric (1892-1975) ricevette il Premio Nobel per la letteratura nel 1961 “per la forza epica con cui ha tracciato temi e raffigurato destini umani tratti dalla storia del suo paese”.

1962: John Steinbeck

Il lavoro duraturo dell’autore tipicamente americano John Steinbeck (1902-1968) include romanzi classici di difficoltà e disperazione come “Uomini e topi” (1937) e “L’uva dell’ira” (1939), oltre a piatti più leggeri tra cui ” Cannery Row “(1945) e” Travels With Charley: In Search of America “(1962). Nel 1962 ricevette il Premio Nobel per la letteratura “per i suoi scritti realistici e fantasiosi, che combinano come fanno umorismo simpatico e acuta percezione sociale”.

1963: Giorgos Seferis

Lo scrittore greco Giorgos Seferis (uno pseudonimo di Giorgos Seferiadis, 1900-1971) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1963 “per la sua eminente scrittura lirica, ispirata da un profondo sentimento per il mondo ellenico della cultura”.

1964: Jean-Paul Sartre

Il filosofo, drammaturgo, romanziere e giornalista politico francese Jean-Paul Sartre (1905-1980), forse più famoso per il suo dramma esistenziale del 1944, “No Exit”, ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1964 “per il suo lavoro che, ricco di idee e pieno di spirito di libertà e di ricerca della verità, ha esercitato un’influenza di vasta portata sulla nostra epoca “.

1965: Michail Aleksandrovich Sholokhov

Lo scrittore russo Michail Aleksandrovich Sholokhov (1905-1984) ha ricevuto nel 1965 il Premio Nobel per la letteratura “per il potere artistico e l’integrità con cui, nella sua epica [” And Quiet Flows the Don “] ha dato espressione a una fase storica della vita del popolo russo “.

1966: Shmuel Yosef Agnon e Nelly Sachs

Lo scrittore israeliano Shmuel Yosef Agnon (1888-1970) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1966 “per la sua arte narrativa profondamente caratteristica con motivi della vita del popolo ebraico”.

La scrittrice svedese Nelly Sachs (1891-1970) ha ricevuto nel 1966 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua straordinaria scrittura lirica e drammatica, che interpreta il destino di Israele con toccante forza”.

1967: Miguel Angel Asturias

Lo scrittore guatemalteco Miguel Asturias (1899-1974) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1967 “per i suoi brillanti risultati letterari, profondamente radicati nei tratti nazionali e nelle tradizioni dei popoli indiani dell’America Latina”.

1968: Yasunari Kawabata

Il romanziere e scrittore di racconti Yasunari Kawabata (1899–1972) è stato il primo scrittore giapponese a ricevere il Premio Nobel per la letteratura. Ha vinto l’onore del 1968 “per la sua maestria narrativa, che con grande sensibilità esprime l’essenza della mente giapponese”.

1969: Samuel Beckett

Durante la sua carriera, lo scrittore irlandese Samuel Beckett (1906-1989) ha prodotto lavori come romanziere, drammaturgo, scrittore di racconti, regista teatrale, poeta e traduttore letterario. La sua commedia del 1953, “Waiting for Godot”, è considerata da molti il ​​più puro esempio di assurdo / esistenzialismo mai scritto. Beckett ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1969 “per la sua scrittura, che – in nuove forme per il romanzo e il dramma – nella miseria dell’uomo moderno acquista la sua elevazione”.

1970: Aleksandr Solzhenitsyn

Il romanziere, storico e scrittore di racconti russo Aleksandr Isaevich Solzhenitsyn (1918-2008) ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1970 “per la forza etica con cui ha perseguito le tradizioni indispensabili della letteratura russa”. Sebbene fosse in grado di pubblicare solo un’opera nel suo paese natale, “Un giorno nella vita di Ivan Denisovich” del 1962, Solzhenitsyn portò la consapevolezza globale nei campi di lavoro gulag russi. I suoi altri romanzi, “Cancer Ward” (1968), “August 1914” (1971) e “The Gulag Archipelago” (1973) furono pubblicati al di fuori dell’URSS

1971: Pablo Neruda

Sam Falk / Getty Images

Il prolifico scrittore cileno Pablo Neruda (uno pseudonimo di Neftali Ricardo Reyes Basoalto, 1904–1973) scrisse e pubblicò più di 35,000 pagine di poesia, inclusa forse l’opera che lo avrebbe reso famoso, “Veinte poemas de amor y una cancion desesperada” (” Venti poesie d’amore e una canzone di disperazione “). Ha ricevuto nel 1971 il Premio Nobel per la letteratura “per una poesia che con l’azione di una forza elementare fa rivivere il destino e i sogni di un continente”.

1972: Heinrich Böll

Lo scrittore tedesco Heinrich Böll (1917-1985) ha ricevuto nel 1972 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua scrittura che, grazie alla combinazione di un’ampia prospettiva sul suo tempo e di una sensibile abilità nella caratterizzazione, ha contribuito a un rinnovamento della letteratura tedesca”.

1973: Patrick White

Le opere pubblicate dallo scrittore australiano nato a Londra Patrick White (1912–1990) includono una dozzina di romanzi, tre raccolte di racconti e otto opere teatrali. Ha anche scritto una sceneggiatura e un libro di poesie. Ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1973 “per un’arte narrativa epica e psicologica che ha introdotto un nuovo continente nella letteratura”.

1974: Eyvind Johnson e Harry Martinson

Lo scrittore svedese Eyvind Johnson (1900-1976) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1974 “per un’arte narrativa, lungimirante nei paesi e nelle epoche, al servizio della libertà”.

Lo scrittore svedese Harry Martinson (1904-1978) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1974 “per gli scritti che catturano la goccia di rugiada e riflettono il cosmo”.

1975: Eugenio Montale

Lo scrittore italiano Eugenio Montale (1896-1981) ha ricevuto nel 1975 il Premio Nobel per la letteratura “per la sua peculiare poesia che, con grande sensibilità artistica, ha interpretato i valori umani sotto il segno di una visione della vita senza illusioni”.

1976: Saul Bellow

Lo scrittore americano Saul Bellow (1915-2005) è nato in Canada da genitori ebrei russi. La famiglia si è trasferita a Chicago quando aveva 9 anni. Dopo aver completato i suoi studi presso l’Università di Chicago e la Northwestern University, ha avviato la carriera di scrittore e insegnante. Fluente in yiddish, le opere di Bellow esplorano le ironie spesso scomode della vita da ebreo in America. Bellow ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1976 “per la comprensione umana e la sottile analisi della cultura contemporanea combinate nel suo lavoro”. Alcuni dei suoi lavori più noti includono i vincitori del National Book Award “Herzog” (1964) e “Mr. Sammler’s Planet” (1970), il vincitore del Premio Pulitzer “Humboldt’s Gift” (1975) e i suoi romanzi successivi, “The Dean’s December “(1982),” More Die of Heartbreak “(1987),” A Theft “(1989),” The Bellarosa Connection “(1989) e” The Actual “(1997).

1977: Vicente Aleixandre

Lo scrittore spagnolo Vicente Aleixandre (1898-1984) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1977 “per una scrittura poetica creativa che illumina la condizione dell’uomo nel cosmo e nella società odierna, rappresentando allo stesso tempo il grande rinnovamento delle tradizioni della poesia spagnola tra le due guerre “.

1978: Isaac Bashevis Singer

Nato Yitskhok Bashevis Zinger, memorialista polacco-americano, romanziere, scrittore di racconti e autore di amati racconti per bambini, i lavori di Isaac Bashevis Singer (1904-1991) spaziano dalla commedia ironica toccante a commenti sociali profondamente sfumati. Ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1978 “per la sua appassionata arte narrativa che, con le sue radici in una tradizione culturale ebraico-polacca, dà vita a condizioni umane universali”. 

1979: Odysseus Elytis

Lo scrittore greco Odysseus Elytis (uno pseudonimo per Odysseus Alepoudhelis, 1911-1996) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1979 “per la sua poesia, che, sullo sfondo della tradizione greca, descrive con forza sensuale e lucidità intellettuale la lotta dell’uomo moderno per la libertà e creatività. ”

1980: Czesław Miłosz

Il polacco-americano Czesław Miłosz (1911-2004), a volte citato come uno dei poeti più influenti del XX secolo, ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 20 per aver espresso “la condizione dell’uomo in un mondo di gravi conflitti”.

1981: Elias Canetti

Ulf Andersen / Getty Images

Lo scrittore bulgaro-britannico Elias Canetti (1908-1994) è stato un romanziere, memorialista, drammaturgo e autore di saggistica che ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1981 “per scritti caratterizzati da una visione ampia, una ricchezza di idee e potere artistico”.

1982: Gabriel García Márquez

Lo scrittore colombiano Gabriel García Márquez (1928-2014), una delle stelle più brillanti del movimento del realismo magico, ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1982 “per i suoi romanzi e racconti, in cui il fantastico e il realistico sono combinati in un mondo di immaginazione, che riflette la vita e i conflitti di un continente “. È meglio conosciuto per i suoi romanzi intricati e intricati, “Cent’anni di solitudine” (1967) e “L’amore ai tempi del colera” (1985).

1983: William Golding

Mentre l’opera più nota dello scrittore britannico William Golding (1911-1993), il racconto di formazione profondamente inquietante “Lord of the Flies”, è considerato un classico, a causa della natura inquietante del suo contenuto, tuttavia, è stato bandito stato del libro in numerose occasioni. Golding ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1983 “per i suoi romanzi che, con la perspicuità dell’arte narrativa realistica e la diversità e universalità del mito, illuminano la condizione umana nel mondo di oggi”.

1984: Jaroslav Seifert

Lo scrittore ceco Jaroslav Seifert (1901-1986) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1984 “per la sua poesia che, dotata di freschezza, sensualità e ricca inventiva, fornisce un’immagine liberatoria dello spirito indomito e della versatilità dell’uomo”.

1985: Claude Simon

Nato in Madagascar, il romanziere francese Claude Simon (1913-2005) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1985 per aver combinato “la creatività del poeta e del pittore con una profonda consapevolezza del tempo nella rappresentazione della condizione umana”. 

1986: Wole Soyinka

Il drammaturgo, poeta e saggista nigeriano Wole Soyinka (1934–) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1986 per aver modellato “il dramma dell’esistenza” dall’ampia prospettiva culturale e con sfumature poetiche “.

1987: Joseph Brodsky (1940–1996)

Poeta russo-americano Joseph Brodsky (nato Iosif Aleksandrovich Brodsky) ha ricevuto nel 1987 il Premio Nobel per la letteratura “per una paternità onnicomprensiva, intrisa di chiarezza di pensiero e intensità poetica”.

1988: Naguib Mahfouz

Lo scrittore egiziano Naguib Mahfouz (1911-2006) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1988 “che, attraverso opere ricche di sfumature – ora chiaramente realistiche, ora evocativamente ambigue – ha formato un’arte narrativa araba che si applica a tutta l’umanità”.

1989: Camilo José Cela

Lo scrittore spagnolo Camilo Cela (1916-2002) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1989 “per una prosa ricca e intensa, che con moderata compassione forma una visione stimolante della vulnerabilità dell’uomo”.

1990: Octavio Paz

Il poeta surrealista / esistenzialista messicano Octavio Paz (1914-1998) ha ricevuto nel 1990 il Premio Nobel per la letteratura “per la scrittura appassionata con ampi orizzonti, caratterizzata da intelligenza sensuale e integrità umanistica”.

1991: Nadine Gordimer

WireImage / Getty Images

L’autrice e attivista sudafricana Nadine Gordimer (1923-2014) è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura nel 1991 “grazie alla sua magnifica scrittura epica è stata, nelle parole di Alfred Nobel, di grandissimo beneficio per l’umanità”.

1992: Derek Walcott

Il poeta e drammaturgo magico realista Sir Derek Walcott (1930–2017) è nato sull’isola di Saint Lucian nelle Indie occidentali. Ha ricevuto nel 1992 il Premio Nobel per la letteratura “per un’opera poetica di grande luminosità, sostenuta da una visione storica, frutto di un impegno multiculturale”. 

1993: Toni Morrison

La scrittrice afroamericana Toni Morrison (nata Chloe Anthony Wofford Morrison, 1931-2019) è stata saggista, editrice, insegnante e professore emerito alla Princeton University. Il suo primo romanzo rivoluzionario, “The Bluest Eye” (1970), si concentrava sulla crescita come una ragazza nera nel panorama culturale fratturato della profonda divisione razziale americana. Morrison ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 1993 per “romanzi caratterizzati da forza visionaria e importanza poetica”, dando “vita a un aspetto essenziale della realtà americana”. I suoi altri romanzi memorabili includono “Sula” (1973), “Song of Solomon” (1977), “Beloved” (1987), “Jazz” (1992), “Paradise” (1992) “A Mercy” (2008) e “Home” (2012).

1994: Kenzaburo Oe

Lo scrittore giapponese Kenzaburo Oe (1935–) ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1994 perché “con forza poetica [egli] crea un mondo immaginario, dove la vita e il mito si condensano per formare un’immagine sconcertante della difficile situazione umana odierna”. Il suo romanzo del 1996, “Nip the Buds, Shoot the Kids” è considerato una lettura obbligata per i fan di “Il signore delle mosche”.

1995: Seamus Heaney

Il poeta / drammaturgo irlandese Seamus Heaney (1939–2013) ha ricevuto nel 1995 il Premio Nobel per la letteratura “per opere di bellezza lirica e profondità etica, che esaltano i miracoli quotidiani e il passato vivente”. È meglio conosciuto per il suo volume d’esordio di poesie “Death of a Naturalist” (1966).

1996: Wislawa Szymborska

Scrittrice polacca Maria Wisława Anna Szymborska (1923–2012) ha ricevuto nel 1996 il Premio Nobel per la letteratura “per la poesia che con ironica precisione fa emergere il contesto storico e biologico in frammenti di realtà umana”.

1997: Dario Fo

Citato come uno “che emula i giullari del Medioevo nel flagellare l’autorità e nel sostenere la dignità degli oppressi”, drammaturgo, comico, cantante, regista teatrale, scenografo, cantautore, pittore e attivista politico di sinistra italiano Dario Fo ( 1926–2016) è stato vincitore nel 1997 del Premio Nobel per la letteratura.

1998: José Saramago

Le opere dello scrittore portoghese José de Sousa Saramago (1922–2010) sono state tradotte in più di 25 lingue. Ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1998 per essere stato riconosciuto come qualcuno “che con parabole sostenute dall’immaginazione, dalla compassione e dall’ironia ci consente continuamente di cogliere ancora una volta una realtà illusoria”.

1999: Günter Grass

Lo scrittore tedesco Günter Grass (1927–2015), le cui “divertenti favole nere ritraggono il volto dimenticato della storia”, ha portato a casa il Premio Nobel per la letteratura nel 1999. Oltre ai romanzi, Grass era un poeta, drammaturgo, illustratore, artista grafico e scultore. Il suo romanzo più noto “The Tin Drum” (1959) è considerato uno degli esempi più importanti del movimento del realismo magico europeo moderno.

2000: Gao Xingjian

L’emigrato cinese Gao Xingjian (1940–) è un romanziere, drammaturgo, critico, traduttore, sceneggiatore, regista e pittore francese noto soprattutto per il suo stile assurdo. È stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 2000 “per un’opera di validità universale, intuizioni amare e ingegnosità linguistica, che ha aperto nuove strade al romanzo e al dramma cinese”.

2001-2010

2001: VS Naipaul

Lo scrittore trinidadiano-britannico Sir Vidiadhar Surajprasad Naipaul (1932–2018) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 2001 “per aver unito narrativa percettiva e controllo incorruttibile in opere che ci obbligano a vedere la presenza di storie soppresse”.

2002: Imre Kertész

La scrittrice ungherese Imre Kertész (1929–2016), sopravvissuta all’Olocausto, è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura nel 2002 “per la scrittura che sostiene la fragile esperienza dell’individuo contro la barbara arbitrarietà della storia”.

2003: JM Coetzee

Il romanziere sudafricano, saggista, critico letterario, linguista, traduttore e professore John Maxwell (1940–) “che in innumerevoli forme ritrae il sorprendente coinvolgimento dell’outsider”, è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 2003. 

2004: Elfriede Jelinek (1946–)

La famosa drammaturga, scrittrice e femminista austriaca Elfriede Jelinek ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 2004 grazie al “flusso musicale di voci e contro-voci nei romanzi e nelle opere teatrali che con straordinario zelo linguistico rivelano l’assurdità dei cliché della società e il loro potere soggiogante. ”

2005: Harold Pinter

Il famoso drammaturgo britannico Harold Pinter (1930-2008), “che nei suoi drammi scopre il precipizio sotto le chiacchiere quotidiane e costringe a entrare nelle stanze chiuse dell’oppressione”, è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 2005.

2006: Orhan Pamuk

Il romanziere turco, sceneggiatore e professore di letteratura comparata e scrittura alla Columbia University Orhan Pamuk (1952–), “che nella ricerca dell’anima malinconica della sua città natale ha scoperto nuovi simboli per lo scontro e l’intreccio delle culture”, è stato premiato con il Premio Nobel per la letteratura nel 2006. Le sue opere controverse sono state bandite nella sua nativa Turchia.

2007: Doris Lessing

La scrittrice britannica Doris Lessing (1919-2013) è nata in Persia (oggi Iran). È stata insignita del Premio Nobel per la letteratura 2007 per quello che l’Accademia svedese ha definito “scetticismo, fuoco e potere visionario”. È forse più famosa per il suo romanzo del 1962, “Il taccuino d’oro”, un’opera fondamentale della letteratura femminista.

2008: JMG Le Clézio

L’autore / professore francese Jean-Marie Gustave Le Clézio (1940–) ha scritto più di 40 libri. Nel 2008 è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura 2008 in riconoscimento del suo essere un “autore di nuove partenze, avventure poetiche ed estasi sensuali, esploratore di un’umanità al di là e al di sotto della civiltà regnante”.

2009: Herta Müller

La tedesca di origine rumena Herta Müller (1953–) è una scrittrice, poetessa e saggista. È stata insignita del Premio Nobel per la letteratura 2009 come scrittrice, “che, con la concentrazione della poesia e la franchezza della prosa, raffigura il paesaggio dei diseredati”. 

2010: Mario Vargas Llosa

Lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa (1936–) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura 2010 “per la sua cartografia delle strutture di potere e le sue immagini taglienti della resistenza, della rivolta e della sconfitta dell’individuo”. È noto per il suo romanzo “The Time of the Hero” (1966).

2011 e oltre

Ulf Andersen / Getty Images

2011: Tomas Tranströmer

Il poeta svedese Tomas Tranströmer (1931-2015) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura 2011 “perché, attraverso le sue immagini condensate e traslucide, ci dà un nuovo accesso alla realtà”.

2012: Mo Yan

Il romanziere e scrittore cinese Mo Yan (uno pseudonimo di Guan Moye, 1955–), “che con un realismo allucinatorio fonde racconti popolari, storia e contemporaneità”, è stato insignito del Premio Nobel per la Letteratura 2012. 

2013: Alice Munro

La scrittrice canadese Alice Munro (1931–) “maestra del racconto breve contemporaneo”, ai cui temi del tempo non lineare è stato attribuito il merito di aver rivoluzionato il genere, è stata insignita del Premio Nobel per la letteratura 2013. 

2014: Patrick Modiano

Lo scrittore francese Jean Patrick Modiano (1945–) è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura 2014 nel 2014 “per l’arte della memoria con cui ha evocato i destini umani più inafferrabili e scoperto il mondo della vita dell’occupazione”.

2015: Svetlana Alexievich

La scrittrice ucraino-bielorussa Svetlana Alexandrovna Alexievich (1948–) è una giornalista investigativa, saggista e storica orale. È stata insignita del Premio Nobel per la letteratura 2015 “per i suoi scritti polifonici, un monumento alla sofferenza e al coraggio nel nostro tempo”.

2016: Bob Dylan

Il performer, artista e icona della cultura pop americana Bob Dylan (1941–), che insieme a Woody Guthrie è considerato uno dei più influenti cantautori del XX secolo. Dylan (al secolo Robert Allen Zimmerman) ha ricevuto il Nobel per la letteratura 20 “per aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione musicale americana”. Ha raggiunto la fama per la prima volta con ballate classiche della controcultura tra cui “Blowin ‘in the Wind” (2016) e “The Times They Are a-Changin'” (1963), entrambi emblematici del radicato contro la guerra e pro-civile. convinzioni sui diritti che ha sostenuto.

2017: Kazuo Ishiguro (1954–)

Il romanziere, sceneggiatore e scrittore di racconti britannico Kazuo Ishiguro (1954–) è nato a Nagasaki, in Giappone. La sua famiglia si è trasferita nel Regno Unito quando aveva 5 anni. Ishiguro ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura 2017 perché, “in romanzi di grande forza emotiva, [lui] ha scoperto l’abisso sotto il nostro illusorio senso di connessione con il mondo”.

(Nel 2018, l’assegnazione del Premio di letteratura è stata posticipata a causa di indagini finanziarie e su aggressioni sessuali presso l’Accademia svedese, che è responsabile della determinazione del vincitore / i. Di conseguenza, è prevista l’assegnazione di due premi in coincidenza con il 2019 premio.)